Apri il menu principale

Henri (detto Henry) Lerolle (Parigi, 3 ottobre 1848Parigi, 22 aprile 1929) è stato un pittore francese formatosi nella "Académie de Charles Suisse" e nello studio d'arte di Louis Lamothe.

Le sue prime opere furono esposte al Salon nel 1868, 1885, e 1895. Nel 1889 Lerolle dipinse il The Crowning of Science e The Teaching of Science nel Municipio di Parigi. Dipinse altresì il Flight into Egypt alla Sorbona e operò anche alla Schola Cantorum (della quale fu uno dei fondatori) e nella chiesa di Saint-Martin-des-Champs, entrambe a Parigi.

I suoi dipinti sono esposti in importanti musei quali il Museo d'Orsay, il Metropolitan Museum of Art, il Museum of Fine Arts di Boston e il Fine Arts Museum di San Francisco.

Indice

BiografiaModifica

Nato da Timothée Lerolle (1816-1882) ed Edmé Delaroche, fu fratello minore del politico Paul Lerolle (1846-1912).

Henry Lerolle si circondò di artisti di cui collezionava le opere: oltre che di Monet, fu amico e protettore di Degas e di Renoir, che realizzarono diversi ritratti delle sue figlie e di Lerolle stesso[1].

Collezionò anche opere di Henri Fantin-Latour (autore di un ritratto di sua moglie), di Corot e di altri; possedette diverse tele di Gustave Moreau e di Maurice Denis. Di quest'ultimo, che a sua volta ne ritrasse le figlie e che lo considerava "il suo scopritore", fu il primo importante mecenate. Nel 1892 Lerolle commissionò a Denis l'affresco di un soffitto nella propria casa intitolato La scala tra le foglie. Ad Albert Besnard, che fece il ritratto di sua moglie e della figlia Yvonne intorno al 1879-1880, commissionò invece una serie di vetrate per il suo palazzo privato di avenue Duquesne n. 20 a Parigi.

 
Prova generale con l'organo

L'amicizia con Besnard era di vecchia data; Besnard stesso, riportando la reazione di Lerolle di fronte ai quadri che egli stava dipingendo dopo il ritorno da un viaggio di nove mesi con la sua famiglia nelle Indie, racconta come una frase potesse contenere tutto lo spirito di Lerolle stesso. Quest'ultimo, non riuscendo a contenere la curiosità, aveva chiesto di vedere le tele e trascorse diversi giorni con i genitori dell'amico osservandole senza parlare; tale mutismo, intenzionale o meno, indusse il padre di Besnard, spazientito, a pretendere un commento da parte di Lerolle, o almeno a spiegargli il perché del suo silenzio. Lerolle diede allora una risposta sibillina che suscitò l'ilarità degli astanti: « Besnard ... non avrei mai creduto che fosse così »[2].

"Lerolle...era spigliato, metteva gli ospiti a proprio agio, si esprimeva lentamente ma con spirito; possedeva una calma perfidia, candida all'apparenza, ma che a ben vedere era intenzionale. (...) Aggiunse diversi capolavori del suo amico Degas alla propria collezione di Renoir, di Corot e degli Impressionisti" [3]

Lerolle si circondò anche di scrittori e di musicisti; violinista e compositore dilettante egli stesso, si avvicinò alla musica contemporanea grazie alla moglie Madeleine Escudier, la cui sorella aveva sposato Ernest Chausson.

Divenne quindi amico di Debussy, d'Indy, Dukas, Henri Duparc, Prokofiev, Ravel, Satie e Stravinski. Debussy, in particolare, dedicò varie sonate per pianoforte alla figlia di Lerolle, Yvonne, nata nel 1877, comprese tre Immagini nel 1894.

André Gide trasse spunto dai matrimoni delle due figlie di Lerolle con i fratelli Rouart, figli dell'industriale Henri Rouart, amico dello stesso Lerolle, per la trilogia La scuola delle mogli, Roberto e Geneviève, pubblicata dal 1929 al 1936[4].

Henry Lerolle si spense il 22 aprile 1929. Venne sepolto al cimitero di Montparnasse.

Alcune opereModifica

NoteModifica

  1. ^ Edgar Degas, Ritratto allo specchio di Henry Lerolle e delle sue figlie, Yvonne e Christine, 1895-1896; Pierre Auguste Renoir, Ritratto di Henry Lerolle (1895 ca.), Yvonne e Christine Lerolle al pianoforte (1897), Christine Lerolle mentre ricama, (1895-1898);
  2. ^ Souvenances, in Mémoires de Philippe Besnard, Éditions de l'Université d'Ottawa, 1975, p. 197. La scena ebbe luogo nel 1911 nell'atelier di Besnard a Talloires
  3. ^ Souvenances, in Mémoires de Philippe Besnard, op. cit.
  4. ^ André Gide, L'École des femmes, tomo II dei Romans et récits, bibliothèque de la Pléiade, éditions Gallimard, 2009, ISBN 9782070117802, p. 1259-1267

BibliografiaModifica

  • Gloria Lynn Groom (edited by), Beyond the Easel: Decorative Paintings by Bonnard, Vuillard, Denis, and Roussel, 1890-1930, Chicago, The Art institute of Chicago, 2001, ISBN 0300089252
  • D. O. Kellogg, T. Spencer Baynes, and W. Robertson Smith, The Encyclopaedia Britannica; Latest Edition. A Dictionary of Arts, Sciences and General Literature, New York, Werner, 1902.
  • Julie Manet, Growing Up with the Impressionists: The Diary of Julie Manet. Sotheby's Publications, Londra 1987 - ISBN 0856673404

Galleria d'immaginiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

"Henry Lerolle." The Concise Grove Dictionary of Art. Oxford University Press, Inc., 2002.

Controllo di autoritàVIAF (EN27335332 · ISNI (EN0000 0000 6661 2684 · LCCN (ENn84087310 · GND (DE132905000 · BNF (FRcb14957750g (data) · ULAN (EN500027906