Apri il menu principale

Herbert Biberman

regista statunitense

BiografiaModifica

Herbert Biberman nacque a Philadelphia in una famiglia di religione israelita; i suoi genitori si chiamavano Joseph ed Eva Biberman; suo padre era comproprietario di un'impresa di abbigliamento, la Biberman Brothers[1], mentre suo fratello Edward divenne un famoso artista[2]. Dopo una laurea in Economia all'Università della Pennsylvania, appassionato di teatro Herbert Biberman si iscrisse alla Yale's School of Drama; dopo la laurea a Yale (1927) viaggiò in Europa in compagnia del fratello Edward. Ritornato in patria, lavorò al Theatre Guild di New York con spettacoli propri ispirati al realismo socialista sovietico: The Camel through the Needle's Eye (1929), Karl and Anna (1929), Miracle at Verdun (1931), Valley Forge (1934). Nel 1930 sposò l'attrice Gale Sondergaard, protagonista l'anno precedente di Karl and Anna[3]; il loro matrimonio durò fino alla morte di Biberman.

 
Nove dei "Dieci di Hollywood"- Herbert Biberman è il quinto da sinistra

Cominciò a lavorare nel mondo del cinema nei primi anni trenta. Fu uno dei fondatori della Hollywood Anti-Nazi League e membro del Committee for Loyalist Spain antifranchista; i suoi lavori erano molto politicizzati[4]. Biberman è ricordato per essere stato uno dei "Dieci di Hollywood", ossia uno dei dieci uomini di cinema condannati alla reclusione per non avere collaborato con la Commissione per le attività antiamericane (HUAC) e non averne riconosciuto l'autorità[5]. Liberato dopo sei mesi di prigione, Biberman ebbe molte difficoltà lavorative. Nel 1954 Herbert Biberman girò Sfida a Silver City su uno sciopero di minatori a Grant County, un film prodotto da Paul Jarrico, un produttore incluso anch'egli nella lista nera dell'HUAC[6]. Gli sforzi di Biberman di realizzare questo film costituì il soggetto del film anglo-spagnolo Punto di vista (One of the Hollywood Ten), edito nel 2000 con la regia di Karl Francis. In quest'ultimo film, Herbert Biberman e sua moglie Gale Sondergaard sono interpretati rispettivamente da Jeff Goldblum e da Greta Scacchi[7].

FilmografiaModifica

SceneggiatureModifica

RegistaModifica

ProduzioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Bernard F. Dick, Op. cit., p. 70
  2. ^ Edward Biberman: 1904–1986, Philadelphia-Los Angeles, su galleryz.us. URL consultato il 10 maggio 2015.
  3. ^ Bernard F. Dick, Op. cit., p. 71
  4. ^ Bernard F. Dick, Op. cit., p. 74
  5. ^ Guido Fink, «Maccartismo». In: Enciclopedia del Cinema, Vol. III, Roma: Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2003
  6. ^ Larry Ceplair, The Marxist and the Movies: A Biography of Paul Jarrico (University Press of Kentucky 2007): 256.
  7. ^ (EN) Punto di vista, su Internet Movie Database, IMDb.com..

BibliografiaModifica

  • Bernard F. Dick, «Herbert Biberman, The salt that lost its savor». In: Radical Innocence: A Critical Study of the Hollywood Ten, Lexington: University Press of Kentucky, 2015, pp. 70–82, ISBN 0813147719, ISBN 9780813147710 (Google libri)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN91258574 · ISNI (EN0000 0001 1774 5533 · LCCN (ENn87101075 · GND (DE118510630 · BNF (FRcb14612073n (data) · WorldCat Identities (ENn87-101075