Hieronymus Francken I

pittore e disegnatore fiammingo

Hieronymus Francken I, detto il Vecchio (Herentals, 1540Parigi, 5 gennaio 1610), è stato un pittore e disegnatore fiammingo, specializzato in dipinti di soggetto storico e di genere[1]. Le sue composizioni con eleganti gruppi di figure danzanti, musicisti e cortigiani anticipano lo sviluppo di questo genere nel XVII secolo[2].

La Compagnia dei Comici Gelosi (1590 c.)

BiografiaModifica

Apparteneva alla famiglia di pittori Francken[3]. Figlio di Nicolaas, da cui ricevette le basi dell'educazione artistica[1], e fratello di Frans e Ambrosius[1], eseguì il suo apprendistato presso Frans Floris[3].

 
Scena da banchetto, un'allegoria sull'amore e la lussuria

A partire dal 1566 operò in Francia, a Fontainebleau, e nel 1568 si stabilì a Parigi, dove divenne pittore del re nel 1588[3].

Nel 1571 ritornò temporaneamente ad Anversa per terminare l'Adorazione dei Magi, opera lasciata incompiuta dal Floris, morto l'anno precedente[3].

Per il presidente del Parlamento Francese, eseguì nel 1585 un'Adorazione dei pastori, conservato attualmente presso la Cattedrale di Notre-Dame a Parigi[3].

Fu uno degli iniziatori del genere di pittura avente come soggetto scene di ballo o con maschere e interni borghesi (vedi Il ballo di nozze e Carnevale veneziano). Le sue opere, di un elegante manierismo, presentano influssi francesi, veneziani e fiamminghi e possono essere confuse con quelle del fratello Frans, anche se presentano uno stile con caratteristiche più marcatamente francesi[3].

Oltre a soggetti storici e di genere[1], eseguì anche alcuni ritratti, come ad esempio l'Autoritratto, conservato presso il Museo di Aix-en-Provence[3].

Fu suo allievo Abraham Bloemaert[1].

Ebbe almeno quattro figli: Hieronymus, Isabella, Catharina e Maria[1].

OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59358392 · ISNI (EN0000 0000 6639 4779 · LCCN (ENnr2003025381 · GND (DE123355028 · BNF (FRcb149741797 (data) · BNE (ESXX1774971 (data) · ULAN (EN500026370 · CERL cnp00575010 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2003025381