Hiragana

sillabario giapponese

Kanji

Kana

Utilizzato nel

Braille

Rōmaji

Ateji

Punteggiatura

Lo hiragana è un sistema di scrittura sillabico utilizzato per la lingua giapponese.

Origine dell'hiragana

In Giappone vengono utilizzati tre diversi tipi di scrittura: lo hiragana (平仮名), il katakana (片仮名) e i kanji (漢字). I primi due costituiscono la scrittura autoctona fonetica, detta kana, il terzo è rappresentato dai caratteri ideografici di origine cinese, generalmente non dissimili da quelli utilizzati nel continente.

Lo hiragana è facilmente distinguibile dal katakana per la sua forma corsiva, con tratti arrotondati, ben diversi dalle forme rigide dell'altro sillabario: scritti con i rispettivi sistemi, avremo hiragana ひらがな e katakana カタカナ. "Hiragana" significa "carattere prestato di uso comune", con riferimento all'origine dagli ideogrammi e alla sua forma corsiva.

Il sistema di scrittura hiraganaModifica

Nello hiragana, come nel katakana, ogni carattere non corrisponde a un fonema vocalico o consonantico, come avviene in molte lingue occidentali scritte con alfabeti, ma a un'intera sillaba (ad eccezione del carattere , che rappresenta il suono "n"). Vi sono sillabe formate da una sola vocale o da consonante e vocale; si dividono inoltre tradizionalmente in sillabe pure, impure, semipure, contratte.

Le sillabe pure seion sono formate da una sola vocale, da una consonante che precede una vocale, e dalla n sillabica. Facendo seguire dal segno diacritico dakuten ゛(anche detto nigori, "impurità") quelle sillabe pure la cui consonante è sorda, si ottengono le corrispondenti sillabe impure dakuon, nelle quali la consonante iniziale è sonora: per esempio, か ka diventa が ga, し shi diventa じ ji, へ he diventa べ be. Facendo seguire le sillabe che cominciano per h, inclusa fu, dal segno diacritico handakuten ゜(anche detto maru, "cerchio"), si ottengono le sillabe semipure handakuon, che hanno come consonante iniziale p: quindi へ he diventa ぺ pe.

La combinazione fra due caratteri permette a volte di rappresentare una terza sillaba: si tratta delle sillabe contratte yōon, nelle quali una delle sillabe ya, yu, yo (ゃ, ゅ, ょ) è scritta in piccolo dopo una sillaba che ha come vocale terminale la i. La consonante della sillaba risultante sarà palatalizzata: avremo, ad esempio, にゃ nya, りゅ ryu, じょ jo.

Il sillabario hiragana, al pari del katakana, è propriamente composto dai 48 caratteri che rappresentano le sillabe pure, e spesso è detto – arrotondando il numero – gojūon "i cinquanta suoni"; ma a questi si aggiungono le 20 sillabe impure, le 5 sillabe semipure e le 36 sillabe contratte: in tutto 109 sillabe.

Lo hiragana viene utilizzato per parole per le quali non vi sono kanji, cioè particelle come kara から "da", suffissi come san さん "signore, signora". Lo hiragana è anche usato per parole per le quali la forma ideografica kanji non è conosciuta da chi scrive, o si presume che non sia conosciuta da chi legge, o è troppo formale per il contesto in cui si scrive. Le inflessioni dei verbi e degli aggettivi si scrivono in hiragana: ad esempio, in 食べました tabemashita ("mangiare" al passato affermativo in forma gentile), dove tabe- è la radice verbale e -mashita è il verbo ausiliare, -bemashita è scritto in hiragana, mentre solo la sillaba iniziale ta- della base verbale è rappresentata con un kanji. Quest'uso è detto okurigana.

Si chiama furigana un altro frequente uso dello hiragana, quello che ha il fine di rappresentare la pronuncia del kanji quando questo è poco noto, o in ambito didattico: in questi casi il carattere fonetico è scritto in piccolo sopra a quello ideografico (o accanto, se la scrittura è verticale). Ê utile precisare che i caratteri hiragana sono utilizzati per insegnare ai bambini a leggere e a scrivere nella scuola primaria, prima che essi imparino a riconoscere i kanji, vale a dire gli ideogrammi, di cui esistono oltre 50.000 varietà.

Tabella di traslitterazione dello hiragana secondo il sistema HepburnModifica

La seguente tabella riporta i caratteri hiragana assieme alla loro romanizzazione in stile Hepburn.

     46 sillabe pure

     20 sillabe impure

     5 sillabe semipure

     36 sillabe contratte

a i u e o
ka ki ku ke ko きゃ kya きゅ kyu きょ kyo
sa shi su se so しゃ sha しゅ shu しょ sho
ta chi tsu te to ちゃ cha ちゅ chu ちょ cho
na ni nu ne no にゃ nya にゅ nyu にょ nyo
ha hi fu he ho ひゃ hya ひゅ hyu ひょ hyo
ma mi mu me mo みゃ mya みゅ myu みょ myo
ya yu yo
ra ri ru re ro りゃ rya りゅ ryu りょ ryo
wa wo
n
ga gi gu ge go ぎゃ gya ぎゅ gyu ぎょ gyo
za ji zu ze zo じゃ ja じゅ ju じょ jo
da dji dzu de do ぢゃ dja ぢゅ dju ぢょdjo
ba bi bu be bo びゃ bya びゅ byu びょ byo
pa pi pu pe po ぴゃ pya ぴゅ pyu ぴょ pyo

Pronuncia in dettaglioModifica

Nella tabella sottostante si spiega la pronuncia in giapponese, suono per suono, tale per cui i suoni sono poi combinabili tra loro. Sotto la tabella si forniscono alcune informazioni sugli allungamenti vocalici, sui dittonghi arcaici e su alcuni accomodamenti dal Primo Cinese Medio.

Lettera/

dittongo

(roomaji)

Hiragana Katakana Trascriz. IPA Spiegazioni
a /a/ È una "a" di albero, come in italiano.
i /i/ È una "i" di interno, come in italiano. Questa vocale deriva dall'assimilazione di due diverse tipologie di vocali dall'Old Japanese, trascritte come i1 e i2. Su che suoni rappresentassero queste vocali è ancora

attivo un dibattito molto acceso. Queste distinzioni valgono solo in alcune sillabe.

u /ɯ/ < */u/ È una "u" di uno, ma non è arrotondata/procheila. In altre parole, oggi si pronuncia tenendo le labbra non

arrotondate ma rilassate. Anticamente, si pronunciava arrotondata, come in italiano.

e /e/ È una "e" di evento, come in italiano. Anche questa vocale deriva dall'assimilazione di due diverse tipologie di vocali dall'Old Japanese, e1 e e2.
o /o/ È una "o" di occhio, chiusa e arrotondata e come in italiano. Anche questa vocale deriva dall'assimilazione di due diverse tipologie di vocali dall'Old Japanese, o1 e o2.
ya /ja/ È una "ia" di g, come in italiano: è un dittongo. In generale, la /j/ semivocalica non si raddoppia: la

confusione può derivare per un'interferenza con l'italiano (e.g. con parole come "aglio", diversa da

"ahio". Peraltro, il suono in questione non è nemmeno /j/, ma /ʎ̩/ tensificato/raddoppiato/geminato).

La /j/ semivocalica in roomaji (il sistema più diffuso in assoluto è il sistema Hepburn, dal nome del

missionario che lo inventò) si scrive con la "y".

ye 𛀁 / いぇ イェ /je/ È una "ie" di iena, come in italiano: è un dittongo che si reperisce in prestiti. Ufficialmente, esiste solo la

versione in katakana. In hiragana il dittongo, largamente in disuso, si ottiene affiancando due vocali.

Una seconda versione di scrittura è una sillaba rarissima, 𛀁, che deriva dalla stilizzazione di 江, un

sinogramma e kanji che indica il concetto di "grande fiume" (radicale dell'acqua 水 e, come chiave di

lettura, la squadra da carpentiere 工).

yu /jɯ/ < */ju/ È una "iu" di iuta, come in italiano ma tenendo la "u" non arrotondata. Anticamente, il dittongo era

pronunciato arrotondato.

yo /jo/ È una "io" di sciolto, arrotondata.
wa /ɰa/ < /wa/ È una "ua" di quaglia, ma con la "u" semivocalica non arrotondata. La versione semivocalica di /ɯ/ si scrive

/ɰ/, pertando il dittongo è /ɰa/. Anticamente, la semivocale era arrontondata come in italiano,

pertanto il dittongo era /wa/. La /w/ semivocalica si romanizza con la lettera "w". Il dittongo è ancora in uso

in giapponese ma in isolamento: nei kanji, è caduto.

wi /ɰi/ < /wi/ È una "ui" di qui, sempre con le labbra rilassate. Anticamente, era /wi/. Oggi questa sillaba è in disuso pure

negli anglicismi/wasei-eigo in Japanglish, ma è utile se si affronta la pronuncia storica in particolare dei

kanji, con cui si può fare un confronto con i prestiti cinesi in altre lingue e con il cinese stesso. In più, siccome questo dittongho si è ridotto in /i/, molti kanji non rispecchiano la pronuncia cinese e sino-xenica,

ragion per cui solo in apparenza sembrano avulsi e scollegati dal cinese. Lo stesso discorso vale per "-wa",

ridotto in /a/.

we /ɰe/ < /we/ È una "ue" di quelli, sempre con le labbra rilassate. Anticamente, era /we/. Oggi questa sillaba è in disuso, ma la sua utilità è analoga a "wi" e a "-wa" usato dentro una sillaba.
wo /ɰo/ < /wo/ È una "uo" di uomo, sempre con le labbra rilassate. Anticamente, era /wo/. Oggi, la sillaba è in disuso

eccetto per la particella che indica il complemento oggetto diretto, を, che anticamente si pronunciava

/wo/ e oggi si riduce in /o/: pertanto, la pronuncia è irregolare.

k - - /k/ È una "c" di cane/"ch" di chela/"k" di koala. La consonante si combina con ogni vocale, generando una

distinta sillaba, ognuna con il suo segno grafico in katakana e hiragana (i due sillabari/kana sono nati

da una stilizzazione di una serie di kanji). Il suono resta invariato di fronte a ogni vocale e dittongo. Al

massimo, di fronte alla /i/ e /j/- si palatalizza leggermente. La /k/- e la versione palatalizzata /kʲ/- si

riconoscono se si pronuncia alla massima velocità "ko-ku-ko-ku-ko-ku" e "ke-ki-ke-ki-ke-ki", lasciando la

lingua libera di muoversi. La palatalizzazione è leggera: non diventa /t͡ʃ/, come nell'italiano "ciao"), ma più

semplicemente il dorso della lingua si spinge più in avanti. Quando a una consonante si aggiunge il

dittongo che inizia con /j/-, si usa come "base/perno/sedia" la versione in /kʲ/- e accanto si aggiunge il

dittongo in dimensioni rimpicciolite. La "k" non cambia romanizzazione di fronte a nessuna vocale.

Le combinazioni in hiragana e katakana sono:

か ka, き ki, く ku (non arrotondata), け ke, こ ko; きゃ kya, きゅ kyu (non arr.), きょ kyo.

カ ka, キ ki, ク ku (non arr.), ケ ke, コ ko; キャ kya, キュ kyu (non arr.), キェ kye, キョ kyo.

g - - /g/ È una "g" di galera/"gh" di ghiro; a differenza di /k/, la consonante è sonora (coinvolge cioè la vibrazione

delle corde vocali: si metta il palmo della mano intorno alla gola e si pronunci prima "ffff" e poi "mmm").

Si ottiene aggiungendo due trattini in alto alle sillabe con k-. Il doppio trattino in alto si chiama "dakuten"

o "nigori", cioè "impurità", e fa nascere le sillabe "impure", che sono sonore a prescindere. Prima del Periodo

Edo (corrispondente allo shogunato Tokugawa/Primo Giapponese Moderno), in scrittura non era usanza comune disambiguare l'impurità.

La /g/ si palatalizza di fronte alla /i/ e /j/ semivocalica, diventando /gʲ/.

la /g/, se pronunciata in una parlata veloce, colloquiale e poco curata può ridursi in /ɣ/, cioè una "g" di galera

senza contatto tra organi., come in spagnolo sia castigliano che latinoamericano.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

が ga, ぎ gi, ぐ gu, げ ge, ご go; ぎゃ gya, ぎゅ gyu, ぎょ gyo.

ガ ga, ギ gi, グ gu, ゲ ge, ゴ go; ギャ gya, ギュ gyu, ギェ gye, ギョ gyo.

s - - /s/

di base

È una "s" di senza, sorda. Davanti alla /i/ e /j/- semivocalica, si palatalizza in /ɕ/. Cioè, si pronuncia una

"sc" di scienza ma con la lingua già in posizione di "gn" di gnomo (/ɳ/), senza esagerare. in passato, non si

palatalizzava: era */si/. La palatalizzazione è stata poi assunta anche di fronte alla /e/, poi caduta.

La "s" palatalizzata cambia grafia in "sh-", grafia unica.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

さ sa, し shi, す su, せ se, そ so; しゃ sha, しゅ shu, しょ sho.

サ sa, シ shi, ス su, セ se, ソ so; シャ sha, シュ shu, シェ she, ショ sho.

z - - /d͡z/ È una "z" di zero, sonora, come si pronuncia nel Nord Italia. Davanti a /i/ e /j/- semivocalica, si palatalizza

in /d͡ʑ/, cioè una "g" di gioco pronunciata con a lingua già in posizione di "gn" di gnomo. In passato, non si

palatalizzava: era */d͡zi/. La versione palatalizzata cambia grafia in "j-", grafia unica.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

ざ za, じ ji, ず zu, ぜ ze, ぞ zo; じゃ ja, じゅ ju, じょ jo.

ザ za, ジ ji, ズ zu, ゼ ze, ゾ zo; ジャ ja, ジュ ju, ジェ je, ジョ jo.

t - - /t/

di base

È una "t" di tavolo, sorda. Di fronte alla /i/ e /j/- semivocalica, si palatalizza in /t͡ɕ/, cioè una "c" di ciao ma con

la lingua già in posizione di "gn" di gnomo; la romanizzazione poi cambia in "ch-", grafia unica. In più, davanti

a /ɯ/ non arrotondata, si lenisce diventando /t͡s/, cioè una "z" di zero, stavolta sorda; cambia pure la

latinizzazione della sillaba: "tsu" (<*/tu/). In passato, la pronuncia era */t/ di fronte a ogni suono. Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

た ta, ち chi, つ tsu, て te, と to; ちゃ cha, ちゅ chu, ちょ cho.

タ ta, チ chi, ツ tsu, テ te, ト to; チャ cha, チュ chu, チェ che, チョ cho.

d - - /d/

di base

È una "d" di dente, sonora. Di fronte alla /i/ e /j/- semivocalica, si palatalizza in /d͡ʑ/, cioè una "g" di gioco

pronunciata con a lingua già in posizione di "gn" di gnomo. Per non confondere la grafia con "ji" じ <*/d͡zi/ e

tenere distinto "ji" ぢ <*/di/, in roomaji si può trascrivere questa nuova sillaba con "dji". Lo stesso discorso

vale con ず zu e la nuova sillaba ヅ zu /d͡zɯ/ (<*/du/), che si può trascrivere "dzu" per non confonderla.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

だ da, ぢ (d/ji, づ (d)zu, で de, ど do; ぢゃ (d)ja, ぢゅ (d)ju, ぢょ(d)jo.

ダ da, ヂ (d)ji, ヅ (d)zu, デ de, ド do; ヂャ (d)ja, ヂュ (d)ju, ヂェ (d)je, ヂョ (d)jo.

h - - /h/ < */ɸ/ È un'aspirazione sorda, come nell'inglese "have". Cambia grafia davanti alla /ɯ/ siccome si pronuncia come

una effe "soffiata", cioè /ɸ/: è uno sbuffo d'aria che esce dalle labbra rilassate, senza che gli incisivi

dell'arcata dentale superiore siano a contatto con il labbro inferiore, come nella /f/ italiana. La grafia è "fu".

L'aspirazione si palatalizza di fronte a /i/ e /j/-, diventando /ç/: il suono si distingue da /h/ se si pronuncia

alla massima velocità "kho-khu-kho-khu" e "khe-khi-khe-khi" focalizzandosi sull'aspirazione. Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

は ha, ひ hi, ふ fu, へ he, ほ ho; ひゃ hya, ひゅ hyu, ひょ hyo.

ハ ha, ヒ hi, フ fu, ヘ he, ホ ho; ヒャ hya, ヒュ hyu, ヒェ hye, ヒョ hyo.

In giapponese, は ha usato come particella indicante il tema/topic di cui si parla si pronuncia e latinizza come

"wa": la grafia, di contro, rispecchia la pronuncia arcaica, /ha/.

Lo stesso vale per へ "e", che indica il moto da luogo: anticamente si pronunciava /he/.

La terza e ultima irregolarità è presente, come detto in precedenza, nella particella del complemento oggetto diretto, "wo" /o/ </wo/. L'aspirazione è nata nel Primo Giapponese Medio ed era sempre pronunciata */ɸ/

b - - /b/ È una "b" di balena, sonora. Si ottiene aggiungendo il doppio trattino in alto/dakuten/nigori/impurità alle

sillabe in "h"-.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

ば ba, び bi, ぶ bu, べ be, ぼ bo; びゃ bya, びゅ byu, びょ byo.

バ ba, ビ bi, ブ bu, ベ be, ボ bo; ビャ bya, ビュ byu, ビェ bye, ビョ byo.

p - - /p/ È una "p" di pallone, sorda. Si ottiene aggiungendo un cerchiolino in alto alle sillabe in "h"- al posto

dell'impurità, Il pallino si chiama "handakuten/maru". Anch'esso prima del Primo Giapponese Moderno non si

disambiguava in scrittura.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

ぱ pa, ぴ pi, ぷ pu, ぺ pe, ぽ po; ぴゃ pya, ぴゅ pyu, ぴょ pyo.

パ pa, ピ pi, プ pu, ペ pe, ポ po; ピャ pya, ピュ pyu, ピェ pye, ピョ pyo.

n - - /n/ È una "n" di nave, sonora. Di fronte a /i/ e /j/- semivocalica, si palatalizza in "gn" di gnomo /ɳ/.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

な na, に ni, ぬ nu, ね ne, の no; にゃ nya, にゅ nyu, にょ nyo.

ナ na, ニ ni, ヌ nu, ネ ne, ノ no; ニャ nya, ニュ nyu, ニェ nye, ニョ nyo.

m - - /m/ È una "m" di mano, sonora.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

ま ma, み mi, む mu, め me, も mo; みゃ mya, みゅ myu, みょ myo.

マ ma, ミ mi, ム mu, メ me, モ mo; ミャ mya, ミュ myu,ミ ェ mye, ミョ myo.

r - - /ɹ/ < */ɾ~r/ È una "r" senza vibrazione data dal contatto tra organi, come nell'inglese "reason, crime, car"...

(attenzione: a fine parola in inglese, nella pronuncia Oxbridge/Queen English/Received il suono cade).

Nell'Old Japanese era invece vibrante, come in italiano.

Le combinazioni in hiragana e katakana con roomaji sono:

ら ra, り ri, る ru, れ re, ろ ro; りゃ rya, りゅ ryu, りょ ryo.

ラ ra, リ ri, ル ru, レ re, ロ ro; リャ rya, リュ ryu, リェ rye, リョ ryo.

-n -/n/

di base

È una codina nasale che si può inserire a fine sillaba e che, storicamente, deriva dall'influsso del Primo

Cinese Medio nell'Old Japanese, che a fine sillaba non ammetteva altri suoni nemmeno nei primi prestiti

sino-giapponesi. La codina compare a fine sillaba senza modifiche nelle dimensioni.

-Se la sillaba in "-n" (romanizzazione unica e invariabile) non è seguita da nulla (e.g. "Yamashita-san!"), si

pronuncia /N/, cioè una "n" pronunciata con la radice della lingua in zona uvulare, dove cioè si pronuncia

la "r" tedesca e francese o la "q" araba (q.g. qalam, qamuus). La vocale viene quindi colpita da una forte nasalizzazione, come in francese o portoghese.

-Se dentro la frase, di base si sente /n/ di nave, che di fatto è la pronuncia tipica e basilare.

-Se succeduta dai suoni bilabiali /b/ e /p/, esattamente come in italiano, si assimila in /m/.

-Se succeduta dai suoni velari /k/ e /g/, si assimila in /ŋ/, come nell'italiano "panca, panchina, fango" o nell'inglese "king". In più, se sono palatalizzate, anche /ŋ/ si palatalizza leggermente, diventando /ŋʲ/.

-Diventa "gn" di gnomo /ɳ/ se seguita da "ji", "(d)ji" e "chi", anche con i dittonghi.

-Infine il cluster "-nn-" si assimila in /nn/ come in "nonno" e il cluster "-nm-" nella pronuncia rapida ha un esito analogo (e.g. "ranma" らんま, "confusione").

Un esempio di scrittura è la sillaba "kan" ガン, がん.

Infine, riguardo specificatamente alle origini di -/n/, serviva ai giapponesi per accomodare la -n finale del Primo Cinese Medio, conservata tuttora in cinese moderno, e anche la codina nasale *-m, assimilatasi alle

-n tra il Primo Mandarino e il Mandarino Medio (khanato mongolo e Dinastia Ming). La *-m è ritenuta in

coreano, dialetto cantonese e vietnamita (vedi hanja e chu nom)

A questi suoni, si aggiunge la nozione di allungamento vocalico: quando due vocali identiche sono scritte di fila, si pronuncia un'unica vocale che dura leggermente di più: ああ aa /a:/, いい ii /i:/, うう uu /ɯ:/, ええ ee /e:/, おお oo /o:/. Volendo, nel sistema Hepburn l'allungamento vocalico si può anche indicare con un trattino orizzontale detto "macron" sopra una singola vocale: ā, ē, ī, ō, ū. Un ultimo e diffusissimo allungamento vocalico è presente nella combinazione -おう:

おう, どう, とう, こう, ごう, もう, のう, ろう, そう, ぞう, ほう, ぼう, ぽう, きょう, ぎょう, ちょう, みょう, にょう, しょう, ひょう, びょう, ぴょう, りょう .

La combinazione "ou" si romanizza ō/oo e si pronuncia /o:/. la -u finale deriva dall'accomodamento finale di -/ŋ/ in cinese (conservato tuttora dal Primo Cinese Medio e Old Chinese), reso come */ũ/ nasalizzato, poi /ɯ̃/ e infine assimilatosi. Un esempio famoso è il nome dell'odierna capitale del Giappone, Tōkyō 東京 とうきょう, anticamente detta "Edo" 江戸. Oppure, deriva dalla mutazione di "-au" e "-eu" in "-oo", tale per cui l'accomodamento della pronuncia cinese si allontana da quella originale. Questo allungamento, insieme a "ū/uu", è l'allungamento vocalico più diffuso in giapponese.

Il secondo, "uu" (うう, ゆう), si trova facilmente nei kanji (esattamente come "oo"), cioè i sinogrammi presi a prestito dai giapponesi, e deriva dall'accomodamento dello stop senza rilascio udibile di suono *-p del Primo Cinese Medio: fu adattato come -fu, dopodiché la consonante è caduta ed è rimasta solo a "u", che in svariati casi forma questo allungamento vocalico. La *-p è individuabile in coreano, cantonese, vietnamita e in svariati dialetti cinesi onservativi come il cantonese (famiglia Yue) e svariati Minnan (e.g. l'Amoy Hokkien, il taiwanese, il Teochew, il Quanzhou, lo Shangtou e l'Hakka). Altri allungamenti vocalici presenti in parole native giapponesi derivano da cadute di consonanti, sillabe interne o semivocali durante l'evoluzione della lingua.

Molti altri suoni che sono diventati sillabe derivano da accomodamenti della pronuncia del Primo Cinese Medio in giapponese (*-t, *-k) e sono reperibili nei kanji, ma non costituiscono casi particolari da prendere in analisi.

Tutti i dittonghi che iniziano con w-, se reperiti nei kanji, sono pure accomodamenti dal Primo Cinese Medio ed esistevano già durante l'Old Japanese (la pronuncia della vocale era unica). Oggi, in tutto il vocabolario giapponese, questi dittonghi sono spariti eccetto per "wa". In katakana, degli esempi di sillabe con questi dittonghi arcaici, utili per fare paragoni con le lingue sino-xeniche, per ricostruire il Primo Cinese Medio o per sbrogliare delle mancate corrispondenze nella pronuncia tra giapponese e lingue sino-xeniche, sono グワ(ン) gwa(n), クワ(ン) kwa(n), グヱ(ン) gwe(n), クヱ(ン) kwe(n), ヱ(ン) we(n), ヰン wi(n).


Tabella di traslitterazione dello hiragana secondo il sistema italianoModifica

La seguente tabella riporta i caratteri hiragana assieme alla loro romanizzazione in stile Hepburn.

     46 sillabe pure

     20 sillabe impure

     5 sillabe semipure

     36 sillabe contratte

a i u e o
ca chi cu che co きゃ chia きゅ chiu きょ chio
sa sci su se so しゃ scia しゅ sciu しょ scio
ta ci zu te to ちゃ cia ちゅ ciu ちょ cio
na ni nu ne no にゃ gna にゅ gnu にょ gno
ha hi fu he ho ひゃ hia ひゅ hiu ひょ hio
ma mi mu me mo みゃ mia みゅ miu みょ mio
ja ju jo
ra ri ru re ro りゃ ria りゅ riu りょ rio
ua uo
n-
ga ghi gu ghe go ぎゃ ghia ぎゅ ghiu ぎょ ghio
ṣa / ẓa ṣgi ṣu ṣe / ẓe ṣo / ẓo じゃ ṣgia じゅ ṣgiu じょ ṣgio
da gi ẓu de do ぢゃ gia ぢゅ giu ぢょgio
ba bi bu be bo びゃ bia びゅ biu びょ bio
pa pi pu pe po ぴゃ pia ぴゅ piu ぴょ pio

Ricostruzione filologica dell'hiraganaModifica

Un lavoro di ricostruzione analogo a quello svolto nel katakana si può fare anche per l'hiragana, che deriva dalla stilizzazione in blocco di alcuni sinogrammi, che in larga misura corrispondono con quelli che originano il katakana. La pronuncia del kanji in versione on'yomi viene scritta in hiragana per collegarla con la grafia della sillaba, a sua volta collegata al sinogramma. Laddove esistono più lettore on'yomi, viene data quella più simile alla sillaba odierna.

Hiragana Hanzi Romaji Pinyin Spiegazione
a an1 Il carattere significa "sicurezza" e rappresenta un tetto familiare con sotto una donna inginocchiata.

Oggi è ancora riconoscibile il tetto in alto e la donna schiacciata in basso.

La pronuncia del kanji ci assomiglia perché è あん.

i yi3 Il carattere indica il concetto di usare ed è un feto capovolto con accanto un componente che indica la madre, nelle prime versioni fuso col feto per indicare la connessione tra bambino e madre col cordone ombelicale. Il significato di "usare" deriva dall'uso del feto capovolto nel carattere 耜, che invece significa "arare". Il significato originale del feto e madre resta nel carattere 似, che significa "assomigliare", con un riferimento alle somiglianze del figlio con la madre.

Oggi sono riconoscibili i due componenti, assottigliati a due linee.

Il kanji stesso si pronuncia い.

u yu3 Il carattere indica uno spazio sconfinato ed è un tetto con sotto uno sbuffo d'aria, che fin dai tempi arcaici ha molti significati, incluso quello di "andare" e "guardare" o viene usato pure per formare il comparativo di maggioranza in un contesto formale. In una versione alternativa, al posto di 于, aveva il componente 盂 per indicare il calice per bere (oggi il calice della rosa). Tutto il carattere insieme indica il cornicione.

Oggi sono ancora riconoscibili il tetto e lo sbuffo d'aria.

Il kanji stesso si pronuncia う.

e yi1 Il carattere, che è anche un radicale Kangxi, indica un vestito.

Oggi sono ancora riconoscibili il trattino in alto, il tratto obliquo verso sinistra e gli ultimi due ridotti a un ghirigoro. Il kanji stesso si pronuncia え in parole come 衣紋, えもん.

o yu2 Il carattere indica uno sbuffo d'aria con accanto una mano (scritto anche come 扵), presente anche nella variante 方 in questo preciso contesto.

Oggi è ancora riconoscibile la mano con lo sbuffo d'aria.

Lo stesso kanji si pronuncia お.

ya ye3 Il carattere indica un serpente.

Oggi è ancora riconoscibile la parte alta del carattere, diventata sinuosa.

Il kanji stesso si pronuncia や nella parola 空也餅 くうやもち, che ha l'aspetto di una polpetta di riso ripiena.

yu you2 Il carattere indica probabilmente un'anfora, inquadrata di fronte, da cui cola una goccia in alto.

Oggi è ancora riconoscibile la forma dell'anfora, resa sinuosa, e il tratto verticale che indica la goccia.

Il kanji stesso si pronuncia ゆ.

yo yu3 Il carattere deriva dalla versione semplificata del carattere 舆, a sua volta da non confondere con 與. Raffigura due coppie di mani che spingono un carro.

Oggi è ancora riconoscibile la parte in alto del carattere.

Il kanji stesso si pronuncia よ. La sillaba "ye" non esiste in hiragana e in katakana si scrive イェ, non avendo una scrittura a sé.

wa he2 Il carattere, disegnato nella versione non arcaica, indica il concetto di armonia.

Oggi è ancora riconoscibile l'albero e un accenno alla bocca.

Il kanji stesso si pronuncia わ.

(ゐ) (為) (wi) (wei2, wei4) Il carattere ha parecchi significati ed è il disegno di un elefante che viene trascinato da una mano a destra. Il disegno è ancora più chiaro nella variante 爲, in cui si vedono delle dita in alto.

Oggi è ancora riconoscibile la sagoma esterna del carattere.

Il kanji stesso oggi si pronuncia い, ma la pronuncia arcaica era ゐ (Wi) e si trova in parole come 為政者, いせいしゃ. Dal 1946, ゐ è stato eliminato dai hiragana di uso comune ed appare solo occasionalmente nella forma katakana e nella scrittura classica, anche se è ancora permesso usare questo carattere per i nomi dei figli. Una parola che usava ゐ è il verbo いる, "essere" (居る, ゐる storicamente "sedersi" )

(ゑ) (恵) (we) (hui4) Il carattere indica un fuso che si può roteare con sotto un cuore e significa "magnanimità".

Oggi è ancora riconoscibile la parte alta del carattere con sotto il cuore stilizzato in uno zig-zag.

Oggi il kanji si pronuncia え, ma la pronuncia arcaica era ゑ (we), fino al 1600 circa, veniva pronounciato "ye" ed era distinto da え. Dal 1946, ゑ è stato eliminato dai hiragana di uso comune ed appare solo occasionalmente nella forma katakana e nella scrittura classica, anche se è ancora permesso usare questo carattere per i nomi dei figli. Alcune parole che usavano questo hiragana sono 円, yen (storico ゑん, oggi えん) e 声, "voce"(storico こゑ, oggi こえ).

wo yuan3 Il carattere indica la lontananza, oggi 远 in cinese semplificato. È il radicale del cammino con il componente 袁, che indica un lungo vestito. In cima è stato aggiunto un piede 止, poi stilizzato in 土. Secondo un'altra interpretazione, significa mettersi il vestito addosso e percorrere una lunga strada.

Oggi è ancora riconoscibile la parte in alto del carattere e una forma ovale che accenna al radicale del cammino.

Il kanji in pronuncia on'yomi è おん in parole come 久遠 くおん, quindi la pronuncia non corrisponde.

Oggi questa sillaba è molto usata per marcare il complemento oggetto e di solito in questo contesto si pronuncia お, storicamente si pronounciava "wo" ed si usava nella composizione delle parole, come ad esempio をとこ (男, uomo). Al contrario di ゑ e ゐ, を è stato mantenuto come particella a sé anche se si pronuncia お.

- ん -n wu2 In primo cinese medio *mju, significa "non avere". Oggi in cinese moderno sostituisce 無, che e una donna 大, oggi stilizzata in mezzo al carattere, con nelle mani due rami o forse due code di bue piene di peli. A sua volta, se si disegnano due piedi in direzioni opposte al posto delle punte dei rami o peli della coda, si ottiene il carattere "ballare, danzare" 舞, in cui la donna effettua una danza con in mano i rami o le code. In una delle versioni del carattere ballare, si era aggiunto nel carattere già molto affastellato 亡, che indica perire/sparire e nascondersi, quindi forse era una danza in una cerimonia commemorativa. 亡 e 无 peraltro anticamente erano intercambiabili.

Oggi è ancora riconoscibile la parte in basso del carattere.

Il kanji si pronuncia む.

か; が ka; ga jia1 Il carattere significa "aggiungere".

Si ricorda che aggiungendo la nigori/impurità in alto, che indica la vibrazione delle due corde vocali, si ottiene la controparte sonora.

Oggi è ancora riconoscibile la parte a sinistra e un tratto della bocca.

Il kanji stesso si pronuncia か.

き; ぎ ki; gi ji3 Il carattere indica una piccola quantità.

Il kanji stesso si pronuncia き in parole come 幾何学, きかがく.

Oggi è ancora riconoscibile la parte alta, con le due file di bozzoli di seta e l'alabarda, e un ovale che accenna al tratto orizzontale e alla parte bassa del carattere.

Uno studente alle prime armi potrebbe confonderlo con una stilizzazione del carattere 去.

く; ぐ ku; gu jiu3 Il carattere, nel suo significato originale e arcaico, indica la moxibustione, mentre oggi indica un lungo periodo di tempo.

Oggi è ancora riconoscibile un pezzo di corpo sdraiato e il bastoncino di moxa.

Il kanji stesso si pronuncia く in parole come 久米歌, くめうた.

け; げ ke; ge ji4 Il carattere indica il concetto di calcolare, pianificare ed è il radicale Kangxi della parola con accanto il numero dieci, per ribadire l'idea di calcolare. In cinese semplificato si disegna 计.

Oggi è ancora riconoscibile il radicale a sinistra, ridotto a un tratto, e il numero dieci a destra, reso sinuoso.

Il kanji stesso si pronuncia けい.

こ; ご ko; go ji3 Il carattere indica il concetto di se stessi.

Oggi è ancora riconoscibile un accenno alla parte alta del carattere e tutta la parte bassa.

Il kanji stesso si pronuncia こ in parole come 克己, こっき.

さ; ざ sa; za zuo3 Il carattere indica la direzione sinistra ed è una mano sinistra con in mano un oggetto, che a prima vista sembra una squadra da carpentiere. Il significato originale era aiutare e sopravvive in 佐.

Oggi è ancora riconoscibile un accenno alla mano sinistra e alla parte bassa del carattere.

Lo stesso kanji si pronuncia さ.

し; じ shi; ji/zi zhi1 Il carattere indica una radice e ha parecchi significati, tra cui "questo/a; ciò" come complemento oggetto nel wenyan/cinese classico.

Oggi è ancora riconoscibile la parte bassa del carattere.

Il kanji stesso si pronuncia し in parole come 之繞 しんにょう, che indica il radicale Kangxi del cammino 辵.

In passato, la sillaba si poteva pronunciare anche senza palatalizzazione (/si/ e /d͡zi/), oggi inserita a prescindere.

Uno studente alle prime armi potrebbe scambiare il carattere con 乚.

す; ず su; zu cun4 Indica il pollice cinese, un'antica unità di misura, ma in molti sinogrammi indica una mano stilizzata, esattamente come 彐.

Oggi è ancora riconoscibile la forma a croce e un cerchio al posto del punto per non staccare la penna/pennello dal foglio.

Il kanji stesso si pronuncia すん.

せ; ぜ se shi4 Il carattere indica il mondo.

Oggi è ancora riconoscibile il contorno del carattere e due tratti della parte interna.

Il kanji stesso si pronuncia せい in parole come 世紀, せいき.

そ; ぞ so; zo ceng2 Il carattere indica il vapore che esce da una pentola dal coperchio di bambù forato. A causa della pronuncia, in cinese viene anche usato per indicare l'avverbio "in passato".

Oggi è ancora riconoscibile un accenno alla parte alta del carattere e un ovale che riprende la parte bassa.

Il kanji stesso si pronuncia そう in parole come 曽祖母, そうそぼ.

た; だ ta; da tai4 Il carattere indica l'enormità o il concetto di importanza e venerazione (come ad esempio nella parola cinese 太太, "signora") ed è un uomo con le braccia distese con sotto un tratto orizzontale, poi diventato un punto.

Oggi è ancora riconoscibile il carattere 太 con la parte sinistra dislocata rispetto alla parte destra.

Il kanji stesso si pronuncia た in parole come 太郎月, たろうづき.

ち; ぢ chi; d(j)i zhi1 Il carattere indica la conoscenza ed è una freccia accanto a una bocca, a suggerire la pletora di parole che un sapiente può dire se conosce e capisce un argomento. È facilmente confondibile con さ ma la sillaba ち, simmetrica, ha un rigonfiamento verso la propria destra che indica una bocca e l'atto di parlare.

Oggi è ancora riconoscibile un accenno alla freccia e, in basso, una forma ovale che riprende il contorno della bocca, come nella sillaba わ/和.

Lo stesso kanji si pronuncia ち, che tuttavia in tempi arcaici era un suono non palatalizzato, /ti/ e /di/.

つ; づ tsu; d(z)u chuan1 Il carattere indica i flutti di un fiume.

Oggi il carattere è irriconoscibile, ma つ si può pensare come un flutto d'acqua.

Se la sillaba è di proporzioni piccole, indica invece la tensificazione/geminazione/raddoppio della consonante successiva.

Il kanji si pronuncia せん in parole come 川柳, せんりゅう, quindi non combacia. In passato, la sillaba si pronunciava non palatalizzata, come /tu/ e /du/ con la vocale /u/ procheila/arrotondata (oggi ha anche perso l'arrotondamento)

て; で te; de tian1 Il carattere indica il cielo.

Oggi è ancora riconoscibile una parte del carattere a destra.

Il kanji stesso si pronuncia てん.

と; ど to; do zhi3 Il carattere indica il piede in posizione statica e significa "fermarsi".

Oggi è ancora riconoscibile il tratto verticale più lungo e una forma ovale che accenna ai due tratti orizzontali originali.

Il kanji stesso si pronuncia と.

na nai4 Il carattere indica un albero da frutto.

Oggi è ancora riconoscibile un pezzo del carattere 大 a sinistra e una stilizzazione di 示 .

Il kanji stesso si pronuncia な, per esempio nella citt' di 奈良 なら, antica capitale del Giappone prima del periodo Heian.

ni ren4 Il carattere indica la benevolenza ed è una persona con accanto il numero due, presente anche in altre versioni arcaiche di caratteri come 匀 (勻), che indica l'uniformità. Significa quindi trattare tutti gli altri come se fossero se stessi e allo stesso modo, senza parzialismi e preferenze.

Oggi è ancora riconoscibile la persona a sinistra, ridotta ad un tratto (esattamente come la parola in け/計) e una stilizzazione del numero due.

Il kanji stesso si pronuncia にん in parole che indicano dei periodi di tempo come 仁安, にんあん.

nu nu4 Il carattere indica la schiavitù ed è una donna inginocchiata con accanto una mano destra che la tiene ferma, quasi a ricordare il componente a destra dei caratteri 报 e 服, in cui viene tenuto fermo uno schiavo inginocchiato.

Oggi è ancora riconoscibile la donna laddove ci sono due tratti a sinistra che sembrano incrociarsi (anche in あ/安), mentre a destra si pu; vedere la mano destra, con una forma chiusa e un tratto obliquo sporgente.

Lo stesso kanji, tra le varie pronunce, include il suffisso め, che non corrisponde.

ne mi2 Il carattere indica il tempietto votivo per i propri familiari defunti, in particolare per il proprio padre.

Oggi è ancora riconoscibile l'altare sacrificale a sinistra, stilizzato come se fosse un albero (わ/和), e un accenno al telaio nella stessa maniera in cui è stilizzato な/奈 e ぬ/奴.

Il kanji stesso si pronuncia ね.

no nai3 Il carattere indica una corda piegata ed è abbastanza simile a 己.

Oggi è ancora riconoscibile il tratto a sinistra, che nella stilizzazione calligrafica si collega alla parte superiore senza che si stacchi la penna/pennello dal foglio, e la parte a destra resa sinuosa. Quindi il carattere si disegna in un solo movimento.

Il kanji stesso si pronuncia の se riferito all-omonima particella che indica il possesso, come 的 in cinese moderno.

は; ば; ぱ ha; ba; pa bo1 Il carattere indica le onde ed è il radicale Kangxi dell'acqua con accanto la pelle per indicare la superficie del mare.

Oggi è ancora riconoscibile il radicale delle tre gocce d'acqua fuse in un'unica linea (come succede anche con il radicale della parola e della persona), il tratto orizzontale in alto e la mano stilizzata, esattamente come in ぬ.

Il kanji stesso si pronuncia は in parole come 波浪, はろう.

Si ricorda che se si aggiunge alla sillaba il "mari" (cerchiolino), si ottiene il suono /p/, sordo.

ひ; び; ぴ hi; bi; pi bi3 Il carattere indica il concetto di "confrontarsi" e "paragonare".

Oggi è ancora riconoscibile il componente a sinistra 匕 e un accenno molto vago al carattere a destra.

Il kanji stesso si pronuncia ひ.

Uno studente alle prime armi potrebbe scambiarlo per il carattere 凵 stilizzato.

ふ; ぶ; ぷ fu; bu; pu bu4 Il carattere indica un seme che mette delle radici sottoterra e oggi indica la negazione.

Oggi è ancora riconoscibile la forma a 丅 dentro il carattere, resa sinuosa e disegnata in un solo movimento. Accanto gli ultimi due tratti dislocati.

Il kanji stesso si pronuncia ふ.

Uno studente alle prime armi potrebbe scambiarlo per il carattere 心, presente anche nella parte in basso di 添 e 慕.

へ; べ; ぺ he; be; pe bu4 Il carattere indica oggi, tra i suoi vari significati, il concetto di "parte, componente" e anticamente, secondo Xu Shen, era un nome di luogo.

Oggi il carattere è irriconoscibile: tutto il componente a sinistra è diventato un tratto e tutto il componente a destra ha subito un destino analogo.

Lo stesso kanji si pronuncia べ in parole come 部民, べみん.

ほ; ぼ; ぽ ho; bo; po bao3 Il carattere indica l'atto di proteggere ed è una persona accanto ad un bambino.

Oggi è ancora riconoscibile la persona a lato, assottigliata in una linea (come in に), e il bambino a lato, di cui la testa si è assottigliata in una linea e il corpo in basso è diventato un tratto sinuoso.

Lo stesso kanji si pronuncia ほ.

ma mo4 Il carattere indica la conclusione, il termine, ed e una pianta con la cima evidenziata da un punto, poi assottigliato in un lungo tratto orizzontale.

Oggi è ancora riconoscibile gran parte del carattere. Solo la parte inferiore è diventata un tratto sinuoso per stilizzare le radici, esattamente come succede in ほ, che ha un componente graficamente simile.

Il kanji stesso si pronuncia まつ per riprodurre lo stop consonantico a fine sillaba nel cinese medio.

Uno studente alle prime armi potrebbe scambiarlo per il carattere 丰.

mi mei3 Il carattere indica il concetto di bellezza ed è una persona 大 che indossa un copricapo decorato con corna o piume di pavone.

Oggi è ancora riconoscibile la stilizzazione di 大.

Lo stesso kanji si pronuncia み.

mu wu3 Il carattere indica la disciplina militare ed è una balestra col dardo 弋 con accanto il concetto di giusto/retto 正, con un lontano alla "retta via" nel senso letterale del termine perché in basso si riconosce il piede 止. Qui il carattere 正 è aperto in due e dislocato, esattamente come succede al carattere 衣 in sinogrammi come 衮 .

Oggi è ancora riconoscibile la stilizzazione della balestra con un cerchiolino, che è un vago riferimento al componente a sinistra.

Lo stesso kanji si pronuncia む in parole come 武者, むしゃ.

me nü3 Il carattere indica la donna e il sesso femminile.

Oggi è ancora riconoscibile la stilizzazione della donna come due tratti che quasi si incrociano, esattamente come succede in ぬ e あ.

Lo stesso kanji si pronuncia め in parole come 女神, めがみ anche se [ la pronuncia kun-yomi. In pronuncia on'yomi, quella che si avvicina di più è にょう in parole come 女房, にょうぼう.

mo mao2 Il carattere indica il pelo o le piume.

Oggi è ancora riconoscibile il pelo senza il primo tratto in alto.

Lo stesso kanji si pronuncia もう.

ra liang2 Il carattere indica la veranda e, come significato odierno, include "ottimo; molto".

Oggi è ancora riconoscibile il trattino in alto al carattere e una forma sinuosa in basso, un riferimento agli ultimi due tratti in basso a destra.

Lo stesso kanji si pronuncia ら per esempio nel toponimo 奈良 Nara, mentre la pronuncia on'yomi che più si avvicina a quella moderna è りょう.

ri li4 Il carattere indica le piante di grano mietute da una falce e il significato attuale è "beneficio".

Oggi è ancora riconoscibile un minuscolo tratto che stilizza il grano e un tratto sinuoso molto largo che stilizza la falce.

Lo stesso kanji si pronuncia り.

ru liu2 Il carattere indica il concetto di "restare" (ma non nel vocabolo 留学, studiare all'estero). La parte in cima al carattere deriva da 丣 (cioè 酉, un ramo terrestre che raffigura un'anfora di vino e che qui, per la pronuncia, indica l'alba, poi stilizzatosi in due bocche 吅 diventate poi i due componenti in cima), sotto c'è un campo o risaia, tutto insieme indica "restare\rimanere" e il carattere suggerisce il restare tutto il giorno, fin dall'aba, nel campo ad arare e coltivare.

Oggi è ancora riconoscibile un tratto orizzontale che stilizza i due componenti in alto e una forma rotonda con un cerchiolino che stilizza il campo coltivato e diviso in quattro settori.

Lo stesso kanji si pronuncia る in parole come 留守, るす. Una pronuncia on'yomi più simile a quella cinese moderna è りゅう.

re li3 Il carattere indica la cerimonia.

Oggi è ancora riconoscibile l'altare sacrificale a tre gambe stilizzato a lato (esattamente come ね/祢 e come anche l'albero a lato), insieme a un riferimento al tratto simile a un gancio nella sezione a destra.

Il kanji si pronuncia れい, quindi la pronuncia ricalca quella del cinese medio.

ro lü3 Il carattere indica una coppia di vertebre o due bocche che cantano insieme. Il carattere è facilmente confondibile con る, che però ha un pallino vuoto che indica un settore del campo coltivato o risaia in cui si sta e lavora.

Oggi la parte in alto è stilizzata, mentre la parte in basso ha il contorno della vertebra o bocca, ben riconoscibile per chi conosce la stilizzazione di ち/知 e わ/和. Anche la risaia/campo 田 ha un contorno quadrato stilizzato in modo simile, る, in cui però si evidenzia una porzione di risaia.

Il kanji stesso si pronuncia ろ in parole come 呂律, ろれつ.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4263790-9
  Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Giappone