Apri il menu principale

Ho sposato un mostro venuto dallo spazio

film del 1958 diretto da Gene Fowler Jr
Ho sposato un mostro venuto dallo spazio
Ho sposato un mostro venuto dallo spazio.jpg
Tom Tryon in una scena del film
Titolo originaleI Married a Monster from Outer Space
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1958
Durata78 min
Dati tecnicib/n
Generefantascienza, drammatico
RegiaGene Fowler Jr.
SoggettoLouis Vittes, Gene Fowler Jr.
SceneggiaturaLouis Vittes
FotografiaHaskell Boggs
MontaggioGeorge Tomasini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ho sposato un mostro venuto dallo spazio (I Married a Monster from Outer Space) è un film del 1958 diretto da Gene Fowler Jr..

La pellicola, in bianco e nero, è chiaramente ispirata a precedenti classici del cinema di fantascienza, quali Gli invasori spaziali e L'invasione degli Ultracorpi,[1] ma sviluppa una vicenda simile da un'altra prospettiva, quella dell'istituzione matrimoniale.

Ha avuto un rifacimento nel 1998 con il film tv Ho sposato un alieno (I Married a Monster).[1]

TramaModifica

Il giorno del suo matrimonio Bill Farrell viene rapito da creature extraterrestri che hanno progettato di sostituirsi agli esseri umani per evitare l'estinzione della propria specie. Bill riappare poco prima della cerimonia e sposatosi va a vivere con la moglie Maggie; ma egli è ora soltanto un duplicato sotto il controllo di uno degli alieni e la stessa sorte toccherà ai suoi amici e ad altri abitanti della cittadina in cui vive. Maggie non tarda ad accorgersi del cambiamento avvenuto in suo marito e una notte, dopo che lo ha seguito nel bosco, assiste all'uscita dal suo corpo dell'entità extraterrestre. La donna torna in città sconvolta e cerca inutilmente di convincere il capo della polizia che suo marito è in realtà un mostro.

CriticaModifica

«[...] più interessante di quanto si creda [...] costruito con buona suspense, poggia sulle belle interpretazioni di Gloria Talbott, la mogliettina spaurita ma battagliera, e di Tom Tryon, dovutamente legnoso e inespressivo nel ruolo del marito. Alcune sequenze di discreto impatto emotivo [...] testimoniano il buon mestiere del regista Fowler, già collaboratore di Fritz Lang. Collocabile nel filone inaugurato dall'Invasione degli ultracorpi, la storia è raccontata dal punto di vista della donna e, in questo senso, può essere reinterpretata come la sublimazione dell'incubo di una ragazza repressa o insoddisfatta, sullo sfondo della inappagante quotidianità della provincia americana.»

(Fantafilm[1])

NoteModifica

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Ho sposato un mostro venuto dallo spazio, in Fantafilm.

BibliografiaModifica

  • Riccardo F. Esposito, Ho sposato un mostro venuto dallo spazio, in Nova SF*, anno V (XXIII) n* 16 (58) ["Nostalgia e altri rancori"], Perseo Libri, Bologna 1989.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica