Apri il menu principale

La locuzione latina Hodie mihi, cras tibi, tradotta letteralmente, significa "oggi a me domani a te". Questa locuzione campeggia sull'ingresso dei cimiteri di Monteggiori (LU), Mortola Superiore (IM), San Lorenzo al Mare (IM) e nel cimitero di S. Anna di Valdieri (CN). Nel linguaggio ordinario, però, s'indirizza a persone che dovranno passare per le stesse difficoltà nelle quali qualcuno attualmente si trova. La frase si usa anche in senso ironico in occasione di onorificenze o ricompense straordinarie.

CuriositàModifica

  • Nella poesia Er congresso de li cavalli di Trilussa, scritta - come consuetudine dell'autore - in dialetto romanesco, uno dei puledri pronuncia tale frase in maniera maccheronica: "Odia micchi, gras tibbi"[1].
  • Una lapide con questa scritta, compare negli ultimi fotogrammi del film di Bernardo Bertolucci "La comare secca" del 1962.
  • Sulla facciata della Chiesa di S.Maria Orazione e Morte, sita in Via Giulia in Roma, c'è questa stessa iscrizione su una lapide con foro per la raccolta delle offerte per la lanterna perpetua.
  • Nel duomo di St.Petri a Bremen c'è una lapide che riporta la scritta: "Hodie mi cras tibi".
  • La chiesa del purgatorio a Terracina (LT) ha sulla facciata principale uno scheletro con la falce e la scritta che riporta questa locuzione ben visibile.

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina