Apri il menu principale
Horacio Pagani, secondo da destra, con giacca bianca e camicia scura

Horacio Raul Pagani (Casilda, 10 novembre 1955) è un imprenditore argentino naturalizzato italiano, fondatore e proprietario della Pagani Automobili. Pagani è di origine italiana e ha cittadinanza italiana.

Indice

BiografiaModifica

Horacio, figlio di un fornaio d'origine comasca, nasce in un piccolo paese dell'Argentina e fin dalla tenera età di 12 anni inizia a costruire modelli di automobili con materiali di fortuna. A soli 20 anni debutta nel mondo delle auto da corsa, realizzando una vettura di Formula 3 che gareggia in Argentina con i colori del team ufficiale Renault.

L'incontro con il pilota Juan Manuel Fangio gli cambia la vita e lo aiuta ad avvicinarsi a Modena. Quando nel 1982 arriva in Italia, la prima attività svolta è quella di operaio metalmeccanico di terzo livello alla Lamborghini di Sant'Agata (BO). Prima di mettersi in proprio con la fondazione della sua casa automobilistica a San Cesario sul Panaro, lavorò con i gruppi di progettazione della Lamborghini Diablo, della P140 e della L30 ossia la Countach Anniversary.

Il suo sogno di fare una sua supercar comincia nel 1988 con il "Progetto C8" e, inizialmente, il nome prescelto per il prototipo è Fangio F1; ma quando l'auto, completata e omologata, viene presentata al Salone dell'automobile di Ginevra del 1999, Fangio è già scomparso. Pagani dà quindi alla sua vettura il nome di Zonda, dal nome di un forte vento caldo che soffia nelle pampas argentine.

Nel 1991 Pagani fondò l'azienda Modena Design, che diventò fornitore dei produttori di auto sportive come Dallara, Ferrari, Berman, Lange e Renault. Nel 2010 fu pubblicata la monografia ufficiale "Pagani, la storia di un sogno", di Roberto Morelli e Hugo Racca. Il 19 giugno 2018 l'università degli studi di Modena e Reggio Emilia ha conferito a Horacio Pagani la laurea magistrale honoris causa in ingegneria del veicolo.

FamigliaModifica

Il nonno paterno emigrò in Argentina da Appiano Gentile alla fine dell'Ottocento. È sposato con Cristina Perez e ha due figli: Leonardo Ezequiel e Christopher.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica