Apri il menu principale

How Big, How Blue, How Beautiful

album dei Florence and the Machine del 2015
How Big, How Blue, How Beautiful
ArtistaFlorence and the Machine
Tipo albumStudio
Pubblicazione29 maggio 2015
Durata48:46
Dischi1
Tracce11
GenerePop rock[1]
Rock alternativo[2]
Art rock[2]
Soul[2]
EtichettaIsland Records
ProduttoreMarkus Dravs, Paul Epworth, James Ford, John Hill, Charlie Hugall, Kid Harpoon, Brett Shaw, Isabella Summers, Dan Wilson
Registrazione2014–2015
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[3]
(vendite: 7 500+)
Germania Germania[4]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 7 500+)
Stati Uniti Stati Uniti[6]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[7]
(vendite: 70 000+)
Polonia Polonia (3)[8]
(vendite: 60 000+)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: 300 000+)
Florence and the Machine - cronologia
Album precedente
(2012)
Album successivo
(2018)
Logo
Logo del disco How Big, How Blue, How Beautiful
Singoli
  1. What Kind of Man
    Pubblicato: 12 febbraio 2015
  2. Ship to Wreck
    Pubblicato: 8 aprile 2015
  3. Queen of Peace
    Pubblicato: 21 agosto 2015
  4. Delilah
    Pubblicato: 20 novembre 2015

How Big, How Blue, How Beautiful è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico Florence and the Machine, pubblicato il 29 maggio 2015 dalla Island Records.

Il disco, realizzato in un arco temporale di circa un anno, è stato accolto molto positivamente dalla critica specializzata, che ne ha lodato soprattutto la coesione, la produzione e l'interpretazione vocale della frontwoman Florence Welch. Esso è stato inserito dalla rivista Rolling Stone al terzo posto della classifica riguardante i venti migliori album pop del 2015[10] ed ha ricevuto due candidature nell'ambito dei prestigiosi Grammy Awards l'anno successivo.

AntefattiModifica

Nel 2011, i Florence and the Machine hanno pubblicato il loro secondo album discografico, Ceremonials, che non solo raggiunge la prima posizione nella Official Albums Chart britannica, ma fu anche il loro primo album a collocarsi entro i primi dieci posti all'interno della Billboard 200 statunitense, piazzandosi alla sesta posizione.[11][12] L'album ha incluso la canzone Spectrum (Say My Name), che è stata poi remixata dal musicista scozzese Calvin Harris ed è diventata il primo singolo del gruppo ad aver raggiunto la posizione numero 1 nella UK Singles Chart del luglio 2012.[13] Nell'agosto 2012, la frontwoman del gruppo Florence Welch ha rivelato al sito Style.com che avrebbe voluto prendersi una pausa di circa un anno dalla musica, spiegando: «La casa discografica non mi ha messo fretta per il prossimo anno, hanno detto che posso prendermi tutto il tempo che voglio».[14] Durante la sua pausa, la cantante è apparsa nell'album 18 Months di Calvin Harris, cantando la canzone Sweet Nothing che ha poi raggiunto la cima delle classifiche inglesi.[15][16]

In un'intervista con Zane Lowe avvenuta il 16 febbraio 2015, Florence Welch ha affermato di aver avuto una piccola crisi di nervi durante l'anno di pausa, il quale è stato un periodo piuttosto caotico della sua vita.[17] La lunga interruzione infatti è stata per la cantante una novità, in quanto fino ad allora era stata costantemente al lavoro durante la produzione degli album precedenti. Le sessioni di registrazione del nuovo progetto della band sono dunque state condotte durante un periodo molto vulnerabile della vita di Welch, rendendo l'album il suo lavoro più personale finora.

Florence ha iniziato a comporre il materiale per How Big, How Blue, How Beautiful subito dopo la fine del tour promozionale di Ceremonials, nel 2014.[18] In un comunicato stampa tenuto dalla band, è stato affermato che il nuovo album avrebbe affrontato temi innovativi, come la voglia di cercare di imparare a vivere e l'amore verso il mondo.[19][20] Il produttore Markus Dravs ha aiutato molto la Welch nell'esplorare la sua versatilità lirica. In un'intervista per la rivista NME, avvenuta nel giugno 2014, Welch ha elogiato le capacità di gestione di Dravs degli arrangiamenti strumentali, che hanno arrecato grande soddisfazione nella cantante.

PromozioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: How Big, How Blue, How Beautiful Tour.

Il 10 febbraio 2015, i Florence and the Machine hanno pubblicato un video musicale riguardante l'eponimo brano del progetto, per l'appunto How Big, How Blue, How Beautiful. Il video, nel quale viene mostrata Florence Welch mentre balla con un suo sosia, è stato diretto da Tabitha Denholm e Vincent Haycock ed è stato utilizzato per pubblicizzare il disco.[21][22] Due giorni dopo, è stato invece pubblicato il primo singolo ufficiale estratto dall'album, ovvero What Kind of Man, trasmesso per la prima volta durante la trasmissione di Zane Lowe su BBC Radio 1 ed accompagnato dal relativo videoclip musicale. Il successivo 23 marzo è stato distribuito il video di una nuova traccia, St. Jude, la cui scenografia rappresenta una prosecuzione rispetto al predecessore What Kind of Man.[23] Ship to Wreck, il secondo singolo ufficiale, è stato reso disponibile per il download digitale a partire dall'8 aprile.[24]

Ancor prima della pubblicazione effettiva dell'album, i Florence and the Machine hanno intrapreso una fitta promozione di alcune nuove canzoni attraverso esibizioni eseguite dal vivo. Il 28 aprile e il 9 maggio la band si è esibita con i brani What Kind of Man e Ship to Wreck ai noti talk show Later... with Jools Holland e Saturday Night Live.[25] Ship to Wreck è stato poi eseguito al The Tonight Show Starring Jimmy Fallon il 2 giugno successivo.[26]

 
I Florence and the Machine mentre si esibiscono al Rock Werchter nel 2015

Nell'estate 2015, il gruppo ha invece preso parte a diversi festival musicali, tra cui il Way Out West in Svezia, il Glastonbury Festival situato nella città omonima, il Super Bock Super Rock in Portogallo e il Rock Werchter in Belgio. Dal 9 settembre dello stesso anno, è partito inoltre il loro terzo tour mondiale, con concerti in tutti i continenti del pianeta eccetto l'Africa e protrattosi fino all'anno seguente.[27]

Gli ultimi due singoli estratti, Queen of Peace e Delilah, sono stati mandati alle stazioni radiofoniche britanniche rispettivamente il 21 agosto e il 20 novembre 2015.[28][29] Per Delilah è stata inoltre realizzata un'edizione in vinile esclusivamente per il Record Store Day 2016, contenente oltre al brano anche una cover di Only Love Can Break Your Heart di Neil Young.[30]

Il 25 aprile 2016, i Florence and the Machine pubblicano The Odyssey, un cortometraggio dalla durata di 47 minuti comprendente tutti i videoclip musicali precedentemente distribuiti. Esso si compone di nove capitoli: What Kind of Man, How Big, How Blue, How Beautiful, St. Jude, Ship to Wreck, Queen of Peace, Mother, Delilah e Third Eye. Il direttore dei video, Vincent Haycock, ha spiegato che The Odyssey segue un «viaggio personale compiuto da Florence Welch volto a ricercare una nuova se stessa dopo la tempesta emotiva del suo cuore spezzato. Come gli strati del Purgatorio dantesco, ogni canzone o capitolo rappresenta una battaglia che Florence ha dovuto sostenere e il paesaggio fisico rappresentato ha costituito ogni storia».[31]

AccoglienzaModifica

How Big, How Blue, How Beautiful ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte della critica specializzata. Su Metacritic, che assegna punteggi in centesimi tramite le recensioni di critici influenti, l'album ha totalizzato 77 punti con 31 opinioni positive, punteggio che segnala «recensioni generalmente favorevoli».[32] Kyle Anderson da Entertainment Weekly ha notato che il disco del gruppo «è il più crudo e smontato fino ad oggi», aggiungendo che «Florence Welch può aver creato un sound più sottile, ma la sua profondità emotiva e la capacità di meravigliare rimangono gigantesche.»[33] Consequence of Sound loda invece «il nuovo livello di eloquenza raggiunto per quanto riguarda la scrittura, facendo di Welch un'artista più completa che mai»; sempre sulla figura della frontwoman, ha anche dichiarato che «è evidente che lei è tra le superstar più meritevoli della sua generazione, per via del mantenimento di uno straordinario equilibrio di padronanza tecnica e lirismo sensibile».[34] Leonie Cooper, per NME, ha recensito: «dalla scrittura maestosa e l'artigianalità lirica, il disco costituisce un ritorno contenuto ma gioioso».[35] Carl Wilson della rivista Billboard ha invece commentato che «l'operato mostra un diverso tipo di padronanza, consentendo a sua volta un nuovo tipo di vulnerabilità, un esercizio di equilibrio particolarmente delicato per una giovane donna della musica pop».[36]

Helen Brown di The Daily Telegraph ha elogiato l'album definendolo «fragoroso» e ha dichiarato che Welch «ha trasformato la sua agitazione in un progetto potente, l'aggiunta di una nuova profondità spirituale e la consapevolezza matura del brivido dato da emozioni selvatiche è sempre stata in grado di pompare senza paura dal suo potente cuore e i suoi polmoni.»[37] Anche Pitchfork ha espresso la propria opinione in merito, descrivendo l'album come «un enorme e robusto lavoro costruito per le arene [...] ed è riccamente e attentamente progettato per supportare la vasta esposizione angosciosa di Welch.»[38] Will Hermes di Rolling Stone ha rilevato che «la Welch non è una cantante molto ritmica, lei è incline più verso potenti note raggiunte e una strutturazione drammatica; le sue mosse rock sono state talvolta percepite come pignole in passato. Ma qui, lei colpisce come un pugile.»[39] Tuttavia, non sono mancate recensioni non particolarmente entusiaste. Per esempio, Andrew Unterberger di Spin seppur abbia soprannominato l'album «un coerente ascolto, sia in termini di produzione costante e temi lirici [...]», esso «non è un grande album, e questo perché la produzione e la dinamica sono troppo compressi per la sua densa consistenza religiosa. Il disco è praticamente incapace di far mantenere l'attenzione per intero.»[40]

Svariate riviste musicali hanno invece incluso How Big, How Blue, How Beautiful fra i migliori album dell'anno, come il britannico The Huffington Post al sesto posto[41] e Paste al ventinovesimo.[42] Inoltre, è stato fra i progetti in lizza per il prestigioso ed annuale Mercury Prize nel 2015[43] ed ha ricevuto ben cinque candidature ai Premi Grammy dell'anno successivo.[44]

TracceModifica

  1. Ship to Wreck – 3:54 (Florence Welch, Kid Harpoon)
  2. What Kind of Man – 3:36 (Florence Welch, Kid Harpoon, John Hill)
  3. How Big, How Blue, How Beautiful – 5:34 (Florence Welch, Isabella Summers)
  4. Queen of Peace – 5:07 (Florence Welch, Markus Dravs)
  5. Various Storms & Saints – 4:09 (Florence Welch, Markus Dravs)
  6. Delilah – 4:53 (Florence Welch, Isabella Summers)
  7. Long & Lost – 3:15 (Florence Welch, Ester Dean)
  8. Caught – 4:24 (Florence Welch, James Ford)
  9. Third Eye – 4:20 (Florence Welch)
  10. St Jude – 3:45 (Florence Welch, James Ford)
  11. Mother – 5:49 (Florence Welch, Paul Epworth)
Tracce bonus nell'edizione vinile[45]
  1. As Far as I Could Get – 4:06 (Florence Welch, James Ford)
Tracce bonus nell'edizione deluxe[46]
  1. Hiding – 3:52 (Florence Welch, Kid Harpoon)
  2. Make Up Your Mind – 4:01 (Florence Welch, Isabella Summers)
  3. Which Witch (Demo) – 4:19 (Florence Welch)
  4. Third Eye (Demo) – 4:15 (Florence Welch, Isabella Summers)
  5. How Big, How Blue, How Beautiful (Demo) – 4:32 (Florence Welch)
Tracce bonus su Target[47]
  1. Pure Feeling – 4:08 (Florence Welch, James Ford)
  2. Conductor – 4:52 (Florence Welch, Dan Wilson)

FormazioneModifica

Florence and the Machine
Altri musicisti
  • Leo Abrahams – chitarra acustica (traccia 1); chitarra elettrica (tracce 2, 4-6, 9)
  • Max Baillie – viola (tracce 3, 5)
  • John Barclay – tromba (tracce 2-4, 9); trombino (traccia 3)
  • Nick Barr – viola (traccia 4)
  • Ian Belton – violino (tracce 3, 5)
  • Paul Epworth – basso, tamguri, chitarra, organo, percussioni, sintetizzatore (traccia 11)
  • James Hallawell – organo Hammond (tracce 1, 4); Farfisa, organi, pianoforte (traccia 7)
  • Eliza Marshall – flauto, flauto contralto (tracce 3,4)
  • Janelle Martin, Nim Miller, Baby N'Sola – cori (tracce 1-4, 9)
  • Markus Dravs – glockenspiel (traccia 1); percussioni, sintetizzatore (traccia 2); programmazione (tracce 7, 10); body percussioni, chitarra elettrica (traccia 9);
  • Daniel Newell – flicorno soprano, trombino, tromba (traccia 4)
  • Pete Prokopiw – arpa, cimbalom (traccia 3); programmazione (tracce 6, 7, 10)
  • Ed Tarrant – eufonio (tracce 2-4, 9)
  • Rebecca Wood – corno inglese, oboe (traccia 1)
  • Andy Wood – eufonio (tracce 2-4, 9); trombone (traccia 4)
  • Orlando Leopard – arrangiamento aggiuntivo, basso, armonium, organo, pianoforte (traccia 13)
  • Oren Marshall – tuba (tracce 2-4, 9)
Produzione
  • Markus Dravs – produzione (tracce 1-10)
  • Paul Epworth – produzione (traccia 10)
  • James Ford – produzione (traccia 12)
  • Isabella Summers – produzione (tracce 14, 16)
  • Robin Baynton – ingegneria del suono (tracce 1-7, 9, 10); registrazione (tracce 4, 10)
  • John Hill – coproduzione (traccia 2)
  • Mark Stant – missaggio (tracce 1, 2, 9, 12)
  • Iain Berryman – assistenza all'ingegneria del suono (tracce 1, 3-10); ingegneria del suono aggiuntiva (traccia 2);
  • Geoff Swan – assistenza al missaggio (tracce 1, 2, 9, 12)
  • Charlie Hugall – produzione, ingegneria del suono (traccia 13) missaggio (tracce 13, 14)
  • Kid Harpoon – produzione (traccia 1); coproduzione (traccia 13)
  • Craig Silvey – missaggio (tracce 3-8, 10, 11)
  • Ronan Phelan – assistenza alla registrazione (tracce 2–5, 9)
  • Eduardo de la Paz – assistenza al missaggio (tracce 3-8, 10, 11)
  • Alex Beitzke – ingegneria del suono (tracce 14, 16)
  • Ted Jensenmastering
  • Jonathan Sagis – assistenza all'ingegneria del suono (tracce 1-10)
  • Brett Shaw – ingegneria del suono, missaggio, produzione (traccia 15)
  • John Catlin – assistenza al missaggio (traccia 14)
  • Dan Wilson – produzione (traccia 18)
  • Brian Roettinger – direzione artistica

Successo commercialeModifica

How Big, How Blu, How Beautiful ha esordito direttamente al primo posto delle graduatorie in Regno Unito grazie ad una vendita pari a 68.788 unità, ponendosi così come il terzo album consecutivo della band in tale posizione.[48] Nella seconda settimana di disponibilità, è scivolato al secondo che ha mantenuto per due settimane di fila,[49][50] prima di reclamare la cima della classifica con 14.419 copie vendute allo scoccare del primo mese.[51] Anche negli Stati Uniti, il disco si è posto al vertice della Billboard 200 grazie alle 137.000 vendite realizzate.[52] Ha contrassegnato il primo progetto musicale dei Florence and the Machine nel Paese a spingersi all'apice ed anche il loro più grande debutto settimanale in termini di vendite. A partire dal dicembre 2015, è stato riportato che l'album aveva sorpassato la soglia delle 290.000 copie.[53]

Altrove, How Big, How Blue, How Beautiful si è collocato primo in Australia, Irlanda, Nuova Zelanda, Polonia e Svizzera, mentre ha raggiunto le prime cinque posizioni in Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo e Spagna. Inoltre, secondo i dati di mercato riportati dal sito Mediatraffic, il disco risulta anche essere il secondo più venduto a livello mondiale nel periodo di tempo riguardante la ventiseiesima settimana dell'anno 2015, dietro solo al gruppo musicale giapponese Mr. Children.[54]

ClassificheModifica

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (2015) Posizione
Australia[63] 10
Canada[64] 24
Nuova Zelanda[65] 15
Regno Unito[66] 19
Stati Uniti[67] 86

NoteModifica

  1. ^ Stefano Fiori, Florence + The Machine - How Big, How Blue, How Beautiful, OndaRock, 4 giugno 2015. URL consultato il 24 settembre 2017.
  2. ^ a b c (EN) Ryan Reed, Florence + the Machine: How Big, How Blue, How Beautiful Review, Paste, 2 giugno 2015. URL consultato il 24 settembre 2017.
  3. ^ (DE) Gold & Platin, IFPI. URL consultato il 9 aprile 2016. Scrivere "How Big, How Blue, How Beautiful" accanto a "Titel"
  4. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 28 maggio 2019.
  5. ^ (EN) NZ Top 40 Albums, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 21 aprile 2016.
  6. ^ (EN) How Big, How Blue, How Beautiful – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 26 giugno 2018.
  7. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations 2016 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 24 aprile 2016.
  8. ^ (PL) przyznane w 2016 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  9. ^ (EN) Certified Award, British Phonographic Industry. URL consultato il 19 marzo 2016. Scrivere "How Big, How Blue, How Beautiful" a fianco a "Keywords" e premere "Search"
  10. ^ (EN) Jon Dolan, Brittany Spanos, Kory Grow, Simon Vozick-Levinson, Keith Harris, Maura Johnston e Rob Sheffield, 20 Best Pop Albums of 2015, Rolling Stone, 18 dicembre 2015.
  11. ^ (EN) Adam Bychawski, Florence And The Machine's 'Ceremonials' goes straight to Number One, New Musical Express, 6 novembre 2011. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  12. ^ (EN) Keith Caulfield, Justin Bieber's 'Mistletoe' Brightens Billboard 200 With No. 1 Debut, su Billboard, Prometheus Global Media, 9 novembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012.
  13. ^ (EN) Dan Lane, Florence And The Machine score first ever Number 1 with a little help, Official Charts Company, 15 luglio 2012. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  14. ^ (EN) Adam Bychawski, Florence And The Machine's Florence Welsh to 'take a year off', su NME, Time Inc. UK, 27 agosto 2012. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  15. ^ (EN) Marc Hogan, Florence Welch Suits Up for Calvin Harris' 'Sweet Nothing' Video, su Spin, 21 settembre 2012. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  16. ^ (EN) Brand Barstein, Calvin Harris & Florence score second collaborative Number 1 of the year, Official Charts Company, 21 ottobre 2012. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  17. ^ (EN) Leonie Cooper, Florence Welch reveals 'chaotic' year and 'nervous breakdown' behind new album, su NME, Time Inc. UK, 16 febbraio 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  18. ^ (EN) Hugh McIntyre, Florence + The Machine Get Candid About Their Incredible New Album, su Forbes, 4 giugno 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  19. ^ (EN) Michelle Geslani, Florence & the Machine premiere "What Kind of Man", the first single from new album, Consequence of Sound, 12 febbraio 2015. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  20. ^ (EN) Brennan Carley, Florence + the Machine Announce Third Album, 'How Big How Blue How Beautiful', su Spin, 12 febbraio 2015. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  21. ^ (EN) Alex Young, Florence and the Machine premiere new song "How Big, How Blue, How Beautiful" — listen, su Consequence of Sound, 10 febbraio 2015.
  22. ^ (EN) Harriet Gibsone, Florence and The Machine announce details of new album, How Big How Blue How Beautiful, su The Guardian, 12 febbraio 2015.
  23. ^ (EN) Jeremy Gordon, Florence and the Machine Shares "St. Jude" Video, Pitchfork, 23 marzo 2015.
  24. ^ (EN) Brittany Spanos, Florence + the Machine Build a 'Ship to Wreck' in New Song, Rolling Stone, 8 aprile 2015.
  25. ^ (EN) Zoe Camp, Florence and the Machine Perform "What Kind of Man", "Ship to Wreck" on "Saturday Night Live", Pitchfork, 10 maggio 2015.
  26. ^ (EN) Molly Beauchemin, Florence and The Machine Perform "Ship to Wreck" on "Fallon", Pitchfork, 3 giugno 2015.
  27. ^ (EN) Luke Morgan Britton, Florence + The Machine announce K and Ireland tour for September, New Musical Express, 8 giugno 2015.
  28. ^ (EN) BBC – Radio 1 – Playlist, BBC Radio 1 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2015).
  29. ^ (EN) BBC – Radio 1 – Playlist, BBC Radio 1 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  30. ^ (EN) Florence + The Machine – Delilah / Only Love Can Break Your Heart, Record Store Day. URL consultato il 25 aprile 2016.
  31. ^ Filippo Ferrari, “The Odyssey”, il film di Florence + The Machine con la regia di Vincent Haycock, su Rolling Stone, 26 aprile 2016.
  32. ^ (EN) Reviews for How Big, How Blue, How Beautiful by Florence + the Machine, Metacritic.
  33. ^ (EN) Kyle Anderson, How Big How Blue How Beautiful by Florence + The Machine: EW review, su Entertainment Weekly, 4 giugno 2015.
  34. ^ (EN) Michael Madden, Florence and the Machine – How Big, How Blue, How Beautiful, su Consequence of Sound, 3 giugno 2015.
  35. ^ (EN) Leonie Cooper, Florence + The Machine – 'How Big, How Blue, How Beautiful' Review, su NME, 19 maggio 2015.
  36. ^ (EN) Carl Wilson, Florence & The Machine Displays Different Kind of Vulnerability on 'How Big How Blue How Beautiful': Album Review, su Billboard, 26 maggio 2015.
  37. ^ (EN) Helen Brown, Florence & the Machine, How Big, How Blue, How Beautiful, review: 'thunderous', su The Daily Telegraph, 30 maggio 2015.
  38. ^ (EN) Douglas Wolk, Florence and the Machine: How Big, How Blue, How Beautiful, Pitchfork, 2 giugno 2015.
  39. ^ (EN) Will Hermes, How Big How Blue How Beautiful, su Rolling Stone, 2 giugno 2015.
  40. ^ (EN) Andrew Unterberger, Review: Florence + the Machine Go Big, Then Go Home on 'How Big, How Blue, How Beautiful', su Spin, 4 giugno 2015.
  41. ^ (EN) Kristi York Wooten, The Best Albums of 2015: Did Your Favorite Make the List?, su The Huffington Post, 20 dicembre 2015.
  42. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2015, su Paste, 1º dicembre 2015.
  43. ^ (EN) Mark Savage, Mercury music prize: Winner Benjamin Clementine dedicates prize to Paris, su bbc.com, 20 novembre 2015.
  44. ^ (EN) Kendrick Lamar Tops Grammy Nominations; Full List, su The Hollywood Reporter, 7 dicembre 2015.
  45. ^ (EN) How Big, How Blue, How Beautiful [VINYL] Double LP, Amazon.
  46. ^ (EN) How Big, How Blue, How Beautiful (Deluxe Edition), Amazon.
  47. ^ (EN) Florence + The Machine – How Big How Blue How Beautiful – Target Exclusive, Target.
  48. ^ (EN) Alan Jones, Official Charts Analysis: Florence & The Machine leads all new Top 4 with sales of 68,788 [collegamento interrotto], su Music Week, 8 giugno 2015.
  49. ^ (EN) Liv Moss, Official Charts Company, 14 giugno 2015, http://www.officialcharts.com/chart-news/muse-score-fifth-uk-chart-topper-with-drones__9838/.
  50. ^ (EN) Justin Myers, Muse are Number 1 album for a second week, Official Charts Company, 21 giugno 2015.
  51. ^ (EN) Alan Jones, Official Charts Analysis: Florence & The Machine beats Wolf Alice to No.1 by 528 sales [collegamento interrotto], su Music Week, 29 giugno 2015.
  52. ^ (EN) Keith Caulfield, Florence + the Machine Scores First No. 1 Album on Billboard 200 Chart, su Billboard, 10 giugno 2015.
  53. ^ (EN) YTD Top 50 Albums Chart, su Hits Double Daily, 18 dicembre 2015.
  54. ^ (EN) ALBUMS week 25 / 2015 – June 20, Mediatraffic.
  55. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (DE) Florence + The Machine - How Big, How Blue, How Beautiful, Hung Medien. URL consultato il 7 giugno 2015.
  56. ^ (EN) Florence + the Machine – Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato l'11 giugno 2015.
  57. ^ Finnishcharts.com – Florence + The Machine – How Big, How Blue, How Beautiful, Hung Medien. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  58. ^ Official IFPI Charts – Top-75 Albums Sales Chart (Week: 24/2015), IFPI Greece, 27 giugno 2015.
  59. ^ (EN) GFK Chart-Track Albums: Week 23, 2015, GFK Chart-Track. URL consultato l'8 giugno 2015.
  60. ^ (PL) Oficjalna lista sprzedazy :: OLIS, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 12 giugno 2015.
  61. ^ (EN) 2015-06-13 Top 40 Official UK Albums Archive, Official Charts Company. URL consultato il 16 giugno 2015.
  62. ^ (EN) Florence + the Machine – Chart history, Billboard. URL consultato il 20 giugno 2015.
  63. ^ (EN) ARIA Charts – End Of Year Charts – Top 100 Albums 2015, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  64. ^ (EN) Top Canadian Albums: Year End 2015, su Billboard, Prometheus Global Media. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  65. ^ (EN) Top Selling Albums of 2015, Recorded Music NZ. URL consultato il 19 marzo 2016.
  66. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 – 2015, Official Charts Company. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  67. ^ (EN) Top Billboard 200 Albums - Year End 2015, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2015.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock