Apri il menu principale
Hu Shi
Hu Shih 1960 color.jpg

Ambasciatore della Repubblica di Cina negli Stati Uniti d'America
Durata mandato 29 ottobre 1938 –
1º settembre 1942
Predecessore Wang Zhengting
Successore Wei Taoming

Dati generali
Università Cornell University
Professione Scrittore

Hu Shi[1] (胡適T, 胡适S, Hú ShìP; Jixi, 17 dicembre 1891Taipei, 24 febbraio 1962) è stato uno scrittore e diplomatico cinese.

Indice

BiografiaModifica

Il percorso di studi universitari di Hu Shi si svolse negli Stati Uniti d'America, dal 1910 al 1917, dapprima alla Cornell University e successivamente alla Columbia University, dove fu allievo del filosofo Thomas Dewey.

Tornato in Cina collaborò attivamente alla rivista Nuova Gioventù, fu il rivoluzionario autore del dramma Il grande evento della vita (1919), e sostenne l'introduzione e l'utilizzo della lingua parlata negli scritti letterari, l'importanza di distaccarsi dalla letteratura antica dando priorità ai contenuti ed alla comunicazione di idee, di emozioni e di riflessioni.[2]

Nel 1923 fondò la Società della luna crescente, svolse incarichi diplomatici negli Stati Uniti dal 1938 al 1945, diresse l'Università di Pechino per quattro anni, ma fu travolto dal rinnovamento che egli aveva voluto causare ed esiliato, dapprima a New York e dopo a Taiwan, a causa dei suoi non buoni rapporti con i comunisti cinesi.[3][4]

Tra le sue opere principali si possono citare il volume di poesie intitolato Ch'ang-shih chi (Raccolta sperimentale, 1918), i saggi filosofici The development of the logical method in ancient China del 1922 e The Chinese renaissance del 1934.[2]

NoteModifica

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Hu" è il cognome.
  2. ^ a b Le Muse, vol. 6, Novara, De Agostini, 1965, p. 22.
  3. ^ Hu Shi, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 21 agosto 2016.
  4. ^ Hu Shih - Chinese leader and scholar, nella Encyclopedia Britannica, su britannica.com. URL consultato il 21 agosto 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71426854 · ISNI (EN0000 0001 2138 7337 · LCCN (ENn80131442 · GND (DE118945211 · BNF (FRcb12141238x (data) · NLA (EN36602117 · NDL (ENJA00315501 · WorldCat Identities (ENn80-131442