Apri il menu principale

Hubert Humphrey

politico statunitense
Hubert Humphrey
38 H Humphrey 3x4 (cropped).jpg

38º Vicepresidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 20 gennaio 1965 –
20 gennaio 1969
Presidente Lyndon B. Johnson
Predecessore Lyndon B. Johnson
Successore Spiro Agnew

Senatore degli Stati Uniti per il Minnesota
Durata mandato 3 gennaio 1971 - 13 gennaio 1978
Predecessore Eugene McCarthy
Successore Muriel Humphrey Brown

Durata mandato 3 gennaio 1949 - 29 dicembre 1964
Predecessore Joseph H. Ball
Successore Walter Mondale

35º Sindaco di Minneapolis
Durata mandato 2 luglio 1945 - 30 novembre 1948
Predecessore Marvin L. Kline
Successore Eric G. Hoyer

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di Hubert Humphrey

Hubert Horatio Humphrey II (Wallace, 27 maggio 1911Waverly, 13 gennaio 1978) è stato un politico statunitense, vicepresidente degli Stati Uniti sotto la presidenza di Lyndon B. Johnson dal 1965 al 1969.

BiografiaModifica

Humphrey fu dapprima sindaco di Minneapolis, poi senatore democratico del Minnesota e infine 38° Vice Presidente degli Stati Uniti dal 1965 al 1969 sotto la presidenza di Lyndon Johnson. Dopo la rinuncia di Lyndon Johnson ad una nuova nomination, si candidò alla primarie democratiche assieme a Robert Kennedy. Inizialmente in grande vantaggio, negli ultimi mesi di primarie Humphrey venne quasi raggiunto da Kennedy, il quale però venne ucciso.

Vinte le primarie democratiche dopo l'assassinio di Kennedy, si candidò alle elezioni presidenziali del 1968 contro il repubblicano Richard Nixon, che vinse le elezioni con un ampio margine di vantaggio in termini di grandi elettori (301 voti contro i 191 di Humphrey), ma con un margine estremamente esiguo nel voto popolare (con una differenza tra i due candidati di soli 500.000 voti). Massone, fu membro della Loggia Cataract n. 2 di Minneapolis, nel 1973 ha ricevuto dalla Gran Loggia di New York la Distinguished Achievement Award Medal[1]. Chiamato "l'allegro guerriero" per il suo inesauribile ottimismo, Humphrey morì a 66 anni per un tumore.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Giordano Gamberini, Mille volti di massoni, Roma, Ed. Erasmo, 1975, p. 253.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN27881465 · ISNI (EN0000 0001 1023 276X · LCCN (ENn79026910 · GND (DE11942813X · BNF (FRcb120016877 (data) · NDL (ENJA00522784 · WorldCat Identities (ENn79-026910