Humayun

imperatore indiano
Humāyūn
Хумаюн. Деталь миниатюры из Бабурнаме. 1590е гг. Москва, ГМВ.jpg
Da una miniatura del Bābur-nāme (1590)
Imperatore Moghul
In carica 1530-1540 –
1555-1556
Incoronazione 1530
Predecessore Bābur
Successore Akbar
Nome completo Naṣīr al-Dīn Muḥammad Humāyūn
Nascita Kabul, 7 marzo 1508
Morte Delhi, 17 gennaio 1556
Luogo di sepoltura Delhi (tomba di Humāyūn)
Casa reale Timuridi
Padre Bābur
Madre Māh Čūčak Bēgum
Consorte Ḥamīda Bānū Bēgum
Figli *al-Āmān Mīrzā
*Akbar
*Mīrzā Muḥammad Ḥakīm
Religione musulmana sunnita

Naṣīr al-Dīn Muḥammad Humāyūn, più comunemente noto come Humāyūn, (persiano: نصیر الدین محمد همایون‎‎) (7 marzo 150817 gennaio 1556), fu il secondo sovrano timuride della dinastia Moghul dell'India. Discendente diretto di Tamerlano, fu figlio del fondatore dell'impero Bābur e padre di Akbar.

BiografiaModifica

Quando Bābur morì nel 1530, subentrò al padre sul trono dell'impero, ricevendo un territorio immenso, esteso dall'Asia centrale, passando per Kabul e il Punjab, fino a Delhi, Bihar ad est e Gwalior a sud.
La tradizione turco-mongola stabiliva che alla morte del padre, il primogenito dovesse assegnare agli altri fratelli altrettanti territori da governare. Così al primo fratello, Mīrzā Sulaymān, toccò il Badakhshan, a Kāmrān Mīrzā Kabul e Kandahar, mentre in India estese regioni vennero assegnate ad ʿAskari e Hindal. Durante il primo anno di regno, Kāmrān Mīrzā e ʿAskari si impossessarono del Punjab, cacciandone i responsabili imperiali.

A nord intanto, Bahādur Shāh, sovrano del Gujarat, occupò il sultanato di Malwa, avvalendosi delle avanzate armi da fuoco e delle tecnologie europee fornite dai Portoghesi. Nel Bihar meridionale invece, Shēr Shāh Sūrī, un signore del luogo, imperversava con la sua guerriglia anti-moghul e nel 1537 giunse a invadere il Bengala, riuscendo a battere Humāyūn in ben due occasioni. Il sultano sconfitto, si rifugiò coi resti dell'esercito a Lahore e Kāmrān Mīrzā, il fratello governatore del luogo, non gli consentì di riparare a Kabul. Da quel momento Humāyūn, formalmente spodestato, non poté ritornare nel suo impero, vivendo da esule e cercando aiuti all'estero per riprendersi il potere.

Solo nel 1544 riuscì a trovare asilo a Herat, dove il sovrano safavide persiano Ṭahmasp lo indusse ad abbracciare l'Islam sciita, fornendogli il sostegno militare necessario a riconquistare il trono. Grazie a questi rinforzi, Humāyūn avviò un conflitto durato otto anni contro Kāmrān, alla fine del quale (1553) riuscì a riprendere Kandahar e Kabul e a catturare il fratello (che venne abbacinato). Di qui Humāyūn ridiscese in India dove, alla morte di Shēr Shāh nel 1545, che si era autoproclamato shāh, il figlio di questi, Islàm Shāh Sūrī, non era riuscito ad evitare la divisione dell'impero tra i fratelli. L'impero risultava quindi diviso tra potenziali concorrenti, che risultò facile a Humāyūn abbattere, conquistando una vittoria fondamentale a Sirhind, nel Punjab, contro Sikandar Shāh.

Nel 1555 Humāyūn entrava trionfalmente a Delhi. Poco tempo dopo tuttavia rimase ucciso in un incidente, pare occorsogli nella biblioteca del palazzo reale (ebbe infatti interessi scientifici e letterari). Tenuta nascosta la sua morte per diversi giorni, mentre si approntava il regolamento della successione, alla fine di questo tempo, fu proclamato nuovo imperatore il figlio quattordicenne Akbar.

 
Tomba di Humāyūn a Delhi.

Dopo alcuni anni dalla sua scomparsa, la salma di Humāyūn fu tumulata nel sontuoso mausoleo voluto dalla moglie Ḥamīda Bānū Bēgum, nel 1562, uno dei capolavori dell'architettura islamica indiana.

Humāyūn e suo figlio Akbar presero lezioni di pittura dal maestro pittore, calligrafo e miniatore Khwāja ʿAbd al-Ṣamad.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11090963 · ISNI (EN0000 0000 9722 2603 · LCCN (ENn50034146 · GND (DE121823423 · BNF (FRcb15029392r (data) · CERL cnp00443513 · WorldCat Identities (ENlccn-n50034146