Apri il menu principale
Hurricane Polimar
破裏拳ポリマー
(Hariken Porimā)
Polimar.jpg
Generefantascienza
Serie TV anime
RegiaHisayuki Toriumi
SoggettoTatsuo Yoshida
SceneggiaturaJinzō Toriumi, Akiyoshi Sakai, Toshio Nagata
Char. designTatsuo Yoshida, Yoshitaka Amano
Mecha designMitsuki Nakamura, Kunio Ōkawara
Dir. artisticaMitsuki Nakamura
MusicheShunsuke Kikuchi
StudioTatsunoko Production
ReteNET, TV Asahi
1ª TV4 ottobre 1974 – 28 marzo 1975
Episodi26 (completa)
Durata ep.25 min
1ª TV it.1979
OAV
Hurricane Polymar - Holy Blood
RegiaAkiyuki Arafusa
SceneggiaturaHideki Kakinuma
Char. designYasuomi Umetsu
Mecha designMasashi Ishihama
StudioTatsunoko Production
1ª edizione1996
Rete it.Rete 4
Episodi it.2 (completa)

Hurricane Polimar (破裏拳ポリマー Hariken Porimā?) è un anime giapponese degli anni settanta prodotto dalla Tatsunoko. La serie animata è stato creata da Tatsuo Yoshida, che aveva prodotto altre serie della Tatsunoko. Altre traduzioni del nome includono Hurricane Polymer e Hariken Polymar (scritto usando kanji giapponesi). Il personaggio è l'identità segreta di Takeshi Yoroi (鎧 武士 Yoroi Takeshi?).[1] Un remake è stato pubblicato in Giappone nel 1996.[2]

Indice

Produzione e trasmissioneModifica

Venne prodotto nel 1974 dalla Tatsunoko insieme ad altre serie come Tekkaman, Kyashan e Gatchaman nate su ispirazione dei supereroi americani rivisitati e adattati alla cultura nipponica ottenendo grande successo. Da tale genere occidentale la serie riprende, variandoli, alcuni stereotipi come, ad esempio, la simulata inettitudine del protagonista quando è semplicemente Takeshi e non Polimar (Takeshi in realtà, pur senza i poteri del polymet, è pur sempre un intelligente e coraggioso esperto di arti marziali, come mostrato in più di un episodio, e non il pavido fannullone che finge di essere). Tale inettitudine simulata, infatti, è un elemento ricorrente tra i supereroi americani con un'identità segreta da proteggere: basti pensare al senso di inadeguatezza mostrato da Clark Kent quando non veste i panni di Superman. L'anime fu trasmesso per la prima volta da Antenna Nord nel 1979 e successivamente su Rete 4 nel 1981.

TramaModifica

Il giovane Takeshi Onikawara, un ragazzo all'apparenza goffo e scansafatiche, entra in possesso del polimet, uno speciale casco che riveste chi lo indossa di un polimero pressoché indistruttibile, consentendo anche di trasformarsi in qualunque veicolo (aereo, sottomarino, ecc.). Le trasformazioni però possono avere una durata massima di 46 minuti e 1 secondo, superati i quali avviene la morte di chi indossa il casco. Il ragazzo, in disaccordo con il padre (capo dell'Interpol), riceve in dono il polimet dal suo inventore – uno scienziato ucciso da una banda di criminali – e, dopo essersi addestrato nel suo utilizzo, cambia il suo cognome in Yoroi e passa a lavorare come assistente di Joe Kuruma, un investigatore privato da quattro soldi. Kuruma opera con lo pseudonimo di Sherlock Holmes Jr., assistito dalla propria segretaria Teru e da un cane San Bernardo di nome Barone. Grazie all'uso del polimet, Takeshi riuscirà a risolvere qualunque caso, diventando così Hurricane Polimar (nell'originale inglese Hurricane Polymar).

Indossa un abito speciale che gli consente di combattere il crimine. La tuta è realizzata in polimero a memoria di forma che gli consente di assumere qualsiasi forma, compresa la trasformazione in 5 diversi veicoli.[1]

PersonaggiModifica

ComprimariModifica

  • Teru Naruba, segretaria di Kuruma;
  • Barone (Danshaku), un cane che ragiona come un uomo ed è l'unico a conoscere la vera identità di Hurricane Polimar; nell'ultimo episodio della serie sarà proprio Barone a lanciare il casco a Takeshi, il quale si trasforma in Polymar in presenza dei suoi amici e di suo padre in pericolo e il segreto di Polymar viene così svelato ma, nonostante ciò, Takeshi continuerà a lavorare con Kuruma.
  • Joe Kuruma, investigatore scalcinato e pasticcione, armato di una pistola finta, caricata ad acqua e a volte ad alcolici.

AvversariModifica

In ogni puntata i protagonisti indagano su una banda di rapinatori e si conclude con lo scontro tra Polymar e i criminali. Tutti i membri di ogni banda indossano tuta e armamentario in tema con qualche tipo di animale come la banda dei ragni che vuole impossessarsi di tutto l'uranio del mondo per costruire una potentissima bomba atomica; ci sono poi i ladri talpa, specializzati nel furto di gioielli all'interno di templi antichi; la banda dei dobermann progetta un attentato contro il direttore dell'Interpol Onikawara, padre di Takeshi, ma anche questa volta l'intervento di Hurricane Polimar sarà determinante e risolutore; particolari problemi incontrerà invece nell'affrontare la banda dei gatti che, grazie agli ultimi ritrovati della scienza sottratti ai più grandi scienziati del mondo, trama per dominare l'intero pianeta con la costruzione di armi micidiali; la banda dell'uomo-uccello Torimeka sequestra i migliori scienziati per costruire una razza super-intelligente e la banda della piovra elettrica, alla ricerca della mappa di un antico tesoro indù o la banda dei topi che in città compie un notevole numero di rapine. Picadale, l'uomo fulmine, il Demone Congelatore, i Demoni Lucertola, la banda del dottor Yes, la Volpe Trasformista, l'Uomo-Piovra e i Pesci Volanti.

AmbientazioniModifica

Principale ambientazione è la città immaginaria di Washinkyo[3], in cui hanno sede sia l'agenzia di Kuruma che gli uffici dell'Interpol.

Elenco degli episodiModifica

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1La banda Masasabi
「怪盗むささび党」 - Kaitō musasabi tō
4 ottobre 1974
2Lo Scorpione Rosso
「暗殺鬼紅さそり」 - Ansatsu oni kurenai sasori
11 ottobre 1974
3Il riscatto di Hundreg
「メカギャング むかで作戦」 - Mekagyangu mukade sakusen
18 ottobre 1974
4Il serpente a sonagli
「とぐろ魔王ガラガラ蛇」 - Toguro maō garagara hebi
25 ottobre 1974
5La banda del Ragno
「糸ぐる魔人土ぐも」 - Ito guru majin tsuchi gumo
1º novembre 1974
6I ladri talpa
「メカ変化もぐら盗賊団」 - Meka henka mogura tōzoku dan
8 novembre 1974
7La gang dei Dobermann
「わんわんカムキラー」 - Wanwan kamukira
15 novembre 1974
8La pianta dell'ascidio
「溶解マシン ウツボーラ」 - Yōkai mashin'u tsubōra
22 novembre 1974
9La banda del Gatto
「猫魔団闇を躍る」 - Nekoma dan yami wo odoru
29 novembre 1974
10La banda della Piovra Elettrica
「電魔団クラゲラー」 - Den ma dan kuragera
6 dicembre 1974
11Lupo Bianco e la banda dei Lupi Robot
「メカ獣団ホワイトライア」 - Meka kemono dan howaitoraia
13 dicembre 1974
12Torimeka, l'uomo uccello
「鳥人トリメカマン」 - Chōjin torimekaman
20 dicembre 1974
13Gli Uomini Farfalla
「幻影おぼろ蝶」 - Gen'ei oboro chō
27 dicembre 1974
14Guerra alla banda dei Topi
「ちゅうちゅう大作戦」 - Chūchū daisakusen
3 gennaio 1975
15Picadale, il misterioso Uomo Fulmine
「稲妻怪人ピカデール」 - Inaduma kaijin pikaderu
10 gennaio 1975
16Pirakans
「獣魚海賊ピーラカンス」 - Kemono sakana kaizoku pirakansu
17 gennaio 1975
17Il segreto della nascita di Polimar
「ポリマー誕生の秘密」 - Porima tanjō no himitsu
24 gennaio 1975
18Crisi sotto i 50 gradi
「マイナス50度の危機」 - Mainasu 50 do no kiki
31 gennaio 1975
19Sylcot e la lingua del gigante
「えん魔怪人ベロダッセ」 - En ma kaijin berodasse
7 febbraio 1975
20La banda dei Pesci Arcieri
「怪盗でっぽう魚人」 - Kaitō deppō sakana nin
14 febbraio 1975
21La Volpe Trasformista
「コンコン七変化」 - Konkon shichihenge
21 febbraio 1975
22La vendetta di Kyro Beetle
「復讐鬼ケラカブト」 - Fukushūki kerakabuto
28 febbraio 1975
23L'attacco dei Pesci Volanti
「海底魔人ウオトンビ」 - Kaitei majin uotonbi
7 marzo 1975
24L'Uomo Piovra
「怪傑タコ仮面」 - Kaiketsu tako kamen
14 marzo 1975
25La banda delle Tartarughe
「海亀将軍ベッコーダー」 - Umi kame shōgun bekkōda
21 marzo 1975
26L'ultima apparizione di Polimar
「ポリマー最後の決戦」 - Porima saigo no kessen
28 marzo 1975

DoppiaggioModifica

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Takeshi/Polimar Kazuyuki Sogabe Sandro Acerbo
Gen. Onikawara Arturo Dominici
Joe Karuma Takeshi Aono Massimo Giuliani
Barone Gigi Reder
Teru Simona Izzo (ep. 1-6)

Silvia Tognoloni (ep. 7-26)

Vice Preside Napani Franco Odoardi
Torai Cesare Barbetti
Re di Laun Sandro Iovino
Sally "Black Shark" Anna Rita Pasanisi
Agente 005 Piero Tiberi
Segretario Presid. Franco Odoardi
Dott. Land Sergio Fiorentini
Gatto Piero Tiberi
Merlo Indiano Anna Maria Savagnone
Piovra Franco Odoardi
Tifone Germana Dominici
Signore degli uomini

farfalla

Sandro Iovino
Severrat Sergio Fiorentini
Regina Yonouwara Clelia Bernacchi
Megera Onirica Clelia Bernacchi
Picadale Michele Gammino
Pira Kan Piero Tiberi
Capo Rettile Michele Gammino
Sckilton Mario Mastria
Michi Anna Rita Pasanisi
Kiro Piero Tiberi
William Sandro Iovino
Gen. Tartaruga Mario Mastria
Pipis Vittorio Stagni
Conte Yokubari Sergio Fiorentini
Segretaria di Onikawara Maria Grazia Dominici

SigleModifica

Le sigle di apertura e chiusura giapponesi, rispettivamente Tatakae! Polymar (Combatti! Polymar) e Tenshin Polymar sono cantate da Isao Sasaki con il coro di "Colombia" Kai Yurikago, testi di Jinzo Torimi e musiche di Shunsuke Kikuchi. La sigla italiana Hurricane Polimar è stata incisa da Gabriele Grosso (Edizioni Cartoomix) e cantata dai CartoonMatti.

RemakeModifica

Un remake è stato pubblicato in Giappone il 21 settembre 1996, seguito dall'episodio 2 il 21 febbraio 1997. Successivamente è stato soprannominato New Generation Pictures ed è stato rilasciato negli Stati Uniti da Urban Vision su VHS nel 1998. È stato ripubblicato da Discotek Media su DVD il 19 marzo 2013.[2]

Altri mediaModifica

Original anime videoModifica

  • Hurricane Polymar - Holy Blood (新・破裏拳ポリマ?), 1996, due episodi e importato in Italia da Yamato Video.

VideogiochiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b TATSUNOKO PRODUCTION, タツノコプロ | 破裏拳ポリマー, su www.tatsunoko.co.jp. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  2. ^ a b Discotek Adds Hurricane Polymar Original Video Anime, Anime News Network, 12 agosto 2012. URL consultato il 10 novembre 2012.
  3. ^ deriva dall'unione dei nomi di due città reali: Washington e Tokyo
  4. ^ Tatsunoko vs Capcom - Polimar. Archiviato il 23 giugno 2013 in Internet Archive. Sito ufficiale del videogioco
  5. ^ (EN) Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All-Stars WII Review - www.impulsegamer.com -, in www.impulsegamer.com. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  6. ^ Console Nintendo • Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All-Stars • Recensione. Archiviato il 26 aprile 2014 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica