Husein Kavazović

Gran Mufti di Bosnia ed Erzegovina
Husein Kavazović
Husein ef. Kavazović.jpg

Gran Muftì di Bosnia ed Erzegovina
In carica
Inizio mandato 2012
Predecessore Mustafa Cerić

Dati generali
Prefisso onorifico ef.
Università Università al-Azhar, Università di Sarajevo
Professione imam

Hussein Kavazović (Gradačac, 3 luglio 1964) è un imam bosniaco, dal settembre 2012 Gran Muftì della Bosnia ed Erzegovina.

BiografiaModifica

Figlio di Hasan e Saima Kavazović,[1] Husein frequenta le scuole a Gradačac la Gazi Husrev-Bey Madrasa a Sarajevo, dove si diploma nel 1983. Lascia quindi la Jugoslavia per studiare diritto islamico tra il 1985 e il 1990 all'Università al-Azhar del Cairo, quindi ritorna in patria per difendere la propria tesi di master alla Facoltà di Studi Islamici dell'Università di Sarajevo.[2][3]

Lavora come imam, hatib e mualim in varie congregazioni musulmane a Srebrenik e Gradačac, prima di divenire muftī di Tuzla dal 1993 al 2012. A inizio anni '90 è anche eletto membro del Consiglio della Comunità Islamica di Bosnia ed Erzegovina (Islamska Zajednica, IZ).

Nel 2012 la Comunità Islamica lo elegge con 240 preferenze su 382 Gran Muftì (reis-ul-ulema) di Bosnia ed Erzegovina, il 14° a partire dal 1882, succedendo così a Mustafa Cerić. Nel suo programma elettorale, Kavazović spinge per la cooperazione con le altre comunità religiose e una maggiore "incorporazione delle donne nel lavoro della comunità religiosa musulmana".

Parla bosniaco, arabo e inglese.[4][5][6][7]

NoteModifica

  1. ^ Biografija reisu-l-uleme mr. Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Novi reisu-l-ulema mr. Husein ef. Kavazović, su balkanpost.net. URL consultato il 1. 1. 2016.
  3. ^ Ko je Husein ef. Kavazović: Od borca s puškom u ruci do reisa, su AKOS.ba. URL consultato il 1. 1. 2016 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2015).
  4. ^ Biografija mr. Husein ef. Kavazović (PDF), su rijaset.ba. URL consultato il 1. 1. 2016.
  5. ^ Neuer religiöser Führer für Muslime in Bosnien, su dw.com. URL consultato il 1. 1. 2016.
  6. ^ Gvardijan i reis: Biti čovjek u najtežim vremenima, su balkans.aljazeera.net. URL consultato il 1. 1. 2016.
  7. ^ Uvjerljiva podrška Huseinu ef. Kavazoviću, su dw.com. URL consultato il 1. 1. 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305374173 · ISNI (EN0000 0004 2035 6581 · LCCN (ENno2013118322 · GND (DE1248774507 · WorldCat Identities (ENlccn-no2013118322