Apri il menu principale

Husein Kavazović

Gran Mufti di Bosnia ed Erzegovina
Husein Kavazović
Reisu-l-ulema Husein ef Kavazovic 2015.jpg

Gran Muftì di Bosnia ed Erzegovina
In carica
Inizio mandato 2012
Predecessore Mustafa Cerić

Dati generali
Prefisso onorifico ef.
Università Università al-Azhar, Università di Sarajevo
Professione imam

Hussein Kavazović (Gradačac, 3 luglio 1964) è una personalità religiosa bosniaco, dal settembre 2012 Gran Muftì della Bosnia ed Erzegovina.

Figlio di Hasan e Saima Kavazović,[1] Husein frequenta le scuole a Gradačac la Gazi Husrev-Bey Madrasa a Sarajevo, dove si diploma nel 1983. Lascia quindi la Jugoslavia per studiare diritto islamico tra il 1985 e il 1990 all'Università al-Azhar del Cairo, quindi ritorna in patria per difendere la propria tesi di master alla Facoltà di Studi Islamici dell'Università di Sarajevo.[2][3]

Lavora come imam, hatib e mualim in varie congregazioni musulmane a Srebrenik e Gradačac, prima di divenire muftī di Tuzla dal 1993 al 2012. A inizio anni '90 è anche eletto membro del Consiglio della Comunità Islamica di Bosnia ed Erzegovina (Islamska Zajednica, IZ).

Nel 2012 la Comunità Islamica lo elegge con 240 preferenze su 382 Gran Muftì (reis-ul-ulema) di Bosnia ed Erzegovina, il 14° a partire dal 1882, succedendo così a Mustafa Cerić. Nel suo programma elettorale, Kavazović spinge per la cooperazione con le altre comunità religiose e una maggiore "incorporazione delle donne nel lavoro della comunità religiosa musulmana".

Parla bosniaco, arabo e inglese.[4][5][6][7]

NoteModifica

  1. ^ Biografija reisu-l-uleme mr. Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Novi reisu-l-ulema mr. Husein ef. Kavazović, su balkanpost.net. URL consultato il 1. 1. 2016.
  3. ^ Ko je Husein ef. Kavazović: Od borca s puškom u ruci do reisa, su AKOS.ba. URL consultato il 1. 1. 2016 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2015).
  4. ^ Biografija mr. Husein ef. Kavazović (PDF), su rijaset.ba. URL consultato il 1. 1. 2016.
  5. ^ Neuer religiöser Führer für Muslime in Bosnien, su dw.com. URL consultato il 1. 1. 2016.
  6. ^ Gvardijan i reis: Biti čovjek u najtežim vremenima, su balkans.aljazeera.net. URL consultato il 1. 1. 2016.
  7. ^ Uvjerljiva podrška Huseinu ef. Kavazoviću, su dw.com. URL consultato il 1. 1. 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305374173 · ISNI (EN0000 0004 2035 6581 · LCCN (ENno2013118322 · WorldCat Identities (ENno2013-118322