Hwang Kyo-ahn

politico sudcoreano
Hwang Kyo-ahn
황교안
黃敎安
Hwang Kyo-ahn.PNG

Primo ministro della Corea del Sud
Durata mandato 18 giugno 2015 –
11 maggio 2017
Presidente Park Geun-hye
Predecessore Choi Kyoung-hwan
(ad interim)
Successore Yoo Il-ho (ad interim)

Presidente della Corea del Sud
(facente funzioni)
Durata mandato 9 dicembre 2016 –
10 maggio 2017
Predecessore Park Geun-hye
Successore Moon Jae-in

Dati generali
Partito politico Indipendente
Università Università di Sungkyunkwan

Hwang Kyo-ahn[1] (Seul, 15 aprile 1957) è un avvocato e politico sudcoreano, Primo ministro del Paese dal 18 giugno 2015 all'11 maggio 2017; in tale veste ha svolto le funzioni di Presidente della Repubblica ad interim dal 9 dicembre 2016 al 10 maggio 2017.

BiografiaModifica

Hwang ottenne la laurea in giurisprudenza all'Università di Sungkyunkwan. In seguito lavorò come procuratore in molti tribunali del paese (1981 - 1995) e poi come procuratore generale della Repubblica di Corea (1995 - 2011).[2]

Anni dopo decise di entrare nel mondo della politica e venne eletto deputato dell'Assemblea nazionale della Corea del Sud. L'11 marzo 2013 assunse la carica di Ministro della Giustizia, che ricoprì fino al 18 giugno 2015, quando fu chiamato a sostituire Lee Wan-koo nella carica di Primo ministro, il quale si era da poco dimesso perché accusato di corruzione.[3]

Dal 9 dicembre 2016 in virtù del suo ufficio, è stato anche Presidente della Corea del Sud facente funzioni, a causa della procedura di impeachment votata dal Parlamento contro la presidente Park Geun-hye, conclusa il 10 marzo 2017; il suo mandato è proseguito fino all'elezione del nuovo presidente, Moon Jae-in, entrato in carica il 10 maggio 2017.

NoteModifica

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Hwang" è il cognome.
  2. ^ Hwang Kyo-ahn - Biografie: Fischer Weltalmanach, su weltalmanach.de. URL consultato il 22 agosto 2015.
  3. ^ South Korea’s Premier Resigns After Claims He Took an Illegal Cash Gift, su The New York Times, 27 aprile 2015. URL consultato il 22 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN4425152025930903600009 · ISNI (EN0000 0004 6507 4342 · GND (DE1153501643 · WorldCat Identities (ENviaf-4425152025930903600009