IGN

sito web
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi IGN (disambigua).

IGN (abbreviazione per Imagine Games Network) è una società di giochi e media di intrattenimento con sede a San Francisco fa parte del network IGN Entertainment Inc., sussidiaria di j2 Global e interamente controllata da Ziff Davis; e diretta dal suo ex redattore capo, Peer Schneider. IGN Entertainment Inc. controlla anche i siti GameSpy, GameStats, Rotten Tomatoes e AskMen.

IGN
sito web
Logo
Logo
URLit.ign.com/
Tipo di sitovideogiochi
LinguaMultilingua
Commerciale
ProprietarioZiff Davis
Creato daJonathan Simpson-Bint
Lanciosettembre 1996 (US) / settembre 2012 (IT)
Stato attualeattivo

IGN recensisce ed offre notizie riguardanti i videogiochi per console e per PC ma anche film, musica, fumetti e tecnologia.

StoriaModifica

Fondata nel settembre 1996 come Imagine Games Network, la società gestiva cinque diversi siti web, N64.com, PSXPower, Saturnworld, Next-Generation.com e Ultra Game Players Online.[1] Nel 1998 i primi tre diventarono canali del nuovo sito e del nuovo marchio, IGN.com.[1] Nel settembre del 2005 IGN venne acquisito da News Corporation.[1]

Il 18 settembre 2012 apre la sezione italiana di IGN, gestita dalla redazione locale che comprende, tra gli altri, Simone Soletta (ex coordinatore editoriale di Nextgame.it/Videogame.it), Gianluca Loggia (ex-caporedattore di PlayStation Magazine), Andrea Maderna (ex redattore di Videogame.it e PlayStation Magazine) e Mattia Ravanelli (ex-caporedattore di Nintendo la Rivista Ufficiale).[2]

Il 21 febbraio 2013 viene chiuso il sito GameSpy per concentrarsi su un unico sito, cioè ign.com.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Ryan Geddes, Origins: The History of IGN, su IGN, 11 gennaio 2008. URL consultato il 30 maggio 2022.
  2. ^ Andrea Minini Saldini, Benvenuti su IGN Italia!, in IGN, IGN Entertainment Inc., 18 settembre 2012. URL consultato il 30 maggio 2022.
  3. ^ (EN) Kirk Hamilton, Ziff Davis Shuts Down 1UP, Gamespy and UGO [Update], in Kotaku, 21 febbraio 2013. URL consultato il 30 maggio 2022.

Collegamenti esterniModifica