Apri il menu principale
ITT Inc.
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaSocietà per azioni
ISINUS45073V1089
Fondazione1920
Fondata da
  • Sosthenes Behn
  • Hernan Behn
Sede principaleWhite Plains (New York)
Persone chiaveDenise Ramos (CEO)
Settoretelecomunicazioni
Fatturato2,585 miliardi di $ (2017)
Utile netto113,5 milioni di $ (2017)
Dipendenti9500 (2016)
Sito web

La ITT Inc. - attuale denominazione della International Telephone and Telegraph (ITT) - è un'azienda statunitense, attiva inizialmente nel settore degli apparati per telecomunicazioni. Attualmente le principali aree di attività sono nell'elettronica per la difesa e nelle apparecchiature ad alta tecnologia (pompe e valvole per il trasporto dei fluidi).

StoriaModifica

Fu fondata nel 1920 dai fratelli Sosthenes ed Hernand Behn per realizzare il collegamento telefonico tra gli Stati Uniti e Cuba. Fin dai primi anni di attività ebbe le caratteristiche di una multinazionale attiva in vari paesi del mondo. Dopo la Seconda guerra mondiale la ITT attuò una politica di diversificazione dell'attività in molti altri settori diversi da quello originario (materiale telefonico ed elettrico), divenendo un vero e proprio conglomerato che possedeva miniere, alberghi Sheraton) ed operava sia in ambito militare che civile. Tra gli anni '60 e gli anni '70 la ITT, sotto la guida dell'amministratore delegato Harold Geneen, realizzò 250 acquisizioni, e diventò una delle più grandi aziende americane.

 
Certificato azionario della ITT del 1959

Negli anni '80 però la ITT venne ridimensionata, cedendo molte attività diversificate. Nel 1995 fu smembrata in tre società, di cui l'unica che è rimasta indipendente è la ITT Industries, attiva nell'elettronica e nelle alte tecnologie, che nel 2006 ha preso il nome di ITT Corporation.

Il golpe in CileModifica

La ITT fu accusata di avere collaborato con la CIA per favorire il golpe in Cile del 1973 che rovesciò il governo di Salvador Allende.

BibliografiaModifica

  • Le società multinazionali, Rizzoli Editore, Milano, 1977

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN137540781 · ISNI (EN0000 0001 2220 4862 · LCCN (ENn79077320 · WorldCat Identities (ENn79-077320