Apri il menu principale

I Can See for Miles

singolo dei The Who del 1967
I Can See for Miles
ArtistaThe Who
Tipo albumSingolo
Pubblicazione14 ottobre 1967
Durata4:06
Album di provenienzaThe Who Sell Out
GenereHard rock
Rock psichedelico
EtichettaTrack Records
ProduttoreKit Lambert
The Who - cronologia
Singolo precedente
(1967)
Singolo successivo
Dogs
(1968)

I Can See for Miles è un brano musicale scritto da Pete Townshend degli Who, e registrato per l'album The Who Sell Out nel 1967. Fu l'unico singolo estratto da quell'album.

Registrato in numerose sessioni ed in diversi studi, la registrazione di I Can See for Miles testimonia le sempre più sofisticate tecniche di registrazione del gruppo, già su finire degli anni sessanta. La base del brano fu registrata a Londra, mentre la parte vocale a New York nei Talentmasters Studios. L'album invece fu ultimato a Los Angeles, presso i Gold Star Studios.

Il singolo raggiunse la decima posizione nel Regno Unito e la nona negli Stati Uniti, diventando il più grande successo del gruppo in America. Ciò nonostante Townshend si dichiarò insoddisfatto dei risultati del disco.

Negli anni successivi, la canzone è apparsa nella colonna sonora del film Apollo 13, ed è divenuta oggetto di cover di numerosi artisti, fra i quali si ricordano gli Styx, Petra Haden, Marty Stuart e gli Incubus. Il brano è stato anche usato per la sigla della serie televisiva CSI: Cyber. L'inizio della sigla iniziale è accorciato la sigla finale è ridotto.

Secondo la rivista Rolling Stone è la 258ª migliore canzone mai scritta.

Tracce singoloModifica

Vinile UK
  1. I Can See for Miles
  2. Someone's Coming
Vinile USA
  1. I Can See for Miles
  2. Mary Anne with the Shaky Hand

CuriositàModifica

  • Questa canzone avrebbe ispirato la composizione di Helter Skelter dei Beatles. Paul McCartney affermò di aver scritto Helter Skelter dopo aver letto una recensione di The Who Sell Out dove I Can See for Miles veniva definita la canzone "più cattiva e selvaggia mai registrata". McCartney non aveva ancora avuto modo di ascoltare il brano degli Who, ma compose Helter Skelter con l'intenzione di scrivere una canzone ancora più dura ed arrabbiata, la "canzone heavy definitiva".

NoteModifica


Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock