I Do Not Want What I Haven't Got

album di Sinéad O'Connor del 1990
I Do Not Want What I Haven't Got
ArtistaSinéad O'Connor
Tipo albumStudio
Pubblicazione20 marzo 1990
Durata51:09
GenerePop rock
Folk rock
EtichettaEnsign/Chrysalis Records
ProduttoreNellee Hooper, Sinéad O'Connor, Chris Birkett, Sean Devitt
Registrazione1988-1989, S.T.S Studios, Dublino
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 25 000+)
Svizzera Svizzera[2]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Canada Canada (5)[4]
(vendite: 500 000+)
Francia Francia[5]
(vendite: 300 000+)
Germania Germania[6]
(vendite: 500 000+)
Italia Italia (2)[7]
(vendite: 250 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[8]
(vendite: 15 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[9]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[10]
(vendite: 600 000+)
Spagna Spagna[11]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[12]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[13]
(vendite: 100 000+)
Sinéad O'Connor - cronologia
Album precedente
(1987)
Album successivo
(1992)
Singoli
  1. Jump in the River
    Pubblicato: 13 settembre 1989
  2. Nothing Compares 2 U
    Pubblicato: 8 gennaio 1990
  3. The Emperor's New Clothes
    Pubblicato: 5 giugno 1990
  4. Three Babies
    Pubblicato: 17 dicembre 1990
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[14] 4.5/5 stelle
Encyclopedia of Popular Music[15] 4/5 stelle
Entertainment Weekly[16] A
Los Angeles Times[17] 4/5 stelle
Ondarock[18] Pietra miliare
Q[19] 4/5 stelle
Robert Christgau[20] B+
Rolling Stone[21] 4.5/5 stelle
Slant Magazine[22] 4.5/5 stelle

I Do Not Want What I Haven't Got è il secondo album della cantante irlandese Sinéad O'Connor, pubblicato il 20 marzo 1990.

L'album è stato inserito nella classifica di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi, alla posizione numero 406.[23]

Il discoModifica

L'album è diventato famoso grazie principalmente a Nothing Compares 2 U, rivelatosi uno dei singoli più venduti in assoluto durante il 1990. Il brano era un riadattamento di un pezzo scritto da Prince qualche anno prima. Sinéad O'Connor interpretò le parole del testo riflettendo sulla morte prematura della madre avvenuta in un incidente automobilistico nel 1985.[24][25]

Il brano I Am Stretched on Your Grave è la versione musicata di una poesia di anonimo irlandese del diciassettesimo secolo, originariamente scritta in gaelico e composta in musica da Philip King nel 1979. La prima traccia dell'album, Feels So Different, si apre con la preghiera della serenità di Reinhold Niebuhr.

Il disco venne premiato con il primo Grammy Award al miglior album di musica alternativa nel 1991, tuttavia la cantante si rifiutò di ritirare il premio.[26]

TracceModifica

  1. Feel So Different – 6:47 (Sinéad O'Connor)
  2. I Am Stretched on Your Grave – 5:33 (Traditional)
  3. Three Babies – 4:47 (O'Connor)
  4. The Emperor's New Clothes – 5:16 (O'Connor)
  5. Black Boys on Mopeds – 3:53 (O'Connor)
  6. Nothing Compares 2 U – 5:10 (Prince)
  7. Jump in the River – 4:12 (O'Connor, Marco Pirroni)
  8. You Cause as Much Sorrow – 5:04 (O'Connor)
  9. The Last Day of Our Acquaintance – 4:40 (O'Connor)
  10. I Do Not Want What I Haven't Got – 5:47 (O'Connor)

CreditiModifica

ClassificheModifica

Classifica (1990) Posizione
massima
Australia[27] 1
Austria[27] 1
Canada[28] 1
Germania[27] 1
Italia[29] 1
Norvegia[27] 1
Nuova Zelanda[27] 1
Paesi Bassi[27] 1
Regno Unito[30] 1
Stati Uniti[31] 1
Svezia[27] 1
Svizzera[27] 1

NoteModifica

  1. ^ (DE) Sinead O´Connor, I Do Not Want What I Have Not Got – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  2. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mt. Martha, VIC, Australia, Moonlight Publishing, 2011.
  4. ^ (EN) Gold Platinum Database, Music Canada. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  5. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 2 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).
  6. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  7. ^ Piccola irlandese, grandi passioni, La Stampa, 26 aprile 1990. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  8. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  9. ^ (NL) Goud/Platina, NVPI. URL consultato il 2 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2009).
  10. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  11. ^ (ES) Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1979–1990, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  12. ^ (EN) Sinéad O'Connor, I Do Not Want What I Haven't Got – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  13. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 2 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  14. ^ (EN) Steve Huey, I Do Not Want What I Haven't Got, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  15. ^ Colin Larkin, The Encyclopedia of Popular Music, 5ª ed., Omnibus Press, 2011, ISBN 0-85712-595-8.
  16. ^ (EN) Greg Sandow, I Do Not Want What I Haven't Got, in Entertainment Weekly, 16 marzo 1990. URL consultato il 12 dicembre 2011.
  17. ^ (EN) Chris Willman, Sinead O'Connor 'I Do Not Want What I Haven't Got' Chrysalis, in Los Angeles Times, 18 marzo 1990. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  18. ^ Sinéad O'Connor - I Do Not Want What I Haven't Got :: Le pietre miliari di Onda Rock
  19. ^ Robert Sandall, Sinéad O'Connor: I Do Not Want What I Have Not Got, nº 43, Q, aprile 1990.
  20. ^ (EN) Robert Christgau review, su Robertchristgau.com. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  21. ^ (EN) Mikal Gilmore, I Do Not Want What I Haven't Got, in Rolling Stone, 22 gennaio 1997. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  22. ^ (EN) Sal Cinquemani, Sinéad O'Connor: I Do Not Want What I Haven't Got, Slant Magazine, 3 ottobre 2003. URL consultato il 12 dicembre 2011.
  23. ^ 500 Greatest Albums of All Time: I Do Not Want What I Haven't Got - Sinéad O'Connor Rolling Stone. Consultato il 17 novembre 2011
  24. ^ (EN) James James Stafford, 25 Years Ago: Sinead O’Connor Releases ‘I Do Not Want What I Haven’t Got’, su Diffuser.fm. URL consultato il 4 aprile 2016.
  25. ^ (EN) Paul Du Noyer, Sinéad O'Connor Interviewed, su pauldunoyer.com, 18 febbraio 2010. URL consultato il 4 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2016).
  26. ^ CBSnews.com "Sinead Sings And Speaks Her Mind" Consultato l'11 settembre 2016
  27. ^ a b c d e f g h (NL) Sinéad O'Connor - I Do Not Want What I Haven't Got, Ultratop. URL consultato il 12 aprile 2016.
  28. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 51, No. 24, April 28 1990, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 12 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2016).
  29. ^ Gli album più venduti del 1990, hitparadeitalia.it. URL consultato il 12 aprile 2016.
  30. ^ (EN) Official Albums Chart Top 75: 18 March 1990 - 24 March 1990, Official Charts Company. URL consultato il 12 aprile 2016.
  31. ^ (EN) 279464 Chart History, Billboard. URL consultato il 12 aprile 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica