I delitti del BarLume

Serie televisiva italiana
I delitti del BarLume
I delitti del BarLume.png
Logo della sigla della serie
PaeseItalia
Anno2013 – in produzione
Formatoserie TV
Generecommedia drammatica, poliziesco, giallo
Stagioni7
Episodi14
Durata100 min (episodio)
Lingua originaleitaliano
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreMarco Malvaldi
RegiaEugenio Cappuccio (st. 1), Roan Johnson (st. 2+)
Interpreti e personaggi
Casa di produzionePalomar per Sky Cinema
Prima visione
Dall'11 novembre 2013
Alin corso
Rete televisivaSky Cinema Uno
TV8

I delitti del BarLume è una serie televisiva italiana trasmessa dal 2013 in prima visione pay da Sky Cinema, e dal 2015 in chiaro da TV8. Prodotta dalla Palomar, la fiction è costituita da due episodi autoconclusivi a stagione.

Tratta dai romanzi di Marco Malvaldi, racconta le vicende di Massimo Viviani, barista dell'immaginaria cittadina toscana di Pineta, in ogni episodio alle prese con svariati delitti della località in cui vive. Grazie al suo istinto investigativo, che trova ispirazione dalle conversazioni dei quattro anziani frequentatori del suo bar, riesce sempre a fiutare la pista giusta.

Benché si tratti di una serie televisiva, ogni episodio è girato come un film TV a sé stante legato agli altri da una trama orizzontale. Ad oggi sono stati girati 14 episodi suddivisi su 7 stagioni.

TramaModifica

Massimo è un ombroso barista, divorziato da poco, che si trova a indagare su alcuni delitti che avvengono nella sua cittadina toscana. Il suo istinto d'investigatore trova sempre spunti in alcune conversazioni, che è costretto a sedare nel suo bar, ad opera di quattro arzilli vecchietti.[1]

EpisodiModifica

Stagione Episodio Prima TV Romanzo o racconto Trama Note
1 Il re dei giochi 11 novembre 2013 Il re dei giochi Coinvolti in un incidente stradale, una giornalista e il figlio adolescente muoiono alcuni giorni dopo in ospedale. La donna, vedova di un ricco costruttore, era da tempo l'amante dell'attuale candidato alla presidenza della regione e quattro vecchietti, soliti a giocare a carte al BarLume e a sparlare di tutto e di tutti, sentono puzza di bruciato. Massimo, proprietario del BarLume, sta chiudendo i conti con la sua ex moglie e nel frattempo è angustiato dal prossimo matrimonio tra Tiziana e Marco.
La carta più alta 17 novembre 2013 La carta più alta In mancanza di materiale più recente, i quattro vecchietti si mettono a spettegolare su due morti sospette che, nel 1992, funestarono la famiglia di un facoltoso e chiacchierato imprenditore. La Fusco, che all'epoca aveva indagato senza costrutto, li prende sul serio, con l'aiuto di Massimo, che però è in ospedale. Paolo Pierobon interpreta un medico.
2 La tombola dei troiai 11 maggio 2015 La tombola dei troiai, in Regalo di Natale Mentre tutta Pineta partecipa al funerale di Ampelio, viene assassinato il farmacista. Le indagini convergono anche sull'ex suocero di Massimo, Emo Bandinelli.
La briscola in cinque 18 maggio 2015 La briscola in cinque Marco si imbatte nel cadavere di una ragazza morta per overdose. Il quarto episodio è tratto dal primo romanzo.
3 Il telefono senza fili 11 gennaio 2016 Il telefono senza fili La morte di un sedicente mago e la scomparsa della proprietaria di un agriturismo sono sorprendentemente intrecciate.
Azione e reazione 18 gennaio 2016 Azione reazione, in Ferragosto in giallo Un turista russo muore avvelenato dopo aver bevuto al BarLume. Massimo teme di essere lui il vero obiettivo dell'ignoto omicida, ma non sarà facile convincere la Fusco. I vecchietti organizzano a tradimento un pranzo di fidanzamento tra Massimo e Tiziana.
4 Aria di mare 9 gennaio 2017 Aria di montagna, in Vacanze in giallo Dopo la burrascosa rottura con Tiziana, Massimo ha assunto Marco come barista, ma si ritrova pieno di debiti ed è seguito da un'improbabile psichiatra (Piera Degli Esposti) che lo riempie di farmaci. L'omicidio della collega di lavoro di Tiziana rimetterà tutto in discussione. I bimbi cantano nel coro di un virtuoso pianista cieco. Mara Maionchi interpreta una parrucchiera.
La loggia del cinghiale 16 gennaio 2017 Il capodanno del cinghiale, in Capodanno in giallo La loggia del titolo è un'associazione goliardica che ha organizzato un addio al celibato, durante il quale è stato ucciso il direttore della banca. A essere sospettato è proprio Massimo, che con la vittima si era scontrato più volte, ma che a causa dell'alcool e degli psicofarmaci non ricorda quasi nulla. La Tizi entra nel BarLume come socia di maggioranza.
5 Un due tre stella! 8 gennaio 2018[2] Storia originale Tassone è promosso questore di Pisa. Il Rimediotti scopre Internet. La Tizi è incinta. Muore un uomo e Viviani scompare. I bimbi, che indagano per conto loro, credono che si sia suicidato, ma la Tizi scopre che c'è di mezzo un'altra donna. L'arrivo del figlio dell'uomo morto, Beppe Battaglia, aiuterà a sbrigliare la matassa. Da questo episodio Corrado Guzzanti e Stefano Fresi iniziano a far parte del cast fisso, interpretando l'uno il personaggio dell'assicuratore Pasquali e l'altro Giuseppe Battaglia.
La battaglia navale 15 gennaio 2018 La battaglia navale Beppe ed Emo trovano il cadavere di una donna nel mare. È inoltre sparita un'altra donna e si pensa siano la stessa persona. I bimbi fanno lo sciopero della sete, per far sì che il Comune mantenga pubblica un bellissima baia, venduta però a un americano. Beppe organizza un concerto con un famoso cantautore decaduto, che degenera in una disastrosa rissa. Bobo Rondelli interpreta il cantautore Mariano Marini
6 Il battesimo di Ampelio 25 dicembre 2018 Storia originale Il battesimo di Ampelio (figlio della Tizi) non si può celebrare a causa dell'omicidio del prete. Visto il coinvolgimento di una figura religiosa il vescovo e Tassone, impongono alla Fusco una certa leggerezza nelle indagini. Battaglia comincia a flirtare con la Tizi.
Hasta Pronto Viviani 1 gennaio 2019 Storia originale I 4 vecchietti ricevono una richiesta di aiuto e soldi da Viviani (rapito in Argentina) che manda la sua fidanzata in Italia a prelevare il denaro. Ma i 4 vogliono vederci chiaro e volano in Sud America a cercare il barista. A Pineta l'omicidio di un ladro e la scomparsa del suo complice tengono occupata la Fusco.
7 Donne con le palle 11 gennaio 2020 Donne con le palle, in Il calcio in giallo Le finali dei campionati nazionali di beach volley quest'anno si disputano a Pineta e Beppe si invaghisce di una giocatrice. Un campeggiatore viene trovato morto e numerose sono le piste seguite: la rapina, lo spaccio, le scommesse. Infatti i bimbi, scommettendo su una partita, scoprono un eccessivo giro di soldi. Un fantasma riemerge dal passato di Tassone: un cervo scappato dalla riserva San Rossore, che risolverà la situazione. Eleonora e Michela Mansueti, campionesse di beach volley, interpretano loro stesse.
Ritorno a Pineta 18 gennaio 2020 Storia originale Tassone è stato promosso Capo della Polizia, mentre Pasquali, inaspettatamente, prende ad interim il suo posto. Massimo è tornato a Pineta per il funerale di un amico: sembra essere un suicidio, ma il Viviani non crede a questa tesi.

Personaggi e interpretiModifica

 
Filippo Timi, interprete di Massimo Viviani.

Personaggi principaliModifica

  • Massimo Viviani (stagioni 1-in corso), interpretato da Filippo Timi.
    Protagonista della serie, barista-investigatore del BarLume di Pineta.
  • Tiziana Guazzelli detta "Tizi" (stagioni 1-in corso), interpretata da Enrica Guidi.
    Banconiera e poi socia del BarLume.
  • Vittoria Fusco (stagioni 1-in corso), interpretata da Lucia Mascino.
    Commissario di polizia di Pineta.
  • Ampelio Viviani (stagione 1), interpretato da Carlo Monni.
    Uno dei quattro pensionati-detective clienti fissi del bar e zio di Massimo. Viene fatto morire nella seconda stagione a causa della scomparsa dell'attore.
  • Aldo Griffa (stagioni 1-in corso), interpretato da Massimo Paganelli.
    Uno dei quattro pensionati-detective clienti fissi del bar e proprietario di un ristorante.
  • Gino Rimediotti (stagioni 1-in corso), interpretato da Marcello Marziali.
    Uno dei quattro pensionati-detective clienti fissi del bar ed ex portalettere.
  • Pilade Del Tacca (stagioni 1-in corso), interpretato da Atos Davini.
    Uno dei quattro pensionati-detective clienti fissi del bar ed ex impiegato comunale.
  • Emo Bandinelli (stagioni 2-in corso), interpretato da Alessandro Benvenuti.
    Uno dei quattro pensionati-detective clienti fissi del bar ed ex suocero di Massimo. Idealmente sostituisce Ampelio Viviani, dopo la morte dell'attore Carlo Monni.
  • Marco Pardini detto "Marchino" (stagioni 1-in corso), interpretato da Paolo Cioni.
    Ex marito della "Tizi" e barista al BarLume.
  • Giuseppe Battaglia detto "Beppe" (stagione 5-in corso), interpretato da Stefano Fresi.
    Fratellastro di Massimo, cui vengono cedute le quote del bar di proprietà del protagonista.[2]

Personaggi secondari e ricorrentiModifica

  • Mario Aloisi (stagioni 1, 4-5), interpretato da Sergio Pierattini.
    Notaio e poi sindaco di Pineta.[3]
  • Agente Cioni (stagioni 1-in corso), interpretato da Daniele Marmi.
    Agente, non troppo sveglio e sovrappeso, del locale commissariato di polizia.[4]
  • Andrea Govoni (stagioni 2-in corso), interpretato da Guglielmo Favilla.
    Agente, non troppo sveglio anch'egli.[4]
  • Fosca Rimediotti detta "Foschina" (stagioni 3-6), interpretata da Valeria Vitti.
    Sorella di Gino Rimediotti.[4]
  • Wilma Del Tacca (stagione 1), interpretata da Manuelita Baylon.[4]
  • Laura Bandinelli (stagioni 1-3), interpretata da Olga Rossi.
    Ex moglie di Massimo e figlia di Emo.[3]
  • Irene (stagioni 1-3), interpretata da Irene Vecchio.
    Cliente ricorrente del bar [4]
  • Gianluigi Maria Tassone (stagioni 4-in corso), interpretato da Michele Di Mauro.
    Commissario straordinario di Pineta, poi questore di Pisa e in seguito Capo della Polizia.[5]
  • Paolo Pasquali (stagione 5-in corso), interpretato da Corrado Guzzanti.
    Logorroico e truffaldino assicuratore di origini venete.[6]
  • Checcacci (stagioni 3-in corso), interpretato da Alessandro Gelli.
    Proprietario della ferramenta di Pineta.
  • Inviato TV (stagioni 2-5), interpretato da Claudio Marmugi.
    Inviato della Tv locale Tele-Rinascimento.[4]
  • Giornalista (stagioni 4-7), interpretato da Antonio Miliani[4]
  • Signora Grilli (stagioni 3-in corso), interpretata da Patrizia Salutij.
    Pettegola proprietaria della lavanderia di Pineta.[4]
  • Walter Carli (stagioni 2-3), interpretato da Claudio Bigagli.
    Medico legale di Pineta.[7]
  • Parrucchiera di Pineta (stagioni 4-5), interpretata da Mara Maionchi.[8]
  • Pigi (stagioni 2, 7), interpretato da Alessandro Giallocosta.
    PR della discoteca del paese.
  • Ochei (stagione 2), interpretato da Andrea Kaemmerle.
    Clochard di Pineta.
  • Mago Atlante (stagioni 1-3), interpretato da Maurizio Lombardi.
    Ambiguo cartomante attivo nella provincia.[4]
  • Thomas (stagione 3), interpretato da Alessandro Federico.
    Complice di un assassinio e poi attentatore alla vita di Massimo.[4]
  • Piera (stagione 4), interpretata da Piera Degli Esposti.
    Psichiatra da cui va in cura Massimo, si scoprirà essere in realtà una paziente dell'ospedale che si finge medico.[9]
  • Mariano Marini (stagioni 1, 5, 7), interpretato da Bobo Rondelli.
    Ex cantante pop, con problemi di alcolismo, residente nel paese.

Lo stesso regista, Roan Johnson, compare in alcuni cameo nei panni di un abitante della cittadina di Pineta. Nella seconda stagione è un amico di Marchino,[10] nella terza è un cliente del bar mentre nella sesta è un avvocato.

ProduzioneModifica

Tutti gli episodi sono stati filmati a Marciana Marina, comune dell'Isola d'Elba, nonostante la cittadina di Pineta descritta da Marco Malvaldi sia situata sul litorale toscano tra i dintorni di Pisa o di Livorno.[11] Il paese, trasformato in set cinematografico durante le riprese, ospita il BarLume di Massimo Viviani in piazza della Vittoria.[12]

Nell'episodio Il telefono senza fili sono state girate alcune scene sul Monte Capanne e la relativa cabinovia, luogo del delitto, e presso il cantiere minerario dismesso di Vigneria, località di Rio Marina.[13]

L'episodio Hasta Pronto Viviani è stato girato in Argentina.

Colonna sonoraModifica

La canzone dei titoli di testa è interpretata da Simona Molinari.[14]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica