Apri il menu principale

I giardini dell'Eden

film del 1998 diretto da Alessandro D'Alatri

TramaModifica

Gli oscuri anni di apprendistato di Gesù, o Jeoshua, dai dodici ai trent'anni. Quando ha dodici anni, Jeoshua viene portato dai genitori al tempio di Gerusalemme dove parla con i sacerdoti. Crescendo diventa un falegname e si vede morire il padre Joseph e parte per un viaggio. Arriva a Gerusalemme e viene a contatto con alcuni zeloti che stanno organizzando una rivolta contro i romani, ma riparte e si unisce ad una carovana di mercanti pagani che raggiungono le regioni più lontane dell'impero romano. Così viene a contatto con usi e religioni diverse, imparando qualcosa.

Dopo avere affrontato il deserto, entra nella comunità degli esseni vicino Qumran dove incontra il cugino Giovanni. Comincia a studiare le Sacre Scritture e insieme al cugino viene espulso dalla comunità. Allora parte alla volta della Giudea dove comincia a compiere miracoli e ad attirare piccoli gruppi di persone. Dopo essersi fatto battezzare dal cugino, divenuto predicatore al fiume Giordano, viene tentato dal diavolo contro il quale lotta. Ritorna quindi in Galilea e comincia a raccogliere i primi discepoli, decidendo di andare per le vie di Israele ad annunciare il messaggio di amore e fratellanza tra gli uomini.

Opere derivateModifica

A breve distanza dall'uscita del film nelle sale, Miro Silvera pubblicò un romanzo tratto dalla sceneggiatura di cui era coautore.[1]

NoteModifica

  1. ^ Miro Silvera, I Giardini dell'Eden, Casale Monferrato, Piemme, 1998, pp. 192, ISBN 88-384-4182-0.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema