Ibn Shahrashub

giurista persiano
Shiite Calligraphy symbolising Ali as Tiger of God.png

Abū ʿAbd Allāh Muḥammad b. ʿAlī b. Shahr Āshūb Sarawī Māzandarānī (persiano: ابو عبدالله محمّد بن علي ابن شهر آشوب سَرَوي مازندراني‎‎; Sari, 1095Aleppo, 2 settembre 1192) è stato un giurista persiano, molto apprezzato anche come tradizionista.

BiografiaModifica

Più noto con il nasab di Ibn Shahrāshūb (Farsi إبن شهرآشوب), e per il laqab di "Rashīd al-Dīn" (Ben guidato della religione) e di "ʿIzz al-Dīn" (Potenza della Religione), fu uno studioso sciita imamita di fiqh e di ḥadīth, vissuto tra il V e il VI secolo. Fu autore di vari scritti, quali l'al-Manāqib Āl Abī Ṭālib e le Maʿālim al-ʿulamāʾ.

Studiò sotto la guida tra gli altri di Fattāl Nīshābūrī, dello Shaykh al-Ṭabarsī, di Abū Manṣūr al-Ṭabarsī, di Abū l-Futūḥ Rāzī e di Quṭb al-Dīn Rāwandī. Tra i suoi discepoli figurano il mistico Ibn Zuhra e Yahya ibn Bitriq.

OriginiModifica

Ibn Shahrāshūb nacque nel 1095 o 1096, si ipotizza (a causa della sua nisba) in un villaggio di nome Sārī, in Mazandaran (attuale Provincia dell'Iran). Esistono altre fonti che però parlano di Baghdad.

Operò comunque nella capitale abbaside, recandosi poi anche ad Hilla nel 1172 e ad Aleppo nel 1178.

Ibn Shahrāshūb fu particolarmente apprezzato dall'ambiente sciita ma non mancarono anche sunniti che espressero la loro stima per lui e i suoi contributi. È il caso di Ṣalāḥ al-Dīn Ṣafadī, che scrisse:

«Muḥammad b. ʿAlī b. Shahr Āshūb … è uno degli uomini illustri della Shīʿa. Ha imparato a memoria il Corano all'età di otto anni e ha conseguito il più elevato livello di conoscenza dei principi della giurisprudenza (uṣūl al-fiqh). Allorché al-Muqtafi, il califfo abbaside, era a Baghdad, Ibn Āshūb superava ogni altro nelle Scienze coraniche (ʿulūm al-Qurʾān), nelle complesse argomenti degli studi sul ḥadīth, e sulla lessicografia, sintassi linguistica, e teneva orazioni dal minbar.[1]»

MaestriModifica

DiscepoliModifica

  • Sayyid Muḥammad b. Zuhra al-Ḥalabī, noto come Ibn Zuhra
  • Shaykh al-Dīn Abū l-Ḥasan ʿAlī b. Shaʿra al-Ḥilli
  • Yaḥyā b. Biṭrīq
  • Tarij al-Din Ḍarbī
  • Shaykh Yaḥyā Surawī
  • Yaḥyā b. Abī Ḥalabī
  • Sayyid Kamāl al-Dīn Ḥaydar Ḥusaynī

OpereModifica

  • Amthāl fī l-amthāl
  • Anṣāb Āl Abī Ṭālib
  • Asbāb al-nuzūl ʿalā madhhab Āl al-Rasūl (ṣallā Allāh ʿalayhi wa Ālihi wa l-salām)
  • al-Awṣaf
  • al-Fuṣūl fī al-naḥw
  • al-Ḥāwī
  • Bayān al-tanzīl
  • al-Maḥzūn al-maknūn fī ʿuyūn al-Qurʾān
  • Manāqib Āl Abī Ṭālib
  • al-Mawālid
  • al-Minhaj al-jadīda
  • Maʿālim al-ʿulamāʾ
  • Māʾidat al-fāʿida
  • Mathālib al-nawāṣib
  • Mutashābih al-Qurʾān wa mukhtalifuhu
  • Nukhāb al-akhbār al-khaṣāʾiṣ al-fāṭimiyya
  • al-Tarāʾif fī l-ḥudūd wa al-ḥaqāʾiq

NoteModifica

  1. ^ Ṣadr, p. 272

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90053420 · ISNI (EN0000 0000 8399 4610 · LCCN (ENn80031676 · GND (DE105307946X · BNF (FRcb11341194b (data) · WorldCat Identities (ENn80-031676
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie