Apri il menu principale
Iker Casillas
Iker Casillas 2.jpg
Casillas nel 2018
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 185 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Porto
Carriera
Giovanili
1990-1998Real Madrid
Squadre di club1
1998-1999Real Madrid C26 (-?)
1999Real Madrid B4 (-2)
1999-2015Real Madrid510 (-525)
2015-2019Porto116 (-73)
Nazionale
1996Spagna Spagna U-151 (-?)
1996-1998Spagna Spagna U-1619 (-?)
1997-1999Spagna Spagna U-1710 (-?)
1999Spagna Spagna U-184 (-?)
1999Spagna Spagna U-202 (-2)
1999-2000Spagna Spagna U-215 (-3)
2000-2016Spagna Spagna167 (-94)
Palmarès
Transparent.png Mondiali di calcio Under-20
Oro Nigeria 1999
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Sudafrica 2010
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Austria-Svizzera 2008
Oro Polonia-Ucraina 2012
Transparent.png Confederations Cup
Bronzo Sudafrica 2009
Argento Brasile 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 aprile 2019

Iker Casillas Fernández ([ˈiker kaˈsiʎas]; Móstoles [1], 20 maggio 1981) è un calciatore spagnolo, portiere del Porto, campione del mondo nel 2010 e campione d'Europa nel 2008 e nel 2012 con la nazionale spagnola.

Annoverato tra i migliori portieri di tutti i tempi,[2][3][4][5] ha legato il suo nome al Real Madrid, con cui ha vinto cinque campionati spagnoli, due Coppe del Re, quattro Supercoppe spagnole, tre UEFA Champions League, due Supercoppe UEFA, una Coppa Intercontinentale e una Coppa del mondo per club FIFA. Con il Porto ha conquistato un campionato e una Supercoppa portoghese.

Durante la sua carriera ha partecipato a cinque Europei (2000, 2004, 2008, 2012 e 2016) – record assoluto –, quattro Mondiali (2002, 2006, 2010 e 2014) e due Confederations Cup (2009 e 2013), vincendo da capitano gli Europei 2008 e 2012 e il Mondiale 2010. Della Roja è il primatista per presenze ufficiali.[6]

A livello individuale, detiene i record assoluti di presenze in Champions League e nelle competizioni UEFA per club, oltre ad essere il primatista di presenze nelle competizioni europee per il Real Madrid.[7] È stato nominato cinque volte miglior portiere dell'anno dalla IFFHS (primato condiviso con Gianluigi Buffon);[8] occupa la 2ª posizione, alle spalle di Buffon, nelle classifiche IFFHS dei più forti estremi difensori del decennio 2000-2010,[9] del quarto di secolo 1987-2011[10] e del XXI secolo.[11]

Indice

BiografiaModifica

È sposato con Sara Carbonero,[12] giornalista di Mediaset España; la coppia ha due figli.[13]

Caratteristiche tecnicheModifica

Apprezzato per la forte personalità e il carattere da trascinatore,[14][15][16] Casillas è un portiere atletico, reattivo e dotato di un buon senso della posizione.[15][17] Pur avendo sofferto di un calo di rendimento nelle ultime stagioni al Real Madrid,[18][19] si è comunque distinto per la prolungata affidabilità ad alti livelli fin da giovane.[20][21][22] Abile nel parare i calci di rigore,[23][24] sa farsi rispettare anche nelle uscite,[25][26] anche se è stato talvolta criticato per le sue abilità sulle palle alte e con i piedi.[27]

CarrieraModifica

ClubModifica

Real MadridModifica

1999-2012Modifica
 
Casillas con la maglia del Real Madrid nel 2010.

Casillas nasce calcisticamente al Real Madrid, al quale approda all'età di soli 8 anni. Compie l'intera trafila nel vivaio giovanile partendo dai pulcini fino alla terza, seconda e infine prima squadra. La prima convocazione arriva in piena stagione 1997-1998, alla vigilia di una partita di Champions League in Norvegia contro il Rosenborg. Le ottime prestazioni nel campionato del mondo under-20 disputato in Nigeria valgono a Casillas il posto da titolare nel Real Madrid nella stagione 1999-2000. Casillas debutta a 18 anni come titolare la sera del 12 settembre 1999 allo Stadio San Mamés contro l'Athletic Bilbao.

Fin dal primo anno nella squadra madridista inizia a collezionare trofei: nella primavera del 2000 il club conquista l'ottavo titolo europeo, mentre l'anno seguente si aggiudica la Liga. È però nel 2002 che arriva la consacrazione di Casillas che, attraverso una serie di ottimi interventi negli ultimi minuti della finale contro il Bayer Leverkusen, consegna la Champions League alla propria squadra, la nona per il club e la seconda per lui. L'incontro ha luogo in un periodo di scarsa forma di Casillas, che aveva perso il posto in squadra in favore di César. Relegato alla panchina, subentra dopo l'infortunio di César e grazie alla grande prestazione riprende definitivamente la maglia di titolare, che conquisterà anche nella nazionale spagnola.

Il 4 febbraio 2012, in occasione del match vinto per 1-0 contro il Getafe, gioca la sua partita numero 600 con la maglia dei Blancos.

2012-2015Modifica
 
Casillas con il Real Madrid nel 2012.

La sua esperienza con il Real Madrid conosce un periodo di crisi nella seconda parte della stagione 2012-2013, quando, dopo una lunga serie di polemiche con l'allenatore José Mourinho,[28][29][30] viene messo fuori squadra per scelta "tecnica" per la prima volta dal 2002. Sostituito inizialmente dal giovane Antonio Adán, perde definitivamente il posto da titolare in favore del neo-acquisto Diego Lopez[27] in seguito ad un infortunio al polso, che lo costringe ad uno stop di tre mesi. La sua emarginazione crea una spaccatura sia nella squadra sia nella tifoseria. La crisi nel club non ha comunque compromesso il suo posto di titolare in Nazionale.[31]

Nella stagione 2013-2014, nonostante la partenza di Mourinho e l'arrivo di Carlo Ancelotti sulla panchina dei Blancos, viene di nuovo relegato al ruolo di riserva, alle spalle di Diego Lopez, disputando solamente le partite di coppa.[18] Dopo la vittoria sul Barcellona nella finale di Coppa del Re, la tribolata stagione si conclude con il trionfo in Champions League, grazie al 4-1 sui concittadini dell'Atletico Madrid nella finale di Lisbona, che garantisce al Real la conquista della coppa per la decima volta nella sua storia.

Con la cessione di Diego López al Milan nell'agosto del 2014, Casillas ritrova il posto da titolare per la stagione 2014-2015, nonostante la concorrenza del neo-acquisto Keylor Navas. Il 12 agosto arriva la vittoria in Supercoppa Europea contro il Siviglia (2-0),[32] mentre il 20 dicembre seguente conquista il Mondiale per club, grazie al 2-0 in finale contro il San Lorenzo.[33][34]

In carriera ha conseguito diversi record: a 18 anni è diventato titolare del Real Madrid,[35] a 19 ha vinto la Champions League[36] ed ha esordito in Nazionale, a 21 è diventato titolare fisso della Spagna ed a 23 ha indossato per la prima volta la fascia di capitano delle Furie Rosse.

PortoModifica

 
Casillas in azione con la maglia del Porto nella stagione 2015-2016.

L'11 luglio 2015 risolve il proprio contratto con il Real Madrid e passa al Porto. Lascia così il Real Madrid dopo 16 stagioni (25 anni contando la trafila nelle giovanili), 725 gare disputate e 18 trofei vinti.[37][38] Esordisce con la nuova maglia il 15 agosto 2015 nella vittoria per 3-0 contro il Vitoria Guimaraes. Il 9 dicembre, in occasione dell'ultimo turno della fase a gironi, raggiunge quota 158 presenze in UEFA Champions League e, superando Xavi fermo a 157, ne diviene il primatista di presenze.[39] Le sue prestazioni nel corso della stagione risultano inferiori alle attese.[40]

Il 5 maggio 2018, alla penultima giornata di Primeira Liga, Casillas si laurea campione di Portogallo con il Porto grazie al pareggio per 0-0 nel derby di Lisbona tra Sporting e Benfica. Questo è il suo titolo numero 19 con maglie di club, oltre che il primo coi Dragões. Nel corso della stagione, dalla fine di ottobre del 2017 fino alla metà di febbraio, perse il posto da titolare in favore del più giovane José Sá. Nella volata finale ha dato un grande contributo per il successo del Porto, che non vinceva il campionato da cinque anni e aveva effettuato il sorpasso sul Benfica battendolo all'Estádio da Luz per 1-0 alla quintultima giornata.

Il 4 agosto 2018, all'Estádio Municipal de Aveiro, il Porto batte per 3-1 l'Aves. Casillas, schierato titolare, vince così la Supercoppa di Portogallo, il ventesimo titolo della sua carriera con maglie di club. Il successivo 11 dicembre, nella partita vinta per 2-3 sul campo del Galatasaray, raggiunge Cristiano Ronaldo a quota 100 vittorie in UEFA Champions League, record per la competizione.[41] Ottiene contestualmente la sua 173ª presenza nella competizione, record per il torneo, oltre a essere il primo giocatore a essere sceso in campo in 20 stagioni consecutive di UEFA Champions League.[41]

Il 1º maggio 2019 viene colpito da un infarto miocardico acuto durante un allenamento.[42] In attesa di sapere se potrà tornare in campo, a luglio inizia a fare il dirigente del Porto come tramite tra giocatori, allenatore e dirigenza.[43]

NazionaleModifica

 
Iker Casillas durante l'Europeo 2008.

Nell'estate del 2002 Casillas è stato l'estremo difensore titolare della Nazionale spagnola nel campionato del mondo 2002, subentrando in extremis all'infortunato Cañizares. La sua presenza è stata decisiva nell'ottavo di finale contro l'Irlanda, in cui Casillas ha parato un rigore nei tempi regolamentari e due dopo i supplementari, contribuendo alla vittoria della Spagna.

Sempre con la divisa delle Furie Rosse ha preso parte al campionato d'Europa 2004, al campionato del mondo 2006 ed al campionato d'Europa 2008, vincendo il titolo continentale nella finale vinta 1-0 sulla Germania. In quest'occasione è stato anche nominato capitano da Aragonés, ct della nazionale: ha avuto così l'onore di alzare al cielo di Vienna il massimo trofeo europeo per selezioni nazionali.

Le sue soddisfazioni in Nazionale non terminano con la vittoria del campionato d'Europa 2008: l'11 luglio 2010 a Johannesburg, in Sudafrica, quale capitano della sua Nazionale, è il primo a sollevare la Coppa del campionato del mondo 2010, la prima conquistata dalla Spagna nella sua prima finale mondiale, vinta battendo per 1-0 i Paesi Bassi dopo i tempi supplementari con gol al 116' di Andrés Iniesta. Viene eletto miglior portiere dei mondiali anche in virtù di due interventi prodigiosi su Arjen Robben in finale.

Il 12 novembre 2011, in occasione dell'amichevole della sua nazionale contro l'Inghilterra, a Wembley, diventa il giocatore con più presenze nella storia della Nazionale spagnola, raggiungendo infatti lo storico portiere Andoni Zubizarreta a 126. Tre giorni più tardi, a San José, contro la Costa Rica, diventa il primatista assoluto delle Furie rosse.

 
Iker Casillas con il trofeo dell'Europeo 2012, vinto dalla Nazionale spagnola.

Il 1º luglio 2012, a Kiev, si laurea nuovamente campione d'Europa con la Nazionale spagnola, grazie al 4-0 inflitto all'Italia in finale, diventando così il primo calciatore in assoluto a vincere la coppa per due volte, tra l'altro consecutive, in qualità di capitano. Durante la competizione subisce un solo gol, segnatogli da Antonio Di Natale nella partita di esordio (Spagna-Italia 1-1).

Convocato per il campionato del mondo 2014 (dove la Spagna esce nella fase a gironi), Casillas gioca le prime due gare contro i Paesi Bassi e il Cile. Offre una brutta prestazione, commettendo anche diversi errori, e subisce in queste due gare 5 reti dagli olandesi e 2 dai cileni.[44]

Il 13 novembre 2015, nella vittoria casalinga 2-0 contro l'Inghilterra, raggiunge le 165 presenze con la nazionale spagnola, eguagliando il record europeo di Vitālijs Astafjevs, e diventando inoltre il primo portiere a raggiungere le 100 gare con la nazionale del proprio paese senza subire gol.[45]

Viene convocato anche per l'Europeo 2016 in Francia,[46] manifestazione nella quale tuttavia non scende in campo, ricoprendo il ruolo di secondo portiere dietro de Gea.

StatisticheModifica

Casillas ha disputato, tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, 1118 partite.

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 26 aprile 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-1999   Real Madrid C TD 26 -? - - - - - - - - - 26 -?
1999-2000   Real Madrid B SDB 4 -2 - - - - - - - - - 4 -2
1999-2000   Real Madrid PD 27 -25 CR 5 -1 UCL 12 -19 Cmc 3 -5 47 -50
2000-2001 PD 34 -37 CR 0 -0 UCL 11 -15 SU+CInt 1+1 -2 + -2 47 -56
2001-2002 PD 25 -27 CR 5 -5 UCL 9 -6 SS 1 -0 40 -38
2002-2003 PD 38 -42 CR 0 -0 UCL 15 -21 SU+CInt 1+1 -1 + -0 55 -64
2003-2004 PD 37 -50 CR 2 -1 UCL 9 -10 SS 2 -2 50 -63
2004-2005 PD 37 -30 CR 0 -0 UCL 10[47] -11 - - - 47 -41
2005-2006 PD 37 -38 CR 4 -6 UCL 7 -7 - - - 48 -51
2006-2007 PD 38 -40 CR 0 -0 UCL 7 -10 - - - 45 -50
2007-2008 PD 36 -32 CR 0 -0 UCL 8 -13 SS 2 -6 46 -51
2008-2009 PD 38 -52 CR 0 -0 UCL 7 -10 SS 2 -5 47 -67
2009-2010 PD 38 -35 CR 0 -0 UCL 8 -9 - - - 46 -44
2010-2011 PD 35 -32 CR 8 -2 UCL 11 -6 - - - 54 -40
2011-2012 PD 37 -31 CR 4 -6 UCL 10 -7 SS 2 -5 53 -49
2012-2013 PD 19 -17 CR 3 -0 UCL 5 -8 SS 2 -4 29 -29
2013-2014 PD 2 -2 CR 9 -1 UCL 13 -9 - - - 24 -12
2014-2015 PD 32 -35 CR 0 -0 UCL 10 -9 SU+SS+Cmc 1+2+2 -0 + -2 + -0 47 -46
Totale Real Madrid 510 -525 40 -22 152 -170 23 -34 725 -751
2015-2016   Porto PL 32 -28 CP+CdL 0 -0 UCL+UEL 6+2 -8 + -3 - - - 40 -39
2016-2017 PL 33 -16 CP+CdL 0 -0 UCL 10[48] -7 - - - 43 -23
2017-2018 PL 20 -10 CP+CdL 5+3 -4 + -2 UCL 3 -3 - - - 31 -19
2018-2019 PL 31 -19 CP+CdL 0+0 -0 + -0 UCL 10 -15 SP 1 -1 42 -35
Totale Porto 116 -73 8 -6 31 -36 1 -1 156 -116
Totale carriera 656 -600 48 -28 183 -206 24 -35 911 -869

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
3-6-2000 Göteborg Svezia   1 – 1   Spagna Amichevole -1
7-6-2000 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 1   Spagna Amichevole -
2-9-2000 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina   1 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2002 -1
7-10-2000 Madrid Spagna   2 – 0   Israele Qual. Mondiali 2002 -
11-10-2000 Vienna Austria   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2002 -1
15-11-2000 Siviglia Spagna   1 – 2   Paesi Bassi Amichevole -2
28-2-2001 Birmingham Inghilterra   3 – 0   Spagna Amichevole -2   64’
24-3-2001 Alicante Spagna   5 – 0   Liechtenstein Qual. Mondiali 2002 -
25-4-2001 Cordova Spagna   1 – 0   Giappone Amichevole -
5-9-2001 Vaduz Liechtenstein   0 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2002 -
14-11-2001 Huelva Spagna   1 – 0   Messico Amichevole -   80’
13-2-2002 Barcellona Spagna   1 – 1   Portogallo Amichevole -1
17-4-2002 Belfast Irlanda del Nord   0 – 5   Spagna Amichevole -
2-6-2002 Gwangju Spagna   3 – 1   Slovenia Mondiali 2002 - 1º turno -1
7-6-2002 Jeonju Spagna   3 – 1   Paraguay Mondiali 2002 - 1º turno -1
12-6-2002 Daejeon Sudafrica   2 – 3   Spagna Mondiali 2002 - 1º turno -2
16-6-2002 Suwon Spagna   1 – 1
(3 - 2 dcr)
  Irlanda Mondiali 2002 - Ottavi di finale -1
22-6-2002 Gwangju Spagna   0 – 0
(3 - 5 dcr)
  Corea del Sud Mondiali 2002 - Quarti di finale -
21-8-2002 Budapest Ungheria   1 – 1   Spagna Amichevole -
7-9-2002 Atene Grecia   0 – 2   Spagna Qual. Euro 2004 -
12-10-2002 Albacete Spagna   3 – 0   Irlanda del Nord Qual. Euro 2004 -
20-11-2002 Granada Spagna   1 – 0   Bulgaria Amichevole -
12-2-2003 Las Palmas Spagna   3 – 1   Germania Amichevole -1   84’
29-3-2003 Kiev Ucraina   2 – 2   Spagna Qual. Euro 2004 -2
2-4-2003 León Spagna   3 – 0   Armenia Qual. Euro 2004 -
30-4-2003 Madrid Spagna   4 – 0   Ecuador Amichevole -   75’
7-6-2003 Saragozza Spagna   0 – 1   Grecia Qual. Euro 2004 -1
11-6-2003 Belfast Irlanda del Nord   0 – 0   Spagna Qual. Euro 2004 -
6-9-2003 Guimarães Portogallo   0 – 3   Spagna Amichevole -
10-9-2003 Elche Spagna   2 – 1   Ucraina Qual. Euro 2004 -1
11-10-2003 Erevan Armenia   0 – 4   Spagna Qual. Euro 2004 -
14-11-2003 Valencia Spagna   2 – 1   Norvegia Qual. Euro 2004 -1
19-11-2003 Oslo Norvegia   0 – 3   Spagna Qual. Euro 2004 -
18-2-2004 Barcellona Spagna   2 – 1   Perù Amichevole -1
31-3-2004 Gijón Spagna   2 – 0   Danimarca Amichevole -
28-4-2004 Genova Italia   1 – 1   Spagna Amichevole -1
5-6-2004 Getafe Spagna   4 – 0   Andorra Amichevole -
12-6-2004 Faro Spagna   1 – 0   Russia Euro 2004 - 1º turno -
16-6-2004 Porto Grecia   1 – 1   Spagna Euro 2004 - 1º turno -1
20-6-2004 Lisbona Spagna   0 – 1   Portogallo Euro 2004 - 1º turno -1
3-9-2004 Valencia Spagna   1 – 1   Scozia Amichevole -1
8-9-2004 Zenica Bosnia ed Erzegovina   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2006 -1
9-10-2004 Santander Spagna   2 – 0   Belgio Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2004 Vilnius Lituania   0 – 0   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
17-11-2004 Madrid Spagna   1 – 0   Inghilterra Amichevole -
9-2-2005 Almería Spagna   5 – 0   San Marino Qual. Mondiali 2006 -
26-3-2005 Salamanca Spagna   3 – 0   Cina Amichevole -
30-3-2005 Belgrado Serbia e Montenegro   0 – 0   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
4-6-2005 Valencia Spagna   1 – 0   Lituania Qual. Mondiali 2006 -
8-6-2005 Valencia Spagna   1 – 1   Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2006 -1
7-9-2005 Madrid Spagna   1 – 1   Serbia e Montenegro Qual. Mondiali 2006 -1
8-10-2005 Bruxelles Belgio   0 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2005 Città di San Marino San Marino   0 – 6   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Madrid Spagna   5 – 1   Slovacchia Qual. Mondiali 2006 -1
16-11-2005 Bratislava Slovacchia   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2006 -1
1-3-2006 Valladolid Spagna   3 – 2   Costa d'Avorio Amichevole -2
27-5-2006 Albacete Spagna   0 – 0   Russia Amichevole -
3-6-2006 Elche Spagna   2 – 0   Egitto Amichevole -
14-6-2006 Lipsia Spagna   4 – 0   Ucraina Mondiali 2006 - 1º turno -
19-6-2006 Stoccarda Spagna   3 – 1   Tunisia Mondiali 2006 - 1º turno -1
27-6-2006 Hannover Spagna   1 – 3   Francia Mondiali 2006 - Ottavi di finale -3
2-9-2006 Badajoz Spagna   4 – 0   Liechtenstein Qual. Euro 2008 -
6-9-2006 Belfast Irlanda del Nord   3 – 2   Spagna Qual. Euro 2008 -3
7-10-2006 Solna Svezia   2 – 0   Spagna Qual. Euro 2008 -2
15-11-2006 Cadice Spagna   0 – 1   Romania Amichevole -1
7-2-2007 Manchester Inghilterra   0 – 1   Spagna Amichevole -
24-3-2007 Madrid Spagna   2 – 1   Danimarca Qual. Euro 2008 -1
28-3-2007 Palma di Maiorca Spagna   1 – 0   Islanda Qual. Euro 2008 -
2-6-2007 Riga Lettonia   0 – 2   Spagna Qual. Euro 2008 -
8-9-2007 Reykjavík Islanda   1 – 1   Spagna Qual. Euro 2008 -1
12-9-2007 Oviedo Spagna   2 – 0   Lettonia Qual. Euro 2008 -
13-10-2007 Aarhus Danimarca   1 – 3   Spagna Qual. Euro 2008 -1
17-11-2007 Madrid Spagna   3 – 0   Svezia Qual. Euro 2008 -
6-2-2008 Malaga Spagna   1 – 0   Francia Amichevole -
26-3-2008 Elche Spagna   1 – 0   Italia Amichevole -
31-5-2008 Huelva Spagna   2 – 1   Perù Amichevole -1
4-6-2008 Santander Spagna   1 – 0   Stati Uniti Amichevole -
10-6-2008 Innsbruck Spagna   4 – 1   Russia Euro 2008 - 1º turno -1
14-6-2008 Innsbruck Svezia   1 – 2   Spagna Euro 2008 - 1º turno -1
22-6-2008 Vienna Spagna   0 – 0 dts
(4 - 2 dcr)
  Italia Euro 2008 - Quarti di finale -
26-6-2008 Vienna Russia   0 – 3   Spagna Euro 2008 - Semifinali -
29-6-2008 Vienna Germania   0 – 1   Spagna Euro 2008 - Finale - 2º titolo europeo
20-8-2008 Copenaghen Danimarca   0 – 3   Spagna Amichevole -
6-9-2008 Murcia Spagna   1 – 0   Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Albacete Spagna   4 – 0   Armenia Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Tallinn Estonia   0 – 3   Spagna Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Bruxelles Belgio   1 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2010 -1
19-11-2008 Vila-real Spagna   3 – 0   Cile Amichevole -
11-2-2009 Siviglia Spagna   2 – 0   Inghilterra Amichevole -
28-3-2009 Madrid Spagna   1 – 0   Turchia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Istanbul Turchia   1 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2010 -1
9-6-2009 Baku Azerbaigian   0 – 6   Spagna Amichevole -
14-6-2009 Rustenburg Nuova Zelanda   0 – 5   Spagna Conf. Cup 2009 - 1º turno -
17-6-2009 Bloemfontein Spagna   1 – 0   Iraq Conf. Cup 2009 - 1º turno -
24-6-2009 Bloemfontein Spagna   0 – 2   Stati Uniti Conf. Cup 2009 - Semifinali -2
28-6-2009 Rustenburg Spagna   3 – 2 dts   Sudafrica Conf. Cup 2009 - Finale 3º posto -2
5-9-2009 A Coruña Spagna   5 – 0   Belgio Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Mérida Spagna   3 – 0   Estonia Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Zenica Bosnia ed Erzegovina   2 – 5   Spagna Qual. Mondiali 2010 -2
14-11-2009 Madrid Spagna   2 – 1   Argentina Amichevole -1
18-11-2009 Vienna Austria   1 – 5   Spagna Amichevole -1
3-3-2010 Saint-Denis Francia   0 – 2   Spagna Amichevole -
29-5-2010 Innsbruck Spagna   3 – 2   Arabia Saudita Amichevole -2
8-6-2010 Murcia Spagna   6 – 0   Polonia Amichevole -
16-6-2010 Durban Spagna   0 – 1   Svizzera Mondiali 2010 - 1º turno -1
21-6-2010 Johannesburg Spagna   2 – 0   Honduras Mondiali 2010 - 1º turno -
25-6-2010 Pretoria Cile   1 – 2   Spagna Mondiali 2010 - 1º turno -1
29-6-2010 Città del Capo Spagna   1 – 0   Portogallo Mondiali 2010 - Ottavi di finale -
3-7-2010 Johannesburg Spagna   1 – 0   Paraguay Mondiali 2010 - Quarti di finale -
7-7-2010 Durban Germania   0 – 1   Spagna Mondiali 2010 - Semifinali -
11-7-2010 Johannesburg Paesi Bassi   0 – 1 dts   Spagna Mondiali 2010 - Finale - 1º titolo mondiale
11-8-2010 Città del Messico Messico   1 – 1   Spagna Amichevole -1
3-9-2010 Vaduz Liechtenstein   0 – 4   Spagna Qual. Euro 2012 -
8-10-2010 Salamanca Spagna   3 – 1   Lituania Qual. Euro 2012 -1
12-10-2010 Glasgow Scozia   2 – 3   Spagna Qual. Euro 2012 -2
17-11-2010 Lisbona Portogallo   4 – 0   Spagna Amichevole -4
9-2-2011 Madrid Spagna   1 – 0   Colombia Amichevole -
25-3-2011 Granada Spagna   2 – 1   Rep. Ceca Qual. Euro 2012 -1
29-3-2011 Kaunas Lituania   1 – 3   Spagna Qual. Euro 2012 -1
4-6-2011 Boston Stati Uniti   0 – 4   Spagna Amichevole -
7-6-2011 Puerto La Cruz Venezuela   0 – 3   Spagna Amichevole -
10-8-2011 Bari Italia   2 – 1   Spagna Amichevole -1
2-9-2011 San Gallo Spagna   3 – 2   Cile Amichevole -2
6-9-2011 Logroño Spagna   6 – 0   Liechtenstein Qual. Euro 2012 -
7-10-2011 Praga Rep. Ceca   0 – 2   Spagna Qual. Euro 2012 -
12-11-2011 Londra Inghilterra   1 – 0   Spagna Amichevole -
15-11-2011 San José Costa Rica   2 – 2   Spagna Amichevole -2
29-2-2012 Malaga Spagna   5 – 0   Venezuela Amichevole -
26-5-2012 San Gallo Spagna   2 – 0   Serbia Amichevole -
30-5-2012 Berna Spagna   4 – 1   Corea del Sud Amichevole -
3-6-2012 Siviglia Spagna   1 – 0   Cina Amichevole -
10-6-2012 Danzica Spagna   1 – 1   Italia Euro 2012 - 1º turno -1
14-6-2012 Danzica Spagna   4 – 0   Irlanda Euro 2012 - 1º turno -
18-6-2012 Danzica Croazia   0 – 1   Spagna Euro 2012 - 1º turno -
23-6-2012 Donec'k Spagna   2 – 0   Francia Euro 2012 - Quarti di finale -
27-6-2012 Donec'k Portogallo   0 – 0 dts
(2 - 4 dcr)
  Spagna Euro 2012 - Semifinali -
1-7-2012 Kiev Spagna   4 – 0   Italia Euro 2012 - Finale - 3º titolo europeo
15-8-2012 Bayamón Porto Rico   1 – 2   Spagna Amichevole -1
7-9-2012 Pontevedra Spagna   5 – 0   Arabia Saudita Amichevole -   72’
11-9-2012 Tbilisi Georgia   0 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Minsk Bielorussia   0 – 4   Spagna Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Madrid Spagna   1 – 1   Francia Qual. Mondiali 2014 -1
14-11-2012 Panama Panama   1 – 5   Spagna Amichevole -1
8-6-2013 Miami Gardens Spagna   2 – 1   Haiti Amichevole -
12-6-2013 New York Spagna   2 – 0   Irlanda Amichevole -   59’
17-6-2013 Recife Spagna   2 – 1   Uruguay Conf. Cup 2013 - 1º turno -1
27-6-2013 Fortaleza Spagna   0 – 0 dts
(7 – 6 dcr)
  Italia Conf. Cup 2013 - Semifinali -
30-6-2013 Rio de Janeiro Brasile   3 – 0   Spagna Conf. Cup 2013 - Finale -3 2º posto
14-8-2013 Guayaquil Ecuador   0 – 2   Spagna Amichevole -   50’
6-9-2013 Helsinki Finlandia   0 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2014 -
15-10-2013 Albacete Spagna   2 – 0   Georgia Qual. Mondiali 2014 -
19-11-2013 Johannesburg Sudafrica   1 – 0   Spagna Amichevole -   46’
5-3-2014 Madrid Spagna   1 – 0   Italia Amichevole -   46’
7-6-2014 Landover El Salvador   0 – 2   Spagna Amichevole -   83’
13-6-2014 Salvador Spagna   1 – 5   Paesi Bassi Mondiali 2014 - 1º turno -5   65’
18-6-2014 Rio de Janeiro Spagna   0 – 2   Cile Mondiali 2014 - 1º turno -2
8-9-2014 Valencia Spagna   5 – 1   Macedonia Qual. Euro 2016 -1
9-10-2014 Žilina Slovacchia   2 – 1   Spagna Qual. Euro 2016 -2
15-11-2014 Huelva Spagna   3 – 0   Bielorussia Qual. Euro 2016 -
18-11-2014 Vigo Spagna   0 – 1   Germania Amichevole -   77’
27-3-2015 Siviglia Spagna   1 – 0   Ucraina Qual. Euro 2016 -
14-6-2015 Barysaŭ Bielorussia   0 – 1   Spagna Qual. Euro 2016 -
5-9-2015 Oviedo Spagna   2 – 0   Slovacchia Qual. Euro 2016 -
9-10-2015 Logroño Spagna   4 – 0   Lussemburgo Qual. Euro 2016 -
13-11-2015 Alicante Spagna   2 – 0   Inghilterra Amichevole - cap.
27-3-2016 Cluj Romania   0 – 0   Spagna Amichevole - cap.
1-6-2016 Wals-Siezenheim Spagna   6 – 1   Corea del Sud Amichevole - cap. -   74’
Totale Presenze (1º posto) 167 Reti -94

RecordModifica

Statistiche aggiornate al 17 aprile 2019.

PalmarèsModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ (ES) Il miglior portiere della nostra storia, su https://www.realmadrid.com.
  2. ^ Rossano Donnini, Guerin Sportivo, novembre 2013.
  3. ^ (EN) The best goalkeepers of all time, su edition.cnn.com, 9 febbraio 2009.
  4. ^ (EN) Is Bayern Munich's Manuel Neuer the best goalkeeper ever?, su skysports.com, 12 maggio 2015.
  5. ^ Tutti vogliono Iker Casillas: dalle parate ai baci il capitano della Spagna è già leggenda, su archivio.panorama.it. URL consultato il 27 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2017).
  6. ^ (EN) Spain - Record International Players, su rsssf.com. URL consultato il 21 marzo 2017.
  7. ^ (EN) Real Madrid, su uefa.com. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  8. ^ (EN) IFFHS' World's Best Goalkeeper of the Year
  9. ^ Buffon miglior portiere del decennio, su tuttosport.com, 5 gennaio 2011. URL consultato il 10 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  10. ^ Buffon miglior portiere degli ultimi 25 anni, su repubblica.it, 25 gennaio 2012. URL consultato il 10 settembre 2015.
  11. ^ L'Iffhs ha deciso: Buffon miglior portiere del XXI secolo, su sport.sky.it, 7 febbraio 2012. URL consultato il 10 settembre 2015.
  12. ^ Iker Casillas e Sara Carbonero: nozze in gran segreto, su sport.it, 1º aprile 2016. URL consultato il 27 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2017).
  13. ^ (ES) Lucas, hijo de Iker Casillas y Sara Carbonero, sale del hospital: primera foto pública con sus padres, su huffingtonpost.es, 6 giugno 2016.
  14. ^ (EN) Casillas and Buffon go head to head, su uefa.com. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  15. ^ a b (EN) Iker Casillas, su en.espn.co.uk. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  16. ^ (EN) J. L. Hurtado e H. Cerezo, King of the keepers, su marca.com, 7 dicembre 2015. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  17. ^ (EN) Henry Winter, Euro 2012: I look up to Italy goalkeeper Gianluigi Buffon, reveals Spain's No 1 Iker Casillas, su telegraph.co.uk, 30 giugno 2012. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  18. ^ a b Andrea Sorrentino, Il declino di San Iker, simbolo di una squadra che non c'è più, su repubblica.it, 14 giugno 2014. URL consultato il 15 aprile 2016.
  19. ^ (EN) Carlo Garganese e Ben Hayward, Debate: Buffon vs Casillas - who has had a greater career?, su goal.com, 4 maggio 2015. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  20. ^ (EN) Michael Cox, Trendsetters Buffon, Casillas keep it legendary, su espnfc.us, 25 giugno 2013. URL consultato il 27 marzo 2017.
  21. ^ (EN) James Lawton, Spanish can always have faith in miracle saves of 'Saint' Iker Casillas, su independent.co.uk, 28 giugno 2012. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  22. ^ Alfredo Rodríguez, Casillas chiede maggiore considerazione, su it.uefa.com, 23 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2017.
  23. ^ (EN) Meet the penalty killers, su fifa.com, 6 luglio 2014. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  24. ^ (EN) The game's best penalty stoppers, su marca.com, 10 maggio 2015. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  25. ^ Alessandro Vocalelli, Da Buffon-Casillas a Balotelli-Torres. Italia contro Spagna ruolo per ruolo, su repubblica.it, 30 giugno 2012. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  26. ^ Casillas nel club dei numero uno, su it.uefa.com, 28 marzo 2007. URL consultato il 15 aprile 2016.
  27. ^ a b Real Madrid, l'ultimo sgarbo di Mourinho a Casillas: non convocato, su gazzetta.it, 31 maggio 2013. URL consultato il 27 marzo 2017.
  28. ^ (EN) Mourinho meltdown and hints of civil war at Real Madrid, theguardian.com
  29. ^ (EN) Xavi's father reveals Spain tensions, espnfc.com
  30. ^ (EN) Iker on the bench, marca.com
  31. ^ Il Bernabeu abbraccia Raul. Ma su Casillas e Diego Lopez è guerra tra tifosi, su gazzetta.it, 22 agosto 2013. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  32. ^ Supercoppa Europea, Real Madrid-Siviglia 2-0: doppietta di Ronaldo, su gazzetta.it, 12 agosto 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  33. ^ Real Madrid-San Lorenzo 2-0: Ramos e Bale portano i Blancos sul tetto del Mondo, su goal.com, 20 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  34. ^ Il Real Madrid è campione del mondo, su ilpost.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  35. ^ (ES) El Mundo.es Un inicio titubeante, un final prometedor
  36. ^ (ES) Iker Casillas.org - Biografia
  37. ^ (ES) Comunicado Oficial: Iker Casillas, su realmadrid.com. URL consultato il 12 luglio 2015.
  38. ^ Casillas, è ufficiale: addio al Real dopo 25 anni, può andare al Porto, su gazzetta.it. URL consultato il 12 luglio 2015.
  39. ^ Casillas Mister Champions. Per lui il record più amaro, su gazzetta.it, 10 dicembre 2015. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  40. ^ Porto, Casillas ha deluso tutti: a giugno può partire, su sportmediaset.mediaset.it, 16 marzo 2016. URL consultato il 15 aprile 2016.
  41. ^ a b Porto, Casillas da record: 100 vittorie in Champions League come Cristiano Ronaldo, Sky Sport, 12 dicembre 2018.
  42. ^ Iker Casillas ricoverato d'urgenza e operato. "Infarto acuto al miocardio", su quotidiano.net, 1º maggio 2019.
  43. ^ Casillas in ritiro col Porto. Da dirigente: “Aiuterò i miei compagni”, su gazzetta.it, 15 luglio 2019.
  44. ^ Brasile 2014, la Spagna chiude un ciclo irripetibile. Come il Barcellona, su gazzetta.it, 18 giugno 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  45. ^ (ES) Una noche de fiesta para Iker, su marca.com, 13 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  46. ^ (ES) OFICIAL - Esta es la lista definitiva de la Selección española para la Eurocopa de Francia, su rfef.es, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  47. ^ Due presenze e un gol subito nel terzo turno preliminare.
  48. ^ Due presenze e un gol subito nei play-off.
  49. ^ (EN) Casillas breaks record for most UEFA club appearances, su uefa.com, 14 marzo 2017. URL consultato il 18 marzo.
  50. ^ (EN) UEFA Champions League statistics handbook - All-time records (PDF), su uefa.com, p. 6. URL consultato il 15 marzo 2015.
  51. ^ (EN) Real Madrid CF, su uefa.com. URL consultato il 27 novembre 2015.
  52. ^ (EN) Spain - Record International Players, su rsssf.com. URL consultato il 27 novembre 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN249570845 · ISNI (EN0000 0003 7019 7868 · LCCN (ENno2012072829 · WorldCat Identities (ENno2012-072829