Il Chimico Italiano

Il Chimico Italiano
Stato{{Italia}}Italia
Linguaitaliano
Periodicitàbimestrale
Genererivista tecnica
Fondazione1990
SedeRoma
EditoreConsiglio Nazionale dei Chimici
Tiratura(16.000)
DirettoreNausicaa Orlandi
Redattore capoGiuseppe Panzera
Sito webwww.chimici.it/cnc2014/index.php?id=358
 

Il Chimico Italiano è una rivista tecnica di chimica in lingua italiana pubblicata dal 1990 dal Consiglio Nazionale dei Chimici. Fino al fascicolo n. 2 1994 è allegato Il bollettino ufficiale del consiglio nazionale dei chimici.[1]

La periodicità è bimestrale; sono pubblicati articoli intesi a dare ai chimici italiani informazioni professionali, tecniche, giuridiche ed economiche. Viene distribuita a tutti gli iscritti all'Ordine dei Chimici.

Dal 2014 è distribuita congiuntamente a La Chimica & l'Industria (della quale diventa editor il Consiglio Nazionale dei Chimici), in previsione della fusione delle due riviste [2].

I numeri dal n. 2 al n. 5 del 2015 sono stati distribuiti come un inserto estraibile contenuto in La Chimica e l'Industria (anno XCVII, n. 2)[3]. A partire dal n. 6 del 2015 invece si è ritornati alla separazione delle due riviste.

A partire dal numero di settembre 2017 (anno XXVII), la rivista cessa la distribuzione cartacea e diventa esclusivamente online [4].

NoteModifica

  1. ^ Il Chimico Italiano, Worldcat. URL consultato il 15 maggio 2014.
  2. ^ Le Ragioni di una scelta (PDF), Società Chimica Italiana. URL consultato il 14 maggio 2014.
  3. ^ Il Chimico Italiano, anno XXVI n. 2, pag. 2, R. Riccio, A. Zingales, La nota: Una ristrutturazione che guarda al futuro
  4. ^ Nausicaa Orlandi, Il Chimico Italiano: una tradizione che cambia veste e si rinnova, Il Chimico Italiano, sett. 2017, p. 2. URL consultato il 27 settembre 2017. Ospitato su issuu.

Collegamenti esterniModifica