Il GGG - Il grande gigante gentile

film del 2016 diretto da Steven Spielberg
Il GGG - Il grande gigante gentile
Il GGG - Il grande gigante gentile.jpg
Una scena dal trailer del film
Titolo originaleThe BFG
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America, Canada
Anno2016
Durata115 min
Rapporto2,35:1
Generefantastico, avventura
RegiaSteven Spielberg
Soggettodal romanzo di Roald Dahl
SceneggiaturaMelissa Mathison
ProduttoreSteven Spielberg, Frank Marshall, Sam Mercer
Produttore esecutivoKathleen Kennedy, John Madden, Kristie Macosko Krieger, Michael Siegel, Frank Smith, Naia Cucukov
Casa di produzioneWalt Disney Pictures, Amblin Entertainment, Reliance Entertainment, Walden Media, The Kennedy/Marshall Company
Distribuzione in italianoMedusa Film
FotografiaJanusz Kaminski
MontaggioMichael Kahn
Effetti specialiAndrew Durno, James Kozier
MusicheJohn Williams
ScenografiaRick Carter
CostumiJoanna Johnston
TruccoJennifer Machnee
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il GGG - Il grande gigante gentile (The BFG) è un film del 2016 diretto e prodotto da Steven Spielberg. La pellicola è scritta da Melissa Mathison ed è interpretata da Ruby Barnhill, Mark Rylance, Penelope Wilton e Bill Hader.

Primo film diretto da Spielberg ad essere prodotto e distribuito dalla Walt Disney[1], è l'adattamento cinematografico del romanzo del 1982 Il GGG scritto da Roald Dahl, già portato sul grande schermo col film d'animazione del 1989 Il mio amico gigante.

TramaModifica

In un orfanotrofio di Londra, nel pieno della notte, l'insonne orfanella Sofia, sentendo dei rumori per strada, si affaccia alla finestra e vede un gigante incappucciato che, notando di essere stato visto, l'agguanta e scappa via verso il nord del paese, non facendosi notare da nessun umano. Arrivati nella caverna del gigante, in un posto protetto dalla nebbia del mare a nord del Regno Unito, il Paese dei Giganti, Sofia tenta di scappare, ma viene fermata dal gigante, che la rassicura che non la mangerà, in quanto vegetariano e che, se l'ha rapita, era solo per evitare che gli "esseri urbani" (come i giganti li chiamano nella loro lingua sgrammaticata) potessero sapere della loro esistenza e non imprigionassero lui in uno zoo o tentassero di avvicinarsi agli altri nove giganti del paese, ben più grandi e più malvagi di lui, nonché carnivori.

Sofia, volendo fuggire, si addormenta e, quando si accorge che anche il gigante si è addormentato, scappa dalla sua caverna, ma viene fermata da uno dei giganti cattivi che la divora. Per sua fortuna si trattava di un incubo soffiatole dal gigante, il quale le spiega che il suo compito è quello di catturare i sogni e portarli ai bambini addormentati nel mondo e che può modificarli o mescolarli assieme per formare delle storie. Sofia si convince e decide di desistere dallo scappare dal Paese dei Giganti, venendo a conoscenza delle loro usanze: il buon gigante le mostra come lui si debba nutrire di disgustosi Cetrionzoli, unico cibo esistente nella loro terra, che possono creare la bizzarra bevanda dello Sciroppio, che causa flatulenze che per un gigante sono come dei salti di gioia. Proprio allora, il leader dei giganti carnivori, InghiottiCiccia, entra nella caverna per farsi guarire da una ferita e, annusandone l'odore, è sicuro che il gigante stia nascondendo un essere urbano. Per distrarlo, il gigante tenta di offrirgli un Cetrionzolo, ma si accorge in tempo che Sofia si era nascosta dentro e impedisce a InghiottiCiccia di mangiarla e riesce a farlo andare via.

Dopo aver dato una ripulita a Sofia e dopo averle dato dei vestiti, il gigante le prepara un rifugio all'interno del suo magazzino di sogni e si prepara ad andare a prenderne altri. Sofia chiede di andare con lui e, con molta riluttanza, il gigante la porta con se. I due, per raggiungere la Terra dei Sogni, devono superare il giaciglio degli altri giganti e, nonostante gli sforzi del gigante di impedire ai suoi simili di svegliarsi, viene beccato da Sangue-Succhia, il secondo in comando, che risveglia gli altri per strapazzare il piccolo gigante, finché la pioggia non mette fine al loro spasso (i nove giganti temono l'acqua). Il gigante e Sofia (rimasta nascosta ai giganti) se ne vanno e raggiungono la Terra dei Sogni. I due prendono diversi sogni, catturando i più fantasiosi sfruttando le enormi orecchie del gigante, che rivela di chiamarsi Grande Gigante Gentile, che Sofia accorcia in GGG. La gita dei due termina quando GGG cattura un incubo che stava attirando Sofia in una trappola per farla spaventare e i due si dirigono quindi con un trombone magico nei villaggi degli umani addormentati per soffiare i sogni ai bambini.

Tornati a casa, GGG nota che la coperta di Sofia era caduta dalla sua tasca mentre veniva strapazzato da InghiottiCiccia e gli altri e, temendo per Sofia, la riporta all'orfanotrofio contro la sua volontà e poi scompare, facendo sembrare a Sofia di aver sognato. Sofia, quindi, per dimostrare il contrario, salta dalla finestra e, come da lei previsto, GGG la salva e le rivela del perché è così preoccupato per lei: anni fa, GGG aveva ospitato un ragazzo umano di nome Jack ma fu scoperto e divorato da InghiottiCiccia. Stufa che quei giganti la possano passar liscia, Sofia si offre di aiutarlo a trovare un modo per liberarsi di loro. Tornati al magazzino dei sogni, GGG ottiene visite inaspettate quando InghiottiCiccia e gli altri entrano e domandano che gli venga consegnato l'urbano di cui hanno scoperto la presenza dalla coperta che hanno trovato. Nel cercare Sofia, che si nasconde nella tana di Jack, i giganti distruggono diversi sogni e GGG, furioso, li caccia via.

Trovando una foto della Regina Vittoria nella tana di Jack, a Sofia viene un piano per liberarsi dei giganti. Chiede a GGG di creare un sogno per la Regina Elisabetta II, il quale le mostrerà la loro avventura fino ad ora e che poi, al suo risveglio vedrà una bambina ed un gigante pacifico alla finestra che l'aiuteranno a fermare i malvagi giganti che hanno deciso quella notte di mangiare diversi bambini dagli orfanotrofi. Leggendo la notizia di bambini scomparsi e ossa ritrovate e vedendo Sofia e il GGG alla finestra, la mattina dopo, la Regina capisce che il sogno che ha fatto era vero e decide di organizzare con loro un piano per liberarsi dei giganti. Il piano consiste di distrarre i giganti con l'incubo trovato da GGG per far prima vedere a loro quanto son malvagi e poi, uno stormo di elicotteri dell'esercito li legherà e li porterà su un'isola circondata dalla loro temuta acqua.

Sofia e GGG attuano il piano e, nonostante i giganti vengano presi dal senso di colpa e non oppongono troppa resistenza alla cattura, InghiottiCiccia non si lascia sopraffare dall'incubo e tocca al GGG di tenerlo fermo per permettere ai soldati di catturarlo. Alla fine i giganti vengono tutti portati sull'isola e, come uno sostentamento, gli vengono lasciati semi e ortaggi di Cetrionzoli. Sofia viene adottata dalla cameriera della Regina e GGG torna nella sua tranquilla casa a continuare a fare sogni per i bambini, ottenendo dalla Regina diverse scorte di buon cibo come ricompensa.

ProduzioneModifica

I primi tentativi di realizzare un adattamento su grande schermo del romanzo Il GGG sono stati fatti nel 1991, quando i produttori Frank Marshall e Kathleen Kennedy cercarono di coinvolgere la Paramount Pictures.[2] Nel 1998 i coniugi Robin Swicord e Nicholas Kazan hanno scritto una sceneggiatura per un possibile film, pensando a Robin Williams nella parte principale del GGG.[3] Nel 2001 la sceneggiatura viene riscritta da Gwyn Lurie con l'approvazione della fondazione Dahl.[4]

Nel settembre 2011 la DreamWorks annuncia di aver acquistato i diritti cinematografici del libro; Kennedy e Marshall vengono confermati come produttori, e Melissa Mathison viene chiamata per scrivere la sceneggiatura.[5] Nell'aprile 2014 viene annunciato Steven Spielberg come regista.[6] Nel marzo 2015 la Walden Media annuncia il suo ruolo di co-finanziatrice e co-produttrice del film. Nell'aprile 2015 la Walt Disney Pictures, che avrebbe dovuto distribuire il film attraverso la sua Touchstone Pictures, annuncia la sua entrata in co-produzione nel film e la distribuzione sotto il marchio Walt Disney.[7] Infine la Dreamworks non viene accreditata nel progetto e viene sostituita dalla casa di produzione di Spielberg, la Amblin Entertainment.[8]

CastingModifica

 
Steven Spielberg, Ruby Barnhill e Mark Rylance al Festival di Cannes 2016.

Nell'ottobre 2014 Mark Rylance viene scelto per il ruolo del GGG.[9] A dicembre viene scelta la giovane attrice inglese Ruby Barnhill per il ruolo di Sophie.[10] A marzo 2015 si aggiunge al cast Bill Hader nel ruolo di un gigante malvagio,[11] e ad aprile viene annunciato il resto del cast, composto da Penelope Wilton, Rebecca Hall, Jemaine Clement, Michael David Adamthwaite, Daniel Bacon, Chris Gibbs, Adam Godley, Jonathan Holmes, Paul Moniz de Sa e Ólafur Ólafsson.[12]

RipreseModifica

Le riprese principali sono avvenute a Vancouver dal 23 marzo al 12 giugno 2015.[13][14]

Effetti visiviModifica

Gli effetti visivi del film, girato in tecnica mista,[15] sono curati dalla Weta Digital.[16]

PromozioneModifica

Il primo teaser trailer del film viene pubblicato il 9 dicembre 2015,[17][18] mentre il trailer esteso viene diffuso il 5 aprile 2016[19].

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato, fuori concorso, al Festival di Cannes 2016[20] il 14 maggio[15].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 1º luglio 2016,[21][22] mentre la data di uscita in Italia, inizialmente prevista per il 15 settembre 2016, e poi posticipata al 1º gennaio 2017,[23] è avvenuta il 30 dicembre 2016.[24]

Negli Stati Uniti il film è stato distribuito nelle sale dalla Walt Disney Pictures,[25] nel Regno Unito dalla Entertainment One[26] ed in Italia da Medusa Film.[27]

RiconoscimentiModifica

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Il film viene considerato un flop al botteghino;[32] costato 140 milioni di dollari più le spese di marketing, la pellicola ha registrato un incasso complessivo di 183 milioni di dollari, di cui 55 nelle sale statunitensi e 124 nel resto del mondo,[33] riportando una perdita di circa 100 milioni da suddividere tra le case di produzione Disney, Amblin Entertainment e Participant Media.[32][34]

NoteModifica

  1. ^ Mirko D'Alessio, Il Gigante Gentile: ecco il secondo trailer del nuovo film di Steven Spielberg, badtaste.it, 5 aprile 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  2. ^ (EN) Glenn Whipp, Frank Marshall focuses on practical, su Variety, 17 febbraio 2009. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) 'Husband' vows renewed; doc on saint set, su Variety, 22 ottobre 1998. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  4. ^ (EN) Dana Harris, Lurie back to book for 'Chocolate' pic, su Variety, 27 febbraio 2002. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  5. ^ (EN) Joshua L. Weinstein, DreamWorks Is Still Buying -- Picks Up Roald Dahl's 'BFG' (Exclusive), su TheWrap, 23 settembre 2011. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  6. ^ (EN) Kim Masters , Rebecca Ford, Steven Spielberg to Direct Roald Dahl Adaptation 'BFG' (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 25 aprile 2014. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  7. ^ (EN) James Rainey, Steven Spielberg Takes First Directing Turn With Walt Disney Studios, su Variety, 13 aprile 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  8. ^ (EN) Pamela McClintock, Will Steven Spielberg Drop the DreamWorks Name?, su The Hollywood Reporter, 24 settembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  9. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mark Rylance To Play 'The BFG' In Roald Dahl Adaptation By Steven Spielberg, su Deadline.com, 27 ottobre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  10. ^ (EN) Steven Spielberg Casts 10-Year-Old Ruby Barnhill as Lead in 'The BFG', su TheWrap, 6 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  11. ^ (EN) Linda Ge, Bill Hader Joining Steven Spielberg's 'The BFG', su TheWrap, 27 marzo 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  12. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Disney Signs On To Co-Fi Steven Spielberg's 'The BFG', su Deadline.com, 13 aprile 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  13. ^ (EN) On the Set for 3/23/15: Ryan Reynolds Starts Shooting ‘Deadpool’, Chloe Grace Moretz Begins ‘November Criminals’ & More | SSN Insider, su SSN Insider, 23 marzo 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2015).
  14. ^ (EN) Frank Marshall, What a day! JURASSIC WORLD opens and BFG wraps. Cheers!, su Twitter, 13 giugno 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  15. ^ a b Giorgio Viaro, Il gigante gentile travolge Cannes! La recensione del nuovo capolavoro di Spielberg, Best Movie, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  16. ^ (EN) Alex Ritman, CineEurope: Steven Spielberg Talks 'BFG' Filming, su The Hollywood Reporter, 22 giugno 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  17. ^ Mirko D'Alessio, Il GGG: ecco il teaser trailer del nuovo film di Steven Spielberg!, su BadTaste.it, 9 dicembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  18. ^   Disney Movie Trailers, Disney's The BFG - Teaser Trailer, su YouTube, 9 dicembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  19. ^   Disney Movie Trailers, Disney's The BFG - Official Trailer, su YouTube, 5 aprile 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  20. ^ Marita Toniolo, Cannes 2016: ecco il programma! Sean Penn, Winding Refn, Nichols e Almodovar in concorso, Best Movie, 14 aprile 2016. URL consultato il 14 aprile 2016.
  21. ^ (EN) Dave McNary, Tom Hanks-Steven Spielberg Cold War Thriller Set for Oct. 16, 2015, su Variety, 16 giugno 2014. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  22. ^ Carola Proto, Medusa Film: presentato il nuovo listino con i film del 2016, su ComingSoon.it, 3 dicembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  23. ^ Andrea Francesco Berni, Il Gigante Gentile di Steven Spielberg a gennaio 2017 in Italia, badtaste.it, 14 aprile 2016. URL consultato il 15 aprile 2016.
  24. ^ Andrea Bedeschi, Il GGG – il Grande Gigante Gentile, anticipata l’uscita italiana del nuovo film di Steven Spielberg, badtaste.it, 3 novembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  25. ^ James Rainey, Steven Spielberg Takes First Directing Turn With Walt Disney Studios, su Variety. URL consultato il 13 aprile 2015.
  26. ^ Steven Spielberg’s ‘The BFG’ Primed for U.K. Release With eOne, su Variety, 11 luglio 2014. URL consultato il 12 luglio 2014.
  27. ^ Accordo di distribuzione Medusa Film – Leone Group, medusa.it. URL consultato il 1º agosto 2016.
  28. ^ (EN) THE INTERNATIONAL PRESS ACADEMY ANNOUNCES NOMINATIONS FOR THE 21th ANNUAL SATELLITE™ AWARDS (PDF), pressacademy.com. URL consultato il 1º dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2016).
  29. ^ Andrea Francesco Berni, Annie Awards 2016: Zootropolis e Kubo e la Spada Magica guidano le nomination!, badtaste.it, 29 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  30. ^ (EN) BEST-REVIEWED KIDS/FAMILY MOVIES 2016, Rotten Tomatoes, 12 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  31. ^ (EN) Dave McNary, ‘Rogue One,’ ‘Walking Dead’ Lead Saturn Awards Nominations, Variety, 2 marzo 2017. URL consultato il 23 aprile 2017.
  32. ^ a b (EN) Pamela McClintock, Summer Box-Office Winners and Losers: From 'Finding Dory' to 'Ben-Hur', The Hollywood Reporter, 4 settembre 2016. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  33. ^ (EN) The BFG (2016), su Box Office Mojo. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  34. ^ I più grandi flop del 2016, Best Movie, 4 gennaio 2017. URL consultato il 4 gennaio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7020148523914220970008 · BNE (ESXX5676997 (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema