Apri il menu principale
Il Vietnam vincerà
AutoreHo Chi Minh, Vo Nguyen Giap, Pham Van Dong, Nguyen Khac Vien, Pham Ngoc Tach, Truong Son, Enrica Collotti Pischel - curatrice
1ª ed. originale1968
Generesaggio
Sottogenerepolitico - storico
Lingua originalevietnamita
AmbientazioneVietnam

Il Vietnam vincerà è una antologia di scritti sul Vietnam, fino al 1968 di Ho Chi Minh, Vo Nguyen Giap, Pham Van Dong, Nguyen Khac Vien, Pham Ngoc Tach, Truong Son, curata da Enrica Collotti Pischel, per l'Editore Einaudi, nel 1968 [1].

Indice

Indice del volumeModifica

IntroduzioneModifica

La curatrice presenta l'antologia, criticando da un punto di vista maoista, la guerra del Vietnam.

Capitolo 1: Vietnam, panorama storicoModifica

Il popolo vietnamita è una popolazione di contadini, ben differenziata dalle popolazioni circostanti fin dall'epoca preistorica del neolitico, con una storia legata alla terra. Nell'età del bronzo si era costituito il regno di Au Lac, con capitale Co Loa, vicino ad Hanoi, dove ancor oggi si vedono i resti di una cittadella fortificata, a forma di spirale con perimetro esterno di 8000 metri. Nel terzo secolo a.C. Il regno di Au Lac resistette e vinse contro l'invasione imperiale cinese dei Ch'in, finché nell'anno 3 a.C il paese cadde sotto il dominio feudale cinese che durerà circa 1000 anni ma che non riuscì mai a cancellare l'identità di questa popolazione e che attraversò centinaia d'anni, in una lunga marcia verso l'indipendenza. Nell'anno dal 1010 al 1400 era uno stato indipendente, solido, pacifico e prospero, poi dal 1500 al 1600 ci fu l'apogeo del regime feudale. Nel 1700 e 1800 c'è stata la grande crisi del feudalesimo, fino alle insurrezioni contadine e al progresso sociale con la Dinastia Tây Sơn. In seguito il tradimento dei feudali, un incrollabile patriottismo contadino, le contraddizioni del regime coloniale, il processo di liberazione nazionale e il progresso sociale, inizialmente promosso da un gruppo idealista di intellettuali francesi, emigrati in Indocina, hanno portato il paese fuori da qualsiasi dominio straniero.

Capitolo 2: la strategia del partito Laodong di Vo Nguyen Giap nel 1965Modifica

Dalla violenza rivoluzionaria di un gruppo di intellettuali vietnamiti, si passa all'insurrezione di tutta la popolazione e alla guerra popolare, fino alla formazione delle forze armate rivoluzionarie. Da una strategia e da una tattica rivoluzionaria all'arte militare della guerra di popolo. Dalle basi politiche in seno alle masse ad una difesa nazionale popolare. I compiti attuali (1968). Il generale Giap analizza la strategia militare, la teoria, la pratica, la morale della lotta compiuta contro il colonialismo francese e contro l'imperialismo americano. Viene fatta propria l'esperienza rinascimentale europea, napoleonica e l'esperienza maoista applicata nella specificità della situazione vietnamita. Per un successo militare, oltre al processo dialettico a lunga scadenza, non bisogna lasciarsi sfuggire il momento favorevole che possa essere potenziato da spregiudicate iniziative politiche[2][3].

Capitolo 3: l'acqua, il riso, gli uominiModifica

Si descrive l'esperienza giornaliera e particolare di tre situazioni nel Vietnam negli anni 1960. Conduzione della provincia di Hungyen in tempo di pace, scritto di Nguyen Khac Vien, nel 1964 [4]. Questo scritto sono una serie di note, raccolte durante un viaggio conoscitivo che descrivono il rapporto fra la lotta armata e la produzione monocultura del riso, prima dell'inizio del bombardamento americano. La provincia di Quangbinh sotto le bombe scritto da un gruppo di lavoro, nel 1966 [5]. Questo scritto tratta dell'agricoltura in una provincia particolarmente provata dall'intenso bombardamento americano. Il distretto 10 è uno scritto di Pham Cuong e Vuong Hong, dell'autunno 1967[6]. In questo scritto si analizza la lotta per la sopravvivenza in una delle province più bombardate del paese.

Capitolo 4: strategia di guerriglia contro le malattieModifica

Dieci anni di battaglia e la prova della guerra, scritto nel 1965 da Pham Ngoc Thach, medico e scienziato di formazione francese, ministro della Sanità della Repubblica Democratica, dal 1954. Si parla di un paese povero, con pochi mezzi, bisogni enormi e con una popolazione contadina arretrata da un punto di vista culturale, tanto da allevare i maiali nella stessa acqua dello stagno dalla quale si beve e nella quale ci si lava e si urina. Parecchi milioni di abitanti avevano la malaria o la tracomatosi, la tubercolosi o la sifilide e la lebbra. Tutta la popolazione era infestata da parassiti intestinali. Si è affrontato il problema medico con la stessa tecnica applicata alla guerriglia: il partito marxista leninista ha emesso direttive ai quadri che hanno insegnato ai contadini le misure d'igiene generale per risanare l'ambiente, vaccinazioni di massa e cure attente ed appropriate agli ammalati. Si è dovuto affrontare questo sforzo medico, già enorme in tempo di pace, proprio nelle condizioni peggiori del tempo di guerra[7].

Questo è il capitolo che maggiormente fa comprendere lo stato di estremo abbandono in cui versava il paese, sia prima che dopo il periodo coloniale francese e quanto poco le autorità francesi abbiano fatto in tema di istruzione e sanità, per la popolazione contadina, che ben pagava loro le tasse.

Capitolo 5: Educazione e rivoluzioneModifica

Questi due articoli, lo slancio nazionale e popolare nell'educazione e nella resistenza da un punto di vista socialista e la formazione dei quadri e i problemi dell'insegnamento generale e nelle zone montagnose sono stati scritti nel 1965 con la collaborazione di Nguyen Si Ty, Nguyen Luong Ngoc e Hoang Trong Hanh, dell'Istituto di Scienze dell'Educazione di Hanoi. Si parla dei problemi educativi dal 1945 in poi, e che rivelano la concezione della nazione che hanno i vietnamiti[8].

Capitolo 6: tecnica e guerra di popoloModifica

Questo capitolo, scritto da Nguyen Khac Vien, nel 1966, tratta della capacità della popolazione del Sud a tenere testa all'occupazione della Legione Straniera francese e poi dei marines statunitensi. La tecnologia americana è impotente di fronte alla guerra del popolo. Scelte strategiche e politiche nella guerra unilaterale. Guerra di popolo contro la guerra speciale. Tre massime risoluzioni. Le truppe americane non fanno di meglio. Una stagione secca disastrosa mentre anche l'implemento militare fallisce[9].

Capitolo 7: liberazione e lotta di classeModifica

Capitolo scritto dal Generale Vo Nguyen Giap, nel 1966 sui punti di forza e punti di debolezza del nemico, del punto di vista dalla parte del popolo vietnamita e delle caratteristiche essenziali della situazione internazionale[10].

Capitolo 8: la lotta armata nel SudModifica

Il capitolo scritto nel 1968, da Truong Son, portavoce ufficiale del Fronte di Liberazione Nazionale e poi Ministro dell'Informazione Pubblica, parla della vittoria dell'inverno e primavera del 1966[11] e 1967 fino a dopo l'offensiva del Tet[12].

Capitolo 9: principi, soluzioni e prospettiveModifica

Questo capitolo tratta del programma del Fronte di Liberazione Nazionale, dopo che non furono mantenuti gli accordi della conferenza di Ginevra del 1954. I cinque punti del Fronte Nazionale di Liberazione. I quattro punti della Repubblica Democratica del Vietnam. Il messaggio di Ho Chi Minh. Il programma del Fronte Nazionale di Liberazione. Intervista di Pham Van Dong a Le Monde.

NoteModifica

  1. ^ Bibliografia Einaudi di Enrica Collotti Pischel Archiviato il 23 novembre 2011 in Internet Archive.. Einaudi. Libri. Autore.
  2. ^ (FR) La ligne politique et militaire de notre Parti. Vo Nguyen Giap. Etudes Vietnamiennes n. 7. 1965].
  3. ^ Il Generale Giap Archiviato l'8 novembre 2012 in Internet Archive.. Storia in. Articolo. Carlo F. Batà.
  4. ^ (FR) Nguyen Khac Vien. Etudes Vietnamiennes n. 2. 1964.
  5. ^ (FR) Avec Les Combattants Du Quangbinh-Vinhlinh. Reportage collettivo. Etudes Vietnamiennes n. 9. 1966.
  6. ^ (FR) La bataille du riz. Pham Cuong e Vuong Hong. Etudes Vietnamiennes n. 13. 1967.
  7. ^ (FR) L'Organisation Medicale Et Sanitaire En R.D.V.. Pham Ngoc Thach. Etudes Vietnamiennes n. 6. 1965.
  8. ^ (FR) L'Education En R.D.V.. Nguyen Si Ty, Nguyen Luong Ngoc e Hoang Trong Hanh. Etudes Vietnamiennes n. 5. 1965.
  9. ^ (FR) La technique américaine impuissante face à la guerre du peuple. Nguyen Khac Vien. Etudes Vietnamiennes n. 12. 1966.
  10. ^ (FR) La guerre de libération au Sud-Vietnam: ses caractéristiques essentielles. Vo Nguyen Giap. Etudes Vietnamiennes n. 8. Gennaio 1966.
  11. ^ (FR) Truong Son. Courrier du Vietnam. Supplemento al n. 114. 12 giugno 1967.
  12. ^ (FR) Truong Son. Courrier du Vietnam. N. 158. 1º aprile 1968.

Voci correlateModifica