Il bambino della domenica

Il bambino della domenica
Bambinodomenica02-1-.jpg
Marcello che si allena
PaeseItalia
Anno2008
Formatominiserie TV
Generesportivo, drammatico
Puntate2
Durata105 minuti (ciascuna parte della miniserie)
Lingua originaleItaliano
Rapporto16:9
Crediti
RegiaMaurizio Zaccaro
SoggettoBeppe Fiorello, Paolo Logli, Alessandro Pondi
SceneggiaturaPaolo Logli, Alessandro Pondi, Andrea Purgatori
Interpreti e personaggi
MontaggioBabak Karimi
Casa di produzioneCanova
Prima visione
Dal18 maggio 2008
Al19 maggio 2008
Rete televisivaRai 1

Il bambino della domenica è una miniserie televisiva in due puntate, andata in onda domenica 18 e lunedì 19 maggio 2008 su Rai 1.

La regia è di Maurizio Zaccaro. La sceneggiatura è di Alessandro Pondi, Paolo Logli, Andrea Purgatori e Beppe Fiorello.

TramaModifica

Catania, 1999. Marcello La Spada (Beppe Fiorello) è un ragazzo cresciuto senza una famiglia, ma con una grande passione per la boxe attraverso la quale ha conosciuto il suo coach Nino (Maurizio Marchetti) che gli ha fatto da padre. Marcello è innamorato di Anna (Anita Caprioli), e ha come migliore amico Saro (David Coco), un ragazzo con aspirazioni decisamente diverse dalle sue, in combutta con la criminalità. Una sera, Saro coinvolge Marcello nel trasporto di alcuni clandestini e, per difendere l'amico dal coltello di uno di loro, spara ad un uomo uccidendolo sotto gli occhi del figlio, spaventando a morte Marcello che si allontana mentre Saro viene arrestato.

Otto anni dopo, Marcello é un campione di boxe affermato e felicemente sposato con Anna. Ritrova Saro, appena uscito di prigione, ma non sa che l'amico é intenzionato a fargli terra bruciata. Il malvivente droga l'acqua di Marcello per poter rendere invalida la sua vittoria all'incontro finale di un torneo di boxe e rovinandogli così la carriera. Marcello perde tutto, perde l'affetto di Anna che lo lascia e dello stesso Nino che non crede alla sua innocenza, mentre Saro, dopo aver cercato di prendersi Anna con la forza, gli mostra la sua natura diabolica confessandogli di aver provocato la morte, prima di venire arrestato, della moglie del suo boss chiamato "Il Maestro" (Marcello Perracchio) nonché mandante dell'agguato, e dell'amante di lei.

Marcello, sempre più solo e sull'orlo dell'alcolismo e della depressione, conosce un bambino ospite di una sua vicina di nome Carmine (Riccardo Nicolosi); il bambino è un orfano e viene invitato ogni domenica dalla vicina di Marcello per dargli un po' di calore famigliare, ma un giorno la donna muore e Carmine chiede aiuto a Marcello, che di primo istinto rifiuta il bambino, ma in seguito decide di andarlo a trovare alla casa famiglia dove vive e lì, su insistenza di Suor Chiara (Vittoria Piancastelli), decide di provare a frequentare il bambino che si scopre in grado di parlare solo quando sta con lui.

Marcello, intanto, viene riavvicinato da Saro che lo coinvolge in incontri di boxe clandestina gestiti dal Maestro, ma il rapporto con Carmine sta cambiando l'uomo che, ritrovata la fiducia in sé stesso, riesce a riavvicinarsi anche ad Anna. Decide così di tornare a combattere legalmente, nel tentativo di ricostruirsi una vita con Anna e Carmine, di cui vorrebbe l'affidamento. Nino, scoperta l'innocenza di Marcello, caccia Saro dalla sua palestra e riaccoglie Marcello, pur cercando di fargli capire che sarà molto difficile ottenere l'affidamento di Carmine. Ma l'uomo é determinato a lasciarsi il passato alle spalle e riprende a combattere ad alti livelli recuperando, almeno in parte, la sua reputazione di campione.

Tuttavia il suo terribile passato, capeggiato dal perfido Saro, è destinato a tornare prepotentemente nella sua vita: Marcello punta al titolo italiano, conquistato da un giovane di nome Karim. Saro lo informa che Karim altri non è che il figlio dell'uomo da lui ucciso la notte in cui finì in prigione e che è cresciuto convinto che l'assassino di suo padre sia proprio Marcello. Questo è il motivo che l'ha spinto a praticare la boxe: vuole vendicarsi uccidendo Marcello sul ring. La Spada si rende conto che da quest'incontro non dipenderà solo la sua carriera, ancora troppo strettamente legata a Saro, ma anche la sua vita.

Arriva il giorno del match e i due uomini si affrontano duramente sotto gli occhi di Nino, Saro, Anna e Carmine. Marcello, nonostante la maggior esperienza, subisce la furia di Karim intenzionato a portare a termine la sua vendetta. Tra uno scambio di colpi e l'altro, Marcello cerca invano di convincere il giovane avversario della sua innocenza. Il drammatico combattimento si fa sempre più duro e cruento per entrambi, finché Karim non ricorda distintamente quella tragica notte, riconoscendo in Saro l'uomo che sparò a suo padre. Pur mettendo da parte i propositi di vendetta, il ragazzo porta comunque avanti l'incontro che alla fine sarà vinto da Marcello, con i due pugili che si abbracciano a centro ring chiedendosi scusa a vicenda. Il nuovo campione viene festeggiato dai suoi cari e anche da Saro, che sembra voglia congratularsi sinceramente con lui. Ma il losco individuo pianta un coltello nel fianco dell'ormai ex amico e si dà alla fuga, imbattendosi però in Karim, che gli si scaglia addosso urlandogli: "Sei morto!".

Sono trascorsi alcuni anni: Marcello é sopravvissuto ed ora allena Carmine, promettente pugile a cui ha dato il suo cognome e che lo chiama papà.

NoteModifica

  • Fiorello si è allenato per quattro mesi a Los Angeles da Freddy Roach che ha preparato a suo tempo Mike Tyson, e ha poi proseguito l'allenamento con Ennio Cibello, uno capace di scolpire i muscoli, e con Renato Mura, un poliziotto che allena le Fiamme Oro.
  • Le riprese si sono svolte tra Catania e Casablanca da ottobre a dicembre 2007 per un totale di 47 giorni di lavorazione. Sono state utilizzate 41 location tra Italia e Marocco e 3475 figurazioni.
  • La fotografia della fiction è a cura di Fabio Olmi.
  • Nel ruolo di Karim recita Mouhamed Alì Ndiaye.Pugile professionista , nonché tenuto a battesimo da Cassius Clay in Senegal. Per tale motivo il padre del pugile Senegalese decise di chiamare il figlio così.
  • Le musiche originali sono del maestro Louis Siciliano ALUEI compositore di fama internazionale.
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione