Apri il menu principale

Il cardinale Lambertini (film 1954)

film del 1954 diretto da Giorgio Pàstina
Il cardinale Lambertini
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1954
Durata101 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generestorico
RegiaGiorgio Pàstina
Soggettodal lavoro teatrale (1905) di Alfredo Testoni
SceneggiaturaGiorgio Pàstina, Oreste Biancoli, Edoardo Anton
ProduttoreManlio Morelli
Produttore esecutivoGiuseppe Fatigati
Casa di produzioneItalica Vox Film
FotografiaRodolfo Lombardi
MontaggioRenato Scandolo
MusicheCarlo Rustichelli, diretta da Franco Ferrara
ScenografiaPeppino Piccolo
CostumiVeniero Colasanti
TruccoGiuseppe Annunziata
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il cardinale Lambertini è un film del 1954, diretto da Giorgio Pàstina, ispirato all'omonima opera teatrale di Alfredo Testoni del 1905, e remake di un altro omonimo film del 1934.

Il film, ambientato nel 1739, tratteggia la figura del cardinale di Bologna Prospero Lambertini, che nel 1740 verrà eletto papa con il nome di Benedetto XIV.

TramaModifica

Il cardinale, molto attento alle dinamiche politiche nella Bologna presidiata dalle truppe spagnole e alle sofferenze dei bolognesi, non esita ad interporsi tra gli spagnoli ed una nobiltà imbelle pilotata dalla contessa di Pietramelara, disinvolta avventuriera, ed il popolo, verso il quale era stata progettata una strage mascherata da tentativo di rivolta, che avrebbe dovuto essere il casus belli di una repressione e dell'instaurazione del gonfalonierato a vita di un fantoccio degli spagnoli.

Il cardinale inoltre prende a cuore la vicenda di due giovani innamorati a cui si vuole impedire il matrimonio, il figlio del suo lacchè e la figliastra della contessa di Pietramelara, anche questa con profonde implicazioni politiche.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Italica Vox Film.

DistribuzioneModifica

In Italia, uscì in sala il 23 dicembre 1954 distribuito dalla Minerva Film.

Commento criticoModifica

Nel film, improntato più a toni da commedia che non drammatici, il ruolo del protagonista è affidato ad un brillante Gino Cervi che, con grande mestiere, e grazie ad una genuina "emilianità" che lo accomuna al personaggio storico, riesce ad interpretare la figura del cardinale Lambertini, con il suo carattere a volte irascibile, ma schietto e sostanzialmente bonario e carico di umanità.

La bella interpretazione di altri grandi attori, come Arnoldo Foà, Tino Buazzelli, Virna Lisi, contribuì al successo del film che, sebbene ormai molto datato, risulta tuttora estremamente godibile.

Gino Cervi tornerà ad interpretare la figura del Cardinale Lambertini nell'omonima versione televisiva del 1963, diretta da Silverio Blasi.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema