Apri il menu principale

Il caso "Venere privata"

film del 1970 diretto da Yves Boisset
Il caso "Venere privata"
Venere privata.jpg
Duca Lamberti (Bruno Cremer) in una scena del film
Titolo originaleCran d’arrêt
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1970
Durata87 min
Generenoir, thriller, poliziesco
RegiaYves Boisset
SoggettoGiorgio Scerbanenco (romanzo)
SceneggiaturaAntoine Blondin, Francis Cosne, Yves Boisset
ProduttoreFrancis Cosne
FotografiaJean-Marc Ripert
MontaggioPaul Cayatte
MusicheMichel Magne
CostumiJohn De Vernant
TruccoVergottini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il caso "Venere privata" è un film del 1970 diretto da Yves Boisset, tratto dal romanzo Venere privata di Giorgio Scerbanenco.

La pellicola è interpretata da Bruno Cremer nelle vesti di Duca Lamberti, affiancato da Renaud Verley, Marianne Comtell, Mario Adorf e Raffaella Carrà.

In ruoli minori compaiono anche Claudio Gora nei panni del questore Luigi Càrrua, amico di Duca e di suo padre, Jean Martin nel ruolo del maggiordomo di casa Auseri e Marina Berti nelle vesti della sorella di Alberta Radelli.

TramaModifica

Milano. Duca Lamberti, un medico radiato dall'ordine per avere praticato l'eutanasia su una donna in stato terminale, viene chiamato a curare il giovane Davide Auseri, ricco milanese, caduto in depressione dopo una complicata storia d'amore con una ragazza. Il dottore in breve tempo scopre che Davide è sconvolto dalla morte di Alberta Radelli, una giovane donna con cui il ragazzo ha avuto una fugace avventura d'una mattinata. Dopo averla abbordata, Davide aveva trascorso diverse ore con lei. Per Davide si era trattato di una semplice avventura, ma per Alberta l'incontro aveva invece rappresentato la fuga da una routine quotidiana fatta di miseria e umiliazioni. Malgrado Alberta l'avesse supplicato di non lasciarla, Davide l'aveva abbandonata senza porsi troppi problemi, nonostante la ragazza gli avesse confidato d'essere in pericolo e di non poter fare ritorno a Milano.

Quando la ragazza, il giorno dopo l'incontro, viene trovata morta in un campo, Davide non crede alla possibilità del suicidio e, distrutto dai rimorsi, si rifugia nell'alcol, tentando anch'egli di uccidersi. Lamberti decide di coinvolgere Davide in un'indagine per scoprire la verità sulla sorte della ragazza. Motivato dalla volontà di chiarire l'accaduto, Davide sembra migliorare la sua condizione psichica. Ben presto il ragazzo e Lamberti scoprono che la giovane aveva posato nuda per un misterioso fotografo in cambio d'un lauto compenso. Alberta, però, prima di lasciare lo studio fotografico, aveva rubato il rullino con gli scatti compromettenti.

Con l'aiuto di Livia, un'amica di Alberta, che si offre come modella a un uomo che corrisponde alla descrizione del fotografo, Duca e Davide riescono a rintracciare lo studio fotografico. Quando i due irrompono nello studio, Livia appare legata e impotente nelle mani dell'uomo, che ha capito il tranello e che si rivela essere l'assassino di Alberta, un sadico criminale senza alcuno scrupolo. Il fotografo fugge, inseguito da Davide, ed esce fuori strada con l'auto, rimanendo ucciso durante l'inseguimento.

CuriositàModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema