Apri il menu principale

Il cavaliere di Kruja

film del 1940 diretto da Carlo Campogalliani
Il cavaliere di Kruja
Cavaliere Kruja.jpg
Doris Duranti ed Antonio Centa in una foto di scena del film
Titolo originaleIl cavaliere di Kruja
Paese di produzioneItalia
Anno1940
Durata81 min
Dati tecniciB/N
Genereavventura
RegiaCarlo Campogalliani
SoggettoAldo Vergano, Aldo Malatesta
SceneggiaturaAldo Vergano, Aldo Malatesta Gian Gaspare Napolitano
Casa di produzioneCapitani Film
Distribuzione in italianoE.N.I.C.
FotografiaAldo Tonti
MusicheAlberto Ghislanzoni
ScenografiaLuigi Ricci
Interpreti e personaggi

Il cavaliere di Kruja è un film del 1940 diretto da Carlo Campogalliani. Gli esterni sono stati quasi tutti girati in Albania.

TramaModifica

Il giovane giornalista italiano Stefano Andriani si reca in Albania, dove si innamora, corrisposto, di Eliana, una ragazza del luogo. Un giorno Andriani si imbatte nel capo tribù Hasslan Haidar, avversario del regime di Re Zog, ferito dai colpi delle guardie reali; lo salva, trasportandolo al suo villaggio, e stringe con lui un "patto di sangue", che li rende fratelli. In seguito, il giornalista scopre per caso che il capo tribù è fratello di Eliana, e deve quindi rinunciare ai suoi progetti di matrimonio. In più, il capo della Polizia di Tirana cerca di sfruttare la situazione per istigare Hasslan contro Andriani. Il sopraggiungere delle truppe italiane, che conquistano l'Albania, risolve tutto e permette di chiarire l'equivoco.

CriticaModifica

Il film è probabilmente l'unico film realizzato dalla propaganda fascista sulla Guerra d’Albania. Gli interni furono ambientati nel circolo della stampa estera di Tirana.

La critica definì all'epoca il film:

«(...) ricco di genuino colore locale, feste popolari e riti, danze e canti, sono qua e là sfondo e commento alla vicenda - il film è sembrato rispondere pienamente alle intenzioni dei suoi realizzatori come all'aspettativa del pubblico, che era quella di vedere per la prima volta nella viva funzione dello schermo, fianco a fianco, la nostra e quella gente (...) uno schietto, compiaciuto applauso ha accolto la nuova fatica di Campogalliani e l'impegno dei suoi interpreti, cioè, tra i migliori, la Duranti e la Gloria, Centa, Celano e il giovane Rinaldi.»

(A.Albani Barbieri, "La Tribuna", 7.09.1940)

Il Saturno Film Festival di Alatri del 2009 ha recuperato “Il cavaliere di Kruja” dedicandogli la serata inaugurale della sezione eventi speciali, incentrata sul cinema italiano degli anni 1939-1940, subito prima dell'ingresso nella Seconda guerra mondiale.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema