Apri il menu principale

Il colore della vittoria

film del 1990 diretto da Vittorio De Sisti
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film diretto da Mike Nichols nel 1998, vedi I colori della vittoria.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film diretto da Stephen Hopkins nel 2016, vedi Race - Il colore della vittoria.
Il colore della vittoria
Il colore della vittoria.png
PaeseItalia, Spagna
Anno1990
Formatominiserie TV
Generedrammatico, sportivo
Puntate2
Durata181 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
RegiaVittorio De Sisti
SoggettoLino Cascioli
SceneggiaturaVittorio Bonicelli
Interpreti e personaggi
FotografiaErico Menczer
MusicheFilippo Trecca
ScenografiaMarisa Rizzato
CostumiValentina Di Palma
ProduttoreCarlo Vacca
Casa di produzioneBeta Film, Leader Cinematografica, RAI, TVE
Prima visione
Dal22 aprile 1990
Al23 aprile 1990
Rete televisivaRai 1

Il colore della vittoria è una miniserie televisiva italiana del 1990, diretta da Vittorio De Sisti.

TramaModifica

La miniserie racconta, in modo romanzato, la vicenda della nazionale italiana di calcio al campionato del mondo 1934 e segue, in particolare, la storia di Attilio Ferraris, calciatore che fu convocato dal commissario tecnico azzurro Vittorio Pozzo contro la volontà del regime fascista, e che lo ripagò con grandi prestazioni culminate nella vittoria della Coppa Rimet.

Inesattezze storicheModifica

Come già detto, i fatti sono raccontati in maniera molto libera e romanzata; ciò è affermato all'inizio della prima puntata, in cui la voce narrante di un bambino dice esplicitamente che i ricordi e i sogni non sono corrispondenti del tutto alla realtà. Felice Borel — all'epoca della prima visione della miniserie, tra gli ultimi elementi di quella nazionale a essere ancora in vita —, sollecitato in merito, dichiarò infatti che Il colore della vittoria conteneva numerose inesattezze:[1]

  • le convocazioni avvenivano attraverso telegrammi, non ci fu nessun albergo di lusso e incontri con donne bensì una «mezza catapecchia» e la sola presenza degli elementi della comitiva, nessuna tuta, nessun allenamento duro;
  • lo stesso Borel non compare nel racconto, tuttavia è presente un personaggio, Lino (interpretato da Claudio Mazzenga), che è evidentemente lui ma che proviene da un retroterra familiare completamente diverso;
  • Vittorio Pozzo non faceva cantare i giocatori prima della partita, ma si limitava, invece, a dare impulsi patriottici — come in occasione della partita contro l'Austria, ricordando che i loro genitori e fratelli avevano combattuto contro di essi nella Grande Guerra;
  • l'episodio del malore di Luigi Allemandi prima della finale contro la Cecoslovacchia, non avvenne mai nella realtà;
  • non ci furono pressioni dirette del regime fascista, né tantomeno di Benito Mussolini in persona, nei confronti degli azzurri.

NoteModifica

  1. ^ Gianni Romeo, Borel: «È tutto da rifare», in La Stampa, 25 aprile 1990, p. 20.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica