Apri il menu principale

Il latitante (film 2003)

film del 2003 diretto da Nini Grassia
Il latitante
Latitante.png
Nicola Di Pinto e Karim Capuano.
Titolo originaleIl latitante
Paese di produzioneItalia
Anno2003
Durata104 min
Genereazione, poliziesco
RegiaNinì Grassia
SoggettoNinì Grassia
SceneggiaturaNinì Grassia
ProduttoreDomenico Domenicone
Produttore esecutivoNinì Grassia
Casa di produzioneQ.S. Holding
Distribuzione in italianoQ.S. Holding
FotografiaGiancarlo Ferrando
MontaggioVanio Amici
MusicheNinì Grassia, Aldo Tamborelli
ScenografiaAlessandra Cadoppi, Arturo Palma
Interpreti e personaggi

Il latitante è un film poliziesco del 2003, diretto da Ninì Grassia, che ha curato anche soggetto, sceneggiatura e musiche originali.

È l'ultimo (di almeno sette) film di Ninì Grassia ambientati a Napoli e dintorni. Con questa pellicola, il regista chiude la sua lunga carriera nel mondo del cinema, iniziata nel 1978.

TramaModifica

Il giovane operaio Nicola Di Falco, per procurarsi i soldi per curare il padre malato, è costretto a rivolgersi al boss camorrista Don Antonio Cantalamessa e, in cambio, offre la collaborazione ai suoi loschi affari.

Quando un poliziotto viene ucciso, egli viene accusato di essere l'autore materiale, da parte dell'ispettore di polizia Francesco Sarnataro, che è anche lo zio del ragazzo ammazzato, e che giura a sua volta di volerlo uccidere.

A questo punto Di Falco, aiutato da alcuni boss della malavita, abbandona la moglie e i figli e si allontana da Napoli. Diventa un latitante e si nasconde a Palermo, costretto a spostare a Reggio Calabria e a Roma.

Egli vorrebbe fuggire a Casablanca con la moglie, ma verrà tradito proprio da Cantalamessa.

RipreseModifica

Il film è ambientato a Napoli ed in altre località del sud Italia. Le riprese iniziarono a novembre 2002 e durò tre settimane.

ProduzioneModifica

Da segnalare varie scene d'azione, con impiego di controfigure: gli stuntman sono coordinati da Ottaviano Dell'Acqua.[1] Alla produzione (casting ed organizzazione) del film collabora Michele Lunella.[2]

Colonna sonoraModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema