Apri il menu principale

Il nemico di mia moglie

film del 1959 diretto da Gianni Puccini, Gabriele Palmieri
Il nemico di mia moglie
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1959
Durata100 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia, sentimentale
RegiaGianni Puccini
SoggettoGino Mangini
SceneggiaturaBruno Baratti, Castellano e Pipolo, Gianni Puccini
ProduttoreIsidoro Broggi, Renato Libassi
Casa di produzioneD.D.L.
FotografiaGianni Di Venanzo
MontaggioGisa Radicchi Levi, Gabriele Varriale
MusicheLelio Luttazzi
ScenografiaAlberto Boccianti
CostumiGiuliano Papi
TruccoCesare Gambarelli
Interpreti e personaggi

Il nemico di mia moglie è un film del 1959 diretto da Gianni Puccini.

TramaModifica

Marco Tornabuoni è un arbitro di calcio, che vive un periodo di difficoltà con la moglie Luciana: entrambi si sentono reciprocamente trascurati, lui perché ritiene che la moglie sia una maniaca degli oggetti e dello stile di vita made in USA, lei perché lavora e la domenica vorrebbe stare con il marito che invece deve arbitrare le partite. Inoltre Marco viene continuamente licenziato dai posti di lavoro; grazie al suo amico Peppino trova lavoro nell'agenzia di viaggi dove questi lavora, ma viene licenziato in seguito a un disguido causato dallo stesso Peppino: dovendo Marco arbitrare una partita di recupero in un giorno infrasettimanale, Peppino lo sostituisce al lavoro e spedisce una famiglia di indiani a Bombay invece che a Pompei. Luciana riesce a far assumere Marco alla RCA dove lei stessa lavora, ma Marco combina un pasticcio con le buste paga dei dipendenti e viene licenziato.

Dopo l'ennesimo litigio, Marco fa ritorno alla casa di suo padre Ottavio, un uomo reazionario e bigotto, che lo fa assumere alla Biblioteca Angelica, dove lavorano lui stesso e Michele, cugino di Marco diventato prete, che fa da autista e segretario allo zio. Marco continua a fare l'arbitro di nascosto al padre, e durante una trasferta conosce Giulia, una ragazza che sembra interessarsi al calcio e apprezzare il mestiere di arbitro. Per evitare lo scandalo, Ottavio vince il suo snobismo e va a casa dei genitori di Luciana, presso i quali si è trasferita nel frattempo, per chiedere che sua nuora torni con suo figlio, ma l'unica cosa che ottiene è la distruzione della sua auto, dato che il padre di Luciana, Nando, è sfasciacarrozze e tiene l'officina sotto casa.

Intanto Giulia cerca di convincere Marco a truccare una partita, adducendo come scusa una sua presunta povertà, aggravata dalle condizioni mentali di sua zia, che aveva investito tutti i risparmi suoi e della nipote sulla partita della Fiorentina; tuttavia Marco scopre che si tratta di una truffa, abbandona Giulia e arbitra in maniera impeccabile la partita, ma viene aggredito sul treno per Roma da dei tifosi (probabilmente Giulia e il suo compare di truffa). Luciana, sentita la notizia, si precipita a casa di Ottavio per vedere suo marito e gli fa firmare una lettera di dimissioni da consegnare all'Associazione Italiana Arbitri; Ottavio intanto scopre, parlando al telefono con un cardinale, che suo figlio fa l'arbitro e che è anche bravo, si convince che quella è la strada giusta per lui, si fa consegnare la lettera di dimissioni e la strappa.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema