Apri il menu principale

Il posto dell'anima

film del 2003 diretto da Riccardo Milani
Il posto dell'anima
Il posto dell'anima.JPG
Flavio Pistilli e Michele Placido
Titolo originaleIl posto dell'anima
Paese di produzioneItalia
Anno2003
Durata102 min
Generecommedia, drammatico, sentimentale
RegiaRiccardo Milani
SoggettoRiccardo Milani e Domenico Starnone
SceneggiaturaDomenico Starnone e Riccardo Milani
ProduttoreLionello Cerri
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaArnaldo Catinari
MontaggioMarco Spoletini
MusicheLeandro Piccioni
Interpreti e personaggi

Il posto dell'anima è un film del 2003, diretto da Riccardo Milani, girato prevalentemente a Vasto, in provincia di Chieti e e in altre località del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

Indice

TramaModifica

Una multinazionale statunitense nel settore degli pneumatici decide di chiudere la filiale italiana a Vasto per tagliare i costi e delocalizzare la produzione. Gli operai iniziano quindi una lotta serrata con iniziative di ogni genere, costellate però da contrasti interni specie tra i responsabili sindacali e che s'insinuano tra le mura domestiche. La comparsa di alcuni gravi casi di malattia, dovuta alle condizioni di lavoro, riporterà i militanti a unirsi.

I temiModifica

La situazione precaria degli operai italiani degli inizi del XXI secolo nella cornice di un paesino dell'Abruzzo: San Sebastiano dei Marsi, borgo marsicano in provincia dell'Aquila, presentato nel film come "San Marcellino" . Sono messi a fuoco gli aspetti più semplici della vita di operai e cittadini il loro provincialismo misto alla forte intensità di passioni e valori che li distingue, nella lotta per la chiusura della fabbrica di copertoni nella zona industriale di Vasto.
Tonino, interpretato da Silvio Orlando è il personaggio maggiormente permeante e filosofico; legato alla contestazione per principio affronta l'incertezza senza retrocedere leale ai compagni e alla verità. Resiste anche a Nina, la fidanzata che ama appassionatamente da diciotto anni, e che lo vuole a Milano, dove si è trasferira per lavoro e che vede nella vita lontano dal paese un miglioramento per entrambi. Nina lo scoraggia anche se la protesta acquista visibilità nazionale, insiste sul fallimento della lotta operaia, condotta senza appoggi, né struttura necessaria per affrontare il muro di gomma della società internazionale. Il tema del diritto a restare nei luoghi di nascita, lavorando, affiora insieme a quello delle morti sul lavoro, del cedimento dell'autorità nazionale di fronte al profitto privato internazionale, con il conseguente deterioramento del territorio e di risorse senza alcuna considerazione del sacrificio della popolazione nel lavoro.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato quasi tutto a Vasto, nella località al mare di Punta Penna dove è sito il faro e la fabbrica del film, nella piazza del Duomo di Vasto (scena della pupazza bruciata), e nel paese di Cupello, dove vive il protagonista, con scene anche a Pescasseroli (Parco Nazionale d'Abruzzo), e San Sebastiano dei Marsi.

Le scene della valle sono state girate nei dintorni di Schiavi d'Abruzzo, nel Parco Nazionale della Majella. Altre scene sono state girate a Bruxelles.

I personaggiModifica

  • Antonio: non ha una famiglia e vive liberamente la protesta insieme ai compagni, emotivamente coinvolto in ciascuna delle vite dei personaggi principali e delle loro famiglie. Testardo e innamorato di Nina è capace di capace d'iniziativa e coraggio - come nella scena culmine della denuncia alla Car Air negli Stati Uniti - è l'emblema della lotta. La sua morte interviene nel momento della sconfitta del tentativo di salvare la fabbrica dalla chiusura attraverso i tavoli sindacali. Egli esorta i compagni a non arrendersi prima di spirare.
  • Salvatore: il più anziano e sindacalista, rivendica simboli non sempre condivisi dagli altri, è deluso e aggressivo, spesso si sfoga sulla propria famiglia, specialmente con il figlio ventiduenne, il più lontano dal suo universo politico e culturale.
  • Mario: giovane e imperioso è l'operaio giovane, le radici ideologiche della sua partecipazione non sono sostenute dalla lunghezza dell'esperienza comune in lotta. Spinto dalla precarietà tenta diverse strade, e perduto il lavoro in fabbrica si inventa un lavoro indipendente, portando avanti anche il presidio.
  • Nina: personaggio femminile ben delineato, con una sfumatura di rimpianto per l'abbandono del proprio uomo e della conseguente vita familiare, rappresenta l'altra faccia della strozzatura del mondo operaio. Precaria e lavoratrice al nord Italia, oscilla tra rimpianti e disprezzo per il proprio luogo di provenienza. Resta tuttavia fedele ai propri sentimenti e al proprio uomo.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema