Il principe azzurro

programma televisivo italiano del 1989
Il principe azzurro
PaeseItalia
Anno1989
Generevarietà, game show
Edizioni1
Puntate18
Durata90 min
Lingua originaleitaliana
Crediti
ConduttoreRaffaella Carrà
RegiaSergio Japino
AutoriUmberto Simonetta, Lianella Carell, Marcello Ciorciolini, Paolo Limiti, Raffaella Carrà, Sergio Japino
MusicheDanilo Vaona
ScenografiaMario Catalano
CostumiLuca Sabatelli
CoreografieSergio Japino
Produttore esecutivoGianni Di Stolfo, Tito Presciutti
Casa di produzioneRTI
Rete televisivaCanale 5

Il principe azzurro è stato un programma televisivo italiano andato in onda il venerdì in prima serata su Canale 5 dal 3 marzo al 30 giugno 1989, per diciotto puntate, con la conduzione di Raffaella Carrà.[1]

Il programmaModifica

Il programma, secondo show della Carrà in onda sulle reti Fininvest dopo il Raffaella Carrà Show, era costruito attorno a una gara tra uomini di età compresa tra i 25 ed i 45 anni che si sfidavano per eleggere il principe azzurro degli anni novanta.[1]

In onda dallo studio 1 del Centro Palatino di Roma, in ogni puntata si sfidavano sei diversi uomini; nella prima parte, dopo un test psicologico eseguito dalla stessa Carrà sotto la supervisione della psicologa Carla Viale von Goetz, avveniva una scrematura dalla quale venivano eletti tre sfidanti, che si sarebbero dati battaglia nella seconda parte della puntata in prove di abilità, venendo votati dal pubblico delle donne in studio e da quello delle telespettatrici da casa.

Tra una sfida e l'altra, la Carrà si esibiva nei suoi celebri stacchetti e con famose canzoni, con le coreografie del compagno e regista Sergio Japino, circondata da una scenografia particolarmente ricca. Fininvest investì molto su questo show, tanto che ogni singola puntata veniva a costare circa 750 milioni di lire.

Il vincitore finale del programma si aggiudica come premio una Ferrari.[2] La prima ed unica edizione è stata aggiudicata dal giovane sassofonista romano di origini irpine Gianni Scaperrotta, classe 1969, diplomato al Santa Cecilia ed attualmente dirigente di una società del settore interinale.

La sigla del programma, cantata dalla stessa Carrà, si intitolava Voglio tutto, soprattutto te, ed era accompagnata da un video animato, realizzato da Pierluigi De Mas.

Il programma è stato riproposto in seguito in replica sul canale satellitare Happy Channel.

NoteModifica

  1. ^ a b Baroni, pp. 361-362.
  2. ^ Grasso, p. 613.

BibliografiaModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione