Apri il menu principale

Il professor Layton e la maschera dei miracoli

videogioco del 2011
Il professor Layton e la maschera dei miracoli
videogioco
Layton 5.png
La copertina del gioco
Titolo originaleレイトン教授と奇跡の仮面,
PiattaformaNintendo 3DS
Data di pubblicazioneGiappone 26 febbraio 2011
Flags of Canada and the United States.svg 28 ottobre 2012
Flag of Europe.svg 26 ottobre 2012
Versione Plus:
Giappone 6 febbraio 2013
GenereAvventura grafica, rompicapo
OrigineGiappone
SviluppoLevel-5
PubblicazioneGiappone Level-5, Stati UnitiNintendo, EuropaNintendo
SerieProfessor Layton
Modalità di giocoGiocatore singolo
Distribuzione digitaleNintendo eShop
Fascia di etàCEROA · PEGI: 7
Preceduto daIl professor Layton e il richiamo dello spettro
Seguito daIl professor Layton e l'eredità degli Aslant

Il professor Layton e la maschera dei miracoli (レイトン教授と奇跡の仮面 Reiton-kyōju to kiseki no kamen?), è un videogioco rompicapo sviluppato dalla Level-5 per Nintendo 3DS. È il quinto episodio della serie del Professor Layton. Il gioco è un prequel della serie, ambientato dopo gli eventi de Il professor Layton e il richiamo dello spettro. Nel corso della conferenza stampa della Nintendo il 29 settembre del 2012, sono stati lanciati nuovi screenshot e un trailer del gioco, mostrando i vari cambiamenti in 3D.

Il gioco può essere scaricato anche dal Nintendo eShop. Le persone che lo hanno acquistato dallo store online e si sono registrate nel club Nintendo prima del 6 gennaio 2013, hanno ricevuto gratuitamente un gioco per virtual console, Donkey Kong: Edizione Originale.

Il 6 febbraio 2013 nel Nintendo eShop giapponese è uscita una versione del gioco estesa, intitolata Reiton-kyōju to kiseki no kamen Plus (Il professor Layton e la maschera dei miracoli Plus). Sono state aggiunte nuove caratteristiche, tra le quali nuovi filmati, tutorial bonus e suggerimenti per i giocatori più giovani, tre slots per salvataggi (già disponibili nella versione occidentale) e nuovi enigmi.[1]

Modalità di giocoModifica

Come i precedenti giochi della serie del Professor Layton, in Il professor Layton e la maschera dei miracoli il giocatore in vari punti del gioco troverà enigmi da risolvere. Risolvendoli si guadagneranno picarati, ovvero dei punti che serviranno per accedere a dei contenuti bonus. Inoltre risolvendo i puzzle senza parecchi errori si guadagneranno più picarati. Le monete aiuto possono essere trovare in giro per il gioco e serviranno per sbloccare aiuti se il giocatore si trova in difficoltà.

Vi sono state alcune modifiche apportate, per esempio i personaggi e gli ambienti ora sono in grafica 3D. A differenza dei giochi precedenti, in cui i giocatori interagiscono direttamente con l'ambiente dal touch screen, i giocatori ora utilizzano il touch screen per controllare una lente di ingrandimento per esplorare l'ambiente visualizzato sullo schermo superiore. Quando la lente di ingrandimento passa sopra qualcosa di interessante, il giocatore può toccare il touch screen per ispezionarlo, avviare una conversazione con i personaggi o accumulare le monete aiuto. Alcune aree possono essere ingrandite per poter ispezionare più aree. I puzzle sono ancora controllati col touch screen, anche se molti hanno grafica 3D e sono visualizzati sullo schermo superiore.

TramaModifica

All'inizio del gioco, il Professor Hershel Layton riceve una strana lettera da parte di una sua vecchia compagna di scuola, Angela Ledore. La lettera parla di un malvagio e misterioso uomo in possesso della Maschera del Caos, che potrebbe avverare i desideri di chi la indossa, e terrorizza la città di Montedore; intrigato dalla situazione che potrebbe avere a che fare col suo passato, professore decide di partire per Montedore, assieme alla sua assistente Emmy Altava e al suo giovane apprendista Luke Triton. Giunti alla sera a Montedore, una città oasi in mezzo a un grande deserto, Layton e Luke assistono alla tradizionale parata circense della cità e proprio in quel momento, il misterioso uomo di cui parlava Angela si presenta davanti alla folla. È un uomo vestito elegantemente di bianco con indosso una maschera che si fa chiamare Gentiluomo Mascherato, il quale propone subito uno dei suoi cosiddetti "miracoli": ben presto infatti molti turisti fuggono terrorizzati dicendo di aver visto delle persone tramutate in pietra.

Layton, Luke ed Emmy tentano di inseguire il Gentiluomo con dei cavalli recuperati da quest'ultima ma, egli volando via, riesce a far perdere le sue tracce. Il trio inizia quindi a dirigersi verso la villa dei Ledore, facendo nel frattempo conoscenza con i vari abitanti della città e interrogandoli riguardo agli ultimi eventi; stando alle informazioni recuperate da Emmy, il Gentiluomo è apparso da poco in città e ha iniziato frequentemente a proporre una serie di prodigi apparentemente magici; tra i suoi miracoli figurano persone trasformate in cavalli, personaggi dei quadri che prendono vita, e perfino un episodio di combustione spontanea. Arrivati alla villa, Layton e gli altri vengono accolti da Angela che inizia a spiegare alcuni dettagli sull'apparizione del Gentiluomo; il professore però si domanda come possa egli possedere la Maschera del Caos, un oggetto che era stato rinvenuto da un suo amico Randall Ascot, poco prima della sua scomparsa, ma Angela spiega che suo marito Erik, fondatore di Montedore, l'aveva rinvenuta durante la spedizione di recupero di Randall. Angela invita poi il trio a recarsi all'Hotel Dromedario dove lei ha prenotato loro una stanza.

Giunti in albergo, il professore inizia quindi a raccontare la vicenda del ritrovamento della maschera, risalente a 18 anni addietro, quando lui frequentava ancora il liceo e viveva in un piccolo paese di campagna noto come Stansbury, insieme ai genitori Archibald e Lucille. Lì ci viveva anche il suo migliore amico Randall, membro di una famiglia benestante, che frequentava la stessa scuola di Hershel dove i due tra l'altro praticavano scherma insieme; all'epoca Erik era il domestico degli Ascot mentre Angela era la fidanzata di Randall. Quest'ultimo era un grande appassionato di archeologia, passione che tentò a fatica di trasmettere anche a Hershel, che all'epoca non ne era per niente affascinato. Tutto ebbe inizio quando Randall iniziò a manifestare un particolare interesse nello studio di un'antica civiltà leggendaria: gli Aslant, menzionati in nel saggio "Storia Antica" di Donald Rutlage di cui si era parlato un giorno a lezione. Quella stessa sera Randall aveva invitato Hershel e Angela a raggiungerlo di nascosto a casa sua dove mostrò loro di aver effettivamente rinvenuto la Maschera del Caos.

L'indomani Layton, Luke ed Emmy riprendono le indagini cercando di ottenere un colloquio con Erik; lungo la via per la Villa si imbattono inoltre in Gloria, una anziana signora che viveva anche lei a Stansbury, e che spiega che molti abitanti hanno lasciato il paese per trasferirsi a Montedore. Giunti a villa Ledore, i tre scoprono che Erik non è in casa ma ottengono da Angela il permesso di esaminare il suo studio, dove trovano una copia della Maschera del Caos, posta lì dopo il furto di quella originale. In seguito Layton inizia a sospettare che chiunque sia il Gentiluomo Mascherato, potrebbe covare rancore nei confronti di Erik, e allo stesso tempo trarre beneficio dal caos scatenato; sceondo Angela, solo un uomo corrisponde a tale descrizione: Alphonse Dalston, porprietario di diversi Hotel a Montedore e rivale in affari di Erik. Arrivati al maniero, i tre vengono accolti da Dalston, che però li respinge brutalmente quando scopre dei loro sospetti su di lui; prorpio in quel momento però giunge per lui una lettera dal Gentiluomo Mascherato, e il professore ne riceve una uguale. Secondo la lettera il prossimo miracolo avverrà quella sera a Montsarton Plaza, ma per il momento Layton vorrebbe fare luce sui miracoli precedenti.

Con il consenso del sindaco Williams, il professore, Emmy e Luke prendono parte alla riunione della polizia in cui si cercherà di fare luce sui colpi del Gentiluomo; la riunione è presieduta dal commissario Sheffield e da due ispettori di Scotland Yard: Clamp Grosky (vecchia conoscenza del professore) e Leonard Bloom. Con l'aiuto degli ispettori e del corpo di polizia di Montedore, Layton analizza attentamente tutti i casi e dimostra come in ogni episodio il Gentiluomo avesse semplicemente messo a punto dei giochi di prestigio con l'aiuto di diversi complici. I cavalli erano stati nascosti in vicoli stretti e liberati dopo che la folla era stat accecata da un forte bagliore; altri complici avevano interpretato i personaggi dei quadri esposti al museo, quadri che erano stati consegnati di recente con i soggetti dipinti con vernice a scomparsa; infine le tredici persone che avrebbero preso fuoco per poi ricomparire il giorno successivo illesi, in realtà avevano ricevuto le istruzioni di non presentarsi all'evento ed erano stati sostituiti da dei manichini.

Terminata la riunione, Layton e gli altri iniziano a cercare informazioni sul miracolo della pietrificazione, e nel frattempo indagano più a fondo sul caso dei qudri viventi, visitando il museo e il circo Moonbeam (da cui erano stti sottratti i costumi), circo del quale Dalston è un assiduo frequentatore e benefattore; tale scoperta inizia quindi far dubitare il professore della sua colpevolezza. Cala la notte e il trio si reca a Montsarton Plaza per assistere al prossimo "miracolo"; all'orario stabilito il Gentiluomo Mascherato fa la suo entrata in scena camminando nell'aria e poco dopo altri passanti iniziano a levitare fino a sparire nel cielo. Il Gentiluomo da quindi appuntamento al suo prossimo miracolo che avverà nel parco dei divertimenti di Strampalandia e suggerisce che forse l'unico modo per contrastare la Maschera del Caos, potrebbe essere un'altra maschera. Angela sospetta che si tratti di quella che la leggenda identifica come la Maschera dell'Ordine e insisite affinché Layton l'aiuti a trovarla; nel frattempo Erik fa arrestare Dalston, con l'accusa di essere il Gentiluomo, sostenuta da quelle che sembrerebbero prove solide contro di lui; ma Alphonse prima di essere portato via inveisce contro Erik accusandolo di essere un traditore e un truffatore, scatenando la sua ira.

Successivamente all'albergo, Layton procede con il suo racconto spiegando come quella sera Randall avesse condotto lui ed Angela al Muro di Norwell, una parete con incisioni Aslant situata ai confini di Stansbury. In questa occasione aveva rivelato di aver trovato l'entrata per le rovine di Akubadain, dove aveva rinvenuto la Maschera del Caos ed aveva intenzione di tornarci per recuperare "l'altra Maschera". Angela inizialmente si era opposta a quest'idea, temendo di perdere Randall come era già accaduto con suo fratello ma alla fine acconsentì, rassicurata sia da Erik che da Hershel. Al mattino del terzo giorno, Layton, Luke ed Emmy decidono di parlare col capo Sheffield in merito all'arresto di Dalston; stando al capo della polizia, il suo movente sarebbe la gelosia nei confronti di Erik. L'ispettore Bloom inoltre annuncia che la polizia a risolto il miracolo della pietrificazione: le statue erano state nascoste nel gigantesco pallone a forma di clown al centro della parata, ed erano state trasportate tramite un carro di cui sono state trovate tracce di ruote. Dalston è l'unico a possedere una propria carrozza, ma Bloom suggerisce a Layton che un'alternativa per il trasporto potevano essere i carri per le corse dei cavalli e suggerisce al professore di indagare all'ippodromo.

Sul posto il proprietario spiega che nessun carro è sscomparso il giorno in cui si è svolto il miracolo della pietrificazione, ma Layton nota come essi si possano facilmente smontare e riassemblare. Il professore sospetta quindi che il Gentiluomo abbia usato un carro che era stato trasferito in manutenzione, operazione che può essere solo autorizzata da Erik. Layton decide allora di recarsi a Villa Ledore, e questa volta Erik è in casa e mentre prende il tè con lui il professore gli espone i suoi sospetti venendo poi cacciato via; nel frattempo però Layton inizia anche a nutrire sospetti su Angela per via del suo strano comportamento di recente. La sera, dopo aver seguito una pista al Casinò Scorpion che si rivela essere un buco nell'acqua, il trio si reca a Strampalandia per assistere al miracolo e sul posto trovano anche l'Ispettore Grosky. Risolvndo diversi enigmi lasciati all'interno delle giotre i tre trovano dei biglietti contenenti degli indizi, scoprendo così che il Gentiluomo si nasconde nel centro di comando del parco, la Torre Strampalata. Al gruppo si uniscono poi anche Erik e Angela, e tutti e cinque assistono all'apparizione del Gentiluomo; dopo averlo inseguito all'interno della torre, dove  non riescono a catturarlo per via del buio, Layton e gli altri scoprono che tutti i presenti a Strampalandia sono scomparsi. Tuttavia dopo aver nuovamente indagato all'interno della torre, trovano che tutti i clienti sono tornati al loro posto e secondo Grosky non è successo niente in loro assenza. Tornati all'albergo, Luke ed Emmy terminano di ascoltare il racconto del professore sulla sua esplorazione delle rovine di Akubadain.

Quel giorno, Hershel e Randall erano partiti di buon mattino alla volta del deserto, fuori da Stansbury; lì evavano effettivamente trovato l'ingresso ad Akubadain. All'interno delle rovine i due dovettero fronteggare diversi enigmi e trappole, come ragni giganti e poarticolari guerreri meccanici costruti dagli Aslant, le robomummie. Dopo essersi momentaneamente separati l'uno dall'altro, Randall è Hershel erano finalmente riusciti a scendera al piano più basso, trovando l'ingresso alla camera dove si trovava il tesore degli Aslant. In quel momento però una forte scossa iniziò a far crollare il pavimento, e Randall stava per cadere in un precipizio con solo Herhsel che lo teneva per mano; Herhsel aveva implorato il suo amico di lasciare andare la Maschera del Coas e liberare così l'altra mano con cui sarebbe riuscito a salvarsi, ma Randall chiedendogli scusa tentò invece di passargli la Maschera finendo invece per cadere nel burrone, con l'oggetto ancora tra le sue mani. Sconvolto per la perdita del suo  migliore amico, Herhsel risolse comunque l'engima per aprire la porta e si trovò davanti a un'immensa quantità di oro e ricchezze; tuttavia decise che avrebbe celato al mondo questa sua scoperta, per rispetto per Randall, e ritenendo che la sua morte non ne fosse valsa la pena. Deluso di non essere riuscito inoltre a mantenere la promessa fatta ad Angela di proteggere Randall, Herhsel decise di lasciare Stansbury, trasferendosi a Londra, mentre Angela trovò conforto in Erik con il quale alla fine si sposò.

Il mattino seguente, Layton e gli altri decidono di recarsi a Strampalandia per capire come si è svolto il miracolo della sera precedente; lungo la via fanno anche visita a Dalston che è stato rilasciato, dopo che gli eventi del giorno prima hanno provato la sua innocenza, e durante la conversazione con lui il professore intuisce grazie a un indizio il modo in cui si è svolto il miracolo della levitazione di due giorni prima. A Strampalandia il trio esamina la Torre di controllo che si scopre contenere un pavimento rotante: quella notte, nel mezzo del buio, il gruppo non si era accorto del movimento del pavimento sottostante ed erano usciti da un'altra porta che li ha condotti ad un'esatta recplica di Strampalandia. Parlando con Murphy, un uomo esperto di affari economici, i tre scoprono che solo Erik potrebbe autorizzare un simile progetto, e che il signor Ledore ha ricevuto la sua fortuna grazie ad un altro garante. Al loro ritorno a Villa Ledore, Angela chiede a Layton se ha trovato la Maschera dell'Ordine e continua a insistere affinché venga recuperata; Herhsel poi rivela ad Erik la sua scoperta e nel frattempo svela il segreto dietro al miracolo della levitazione: le persone cha avevano preso il volo erano in realtà complici legati a dei palloni aereostatici che hanno usato dei teli color della notte per simulare la loro sparizione, mentre il  Gentiluomo stava effettivameente camminando su un filo teso sopra la piazza.

Erik è sempre più seccato dei sospetti del suo amico e non aveva idea della replica di Strampalandia; Layton pertanto si convince che effettivamente egli potrebbe essere innocente. A riprova del buon cuore di Erik, Herhsel incontra nella villa Lady Ascot, la madre di Randall, ancora viva: lei era infatti la garante che aveva fornito a Erik i soldi per finanziare la spedizione di recupero di Randall, spedizione che portò poi all'edificazione di Montedore. Layton e gli altri illustrano quindi le loro scoperte al Capo Sheffield, dopodiché giunge da Grosky la notizia dell'avvistamento del Gentiluomo mascherato nel più grande hotel della città: il Reunion Inn. Prima di recarsi sul posto però il professore si raca all'ippodromo dove Bloom ha racoclto ulteriori prove che confermano il coinvolgimento di un complice nel furto del carro, ulteriore segno dell'innocenza di Erik. Con il tram, Layton, Emmy e Luke raggiungono il Reunion Inn, e vengono accolti da Vladimir, contabile dei Ledore e gestore dell'albergo. Egli prima di tutto mostra al trio l'uffico privato di Erik, dove sono conservate tutte le informazioni sulla spedizione di recupero di Randall; essa aveva come punto di ritrovo proprio il Reunion Inn (all'epoca una semplice locanda) e finì per attirare così tante persone, che finì per nascere in quel luogo sperduto nel nulla un'intera città. Layton trova inoltre nel ripostiglio la vera Maschera del Caos, nascosta lì perché non venisse recuperata dal Gentiluomo, che ne indossa una copia.

Come il gruppo fa ritorno alla reception, nell'hotel si verifica un blackout, e mentre cercano di rpiristinare la corrente Layton e gli altri trovano diversi engimi scritti lasciati dal Gentiluomo a formare una sorta di caccia la tesoro. Il gruppoo viaggia per varie stanze dell'albergo, dalla serra, alle camere, fino al grande salone principale, trovando diversi biglietti in cui il Gentiluomo ha lasciato scritte diverse storie che hanno quasi tutte come argomento la storia di amicizia di due persone, distrutta dal tradimento di una delle due nei confronti dell'altra. Mentre Layton e gli altri sono in cerca di indizi, vediamo Bloom in una stanza che confabula con un uomo dall'aspetto losco, mentre questi ripercorre il ritorvamento di altri siti Aslant ad opera del professore, ovvero il Giardino della Guarigione di Mihitallery (scoperto alla fine de Il richiamo dello Spettro) e la città dell'armonia di Ambrosia (rinvnuta nel film L'Eterna Diva), e pregusta il momento in cui metteranno mano sul terzo sito. Intanto il professore e il suo gruppo, raggiunti nel frattempo da Angela e Erik, seguendo l'ultimo indizio si recano nell'auditorium dove il Gentiluomo proietta il finale della storia e nella confusione rapisce Luke, intrappolandolo in bilico in una ragnatla di fili posta in cima all'immenso salone principale.

Layton si lancia al salvataggio e recupera Luke, dopodiché ordina al Gentiluomo di smascherarsi, dato che ormai ha compreso la sua identità. Il Gentiluomo lo accontenta e dietro la sua maschera rivela il volto di Randall Ascot. Randall spiega che la sua caduta ad Akubadain fu attutita da un fiume sotterraneo che lo portò, privo di sensi alla riva di un villaggio dove crebbe per molti anni, il colpo preso durante la caduta gli aveva infatti provocato una forte amnesia. Tuttavia un giorno ricevette una lettera da un misterioso individuo che gli rivelò la verità del suo passato alimentando il suo desiderio di vendetta nei confronti di Erik, reo di averlo tradito prendendosi la sua fortuna e la sua ragazza. Il misterioso individuo dietro alla sua ritrovata memoria, lo aiutò a mettere in scena i giochi di prestigio del Gentiluomo Mascherato; ora l'ultimo "miracolo" consiste nella distruzione totale di Montedore che inizia ad essere sommersa dalla sabbia. Mentre Sheffield e Grosky guidano l'evacuazione della città con l'aiuto di Erik e Dalston, Layton decide di indagare su un modo per fermare la distruzione di Montedore, e insieme a Luke, Emmy e Angela si reca nella piazza dove si trova il monumento alla fondazione della città. Sotto di esso il professore scova una botola che conduce in un sotterraneo in cui si trova un meccanismo Aslant.

Sotto gli occhi sbalorditi di Angela, Layton rivela che la Maschera del Caos originale presenta un meccanismo ad incastro per dividerla in due Maschere complementari, quella del Caos e qeulla dell'Ordine: con esse Layton e Agnela risolvono l'enigma legato al meccanismo e impediscono così la distruzione della città. Risolta la crisi il gruppo si riunisce a Montsarton Plaza, dove Randall, sconfitto, si scaglia con rabbbia contro Erik continuando a rinfacciargli le sue colpe, ma Layton spiega al sua amico che Erik non lo ha mai tradito, e che lui è stato manipolato dalla vera mente dietro al Gentiluomo Mascherato. Layton allora indica Angela come colpevole: in realtà lei era Jean Descole sotto mentite spoglie; è stato Descole a far ritornare a Randall la memoria per poi usarlo per creare scompiglio mentre lui cercava indisturbato le maschere. Descole si era sostituito ad Angela il giorno dopo l'arrivo di Layton, e Hershel aveva subito iniziato a sospettare di lei per il suo comportamento anomalo (come la sua insistenza a recuperare la Maschera dell'Ordine e il fatto che non indossasse il ciondolo donatole da Randall). La conferma arrivò quando Layton trovò Angela rinchiusa nel ripostiglio del Reunion Inn: da allora Angela è sempre rimasta insieme al gruppo travestita come Vladimir. Scoperto, Descole fugge via giurando di vendicarsi con Layton.

Randall però è ancora furioso con Angela per il suo matrimonio con Erik, ma la donna spiega che in realtà i due non hanno mai convolato a nozze, e Erik aveva investito tutte le sue forze nella missione di recupero di Randall, attirando così tanti esploratori nell'area delle rovine fino a che non vi si stabilirono fondando Montedore. Angela dal canto suo era stata promessa sposa a Dalston per la sua ricchezza, ma Erik le propose di fingere di sposarsi con lui e attendere insieme il ritorno di Randall. Sul posto giunge anche Lady Ascott che spiega al figlio come Erik si sia preso cura di lei e della città, che di fatti fu edificata sulla fortuna di Randall. Commosso Randall si pente per le sue azioni, quando all'improvviso un'altra scossa di terremoto provoca una voragine nel terreno e Randall rischia di precipitare sul fondo. Layton afferra la mano del suo amico e, come 18 anni addietro, gli cheide di tendergli anche l'altra mano; Randall però non crede di meritare di essere salvato ma Erik e Hershel insieme riescono a tirarlo su e lo spronano ad andare avanti e lasciare alle spalle gli errori del passato.

Randall riprende così la sua vita a fianco del suo amico Erik e della sua amata Angela e all'alba del quinto giorno, Layton, Luke e Emmy si apprestano a lasciare Montedore, riconoscendo come essa sia davvero "la Città dei Miracoli", fondata su un'amicizia incrollabile. Nella scena dopo i titoli di coda Descole ammira con orgoglio il Sotterraneo Infinito di Akubadain, il più grande tesoro di Montedore, ritornato alla luce dopo la risoluzione dell'enigma delle Maschere. Improvvisamente però un gruppo di uomini in divisa scura, armati fino ai denti, irrompe sul luogo; a guidare questo esercito c'è lo stesso misterioso individuo che confabulava con Bloom, il quale reclama il sito Aslant come proprietà della Targent. Descole tenta di affrontare il misterioso individuo che però lo mette facilmente fuori combattimento e sta per rimuovergli la maschera; Descole viene però slavato dal suo fedele servitore Raymond, prima che la sua vera identità venga esposta. L'uomo misterioso però non sembra preoccupato: ora la Targent possiede anche il Sotterraneo Infinito, e adesso che sono sempre più vicini a svelare il segreto delgi Aslant, la sua resa dei conti con Layton è imminente.

PersonaggiModifica

Elenco dei personaggi principali.

  • Professor Hershel Layton: l'abilità che possiede nel risolvere enigmi e misteri lo ha portato ad una reputazione e fama altissima. È un professore di archeologia presso l'università Gressenheller. Ha 35 anni e indossa sempre la sua ormai famosa tuba. Prima però non gli interessava l'archeologia. È stata la scomparsa del suo amico Randall a farlo diventare un archeologo.
  • Luke Triton: apprendista di Layton e il figlio di Clark Triton, fidato amico del professore. Accompagna Layton in tutte le sue avventure. Si rivela molto utile quando si tratta di risolvere enigmi. Ha anche un'abilità speciale: capisce gli animali e interagisce con loro.
  • Emmy Altava: ha 25 anni ed è l'assistente del professor Layton, ha lo spirito da lottatrice. È descritta come un'eroina.
  • Angela Ledore: Ha scritto una lettera al professor Layton chiedendogli aiuto riguardo al mistero. Ha 35 anni anche se non li dimostra. Ha sposato Erik Ledore, e a quanto pare sembra che all'età di 17 anni avesse una relazione con Randall.
  • Randall Ascot: Era il migliore amico del professore ai tempi della scuola e lo convinceva a fare spedizioni per trovare qualcosa di importante. È scomparso e sono passati diciotto anni dalla sua scomparsa quando il professore rivede Angela. È stato lui a trovare la Maschera del caos. Prima che il professore, diciassettenne, si trasferisse a Stansbury, passava molto tempo con Dalston, Erik e Angela.
  • Erik Ledore: ha 35 anni. Attraverso il successo della città, adesso è un milionario ed è anche il fondatore di Montedore.
  • Leon Bronev: quest'uomo è avvolto nel mistero. È a capo della Targent, conosce il rapporto tra il professore e Descole e cerca di ottenere il tesoro della civiltà Aslant.
  • Jean Descole: la cattiveria di quest'uomo è ancora sconosciuta. Egli conosce Layton, anche se non si conosce il perché. Sembra stia cercando di svelare il mistero della civiltà Aslant per scopi personali.
  • Ispettore Grosky: ispettore di polizia muscoloso e rapido nella corsa.Ama molto lavorare a Scotland Yard.
  • Ispettore Sheffield: ispettore di Montedore. Sheffield affronta i criminali a viso aperto e i suoi uomini ammirano il suo impeto focoso
  • Ispettore Leonard Bloom: giovane poliziotto prodigio inviato da Scotland Yard. Il suo vero scopo è quello di aiutare Bronev e la Targent a impossessarsi della Maschera.
  • Elizabeth
  • Gentiluomo mascherato
  • Arthur: padre del professor Layton.
  • Lucille: madre del professor Layton.
  • Alphonse Dalston: ricco magnate di Montedore. Ama molto gli animali. È il proprietario di diversi hotel.
  • Lady Ascot: madre di Randall

MusicaModifica

  • 01. Il professor Layton
  • 02. La maschera dei miracoli
  • 03. Pioggia di enigmi
  • 04. Montedore: il carnevale
  • 05. Sospetti
  • 06. Scherzi pericolosi
  • 07. Il Gentiluomo mascherato
  • 08. Inseguimento mozzafiato
  • 09. Attese
  • 10. Illusione
  • 11. Montedore: città dei miracoli
  • 12. Un momento di quiete
  • 13. Dentro il tendone
  • 14. Enigmi (nuova versione)
  • 15. In cerca di indizi
  • 16. Il casinò Scorpio
  • 17. L'ippodromo
  • 18. Stansbury: giorni felici
  • 19. Stansbury: luce in collina
  • 20. Norwell
  • 21. Le rovine di Akubadain
  • 22. La rivelazione di Akubadain
  • 23. L'ora dello scontro
  • 24. Tristezza
  • 25. Ricordi indelebili
  • 26. Strampalandia
  • 27. Reunion Inn
  • 28. Descole
  • 29. Un tesoro eterno
  • 30. Targent
  • 31. Robottino a molla
  • 32. La battaglia del robot
  • 33. Emporio compratutto
  • 34. Teatro conigliesco
  • 35. Coniglio sul palco
  • 36. Mysterious Flower

Enigmi del GiornoModifica

Per 365 giorni consecutivi la Nintendo distribuirà gli Enigmi del Giorno via Internet. Dopo aver risolto un certo numero di Enigmi del Giorno, Elizabeth darà al giocatore un pezzo d'arredamento per la sua stanza.

Modalità RovineModifica

La Modalità Rovine si può giocare soltanto una volta e in un certo punto del software. Il giovane Layton e Randall si metteranno in cammino per le Rovine di Akubadain, dove si cela uno dei tesori della civiltà Aslant. Si potrà usare il pad scorrevole per muovere i due esploratori, dato che la grafica è in stile RPG. Nonostante tutto, scavando con la pala potremmo trovare monete aiuto, enigmi e seppellire le mummie. Le rovine sono composte in tutto da 8 piani.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica