Apri il menu principale

Imagine (singolo John Lennon)

brano musicale di John Lennon
Imagine
ImagineVideo.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaJohn Lennon
Tipo albumSingolo
Pubblicazione11 ottobre 1971 Stati Uniti
Durata3:04
Album di provenienzaImagine
GenerePop
Soft rock
Ballata
EtichettaApple Records
ProduttorePhil Spector
John Lennon
Yōko Ono
Registrazionemaggio–luglio 1971, Ascot Sound Studios, Ascot; Record Plant East, New York
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[1]
(vendite: 50 000+)
Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 600 000+)
John Lennon - cronologia
Singolo precedente
(1971)
Singolo successivo
(1971)

Imagine è un brano musicale di John Lennon pubblicato nel 1971. È la canzone più celebre e rappresentativa dell'autore[3] tra quelle realizzate durante la sua carriera da solista, dopo lo scioglimento dei Beatles. Fu pubblicata sull'album Imagine e successivamente come singolo negli Stati Uniti d'America (11 ottobre 1971) assieme a It's So Hard. Successivamente nel 1975 il brano fu ripubblicato come singolo anche per il mercato britannico (Lato B: Working Class Hero).[4]

Co-prodotta da Lennon e Yōko Ono insieme al produttore discografico Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo di Lennon a Tittenhurst Park, Ascot, Inghilterra, nel maggio 1971. Un mese dopo la pubblicazione dell'omonimo album in settembre, Imagine venne pubblicata su singolo negli Stati Uniti. Da allora è stato calcolato che il 45 giri abbia venduto oltre 1.6 milioni di copie nel solo Regno Unito. Nel 1985, una zona del Central Park di New York è stata dedicata a Lennon, con il nome Strawberry Fields Memorial, e lì venne installato un mosaico permanente con la scritta "Imagine".[5] Poco tempo prima del suo assassinio, Lennon riconobbe il contributo della Ono quale ispiratrice del concetto dietro a Imagine; ammettendo che all'epoca non si era sentito ancora così maturo da inserire anche il suo nome tra gli autori del brano.[6]

Dozzine di artisti hanno reinterpretato il pezzo, inclusi Madonna, Stevie Wonder, Joan Baez, Lady Gaga, Elton John, Queen, David Bowie, Diana Ross e Avril Lavigne. Emeli Sandé ne incise una cover per la cerimonia di chiusura dei Giochi della XXX Olimpiade nell'agosto 2012.

DescrizioneModifica

 
Lennon esegue Imagine al pianoforte nella "White Room" di Tittenhurst Park

Imagine viene spesso citata come uno dei brani musicali più belli della storia della musica rock; la rivista Rolling Stone, per esempio, l'ha posizionata al terzo posto nella classifica dei migliori brani musicali di tutti i tempi.[7] L'ex presidente degli Stati Uniti d'America Jimmy Carter ha dichiarato che in molti paesi del mondo la canzone Imagine gode dello stesso rispetto che viene riservato agli inni nazionali.[8]

Il brano viene solitamente letto in chiave pacifista, ma lo stesso Lennon ammise che i contenuti del testo di Imagine la avvicinano più al Manifesto del partito comunista che a un inno alla pace,[9] è infatti una società laica in cui non trionfino i valori del materialismo, dell'utilitarismo e dell'edonismo che viene auspicata nel testo. Lennon affermò che il brano era "anti-religioso, anti-nazionalista, anti-convenzionale e anti-capitalista, e viene accettato solo perché è coperto di zucchero".[10] Yōko Ono disse che il messaggio di Imagine si poteva sintetizzare dicendo che "siamo tutti un solo mondo, un solo paese, un solo popolo".[9]

Composizione e significatoModifica

 
Il pianoforte Steinway di Lennon, sul quale egli compose Imagine[11]

Lennon compose Imagine all'inizio del 1971, su un pianoforte Steinway nella sua camera da letto a Tittenhurst Park, la sua residenza in stile Tudor a Ascot, Berkshire, Inghilterra. Yōko Ono era presente quando John scrisse la melodia, gli accordi e quasi tutte le parole del testo, arrivando quasi a completare il pezzo in una sola sessione di scrittura.[12] Descritta come una ballata al pianoforte[13][14] eseguita in stile soft rock,[15] la tonalità della canzone è in Do maggiore.[16]

Varie poesie di Yōko Ono incluse nel suo libro Grapefruit del 1964 ispirarono Lennon per la scrittura del testo di Imagine,[17] in particolare, quella riprodotta sul retro di copertina del vinile originale dell'album Imagine, intitolata Cloud Piece, che recita: "Imagine the clouds dripping, dig a hole in your garden to put them in" ("Immagina le nuvole gocciolanti, scava un buco nel tuo giardino per raccoglierle").[18] A posteriori, Lennon disse che la canzone "doveva essere accreditata a Lennon/Ono".[19] Quando interrogato sul significato del brano durante un'intervista del dicembre 1980 concessa a David Sheff per la rivista Playboy, Lennon disse a Sheff che Dick Gregory aveva regalato a lui e Yōko un libro di preghiere cristiane, che gli ispirarono il concetto alla base della canzone:

«Il concetto di preghiera positiva ... Se puoi "immaginare" un mondo in pace, senza discriminazioni dettate dalla religione - non senza religione, ma senza quell'atteggiamento "il mio Dio-è-più-grande-del-tuo-Dio", allora può avverarsi ... Una volta il Consiglio ecumenico delle Chiese mi chiamò e mi chiese: "Possiamo usare il testo di Imagine e cambiarlo semplicemente in Imagine one religion al posto di no religion?" Ciò mi dimostrò che non lo capivano affatto. La modifica avrebbe affossato l'intero scopo della canzone, l'intera idea.[20]»

(John Lennon, dicembre 1980)

Mischiando l'influenza di Cloud Piece e del libro di preghiere donatogli da Gregory, Lennon scrisse quello che l'autore John Blaney descrisse un "inno umanista per il popolo".[19] Blaney scrisse: "Lennon sostiene che l'armonia globale è alla nostra portata, ma solo se rifiutiamo i meccanismi di controllo sociale che limitano il potenziale umano."[21] David Fricke di Rolling Stone commentò: "[Lennon] chiede l'unità e l'uguaglianza costruite sulla completa eliminazione dell'ordine sociale moderno: confini geopolitici, religioni organizzate, [e] classi sociali."[22]

Lennon dichiarò: «Imagine, che dice: "Immagina che non esistano più religioni, nazioni, o politici", è virtualmente il manifesto del partito comunista, anche se io non sono particolarmente un comunista e non appartengo a nessun movimento politico».[21] Egli disse al New Musical Express: «Non esiste un vero stato comunista al mondo; bisogna capirlo. Il Socialismo del quale parlo io ... non è quello messo in atto da qualche sciocco russo, o cinese. Quello potrebbe soddisfare loro. Noi, invece dovremmo avere un gentile ... socialismo britannico.»[21] Yoko Ono descrisse il significato testuale di Imagine "solo quello in cui John credeva: che siamo tutti un paese solo, un mondo, un popolo."[12] Alcuni commentatori descrissero la canzone come un pezzo dalle forti tinte anti-religiose, al punto che alcuni definirono Imagine "un inno all'ateismo".[23]

Ma il concetto fondamentale del quale tratta la canzone, è che se tutti immaginiamo un mondo migliore, sarà più facile raggiungere un futuro migliore. Nel 1980, poco tempo prima di essere ucciso, Lennon disse a proposito di Imagine:

«Prima di tutto bisogna pensare a volare, poi si vola. Concepire l'idea è la prima mossa.[24]»

(John Lennon, 1980)

L'impatto del brano è stato smussato in una certa misura dall'eccesso di esposizione mediatica successiva alla morte di Lennon, ma il suo radicalismo utopico continua ad avere una straordinaria forza emotiva.[25]

RegistrazioneModifica

Lennon e Ono co-produssero la canzone e l'album insieme a Phil Spector, che a proposito della traccia disse: «Sapevamo cosa stavamo per fare ... John avrebbe fatto una dichiarazione politica forte, ma anche molto commerciale allo stesso tempo ... Ho sempre pensato che Imagine fosse come l'inno nazionale».[26]

La seduta di registrazione si svolse il 27 maggio 1971 agli Ascot Sound Studios, il nuovo studio di registrazione casalingo di Lennon costruito a Tittenhurst Park, e la sovraincisione della sezione archi ebbe luogo il 4 luglio 1971 al Record Plant di New York City.[27] Rilassata e informale, la seduta iniziò a mattinata inoltrata, proseguendo fino all'ora di cena. Lennon portò ai musicisti la progressione di accordi e l'arrangiamento del brano, facendoglielo provare fino a quando non furono pronti per registrare.[19] Nello sforzo di ricreare il sound desiderato da Lennon, Spector effettuò alcuni tentativi registrando Lennon e Nicky Hopkins mentre suonavano il piano in ottave differenti sullo stesso pianoforte. Inoltre, tentò anche di registrare la parte di piano di Lennon nella "stanza bianca" dove era il pianoforte a coda della coppia. Tuttavia, dopo un'ora di prove ci si rese conto che l'acustica della stanza non andava bene, e Spector abbandonò l'idea in favore dello studio.[21] Furono incise tre take del pezzo, e la seconda venne scelta per la pubblicazione.[28]

Pubblicazione ed accoglienzaModifica

Pubblicata dalla Apple Records negli Stati Uniti nell'ottobre 1971, Imagine divenne il singolo più venduto della carriera solista di Lennon.[29] Raggiunse la posizione numero 3 nella classifica Billboard Hot 100[30] e la vetta della RPM in Canada, restandoci per due settimane.[31] Alla sua uscita il testo della canzone causò proteste da parte di gruppi religiosi, in particolare il verso: «Imagine there's no heaven» ("Immagina che non ci sia un paradiso"), fu tra i più criticati.[32] Quando durante una delle sue ultime interviste venne chiesto all'autore il suo parere circa il brano, Lennon disse di considerarlo buono tanto quanto qualsiasi altre canzone da lui scritta con i Beatles.[12] Egli descrisse il significato del pezzo unitamente al suo successo commerciale: «Anti-religiosa, anti-nazionalistica, anti-convenzionale, anti-capitalista, ma poiché coperta di zucchero, la canzone viene accettata ... Adesso capisco come bisogna fare. Dare i propri messaggi politici insieme a un po' di miele».[26] In una polemica lettera aperta a Paul McCartney pubblicata su Melody Maker, Lennon scrisse: «Imagine è Working Class Hero con dello zucchero sopra per i conservatori come te!».[33] Il 30 novembre 1971, l'album Imagine raggiunse la vetta delle classifiche in Gran Bretagna.[34] Il disco divenne il più grande successo commerciale della carriera solista di John Lennon.[35]

In Gran Bretagna, Imagine fu pubblicata su singolo solo nel 1975 in contemporanea con l'uscita della raccolta Shaved Fish. Il 45 giri raggiunse la posizione numero 6 nella Official Singles Chart. A seguito dell'assassinio di Lennon nel 1980, il singolo rientrò in classifica, salendo fino in prima posizione, dove rimase per quattro settimane nel gennaio 1981. Imagine venne ripubblicata su singolo nel Regno Unito nel 1988, raggiungendo la posizione numero 45, e ancora una volta nel 1999, raggiungendo la terza posizione.[36]

FilmModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Imagine (film).
 
La "White Room" di Tittenhurst Park ricreata al Beatles Story Museum di Liverpool

Nel 1972, John & Yōko produssero un film intitolato Imagine per accompagnare l'uscita dell'omonimo album. Nella prima scena del film si vede la coppia, avvolta nella nebbia, che cammina nel parco della loro villa, appena arrivano alla soglia di casa inizia a sentirsi Imagine. Sopra la porta di ingresso della casa c'è un cartello con scritto: "This Is Not Here", il titolo della mostra d'arte concettuale di Ono all'epoca a New York. La scena seguente mostra Lennon seduto a un pianoforte a coda bianco in una stanza poco illuminata, totalmente bianca. Yōko Ono apre gradualmente le tende delle finestre della stanza lasciando penetrare la luce, rendendola sempre più illuminata con il procedere della canzone. Al termine del brano, la Ono siede accanto a Lennon al piano, e i due si scambiano uno sguardo, accennano un sorriso, e poi si baciano.[37]

Nonostante il film fu deriso dai critici come il "più costoso filmino amatoriale di sempre",[38] il "video" della canzone è comunque rimasto celebre e possiede una certa pregnanza emotiva.[39]

VideoclipModifica

Il video della canzone Imagine, tratto dall'omonimo film di John & Yōko, che vede Lennon seduto al pianoforte mentre esegue il brano in una stanza totalmente bianca, è rimasto celebre negli anni. È stato utilizzato in molteplici occasioni in tutto il mondo, in occasione di programmi TV, documentari, e trasmesso in simultanea in diverse parti del mondo per commemorare la figura di John Lennon nella data che sarebbe stata quella del suo cinquantesimo compleanno (9 ottobre 1990) se non fosse stato assassinato.

Un nuovo videoclip del brano venne realizzato da Zbigniew Rybczyński nel 1986 in HDTV. Nel video musicale diversi personaggi attraversano varie stanze comunicanti tra loro (in realtà si tratta della stessa stanza) con vista su New York, attraversando diversi stadi della loro esistenza, dall'infanzia alla vecchiaia. Il video si basa su di un falso piano-sequenza orizzontale, che inizia e termina ciclicamente con una stanza vuota dove l'unico oggetto è un triciclo.
Il video fu utilizzato come sigla finale della trasmissione televisiva di Rai Uno Immagina condotta da Edwige Fenech.[40]

TracceModifica

7" (Stati Uniti)
  1. Imagine (John Lennon) - 3:04
  2. It's So Hard (John Lennon) - 2:25
7" (Regno Unito)
  1. Imagine (John Lennon) - 3:04
  2. Working Class Hero (John Lennon) - 3:48

FormazioneModifica

Riconoscimenti e criticheModifica

 
Il "John Lennon Wall" a Praga, Repubblica Ceca

Rolling Stone descrisse Imagine come il "più grande regalo musicale di Lennon al mondo", lodando "la melodia serena; la delicata progressione degli accordi; [e] quell'attraente, accordo di quattro note [al piano]".[12] Inclusa in numerose liste e classifiche di merito, nel 1999, la canzone è stata inserita dalla BMI nella lista delle 100 canzoni più eseguite del XX secolo.[41] Lo stesso anno, fu premiata con il Grammy Hall of Fame Award[42] e con l'inclusione da parte della Rock and Roll Hall of Fame nella lista "500 Songs that Shaped Rock and Roll".[43] Nel 2000, Imagine si è classificata alla posizione numero 23 nella lista dei singoli più venduti di sempre in Gran Bretagna.[44] Nel 2002, un sondaggio inglese condotto dal Guinness World Records British Hit Singles Book classificò il brano in seconda posizione nella classifica dei singoli più venduti di sempre (dietro Bohemian Rhapsody dei Queen).[45] Gold Radio posizionò Imagine al terzo posto nella lista "Gold's Greatest 1000 Hits" da loro redatta.[46] La rivista Rolling Stone posizionò Imagine al numero 3 nella lista dei 500 migliori brani musicali di sempre, descrivendola " un durevole inno di conforto e speranza che ci ha accompagnato attraverso il dolore estremo, dallo shock per la morte di Lennon nel 1980 all'indescrivibile orrore degli attacchi dell'11 settembre. Ormai è impossibile "immaginare" un mondo senza Imagine, e ne abbiamo bisogno più di quanto credessimo, ora più che mai."[12] Nonostante questi sentimenti, Clear Channel Communications (ora iHeartMedia) incluse la canzone nella lista delle canzoni "indesiderate", dopo gli avvenimenti dell'11 settembre.[47]

Il 1º gennaio 2005, la Canadian Broadcasting Corporation nominò Imagine la canzone "più grande degli ultimi 100 anni" a seguito di un sondaggio effettuato presso gli ascoltatori dello show 50 Tracks.[48] Il pezzo è stato inserito alla posizione numero 30 dalla Recording Industry Association of America nella lista delle "365 Canzoni del secolo", ritenute di notevole interesse storico.[48] Nel dicembre 2005 Virgin Radio effettuò un sondaggio di gradimento presso i propri ascoltatori, e Imagine si classificò al primo posto.[49]

L'ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter dichiarò che in molti Paesi del mondo da lui visitati, Imagine gode dello stesso rispetto che viene riservato agli inni nazionali.[50] Nel 2007 Yōko Ono ha inaugurato la Imagine Peace Tower in Islanda.[51] Il produttore dei Beatles George Martin disse che Imagine era la sua canzone preferita in assoluto tra quelle della carriera solista di Lennon.[52]

 
Strawberry Fields Memorial a Central Park, New York City

Gli autori Ben Urish e Ken Bielen definirono Imagine "la canzone pop più sovversiva mai incisa che sia diventata un classico".[53] Urish e Bielen criticarono l'arrangiamento musicale del pezzo definendolo "troppo sentimentale e melodrammatico", paragonandolo alla musica che si ascoltava prima dell'avvento del rock.[53] Secondo Blaney, il testo composto da Lennon descrive un futuro ipotetico che non offre soluzioni pratiche; parole che sono allo stesso tempo nebulose e contraddittorie, chiedendo all'ascoltatore di abbandonare i sistemi politici ma incoraggiandoli verso qualcosa di simile al comunismo.[21] Philip Norman, biografo di Lennon, definisce a posteriori il messaggio della canzone "trito e banale"[54] ma tuttavia concede che Imagine è un brano in grado di toccare il cuore della gente, grazie al suo "nostalgico entusiasmo e senso di ottimismo e alla sua totale assenza di presunzione, vanità o tendenze sermoneggianti".[39] Lo scrittore Chris Ingham sottolineò l'ipocrisia di Lennon, una rockstar milionaria che viveva in una villa lussuosa, incoraggiando però gli altri ad "immaginare una vita senza proprietà privata".[55] Blaney commentò: "Lennon sa di non aver niente di concreto da offrire, così invece ci offre un sogno, un concetto sul quale costruire."[21]

L'ex-Beatle Ringo Starr difese il testo della canzone dalle accuse di ipocrisia durante un'intervista del 1981 concessa a Barbara Walters, dicendo: «[Lennon] dice "immagina", questo è tutto. Immaginate solamente. Non si pone come esempio».[53]

Il 9 dicembre 1980, durante un concerto a Londra, la rock band inglese dei Queen suonò Imagine come omaggio a John Lennon, ucciso il giorno prima a New York.

Il 14 novembre 2015, la mattina successiva agli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi, il pianista tedesco Davide Martello si mise a suonare la canzone al pianoforte in strada davanti alla sala da concerti Bataclan, dove 89 persone erano rimaste uccise[56] la notte prima; il video della sua performance venne diffuso in rete e divenne virale.[57][58]

Nel giugno 2017, la National Music Publishers Association premiò Imagine con un "Centennial Song Award" e diede seguito al desiderio espresso da Lennon poco tempo prima di morire di aggiungere il nome di Yōko Ono come co-autrice della canzone.[59]

CoverModifica

Imagine è stata reinterpretata da oltre duecento artisti. Tra questi:

Interpretazioni dal vivoModifica

NoteModifica

  1. ^ Imagine (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 5 marzo 2018.
  2. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 5 marzo 2018. Digitare "Imagine" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  3. ^ (EN) Miss Cellania, "Imagine": John Lennon's Signature Song, Neatorama, 4 dicembre 2012. URL consultato il 13 giugno 2018 (archiviato il 17 febbraio 2017).
  4. ^ Robertson, John. L'arte e la musica di John Lennon, Tarab Edizioni, 1995, pag. 211, ISBN 88-86675-05-4
  5. ^ Strawberry Fields, Central Park Conservancy. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  6. ^ Christopher D. Shea, Yoko Ono Will Share Credit for John Lennon's 'Imagine', in The New York Times, 15 giugno 2017. URL consultato il 16 giugno 2017.
  7. ^ Classifica della rivista "Rolling Stones" dei migliori brani di tutti i tempi
  8. ^ http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=6439233
  9. ^ a b http://www.rollingstone.com/music/features/imagine-20011227
  10. ^ rollingstone.com. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2008).
  11. ^ George Michael buys Lennon's piano (BBC News Online), 18 ottobre 2000. URL consultato il 2 settembre 2012.
  12. ^ a b c d e Wenner, 2010, pag. 13.
  13. ^ Scott Floman, John Lennon – Overview, su sfloman.com. URL consultato il 22 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  14. ^ Gary Trust, A History Of Hit Piano Ballads On The Hot 100, Billboard, 10 aprile 2013.
  15. ^ Jef Otte, Imagine that: John Lennon fans turn into zealots over Cee Lo's change in lyrics, in Westword, 11 gennaio 2012. URL consultato il 22 luglio 2014.
  16. ^ Lennon, 1983, pp=5–9.
  17. ^ Sheff, 1981, pp=212–13
  18. ^ Bruce Spizer, The Beatles Solo on Apple Records, 498 Productions, LLC, 2005, p. 54, ISBN 978-0-9662649-5-1.
  19. ^ a b c Blaney, 2007, pag. 51.
  20. ^ Sheff, 1981, pp. 212–13
  21. ^ a b c d e f Blaney, 2007, pag. 52.
  22. ^ Fricke, 2012, pag. 59.
  23. ^ Hermione Eyre, Atheists should be louder and prouder, in The Independent, 1º novembre 2006. URL consultato il 23 marzo 2014.
  24. ^ Russino & Oliva, John Lennon, pag. 77.
  25. ^ Chris Ingham, Guida completa ai Beatles, Avallardi, 2005, pag. 131, ISBN 88-8211-986-6.
  26. ^ a b Levy, 2005, pag. 87.
  27. ^ Madinger & Raile, 2015, pp. 239, 247.
  28. ^ Fricke, 2012, pag. 58.
  29. ^ Roberts, 2005, pag. 292.
  30. ^ Blaney, 2007, pag. 57
  31. ^ RPM 100 Singles, in RPM, vol. 16, nº 16, 4 dicembre 1971. URL consultato il 21 maggio 2016.
  32. ^ Harry, 2000, pag. 382.
  33. ^ Peter Doggett, You Never Give Me Your Money: The Beatles After the Breakup, 1st US hardcover, Harper, 2009, p. 179, ISBN 978-0-06-177446-1.
  34. ^ Keith Badman, The Beatles After the Breakup 1970–2000: A Day-by-Day Diary, 2001ª ed., Omnibus, 1999, p. 55, ISBN 978-0-7119-8307-6.
  35. ^ Albert Goldman, The Lives of John Lennon, William Morrow and Company, 1988, p. 397, ISBN 1-55652-399-8.
  36. ^ John Lennon, Official Charts Company. URL consultato il 21 luglio 2014.
  37. ^ Philip Norman, John Lennon: The Life, ECCO (Harper Collins), 2008, p. 763, ISBN 978-0-06-075401-3.
  38. ^ Bill Harry, John Lennon - L'enciclopedia, Arcana, 2002, Roma, pag. 244, ISBN 88-7966-236-8.
  39. ^ a b Philip Norman, John Lennon, Mondadori, 2009, Milano, pag. 433, ISBN 978-88-04-59361-4
  40. ^ Videoclip Imagine
  41. ^ BMI Announces Top 100 Songs of the Century, BMI, 13 dicembre 1999. URL consultato il 24 settembre 2012.
  42. ^ GRAMMY Hall Of Fame – i, Grammy Hall of Fame Award. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  43. ^ Songs that shaped Rock and Roll: "Imagine", Rock and Roll Hall of Fame, 1999. URL consultato l'11 aprile 2017.
  44. ^ Theo Morgan-Gan, The UK's Best Selling Singles, Ukcharts.20m.com. URL consultato il 4 giugno 2011.
  45. ^ Queen rock on in poll (BBC News Online), 8 maggio 2002. URL consultato il 24 settembre 2012.
  46. ^ Gold's Top 1000: Day 4, in Gold. URL consultato il 25 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  47. ^ Tom Morello, The New Blacklist: The nation's largest radio network's list of 'questionable' songs, FAIR, 1º novembre 2001. URL consultato il 23 marzo 2014.
  48. ^ a b Andrew Grant Jackson, Still the Greatest: The Essential Songs of the Beatles' Solo Careers, Scarecrow Press, 2012, p. 30, ISBN 978-0-8108-8222-5.
  49. ^ Virgin Radio All Time Top 500 Songs, Last.fm, 31 dicembre 2005. URL consultato il 21 luglio 2014.
  50. ^ Debbie Elliott, Carter helps monitor Nicaragua presidential election (NPR), 5 novembre 2006. URL consultato il 2 settembre 2012.
  51. ^ Joan Marter, The Grove Encyclopedia of American Art, Volume 1, Oxford University Press, 2011, p. 596, ISBN 978-0-19-533579-8.
  52. ^ Ray Coleman, Lennon: The Definitive Biography, Updated, Harper Perennial, 1992, p. 370, ISBN 978-0-06-098608-7.
  53. ^ a b c Urish & Bielen, 2007, pag. 27.
  54. ^ Philip Norman, John Lennon, Mondadori, 2009, Milano, pag. 432, ISBN 978-88-04-59361-4
  55. ^ Ingham, 2009, pag. 99.
  56. ^ Paris attacks: What we know so far (France 24), 15 novembre 2015. URL consultato il 21 marzo 2016.
  57. ^ Katy Waldman, Why Do We Always Turn to John Lennon's 'Imagine' After a Violent Tragedy, in Slate, 18 novembre 2015. URL consultato il 19 novembre 2015.
  58. ^ (FR) "Imagine" après les attentats : entretien avec le pianiste qui a ému Paris (Metronews), 14 novembre 2015. URL consultato il 19 novembre 2015.
  59. ^ Jem Aswad, Yoko Ono to Receive Songwriting Credit on John Lennon's Imagine, Variety, 14 giugno 2017.
  60. ^ What's Inside overview, su Allmusic.com.
  61. ^ Richard Elliot: A Growing Sax Appeal, su The Seattle Times.
  62. ^ Katie Targett Adams, su kt-a.com.
  63. ^ 3D overview, su AllMusic.
  64. ^ Steve Oliver - 3D, su SmoothViews.com.
  65. ^ Jefferson's Tree of Liberty, su AllMusic.
  66. ^ (EN) All-star telethon raises $150m, BBC, 25 settembre 2001. URL consultato il 13 marzo 2018.
  67. ^ (EN) 'Tribute to Heroes' Set for CD, Video, su cmt.com. URL consultato il 13 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).
  68. ^ (EN) Imagine A World With Good Covers, su upvenue.com. URL consultato il 13 marzo 2018.
  69. ^ (EN) Fleetwood Mac's Another Link In The Chain tour, su fmlegacy.com. URL consultato il 13 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2011).
  70. ^ (EN) Lady Gaga stars in Baku 2015 Opening Ceremony, Baku 2015, 12 giugno 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.
  71. ^ (EN) Joe Lynch, Pianist Plays John Lennon's 'Imagine' Outside Le Bataclan After Paris Shootings, Billboard, 14 novembre 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica