Apri il menu principale

Immaturi (singolo)

singolo di Alex Britti del 2011
Immaturi
Immaturi Alex Britti.png
Screenshot del video
ArtistaAlex Britti
Tipo albumSingolo
Pubblicazione7 gennaio 2011
Durata2:52
Album di provenienzaBest Of
GenereBlues
Folk rock
Pop rock
EtichettaUniversal Music
Registrazione2011
FormatiDownload digitale
Alex Britti - cronologia
Singolo precedente
(2009)

Immaturi è un brano musicale del cantautore italiano Alex Britti, pubblicato il 7 gennaio 2011 come primo singolo dalla sua prima raccolta Best Of. Il brano è noto in Italia per essere la colonna sonora dell'omonimo film diretto da Paolo Genovese, uscito nelle sale cinematografiche il 21 gennaio 2011 e distribuita da Medusa.[1]

Il brano è stato candidato come miglior canzone originale ai David di Donatello 2011 e ai Nastri d'argento 2011.

Il branoModifica

Ispirato alla pellicola di Paolo Genovese, il brano parla dei quarantenni di oggi: uomini e donne che non hanno molta voglia di diventare grandi, ancorati appunto a una strana forma d'immaturità: si trovano alle prese con una vita che li lascia un po' con l'amaro in bocca, che li pone davanti a molti problemi che spesso è difficile affrontare e li mette alle strette anche con troppa facilità.[2] La frase che meglio rende l'idea di tutto ciò che il film e la canzone vogliono raccontare è quella dell'ultima strofa con cui si conclude il brano: «Adulti di nascosto, ma che forse adulti non saremo mai»[1]

TracceModifica

Download digitale
  1. Immaturi - 2:52

Il videoModifica

Nel video, realizzato dal regista Cosimo Alemà,[3] compaiono come protagonisti, oltre ad Alex Britti alla voce e chitarra, gli attori che recitano anche nella pellicola: un'inedita Ambra Angiolini, nei panni della batterista, Luca Bizzarri alle tastiere, Paolo Kessisoglu al basso, Ricky Memphis alle percussioni, Barbora Bobuľová e Anita Caprioli ai cori.[4]

NoteModifica