Immunoematologia

L'immunoematologia è un ramo della medicina trasfusionale che studia le reazioni antigene-anticorpo e fenomeni analoghi, in relazione alla patogenesi e alle manifestazioni cliniche di malattie del sangue correlate a fenomeni immunologici. Una persona impiegata in questo campo viene definita immunoematologa. Gli ambiti includono la tipizzazione del sangue, il cross-match e l'identificazione di anticorpi.[1]

L'immunoematologia e Medicina Trasfusionale è una specializzazione medica post-laurea in molti paesi. Lo specialista in immunoematologia fornisce pareri specialistici su trasfusioni difficili, trasfusioni massive, test di incompatibilità, plasmaferesi terapeutica, terapia cellulare, terapia con sangue irradiato, emocomponenti leucodeplete o lavate, procedure con cellule staminali ematopoietiche, terapie con plasma ricco di piastrine, HLA e banca del sangue cordonale. Altri ambiti di ricerca riguardano la ricerca sulle cellule staminali e la medicina rigenerativa.

L'immunoematologia si è sviluppata notevolmente negli ultimi decenni, soprattutto grazie alle migliori tecniche di analisi degli anticorpi; sono state ampliate le conoscenze relative all'isoimmunizzazione post-trasfusionale e alla incompatibilità materno-fetale da fattore Rh e quelle riguardanti autoanticorpi.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Immunoematologia, in Dizionario di medicina, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010. URL consultato il 22 aprile 2020.

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina