Imposta sul reddito

imposta che grava sugli utili di persone, imprese o altre figure legali

Un'imposta sul reddito è un'imposta applicata a persone fisiche o giuridiche (contribuenti) in relazione al reddito o agli utili da loro realizzati (comunemente chiamato «imponibile»). L'imposta sul reddito è generalmente calcolata come il prodotto di un'aliquota fiscale per il reddito imponibile. Le aliquote fiscali possono variare a seconda della tipologia o delle caratteristiche del contribuente e del tipo di reddito.

Comparazione delle aliquote massime di Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, dal 1900 al 2013

Descrizione modifica

 
Comparazione dei sistemi di tassazione dei redditi delle persone nel mondo.

L'aliquota d'imposta può aumentare all'aumentare dell'imponibile (denominate aliquote d'imposta graduali o progressive). L'imposta applicata alle società è generalmente nota come «imposta sul reddito delle società» ed è comunemente riscossa a un'aliquota fissa. Il reddito individuale è spesso tassato con aliquote progressive per cui l'aliquota fiscale applicata a ciascuna unità di reddito aggiuntiva aumenta (ad esempio i primi 10000 € di reddito tassati allo 0%, i successivi 10000 € tassati all'1%, ecc.). La maggior parte delle giurisdizioni esenta dalle tasse le organizzazioni di beneficenza locali. Il reddito da investimenti può essere tassato con aliquote diverse (generalmente inferiori) rispetto ad altri tipi di reddito. Possono essere concessi crediti di vario genere che riducono le tasse. Alcune giurisdizioni impongono il più alto tra un'imposta sul reddito o un'imposta su una base o misura alternativa del reddito.

L'imponibile dei contribuenti residenti nella giurisdizione è generalmente il reddito totale meno le spese di produzione del reddito e altre detrazioni. Generalmente, solo l'utile netto derivante dalla vendita di immobili, inclusi i beni destinati alla vendita, è incluso nel reddito. Il reddito degli azionisti di una società di solito include le distribuzioni di dividendi da parte della società. Le detrazioni in genere includono tutte le spese di produzione o di lavoro, inclusa un'indennità per il recupero dei costi dei beni aziendali. La maggior parte delle giurisdizioni non tassano i redditi guadagnati al di fuori della giurisdizione o consentono un credito per le tasse pagate ad altre giurisdizioni su tali entrate. I non residenti sono tassati solo su determinati tipi di reddito da fonti all'interno delle giurisdizioni, con poche eccezioni.

La maggior parte delle giurisdizioni richiede una «dichiarazione dei redditi». Potrebbero essere richiesti pagamenti anticipati delle tasse da parte dei contribuenti. I contribuenti che non pagano puntualmente le imposte dovute sono generalmente soggetti a sanzioni significative, che possono includere il carcere per le persone fisiche o la revoca dell'esistenza giuridica di un'entità.

L'imposta sul reddito nel mondo modifica

L'imposta nel mondo modifica

Italia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Imposta sul reddito delle persone fisiche.
 
Serie storica delle aliquote IRPEF e delle eccezioni occorse, dal 1973 al 2022.

L'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) in Italia è stata introdotta nel 1973 ed è regolata attualmente dal testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) del 1986, che ha subito diverse rivisitazioni nel corso degli anni.

All'inizio era prevista un sistema molto progressivo a 32 scaglioni dal 10% al 72%, mentre nel corso degli anni si è arrivati a un sistema a 5 scaglioni (4 dal 2022) dal 23% al 43%, con una no tax area dal 2002 per redditi molto bassi (all'incirca 8.000€ per redditi da lavoro dipendente e 4.000€ per redditi da lavoro autonomo).

Francia modifica

 
Aliquota fiscale media dell'imposta sul reddito in Francia (2001 - 2017).

In Francia è denominata Impôt sur le revenu (IR) ed è stata istituita nel luglio 1914 con lo scoppio della prima guerra mondiale, venendo più volte emendata. Presente nel Code général des impôts (del 1950) alla sezione 1-A.

Stati Uniti d'America modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Income tax (Stati Uniti d'America).
 
Serie storica delle aliquote della Income Tax statunitense, dal 1860 al 2021.

La income tax è stata istituita negli Stati Uniti in maniera stabile dal 1913 con il XVI emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America, arrivando ad essere molto progressiva con la prima guerra mondiale e poi di nuovo dalla seconda guerra mondiale fino alla metà degli anni '80 (con aliquota massima al 92%). Oggi essa si articola su 7 scaglioni che vanno da quello al 10% al 37% (dal 2017).

Cronologia dell'introduzione dell'imposta sui redditi nel mondo modifica

Pubblicazione dei redditi modifica

La pubblicazione dei redditi dei cittadini è presente attualmente nei paesi del nord Europa, ovvero in Norvegia, Svezia e Finlandia.[26][27]

Svezia modifica

La Svezia, in particolare, ha pubblicato sin dal 1905 il Taxeringskalendern contenente tali informazioni[28] e negli ultimi anni si sono sviluppati diversi siti web che forniscono, previa registrazione ma con alcuni dati pubblici e gratuiti, le informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali (quest'ultima fino al 2007, poi la tassa patrimoniale fu abolita) di ogni cittadino residente, come ratsit.se[29].

Italia modifica

Durante la Prima Repubblica vi era in ogni municipio una sala con i registri di tutti i redditi delle persone residenti nel comune, e la "scheda Vanoni" ogni anno faceva parlare i giornali dei redditi dei più abbienti[30][31][32][33][34]. Nella primavera 2008 il Governo Prodi II provò a ripubblicare sul web i redditi degli italiani, ma a causa dell'intervento del Garante della Privacy e delle polemiche sollevatesi, l'apposito sito venne dismesso dopo appena un giorno.[35]

Note modifica

  1. ^ Peter Harris, Income tax in common law jurisdictions : from the origins to 1820, Cambridge University Press, 2006, p. 1, ISBN 0-511-26095-4, OCLC 252532493. URL consultato il 14 marzo 2023.
  2. ^ (EN) Great Britain, The Income Tax Act, 5 & 6 Vict. C. 35: With a Practical and Explanatory Introduction and Index, T. Blenkarn, 1842. URL consultato il 14 marzo 2023.
  3. ^ (EN) "An outline of Swiss Tax System" (PDF), su web.archive.org, 2016. URL consultato il 14 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2019).
  4. ^ (EN) V.K.R.V. Rao, Taxation of Income in India (PDF), Bombay, Longmans Green & Co. Ltd., 1931.
  5. ^ (EN) Act of August 5, 1861, Chap. XLV, 12 Stat. 292, su memory.loc.gov. URL consultato il 15 marzo 2023.
  6. ^ (EN) Simon Curtis, The Power of Cities in International Relations, Routledge, 16 aprile 2014, p. 141, ISBN 978-1-317-91586-7. URL consultato il 15 marzo 2023.
  7. ^ (EN) Revenue Act of 1913 (PDF).
  8. ^ 1864 - 1973 Imposta di ricchezza mobile, su MEF - Dipartimento Finanze. URL consultato il 14 marzo 2023.
  9. ^ (EN) Top Incomes in France in the Twentieth Century Inequality and Redistribution, 1901–1998 by Thomas Piketty, su www.europenowjournal.org. URL consultato il 15 marzo 2023.
  10. ^ Saburo Shiomi, THE DEVELOPMENT OF THE INCOME TAX IN JAPAN, in Kyoto University Economic Review, vol. 10, 1 (19), 1935, pp. 54–84. URL consultato il 15 marzo 2023.
  11. ^ Rob Vosslamber, Taxation for New Zealand’s future: The introduction of New Zealand’s progressive income tax in 1891 (abstract), in Accounting History, Febbraio 2012, pp. 105-122.
  12. ^ (EN) Domingo Jiménez-Valladolid de L´Hotellerie-Fallois, Corporate income tax subjects: Spain (PDF), su eatlp.org, 2013, p. 2. URL consultato il 15 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2019).
  13. ^ a b c (EN) Frederik Zimmer, The Development of the Concept of Income in Nordic Income Tax Law (PDF), pp. 2-4.
  14. ^ OECD, Tax Policy Reforms in Denmark (PDF), CTPA.
  15. ^ (EN) "Who pulled the strings? A comparative study of Indonesian and Vietnamese tax reform" (PDF), su rug.nl, 6 maggio 2019, p. 12 ("64"). URL consultato il 15 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2019).
  16. ^ (EN) Miranda Stewart, Income Tax at 100 Years: A Little History, su Austaxpolicy: The Tax and Transfer Policy Blog, 5 giugno 2016. URL consultato il 15 marzo 2023.
  17. ^ Linda Bowman, Russia's First Income Taxes: The Effects of Modernized Taxes on Commerce and Industry, 1885-1914, in Slavic Review, vol. 52, n. 2, 1993, pp. 256–282, DOI:10.2307/2499922. URL consultato il 15 marzo 2023.
  18. ^ (PL) Ustawa z dnia 16 lipca 1920 r. o państwowym podatku dochodowym i podatku majątkowym., su isap.sejm.gov.pl, 1920. URL consultato il 15 marzo 2023.
  19. ^ (EN) Diogo Rodriguez, Income tax in Brazil: past, present, and future, su The Brazilian Report, 18 ottobre 2018. URL consultato il 15 marzo 2023.
  20. ^ (EN) Michael Albertus, Autocracy and Redistribution, Cambridge University Press, 15 settembre 2015, p. 76, ISBN 978-1-107-10655-0. URL consultato il 15 marzo 2023.
  21. ^ (EN) Andrew Mitchell, Institutions and Factor Endowments: Income Taxation in Argentina and Australia (PDF), su web.archive.org, agosto 2006, p. 5. URL consultato il 15 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2019).
  22. ^ (EN) Carlos Basombrio Porras, "Collection Agencies and Systems in Peru" (PDF).
  23. ^ Chauncey Kong Xiangxi, Political leaders of modern China : a biographical dictionary, Westport, Conn. : Greenwood Press, 2002, p. 76, ISBN 978-0-313-30216-9. URL consultato il 15 marzo 2023.
  24. ^ (EN) María Antonia Moreno e Miriam Adriana Maita Bolívar, Tax elasticity in Venezuela: a dynamic cointegration approach (PDF), settembre 2014, p. 8.
  25. ^ (ES) 6 años de IRPF, evaluación de la imposición a la renta personal (PDF), su dgi.gub.uy, 30 ottobre 2013.
  26. ^ (EN) Anna Bernasek, Should Tax Bills Be Public Information?, in The New York Times, 13 febbraio 2010. URL consultato il 13 luglio 2022.
  27. ^ (EN) How much do you make? It'd be no secret in Scandinavia - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com. URL consultato il 13 luglio 2022.
  28. ^ (SV) Om - Taxeringskalendern, su https://taxeringskalendern.se/. URL consultato il 13 luglio 2022.
  29. ^ (SV) Ratsit.se, su www.ratsit.se. URL consultato il 13 luglio 2022.
  30. ^ I contribuenti di Milano, in La Stampa, 12 febbraio 1952, p. 3.
  31. ^ I contribuenti milanesi pagheranno oltre 8 miliardi di lire per la Vanoni, in La Stampa, 8 luglio 1953, p. 6.
  32. ^ I ruoli a Milano dell'imposta di famiglia, in La Stampa, 27 dicembre 1963, p. 12.
  33. ^ I più ricchi di Milano, in La Stampa, 29 gennaio 1964, p. 6.
  34. ^ L'avvocato Bolchini maggior contribuente, in La Stampa, 29 dicembre 1971, p. 9.
  35. ^ Il giorno in cui in Italia furono consultabili le dichiarazioni dei redditi di tutti, su Il Post, 1º maggio 2019. URL consultato il 13 luglio 2022.

Riferimenti normativi modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 5817 · LCCN (ENsh85064772 · GND (DE4070938-3 · BNF (FRcb11934237b (data) · J9U (ENHE987007541073405171 · NDL (ENJA00572313