Imposta sul reddito delle società

imposta proporzionale e personale che si ottiene tramite applicazione di un'aliquota unica, la cui entità, variata nel corso degli anni, è fissata al 24%, dalla Legge di stabilità del 2016

L'imposta sul reddito delle società (IRES) è una imposta proporzionale e personale che si ottiene tramite applicazione di un'aliquota unica ai profitti delle società (in inglese, questa tassa presente in tutto il mondo si chiama "corporate tax").

Presentazione dell'IRESModifica

L'IRES, come tutte quante le tasse sulle società nel mondo (corporate tax), servono a fare pagare le tasse alle persone giuridiche. Il reddito imponibile, cioè il denaro su cui si calcola la tassa, è il suo profitto (o la sua perdita se va in perdita). Questa tassa va pagata allo Stato, anche se ciò non è scritto in alcun contratto e nello statuto sociale: l'obbligo viene sancito dal diritto tributario (tax law). Se la società non paga, è passibile di multe e simili in quanto è una persona giuridica e si può trattare in modo analogo a un essere umano, al punto tale che è un soggetto passivo al pagamento delle tasse. Simili tasse si accompagnano a incentivi fiscali e sussidi offerti dai governi e esenzioni, oltre alle scappatoie (loophole) trovate nei testi legali per tentare di non pagarle (i casi estremi con cui le tasse si abbattono sono l'evasione fiscale e l'elusione fiscale). Ogni Stato ha la propria corporate tax con la propria aliquota sui profitti.

Nell'ordinamento italiano, la corporate tax si chiama "IRES", da "Imposta sul reddito delle società". L'IRES, istituita col decreto legislativo n. 344/2003, ha sostituito l'imposta sul reddito delle persone giuridiche (IRPEG) ed è entrata effettivamente in vigore il 1º gennaio 2004.

Ai sensi dell'articolo 73 del Testo unico delle imposte sui redditi TUIR (DPR 22 dicembre 1986, n. 917) e, stando a quanto dichiarato dall'Agenzia delle Entrate, i soggetti passivi dell'IRES sono:

Di base, una società ha la sede fiscale in Italia non solo se ha la sede legale in Italia (e dunque funziona secondo l'ordinamento italiano per scelta dei fondatori o a seguito di un cambiamento), ma anche se la sede amministrativa è in Italia o se l'oggetto principale della loro attività viene perseguito in Italia (ovvero se le attività relative al core-business indicato come oggetto sociale vengono svolte concretamente in Italia). La base imponibile è l'utile (o perdita)

L'aliquota è fissa (è cioè un "flat rate") e, dalla Legge di stabilità del 2016, è scesa dal 27,5% all'attuale 24%. Negli Stati Uniti, come paragone, la corporate tax ha un'unica aliquota fissa (flat rate) pari al 21% dei profitti. Il tax rate attuale deriva dalla riforma tributaria di Donald Trump approvata nel dicembre 2017 e in vigore dal 2018, ovvero la Tax Cuts and Jobs Act (TCJA). La TCJA ha abbassato l'aliquota variabile dal 35% massimo al 21% fisso.

Nell'ordinamento italiano, la base imponibile e l'aliquota sono messe per iscritto annualmente nella dichiarazione dei redditi per le società detto "modello redditi SC" e inviate telematicamente all'Agenzia delle Entrate tramite il software RedditiOnLine SC, dopodiché si può procedere al pagamento entro il periodo apposito ("periodo d'imposta") tramite modello F24. Un registro contabile usato per pagare l'IRES va conservato per almeno 5 anni. Oltre all'IRES, le S.p.A, S.r.l. e S.a.p.a. pure se in liquidazione devono pagare entro il mese di marzo la tassa annuale sulle concessioni governative per la numerazione e bollatura di libri e registri contabili: se il capitale sociale al 1º gennaio dell'anno a cui si riferisce è più basso di circa mezzo milione di euro, è pari a poco più di 300€, mentre se è più alto di circa mezzo milione, è pari a poco più di 500€.

Andamento aliquota d'imposta nel tempoModifica

Periodo

d'imposta

Aliquota Nome

imposta

2021 24% IRES
2020 24% IRES
2019 24% IRES
2018 24% IRES
2017 24%[1] IRES
2016 27,5% IRES
2015 27,5% IRES
2014 27,5% IRES
2013 27,5% IRES
2012 27,5% IRES
2011 27,5% IRES
2010 27,5% IRES
2009 27,5% IRES
2008 27,5%[2] IRES
2007 33% IRES
2006 33% IRES
2005 33% IRES
2004 33% IRES
2003 34% IRPEG
2002 36%[3] IRPEG
2001 36% IRPEG
2000 37% IRPEG

NoteModifica

  1. ^ Art. 1, comma 61, della Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di stabilità 2016).
  2. ^ Art. 1, comma 33, lettera e) della Legge 24 dicembre 2007, n. 244.
  3. ^ Istruzioni Modello Unico 2003: "Nel rigo RN10, colonna 1, va indicato il reddito soggetto ad aliquota ordinaria del 36% e, colonna 2, la relativa imposta. Qualora il presente modello venga utilizzato dai soggetti con periodo d’imposta in corso alla data del 1º gennaio 2003, in colonna 1 va indicato il reddito soggetto ad aliquota ordinaria del 34% per effetto della modifica apportata all’art. 91 del Tuir dall’art. 4 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 e, in colonna 2, la relativa imposta."

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 10485