Indeiscenza

Il termine indeiscenza è usato soprattutto in botanica per descrivere il fenomeno riguardante quegli organi che, giunti a maturità, non si aprono per lasciare uscire il proprio contenuto.

Un frutto indeiscente, ad esempio, è quello che una volta maturo non si apre spontaneamente per rilasciare il seme. Esempi di indeiscenza sono il frutto del girasole e quello del papavero da oppio.

Il fenomeno opposto a quello della indeiscenza è la deiscenza.

Collegamenti esterniModifica

  • Indeiscenza, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.  
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica