Apri il menu principale

Innocenzo da Imola

pittore e disegnatore italiano
Innocenzo di Pietro Francucci da Imola

Innocenzo di Pietro Francucci da Imola, generalmente conosciuto come Innocenzo da Imola[1][2][3] (Imola, 1490Bologna, 1550), è stato un pittore e disegnatore italiano.

Matrimonio Mistico di Santa Caterina, Museo Filangieri, Napoli
Il Martirio di San Cassiano di Imola.

BiografiaModifica

Figlio dell'orafo Pietro, è nato ad Imola probabilmente intorno al 1490.[4] Dopo aver studiato i primi anni presso la bottega del padre, nel 1506 si è trasferito nella vicina Bologna per studiare pittura. Secondo le notizie riportate da Carlo Cesare Malvasia sarebbe entrato a far parte della bottega di Francesco Francia a partire dal 1508 (questa fonte è stata però messa in dubbio). Più tardi, per quanto ci testimonia il Vasari, si trasferisce a Firenze dove, nel 1510, lavora sotto la direzione di Mariotto Albertinelli.[5]

I suoi primissimi lavori includono la pala de La Vergine con il Bambino e i Santi Sebastiano, Rocco, Cosma e Damiano firmato e datato 1515 e La Madonna con il Bambino e i Santi Giovanni, Apollinare e Caterina e un Vescovo firmati e datati 1516; entrambi hanno visto la luce nella sua città natale, il primo è conservato nella Chiesa arcipretale di Bagnara, il secondo nella Chiesa Sant'Apollinare a Casola Valsenio, vicino Imola.

Nel corso della sua vita produsse numerosi affreschi e pale d'altare religiosi, dipingendo alla maniera di Raffaello.[6] I suoi soli dipinti secolari sono cinque affreschi mitologici nella Palazzina della Viola a Bologna.[6] Egli istruì persone come Francesco Primaticcio, Prospero Fontana, e Pietro Lamo. La Chiesa di Santa Maria Dei Servi a Bologna è stata dipinta internamente dal Francucci.

Innocenzo Francucci morì a Bologna nel 1550.

Opere conosciuteModifica

NoteModifica

  1. ^ Innocènzo da Imola, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Cappelletti, Francesca.
  3. ^ "Francucci, Innocenzo di Pietro".
  4. ^ Pedrini, Claudia (1998).
  5. ^ Geronimus, Dennis (2006).
  6. ^ a b Wyss, Edith (1996).
  7. ^ Innocenzo da Imola, 700, Study of an Angel and of Drapery (drawing).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN20610350 · ISNI (EN0000 0000 6630 9909 · LCCN (ENnr91028755 · GND (DE124270441 · ULAN (EN500017772 · BAV ADV10385930 · CERL cnp00579939 · WorldCat Identities (ENnr91-028755