Apri il menu principale

Un inosservabile (chiamato anche impalpabile) è un'entità la cui esistenza, natura, proprietà, qualità o relazioni non sono direttamente osservabili dagli esseri umani. In filosofia della scienza, tipici esempi di "inosservabili" sono le particelle atomiche, la forza di gravità, la causa, la credenza o le motivazioni. Tuttavia alcuni filosofi (ad esempio George Berkeley) identificano tutti gli oggetti – alberi, tavoli, menti altrui, cose microbiologiche e così via per tutto ciò che gli esseri umani definiscono cose che causano la loro percezione – come inosservabili.

L'inosservabile è un riferimento simile alla distinzione operata da Immanuel Kant tra il noumeno (la "cosa in sé", ossia le cose prime nel loro stato necessariamente inconoscibile[1], prima che esse passino attraverso l'apparato formalizzante dei sensi e della mente per diventare oggetti percepiti) e il fenomeno (l'oggetto percepito). Secondo Kant, l'uomo non può conoscere il noumeno; tutto ciò che egli può conoscere è il fenomeno. La distinzione di Kant è simile a quella operata da John Locke tra qualità primarie e qualità secondarie. le qualità secondarie sono ciò che gli uomini percepiscono, come ad esempio il rossore, il cinguettio, il calore, la muffa o la dolcezza, mentre le qualità primarie sarebbero ciò che effettivamente dà origine alle qualità secondarie da noi percepite.

Le questioni epistemologiche e di natura ontologica relative agli inosservabili sono l'argomento principale della filosofia della scienza. L'idea che un determinato inosservabile esista si ricollega al realismo scientifico ed è in contrasto con lo strumentalismo, ossia l'idea che gli inosservabili, ad esempio gli atomi, sono modelli utili ma non necessariamente esistenti.

Metcalf[2] distingue tre tipi di inosservabili. Il primo è il logicamente inosservabile, che implica una contraddizione. Un esempio potrebbe essere una lunghezza che è sia più lunga sia più breve di una data lunghezza. Il secondo è il praticamente inosservabile, ossia ciò che possiamo concepire osservabile dalle nostre capacità sensoriali conosciute, ma che ci è impedito di osservare a causa di difficoltà pratiche. Il terzo è il fisicamente inosservabile, ossia ciò che non è mai osservabile dalle facoltà sensoriali dell'uomo.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Stephen Palmquist, The Radical Unknowability of Kant's 'Thing in Itself, in Cogito, vol. 3, nº 2, marzo 1985, pp. 101-115. ristampato come Appendice V di Kant's System of Perspectives, University Press of America, 1993
  2. ^ (EN) W. V Metcalf, The Reality of the Unobservable, in Philosophy of Science, vol. 7, nº 3, pp. 337-341.
  Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia