Interdisciplinarità

combinazione di due o più discipline accademiche in una attività

Il termine interdisciplinarità (erronea la forma interdisciplinarietà[1]) indica un argomento, una materia, una metodologia o un approccio culturale, che abbraccia conoscenze e competenze di più settori scientifici o di più discipline di studio; tale termine non va confuso con multidisciplinarità, pluridisciplinarità, e transdisciplinarità, che hanno significati differenti.[2]

Molto diffuso nel linguaggio, scientifico, tecnico e professionale contemporaneo, in quanto evidenzia quel processo di integrazione di conoscenze e di competenze che spesso è indispensabile per affrontare in modo completo ed efficace determinati problemi, per gli stessi motivi e per superare la frammentazioni dei saperi connessa all'organizzazione della scuola secondaria l'interdisciplinarità è un obiettivo costante in tutte le moderne teorie didattiche. Tuttavia, le prime affermazioni sulla crucialità dell'approccio interdisciplinare in campo scientifico datano ai primi anni '50, con la dichiarazione del premio Nobel per l'economia Gunnar Myrdal:

(EN)

«It has become recognized that the most promising field for research is the "no man’s land" between traditional disciplines. There is one concept which the economist or the sociologist can keep blurred, namely the concept of "economics" or sociology"; for it can never be a premise for a rational inference. In reality, what exists are merely problems to be solved, theoretical or practical; and the rational way of attacking them is to use the methods which are most adequate for attacking them.»

(IT)

«È ormai riconosciuto che il campo di ricerca più promettente è la "terra di nessuno" tra le discipline tradizionali. C'è un concetto che l'economista o il sociologo possono mantenere confuso, ovvero il concetto di "economia" o sociologia", perché non può mai essere una premessa per un'inferenza razionale. In realtà, ciò che esiste sono solo problemi da risolvere, teorici o pratici. teorici o pratici; e il modo modo razionale di affrontarli è quello di usare i metodi più adeguati per attaccarli.»

Sviluppo

modifica
 
Concept che illustra l'interdisciplinarità tra due individui

Sebbene "interdisciplinare" e "interdisciplinarità" (in inglese "interdisciplinary" e "interdisciplinarity") siano spesso visti come termini del ventesimo secolo, il concetto ha antecedenti storici, in particolare nella filosofia greca[4]. Julie Thompson Klein attesta che "le radici dei concetti risiedono in una serie di idee che risuonano attraverso il discorso moderno: le idee di una scienza unificata, conoscenza generale, sintesi e integrazione della conoscenza"[5], mentre Giles Gunn dice che storici e drammaturghi greci hanno preso elementi da altri regni della conoscenza (come la medicina o la filosofia) per comprendere ulteriormente il proprio materiale[6]. La costruzione delle strade romane richiedevano uomini che capissero il rilevamento, la scienza dei materiali, la logistica e molte altre discipline. Qualsiasi progetto umanista di larghe vedute implica l'interdisciplinarità, e la storia mostra una moltitudine di casi, come il compito di Leibniz del XVII secolo di creare un sistema di giustizia universale, che richiedeva linguistica, economia, management, etica, filosofia del diritto, politica e persino sinologia[7].

I programmi interdisciplinari a volte nascono dalla convinzione condivisa che le discipline tradizionali non siano in grado o non vogliano affrontare un problema importante. Ad esempio, le discipline delle scienze sociali come l'antropologia e la sociologia hanno prestato poca attenzione all'analisi sociale della tecnologia per la maggior parte del ventesimo secolo. Di conseguenza, molti scienziati sociali con interessi nella tecnologia hanno aderito a programmi di scienza, tecnologia e società, che in genere sono composti da studiosi tratti da numerose discipline. Possono anche derivare da nuovi sviluppi della ricerca, come la nanotecnologia, che non possono essere affrontati senza combinare gli approcci di due o più discipline. Esempi includono l'elaborazione delle informazioni quantistiche, una fusione di fisica quantistica e informatica, e bioinformatica, che combina la biologia molecolare con l'informatica. Lo sviluppo sostenibile come area di ricerca si occupa di problemi che richiedono analisi e sintesi tra le sfere economica, sociale e ambientale; spesso un'integrazione di molteplici discipline delle scienze sociali e naturali. La ricerca interdisciplinare è anche fondamentale per lo studio delle scienze della salute, ad esempio nello studio di soluzioni ottimali alle malattie[8]. Alcuni istituti di istruzione superiore offrono corsi di laurea accreditati in studi interdisciplinari.

A un altro livello, l'interdisciplinarità è vista come un rimedio agli effetti nefasti dell'eccessiva specializzazione e dell'isolamento nei silos informativi (un metodo di gestione in cui un sistema di informazioni non è in grado di funzionare reciprocamente con altri che dovrebbero essere correlati[9][10]). Secondo alcuni punti di vista, tuttavia, l'interdisciplinarità è interamente debitrice a coloro che si specializzano in un campo di studio, vale a dire, senza specialisti, gli interdisciplinari non avrebbero informazioni né esperti di spicco da consultare. Altri pongono il fulcro dell'interdisciplinarità sulla necessità di trascendere le discipline, considerando l'eccessiva specializzazione come problematica sia epistemologicamente che politicamente. Quando la collaborazione o la ricerca interdisciplinare porta a nuove soluzioni ai problemi, molte informazioni vengono restituite alle varie discipline coinvolte. Pertanto, sia i disciplinari che gli interdisciplinari possono essere visti in relazione complementare l'uno con l'altro[11][12].

Barriere

modifica

Poiché la maggior parte dei partecipanti alle iniziative interdisciplinari è stata formata nelle discipline tradizionali, devono imparare ad apprezzare le differenze di prospettive e metodi. Ad esempio, una disciplina che pone maggiormente l'accento sul rigore quantitativo può produrre professionisti che sono più scientifici nella loro formazione rispetto ad altri; a loro volta, i colleghi di discipline "più morbide" che possono associare approcci quantitativi con difficoltà a cogliere le dimensioni più ampie di un problema e un minor rigore nell'argomentazione teorica e qualitativa. Un programma interdisciplinare potrebbe non avere successo se i suoi membri rimangono bloccati nelle loro discipline (e negli atteggiamenti disciplinari). Coloro che mancano di esperienza nelle collaborazioni interdisciplinari potrebbero anche non apprezzare appieno il contributo intellettuale dei colleghi di quelle discipline[13]. Dal punto di vista disciplinare, tuttavia, gran parte del lavoro interdisciplinare può essere visto come "morbido", privo di rigore o ideologicamente motivato; queste convinzioni pongono barriere nei percorsi di carriera di coloro che scelgono il lavoro interdisciplinare. Ad esempio, le domande di sovvenzione interdisciplinare sono spesso valutate da revisori paritari tratti da discipline consolidate; non sorprende che i ricercatori interdisciplinari possano avere difficoltà a ottenere finanziamenti per la loro ricerca. Inoltre quando cercano una promozione e un incarico, è probabile che alcuni dei valutatori manchino di impegno per l'interdisciplinarità. Potrebbero temere che impegnarsi nella ricerca interdisciplinare aumenti il rischio di vedersi negare la cattedra.

Anche i programmi interdisciplinari possono fallire[14] se non viene data loro sufficiente autonomia. Ad esempio, i docenti interdisciplinari sono solitamente reclutati per un incarico congiunto, con responsabilità sia in un programma interdisciplinare (come gli studi sulle donne) sia in una disciplina tradizionale (come la storia). Se la disciplina tradizionale prende le decisioni sul mandato, la nuova facoltà interdisciplinare esiterà a impegnarsi completamente nel lavoro interdisciplinare. Altre barriere includono l'orientamento generalmente disciplinare della maggior parte delle riviste accademiche, che porta alla percezione, se non al fatto, che la ricerca interdisciplinare sia difficile da pubblicare. Inoltre, poiché le pratiche di bilancio tradizionali nella maggior parte delle università incanalano le risorse attraverso le discipline, diventa difficile tenere conto dello stipendio e del tempo di un determinato studioso o insegnante. Durante i periodi di contrazione del bilancio, la tendenza naturale a servire il collegio elettorale primario (cioè gli studenti che si specializzano nella disciplina tradizionale) rende scarse le risorse per l'insegnamento e la ricerca relativamente lontane dal centro della disciplina come tradizionalmente intesa.

A causa di queste e altre barriere, le aree di ricerca interdisciplinare sono fortemente motivate a diventare esse stesse discipline. In caso di successo, possono stabilire i propri programmi di finanziamento della ricerca e prendere le proprie decisioni in materia di mandato e promozione. In tal modo, riducono il rischio di ingresso. Esempi di precedenti aree di ricerca interdisciplinare che sono diventate discipline, molte delle quali prendono il nome dalle loro discipline madri, includono neuroscienze, cibernetica, biochimica e ingegneria biomedica. Questi nuovi campi sono occasionalmente indicati come "interdiscipline"[15]. D'altra parte, anche se le attività interdisciplinari sono ora al centro dell'attenzione delle istituzioni che promuovono l'apprendimento e l'insegnamento, nonché delle entità organizzative e sociali interessate all'educazione, esse si trovano praticamente ad affrontare barriere complesse, serie sfide e critiche. Gli ostacoli e le sfide più importanti affrontati dalle attività interdisciplinari negli ultimi due decenni possono essere suddivisi in ostacoli "professionali", "organizzativi" e "culturali"[16].

Studi interdisciplinari e studi di interdisciplinarità

modifica
 
Concept di interdisciplinarità fra tre individui

Una prima distinzione va fatta tra gli studi interdisciplinari, che oggi si trovano diffusi in tutto il mondo accademico, e lo studio dell'interdisciplinarità, che coinvolge un gruppo molto più ristretto di ricercatori. Il primo è istanziato in migliaia di centri di ricerca negli Stati Uniti e nel mondo. Quest'ultima ha un'organizzazione statunitense, l'Association for Interdisciplinary Studies[17] (fondata nel 1979), due organizzazioni internazionali, l'International Network of Inter- and Transdisciplinarity[18] (fondata nel 2010) e la Philosophy of/as Interdisciplinarity Network[19] (fondato nel 2009). Dal 1º settembre 2014 il Centro per lo studio dell'interdisciplinarità (Center for the Study of Interdisciplinarity) ha cessato di esistere. Questo è il risultato di decisioni amministrative presso l'University of North Texas[20].

Uno studio interdisciplinare[21] è un programma o un processo accademico che cerca di sintetizzare ampie prospettive, conoscenze, abilità, interconnessioni ed epistemologia in un contesto educativo. Possono essere istituiti programmi interdisciplinari per facilitare lo studio di materie che hanno una certa coerenza, ma che non possono essere adeguatamente comprese da un'unica prospettiva disciplinare (ad esempio, studi sulle donne o studi medievali). Più raramente, ea un livello più avanzato, l'interdisciplinarità può essa stessa diventare oggetto di studio, in una critica ai modi di segmentare la conoscenza delle discipline istituzionalizzate.

Al contrario, gli studi sull'interdisciplinarità sollevano all'autocoscienza domande su come funziona l'interdisciplinarità, la natura e la storia della disciplinarità e il futuro della conoscenza nella società postindustriale. I ricercatori del Centro per lo studio dell'interdisciplinarità hanno operato una distinzione tra filosofia 'di' e 'come' interdisciplinarità, la prima identificando una nuova, discreta area all'interno della filosofia che solleva questioni epistemologiche e metafisiche sullo statuto del pensiero interdisciplinare, con la seconda indicando una pratica filosofica che a volte viene chiamata "filosofia del campo" (field philosophy)[22][23].

Forse la lamentela più comune riguardante i programmi interdisciplinari, da parte di sostenitori e detrattori allo stesso modo, è la mancanza di sintesi, ovvero, agli studenti vengono fornite molteplici prospettive disciplinari, ma non viene fornita una guida efficace per risolvere i conflitti e raggiungere una visione coerente della materia. Altri hanno sostenuto che l'idea stessa di sintesi o integrazione delle discipline presuppone discutibili impegni politico-epistemici[24]. I critici dei programmi interdisciplinari ritengono che l'ambizione sia semplicemente irrealistica, data la conoscenza e la maturità intellettuale di tutti tranne l'eccezionale studente universitario; alcuni difensori ammettono la difficoltà, ma insistono sul fatto che coltivare l'interdisciplinarità come abitudine mentale, anche a quel livello, è sia possibile che essenziale per l'educazione di cittadini e leader informati e impegnati in grado di analizzare, valutare e sintetizzare informazioni da molteplici fonti in fine di emettere decisioni motivate[25].

Sebbene sia stato scritto molto sulla filosofia e sulla promessa dell'interdisciplinarità nei programmi accademici e nella pratica professionale, gli scienziati sociali stanno interrogando sempre più i discorsi accademici sull'interdisciplinarità, nonché su come l'interdisciplinarità funzioni effettivamente (e non funzioni) nella pratica[26][27][28]. Alcuni hanno dimostrato, ad esempio, che alcune imprese interdisciplinari che mirano a servire la società possono produrre risultati deleteri per i quali nessuno può essere chiamato a rendere conto[29].

Politica degli studi interdisciplinari

modifica

Dal 1998, c'è stato un aumento del valore della ricerca e dell'insegnamento interdisciplinare e una crescita del numero di diplomi di laurea rilasciati nelle università statunitensi classificate come studi multi o interdisciplinari. Il numero di lauree interdisciplinari rilasciate ogni anno è passato da 7.000 nel 1973 a 30.000 all'anno entro il 2005 secondo i dati del National Center of Educational Statistics (NECS)[30]. Inoltre, i leader educativi della Commissione Boyer al presidente della Carnegie Vartan Gregorian ad Alan I. Leshner[31], CEO dell'American Association for the Advancement of Science hanno sostenuto approcci interdisciplinari piuttosto che disciplinari alla risoluzione dei problemi nel 21º secolo. Ciò è stato ripreso dalle agenzie di finanziamento federali, in particolare dal National Institutes of Health sotto la direzione di Elias Zerhouni[32][33], che ha sostenuto che le proposte di sovvenzione siano inquadrate più come progetti collaborativi interdisciplinari che come singoli ricercatori e monodisciplinari.

Allo stesso tempo, molti fiorenti programmi di laurea triennale in studi interdisciplinari esistenti da 30 o più anni sono stati chiusi, nonostante la buona iscrizione. Gli esempi includono Arizona International (precedentemente parte dell'Università dell'Arizona), la School of Interdisciplinary Studies della Miami University e il Department of Interdisciplinary Studies della Wayne State University; altri, come il Department of Interdisciplinary Studies dell'Appalachian State University e il New Century College della George Mason University, sono stati tagliati.

 
La figura mostra l'interdisciplinarità e la transdisciplinarità della materia "educazione alla gestione del lavoro sociale"[34].
  • Scienze della comunicazione: gli studi sulla comunicazione riprendono teorie, modelli, concetti, ecc. di altre discipline indipendenti come la sociologia, le scienze politiche e l'economia e quindi li sviluppano in modo decisivo[35].
  • Scienze biologiche e ricerca scientifica: ad esempio i ricercatori possono sintonizzarsi sugli stili di ricerca reciproci mentre lavorano insieme per affrontare i diversi aspetti di un'emergenza, come la pandemia di COVID-19[36][37][38].
  • Scienze ambientali: sono una scienza della terra interdisciplinare volta ad affrontare questioni ambientali come il riscaldamento globale e l'inquinamento e comportano l'uso di un'ampia gamma di discipline scientifiche tra cui geologia, chimica, fisica, ecologia e oceanografia[39]. I docenti dei programmi ambientali spesso collaborano in team interdisciplinari per risolvere complessi problemi ambientali globali[40]. Coloro che studiano aree di politica ambientale come diritto ambientale, sostenibilità e giustizia ambientale, possono anche cercare conoscenze nelle scienze ambientali per sviluppare meglio la loro esperienza e comprensione nei loro campi[41].
  • Gestione della conoscenza: la disciplina della gestione della conoscenza esiste come un gruppo di scuole di pensiero divergenti sotto un ombrello di gestione della conoscenza globale, basandosi su lavori in informatica, economia, gestione delle risorse umane, sistemi informativi, comportamento organizzativo, filosofia, psicologia e gestione strategica[42].
  • Scienza dei materiali: campo che combina gli aspetti scientifici e ingegneristici dei materiali, in particolare i solidi. Copre la progettazione, la scoperta e l'applicazione di nuovi materiali incorporando elementi di fisica, chimica e ingegneria[43].
  • Ricerca sulla provenienza: la ricerca interdisciplinare entra in gioco quando si chiarisce il percorso delle opere d'arte nelle collezioni d'arte pubbliche e private e anche in relazione ai resti umani nelle collezioni di storia naturale[44].
  • Scienza dello sport: una scienza interdisciplinare che ricerca i problemi e le manifestazioni nel campo dello sport e del movimento in collaborazione con una serie di altre scienze, come la sociologia, l'etica, la biologia, la medicina, la biomeccanica o la pedagogia[45].
  • Scienze dei trasporti: un campo della scienza che si occupa dei problemi e degli eventi rilevanti del mondo dei trasporti e collabora con le discipline legali, ecologiche, tecniche, psicologiche o pedagogiche specializzate nell'elaborare i cambiamenti di luogo di persone, merci, messaggi che li caratterizzano[46].
  • Venture Research: un'area di ricerca interdisciplinare situata nelle scienze umane che si occupa dell'ingresso consapevole e dell'esperienza di situazioni limite. A tal fine, i risultati della teoria evolutiva, dell'antropologia culturale, delle scienze sociali, della ricerca comportamentale, della psicologia differenziale, dell'etica o della pedagogia vengono elaborati e valutati in modo cooperativo[47][48].

Esempi storici

modifica

Ci sono molti esempi di quando un'idea particolare, quasi nello stesso periodo, nasce in diverse discipline. Un caso è il passaggio dall'approccio di concentrarsi su "segmenti specializzati di attenzione" (adottando una prospettiva particolare), all'idea di "consapevolezza sensoriale istantanea del tutto", un'attenzione al "campo totale", un "senso dell'intero modello, di forma e funzione come unità"[49], una "idea integrale di struttura e configurazione"[49]. Questo è successo in pittura (con il cubismo), fisica[50], poesia[51], comunicazione e pedagogia[52]. Secondo Marshall McLuhan[53], questo cambio di paradigma era dovuto al passaggio da un'era plasmata dalla meccanizzazione, che ha portato la sequenzialità, nell'era modellata dalla velocità istantanea dell'elettricità, che ha portato la simultaneità[54][55].

Sforzi per semplificare e difendere il concetto

modifica

Un articolo nel Social Science Journal[56] tenta di fornire una definizione semplice, di buon senso, di interdisciplinarità, aggirando le difficoltà di definire quel concetto e ovviando alla necessità di concetti correlati come transdisciplinarità, pluridisciplinarità e multidisciplinarità:

"Per cominciare, una disciplina può essere convenientemente definita come qualsiasi dominio relativamente autonomo e isolato dell'esperienza umana che possiede una propria comunità di esperti. L'interdisciplinarità è meglio vista come l'unione di componenti distintive di due o più discipline. L'interdisciplinarità si applica tipicamente a quattro ambiti: conoscenza, ricerca, istruzione e teoria. La conoscenza interdisciplinare implica la familiarità con componenti di due o più discipline. La ricerca interdisciplinare combina componenti di due o più discipline nella ricerca o creazione di nuove conoscenze, operazioni o espressioni. L'educazione interdisciplinare fonde componenti di due o più discipline in un unico programma di istruzione. La teoria interdisciplinare prende conoscenza interdisciplinare, ricerca, o l'istruzione come i suoi principali oggetti di studio."

A sua volta, la ricchezza interdisciplinare di due istanze qualsiasi di conoscenza, ricerca o istruzione può essere classificata soppesando quattro variabili: il numero di discipline coinvolte, la "distanza" tra di esse, la novità di ogni particolare combinazione e il loro grado di integrazione[57].

La conoscenza e la ricerca interdisciplinare sono importanti perché:

  1. "La creatività richiede spesso conoscenze interdisciplinari[58].
  2. Gli immigrati spesso danno importanti contributi al loro nuovo campo.
  3. I disciplinari spesso commettono errori che possono essere rilevati meglio da persone che hanno familiarità con due o più discipline.
  4. Alcuni interessanti argomenti di ricerca cadono negli interstizi tra le discipline tradizionali.
  5. Molti problemi intellettuali, sociali e pratici richiedono approcci interdisciplinari.
  6. La conoscenza e la ricerca interdisciplinare servono a ricordarci l'ideale dell'unità della conoscenza[58].
  7. Gli interdisciplinari godono di una maggiore flessibilità nella loro ricerca.
  8. Più che disciplinari ristretti, gli interdisciplinari spesso si trattano dell'equivalente intellettuale di viaggiare in nuove terre.
  9. Gli interdisciplinari possono aiutare a superare le lacune comunicative nell'accademia moderna, contribuendo così a mobilitare le sue enormi risorse intellettuali per la causa di una maggiore razionalità e giustizia sociale.
  10. Collegando discipline frammentate, gli interdisciplinari potrebbero svolgere un ruolo nella difesa della libertà accademica.[56]"

Citazioni

modifica

"La mente moderna divide, specializza, pensa in categorie: l'istinto greco era l'opposto, prendere la visione più ampia, vedere le cose come un tutto organico [...]. I giochi olimpici sono stati progettati per testare l'arete dell'insieme uomo, non una mera abilità specialistica [...]. Il grande evento era il pentathlon, se lo vincevi eri un uomo. Inutile dire che della Maratona non si è mai sentito parlare fino ai tempi moderni: i Greci l'avrebbero considerata una mostruosità[59]." H.D.F. Kitto (1957) - The Greeks

"In precedenza, gli uomini potevano essere divisi semplicemente in dotti e ignoranti, quelli più o meno l'uno e quelli più o meno l'altro. Ma il tuo specialista non può essere inserito in nessuna di queste due categorie. Non è dotto, perché è formalmente ignorante di tutto ciò che non rientra nella sua specialità, ma non è nemmeno ignorante, perché è "uno scienziato" e "conosce" molto bene la sua minuscola porzione di universo. Dovremo dire che è un dotto ignorante, il che è una cosa molto seria, poiché implica che sia una persona ignorante, non alla maniera dell'uomo ignorante, ma con tutta la petulanza di chi è dotto nella sua linea speciale.[60]" Josè Ortega y Gasset (1932) - The Revolt of the Masses

"È usanza tra coloro che vengono chiamati uomini 'pratici' condannare come visionario qualsiasi uomo capace di un'ampia indagine: nessun uomo è ritenuto degno di una voce in politica a meno che non ignori o non conosca i nove decimi dei più importanti fatti rilevanti”[61]. Bertrand Russell

  1. ^ interdisciplinarità, su treccani.it, Vocabolario Treccani. URL consultato il 14 giugno 2022.
  2. ^ Anna Marra Barone, Interdisciplinarità. Convergenza dei saperi sull'uomo e per l'uomo, su Rivista digitale della didattica, Rimini, Maggioli Editore. URL consultato il 7 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2016).
  3. ^ (EN) Gunnar Myrdal, Conference of the British Sociological Association, 1953. II Opening Address: The Relation between Social Theory and Social Policy (abstract), in The British Journal of Sociology, vol. 4, n. 3, Hoboken (New Jersey), Wiley-Blackwell, settembre 1953, pp. 210-242, DOI:10.2307/587539. URL consultato il 14 giugno 2022.
  4. ^ Tanya Ausburg, Becoming Interdisciplinary: An Introduction to Interdisciplinary Studies, 2nd, New York, Kendall/Hunt Publishing, 2006.
  5. ^ Julie Thompson Klein, Interdisciplinarity: History, Theory, and Practice, Detroit, Wayne State University, 1990.
  6. ^ Giles Gunn, Interdisciplinary Studies, in Gibaldi (a cura di), Introduction to Scholarship in Modern Language and Literatures, New York, Modern Language Association, 1992, pp.  239–240., ISBN 978-0873523851.
  7. ^ José Andrés-Gallego, Are Humanism and Mixed Methods Related? Leibniz's Universal (Chinese) Dream, in Journal of Mixed Methods Research, vol. 29, n. 2, 2015, pp. 118–132, DOI:10.1177/1558689813515332.
  8. ^ J.S. Edge, S.J. Hoffman, C.L. Ramirez e S.J. Goldie, Research and Development Priorities to Achieve the "Grand Convergence": An Initial Scan of Priority Research Areas for Public Health, Implementation Science and Innovative Financing for Neglected Diseases: Working Paper for the Lancet Commission on Investing in Health (PDF), London, England, The Lancet, 2013. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  9. ^ (EN) Brent Gleeson, The Silo Mentality: How To Break Down The Barriers, su Forbes. URL consultato il 12 marzo 2023.
  10. ^ ame.org (PDF).
  11. ^ Why we should not ignore interdisciplinarity’s critics, su Impact of Social Sciences, 7 dicembre 2017. URL consultato il 12 marzo 2023.
  12. ^ (EN) Miles MacLeod, What makes interdisciplinarity difficult? Some consequences of domain specificity in interdisciplinary practice, in Synthese, vol. 195, n. 2, 1º febbraio 2018, pp. 697–720, DOI:10.1007/s11229-016-1236-4. URL consultato il 12 marzo 2023.
  13. ^ (EN) Karolina Urbanska, Sylvie Huet e Serge Guimond, Does increased interdisciplinary contact among hard and social scientists help or hinder interdisciplinary research?, in PLOS ONE, vol. 14, n. 9, 4 settembre 2019, pp. e0221907, Bibcode:2019PLoSO..1421907U, DOI:10.1371/journal.pone.0221907, ISSN 1932-6203 (WC · ACNP), PMC 6726372, PMID 31483810.
  14. ^ (EN) Paul E. Griffiths, Why the 'interdisciplinary' push in universities is actually a dangerous antidisciplinary trend, su The Conversation. URL consultato il 12 marzo 2023.
  15. ^ (EN) Ken Fuchsman, Interdisciplines and Interdisciplinarity: Political Psychology and Psychohistory Compared, in Issues in Integrative Studies, vol. 30, 2012, pp. 128–154. URL consultato il 12 marzo 2023.
  16. ^ Ali Taskoh Khorsandi, Interdisciplinary Higher Education; Criticism, Challenges and Obstacles, 18 luglio 2011.
  17. ^ Association for Interdisciplinary Studies Homepage - Association for Interdisciplinary Studies - Oakland University, su units.muohio.edu.
  18. ^ INIT-Home, su web.archive.org, 31 maggio 2013. URL consultato il 12 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2013).
  19. ^ PIN / HOME, su pin-net.gatech.edu. URL consultato il 15 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2013).
  20. ^ Center for the Study of Interdisciplinarity, su University of Texas, University of Texas. URL consultato il 26 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  21. ^ (EN) What are the benefits of interdisciplinary study? [collegamento interrotto], su What are the benefits of interdisciplinary study?. URL consultato il 12 marzo 2023.
  22. ^ Robert Frodeman, Experiments of Field Psychology, in Opinionator, 23 novembre 2010.
  23. ^ Robert Frodeman, Adam Briggle e J. Britt Holbrook, Philosophy in the Age of Neoliberalism, in Social Epistemology, vol. 26, 3–4, 2012, pp. 311–330, DOI:10.1080/02691728.2012.722701.
  24. ^ J. Britt Holbrook, What is interdisciplinary communication? Reflections on the very idea of disciplinary integration, in Synthese, vol. 190, n. 11, 2013, pp. 1865–1879, DOI:10.1007/s11229-012-0179-7. URL consultato il 29 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  25. ^ (EN) Acknowledging and responding to criticisms of interdisciplinarity / Reconnaître et répondre aux critiques de l’interdisciplinarité, su Integration and Implementation Insights, 13 luglio 2020. URL consultato il 12 marzo 2023.
  26. ^ Barry, A., G. Born e G. Weszkalnys, Logics of interdisciplinarity (PDF), in Economy and Society, vol. 37, n. 1, 2008, pp. 20–49, DOI:10.1080/03085140701760841.
  27. ^ Jacobs, J.A. e S. Frickel, Interdisciplinarity: a critical assessment (PDF), in Annual Review of Sociology, vol. 35, 2009, pp. 43–65, DOI:10.1146/annurev-soc-070308-115954. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  28. ^ Strathern, M., Commons and borderlands: working papers on interdisciplinarity, accountability and the flow of knowledge, Wantage, Sean Kingston Publishing, 2004.
  29. ^ Hall, E.F. e T. Sanders, Accountability and the academy: producing knowledge about the human dimensions of climate change, in Journal of the Royal Anthropological Institute, vol. 21, n. 2, 2015, pp. 438–61, DOI:10.1111/1467-9655.12162.
  30. ^ (EN) Justus Macias, Education in Emerging Global Society, Scientific e-Resources, 6 maggio 2019, ISBN 978-1-83947-221-3. URL consultato il 12 marzo 2023.
  31. ^ (EN) Elaine L. Larson, Bevin Cohen e Kristine Gebbie, Interdisciplinary research training in a school of nursing, in Nursing Outlook, vol. 59, n. 1, 1º gennaio 2011, pp. 29–36, DOI:10.1016/j.outlook.2010.11.002. URL consultato il 12 marzo 2023.
  32. ^ (EN) Elias A. Zerhouni, M.D., su National Institutes of Health (NIH), 6 agosto 2015. URL consultato il 12 marzo 2023.
  33. ^ (EN) Elias A. Zerhouni to End Tenure as Director of the National Institutes of Health, su National Institutes of Health (NIH), 26 settembre 2015. URL consultato il 12 marzo 2023.
  34. ^ J.C. Wöhrle, Neurophysiologische Diagnostik, Springer-Verlag, pp. 78–113, ISBN 3-540-01982-0. URL consultato il 12 marzo 2023.
  35. ^ Christian Schäfer, Wie viel Politik steckt in der Kommunikationswissenschaft? Zum Stellenwert politikwissenschaftlicher Theorien in der Kommunikationswissenschaft. In: Haschke, Josef F./Moser, André M. (eds.): Politik-Deutsch, Deutsch-Politik: Aktuelle Trends und Forschungsergebnisse. Beiträge zur 6. Fachtagung des DFPK (Düsseldorfer Forum Politische Kommunikation, vol. 1; ISSN 2191-8791 (WC · ACNP)), Berlin: Frank & Timme, pp. 37-58.
  36. ^ (EN) COVID-19 and Health: Why We Need an Interdisciplinary Approach to a Global Pandemic, su Magazine. URL consultato il 12 marzo 2023.
  37. ^ Negar Moradian, Marjan Moallemian e Farnaz Delavari, Interdisciplinary Approaches to COVID-19, in Advances in Experimental Medicine and Biology, vol. 1318, 2021, pp. 923–936, DOI:10.1007/978-3-030-63761-3_52. URL consultato il 12 marzo 2023.
  38. ^ (EN) Annemarie Mol e Anita Hardon, What COVID-19 may teach us about interdisciplinarity, in BMJ Global Health, vol. 5, n. 12, 1º dicembre 2020, pp. e004375, DOI:10.1136/bmjgh-2020-004375. URL consultato il 12 marzo 2023.
  39. ^ Environmental Science and Engineering Academic program at Harvard, https://www.seas.harvard.edu/environmental-science-engineering Archiviato il 28 agosto 2022 in Internet Archive.
  40. ^ Research: Department of Environmental Sciences, https://evsc.as.virginia.edu/research Archiviato il 28 agosto 2022 in Internet Archive.
  41. ^ Environmental Policy and Planning, University of Michigan School for Environment and Sustainability, https://seas.umich.edu/academics/master-science/environmental-policy-and-planning Archiviato il 28 agosto 2022 in Internet Archive.
  42. ^ Alexander Serenko, A Structured Literature Review of Scientometric Research of the Knowledge Management Discipline: A 2021 Update (PDF), in Journal of Knowledge Management, vol. 25, n. 8, 2021, pp. 1889–1925, DOI:10.1108/JKM-09-2020-0730.
  43. ^ M. F. Ashby, Materials : engineering, science, processing and design, Hugh Shercliff, David Cebon, Oxford, Elsevier Butterworth-Heinemann, 2007, ISBN 978-0-08-047149-5, OCLC 123358414.
  44. ^ Nils Seethaler: The Charité Human Remains Project - interdisciplinary research and restitution of human remains. In: Mitteilungen der Berliner Gesellschaft für Anthropologie, Ethnologie und Urgeschichte, vol. 33, 2012, pp. 103-108.
  45. ^ Klaus Willimczik: Sportwissenschaft interdisziplinär - Geschichte, Struktur und Gegenstand der Sportwissenschaft . Geschichte, Struktur und Gegenstand der Sportwissenschaft. Feldhaus Verlag, Hamburg 2001.
  46. ^ Hendrik Ammoser, Mirko Hoppe: Glossary of Transport and Transport Sciences (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2022). (PDF; 1,3 MB), published in the series Discussion Papers from the Institute of Economics and Transport, Technische Universität Dresden. Dresden 2006. ISSN 1433-626X (WC · ACNP)
  47. ^ Michael Apter: Im Rausch der Gefahr. Why more and more people seek the thrill. Munich 1994.
  48. ^ Siegbert A. Warwitz: Vom Sinn des Wagens. Why people take on dangerous challenges. In: German Alpine Association (ed.): Berg 2006. Tyrolia Publishing House. Munich-Innsbruck-Bolzano. P. 96-111.
  49. ^ a b (EN) Discipline (Academia), su encyclopedia.pub. URL consultato il 12 marzo 2023.
  50. ^ (EN) What Is Interdisciplinary Physics? (with picture), su All the Science. URL consultato il 12 marzo 2023.
  51. ^ An interdisciplinary approach to the design studio: poetry as a complementary feature to the creative process, su pdf.sciencedirectassets.com.
  52. ^ Fernandez Castrillo, Rethinking interdisciplinarity: Futurist cinema as meta-medium, 2013.
  53. ^ Janine Marchessault McLuhan’s Pedagogical Art (PDF), su flusserstudies.net.
  54. ^ Marshall McLuhan, Understanding Media, 1964, p. 13.
  55. ^ (EN) Twyla Gibson, Double Vision: McLuhan's Contributions to Media as an Interdisciplinary Approach to Communication, Culture, and Technology, in MediaTropes, vol. 1, 2008, pp. 143–166. URL consultato il 12 marzo 2023.
  56. ^ a b M. Nissani, Ten cheers for interdisciplinarity: The Case for Interdisciplinary Knowledge and Research, in Social Science Journal, vol. 34, n. 2, 1997, pp. 201–216, DOI:10.1016/S0362-3319(97)90051-3.
  57. ^ M. Nissani, Fruits, Salads, and Smoothies: A Working Definition of Interdisciplinarity, in Journal of Educational Thought, vol. 29, n. 2, 1995, pp. 119–126. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  58. ^ a b Bharath Srinivasan, Words of advice: teaching enzyme kinetics, in The FEBS Journal, vol. 288, n. 7, 27 settembre 2020, pp. 2068–2083, DOI:10.1111/febs.15537, ISSN 1742-464X (WC · ACNP), PMID 32981225.
  59. ^ H. D. F. (Humphrey Davy Findley) Internet Archive, The Greeks, London ; Baltimore : Penguin Books, 1957, ISBN 978-0-14-013521-3. URL consultato il 12 marzo 2023.
  60. ^ Ortega y Gasset, José, 1883-1955., The revolt of the masses, The New American Library of World Literature, 1950, OCLC 781285234. URL consultato il 12 marzo 2023.
  61. ^ Lives in the Balance: the Cold War and American Politics, 1945-1991, su web.archive.org, 19 ottobre 2016. URL consultato il 12 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2016).

Bibliografia

modifica
  • DeZure, Debora. 2017. Interdisciplinary Pedagogies in Higher Education. In The Oxford Handbook of Interdisciplinarity, ed. Robert Frodeman, Julie Thompson Klein e Roberto C. dos Santos Pacheco, 558–572. Oxford; New York: Oxford University Press.
  • Jacobs, Jerry A. 2014. In Defense of Disciplines: Interdisciplinarity and Specialization in the Research University. Chicago: University of Chicago Press.
  • Klein, Julie Thompson. 1993. Interdisciplinarity: History, theory, and practice. Terza edizione. Detroit: Wayne State University Press.
  • Klein, Julie Thompson. 2017. Typologies of Interdisciplinarity: The Boundary Work of Definition. In The Oxford Handbook of Interdisciplinarity, ed. Robert Frodeman, Julie Thompson Klein e Roberto C. dos Santos Pacheco, 21–34. Oxford; New York: Oxford University Press.
  • Klein, Julie Thompson e Thorsten Philipp. 2023. Interdisciplinarity. In Handbook Transdisciplinary Learning, ed. Thorsten Philipp e Tobias Schmohl, 195–204. Bielefeld: transcript. DOI: 10.14361/9783839463475-021
  • Vienni Baptista, Bianca, e Julie Thompson Klein, ed. 2022. Institutionalizing interdisciplinarity and transdisciplinarity: Collaboration across cultures and communities. London, New York: Routledge.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 69928 · LCCN (ENsh85067232 · GND (DE4449808-1 · BNE (ESXX527848 (data) · BNF (FRcb133185149 (data) · J9U (ENHE987007555624405171