Internet Explorer 6

1leftarrow blue.svgVoce principale: Internet Explorer.

Internet Explorer 6
software
Logo
Screenshot di Internet Explorer 6 su Windows XP
Screenshot di Internet Explorer 6 su Windows XP
GenereBrowser
SviluppatoreMicrosoft Corporation
Ultima versione6.0.2900.5512 (SP 3) (7 maggio 2008)
Sistema operativoMicrosoft Windows* Service Pack 1: Windows NT 4.0, Windows 98, Windows Me, Windows 2000 Windows XP
LicenzaMS-EULA
(licenza non libera)
Sito webInternet Explorer 6 (archiviato)

Internet Explorer 6 è la sesta versione dell'omonimo browser prodotto da Microsoft, rilasciata per la prima volta il 27 agosto 2001. È stata sostituita nel 2007 dalla nuova versione Windows Internet Explorer 7. È il browser predefinito di Windows XP e Windows Server 2003. Nel 2004 era usato da più del 90% degli utenti del World Wide Web.

CaratteristicheModifica

È stata l'ultima versione del browser a non usare la navigazione a schede, introdotta nella versione successiva. Sebbene questa caratteristica fosse stata inizialmente reputata inutile dalla stessa Microsoft, venne reso disponibile un plug-in MSN per implementare la navigazione a schede nella versione 6. Nonostante l'assenza delle schede, nel settembre del 2008 la metà degli utenti di Internet Explorer continuava ad usare questo browser, che a più di 7 anni dall'uscita continuava a possedere un'alta quota di mercato, il 25% circa.[1] Internet Explorer 6 offre un parziale supporto al CSS 1, al DOM livello 1 e al SML 1.1. Altre migliorie apportate al browser sono l'implementazione della Media Bar, l'integrazione con Windows Messenger e l'aggiunta dell'Internet Explorer Administation Kit. Dal punto di vista grafico utilizza il tema "Luna", basato su quello di Windows XP.

VersioniModifica

     Versione di test

     Aggiornamento di sicurezza

Versione Versione estesa Pubblicato il Nuove funzionalità Fornito con Supporta
6.0 beta 1 22/03/01 Altre modifiche CSS e correzione bug per maggiore conformità al W3C; aggiunta la nuova funzione smart tag.
6.0 27/08/01 Rimossa la funzione smart tag aggiunta nella precedente beta. Windows XP Windows NT 4.0, 98, 2000, Me, XP
6.0 SP1 09/09/02[2] Patch di vulnerabilità. Ultima versione supportata su Windows NT 4.0 SP6a, 98, Me e 2000. Windows XP SP1, Server 2003 Windows NT 4.0, 98, 2000, Me, XP, Server 2003
6.0 SP2 25/08/04 Patch di vulnerabilità. Funzione per il blocco di pop-up/ActiveX; funzione per la gestione dei componenti aggiuntivi. Supporto terminato il 13 luglio 2010. Windows XP SP2, Server 2003 SP1 Windows XP, Server 2003
6.0 SP3 21/04/08 Ultimi aggiornamenti inclusi con Windows XP SP3. Supporto esteso fino all'8 aprile 2014. Windows XP SP3 Windows XP

SicurezzaModifica

 
IE 6 mentre blocca una finestra popup

Nel 2008 risultarono almeno 130 falle di sicurezza in Internet Explorer 6, di cui alcune classificate come "critiche", almeno 20 prive di patch.[3]

CriticheModifica

 
IE 6 mentre mostra il suo risultato all'Acid2

La maggior critica rivolta a Internet Explorer 6 è la velocità con cui la Microsoft trova e rilascia gli aggiornamenti per la falle di sicurezza, giudicata troppo lenta da alcuni. Inoltre Internet Explorer 6 non riesce a superare l'Acid2, poiché non supporta totalmente gli standard del W3C. Il Magazine PC World ha valutato Internet Explorer 6 come uno dei peggior prodotti di tutti i tempi.[4] Nel luglio 2009, YouTube ha dichiarato la sua decisione di cessare il supporto ad Internet Explorer 6 in tempi brevi[5]. Alcuni mesi dopo, Google ha dichiarato che toglierà il supporto ad Internet Explorer 6 anche da altri servizi[6]

NoteModifica

  1. ^ Top browser share trend Net applications Settembre 2008
  2. ^ (EN) Microsoft Internet Explorer 6 Service Pack 1, Microsoft, 9 settembre 2002. URL consultato il 1º novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2002).
  3. ^ (EN) Vulnerability Report: Microsoft Internet Explorer 6.x, su secunia.com. URL consultato il 12 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2008).
  4. ^ PC World 25/6/2005.
  5. ^ Punto Informatico, 17/7/2009
  6. ^ Punto Informatico, 1/2/2010

Collegamenti esterniModifica

  Portale Microsoft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microsoft