Invasioni giapponesi della Corea (1592-1598)

Invasioni giapponesi della Corea (1592-1598)
Ulsan waesung attack.jpg
Soldati coreani e cinesi assaltano le truppe giapponesi trincerate nella fortezza di Ulsan da loro costruita.
Data23 maggio 1592 - 24 dicembre 1598
LuogoPenisola di Corea
EsitoVittoria Sino-coreana
Modifiche territorialiRipristino dello status quo ante bellum
Schieramenti
Comandanti
Toyotomi Hideyoshi
Mōri Terumoto
Mōri Hidemoto
Nabeshima Naoshige
Toyotomi Hidekatsu
Hosokawa Tadaoki

Ukita Hideie
Katō Kiyomasa
Shimazu Yoshihiro
Kobayakawa Takakage
Hachisuka Iemasa
Konishi Yukinaga
Ōtomo Yoshimasa
Tachibana Muneshige
Kobayakawa Hidekane
Tachibana Naotsugu
Tsukushi Hirokado
Ankokuji Ekei
Ikoma Chikamasa
Kuroda Nagamasa
So Yoshitoshi
Fukushima Masanori
Toda Katsutaka
Chōsokabe Motochika
Matsuura Shigenobu
Tōdō Takatora
Ikoma Kazumasa
Nakagawa Hidenari
Katō Yoshiaki
Mōri Yoshimasa
Mōri Yoshinari
Arima Harunobu
Takahashi Mototane
Akizuki Tanenaga
Itō Suketaka
Shimazu Tadatoyo
Kuki Yoshitaka
Wakisaka Yasuharu
Ōmura Yoshiaki
Sagara Yorifusa
Shimazu Tadatsune
Gotō Sumiharu
Mitaira Saemon
Ōtani Yoshitsugu
Mōri Katsunobu
Nakagawa Hidemasa
Hasegawa Hidekazu
Ikeda Hideo
Ōyano Tanemoto
Kurushima Michifusa
Kurushima Michiyuki
Harada Nobutane
Mōri Muraharu

Uesugi Kagekatsu
Gamō Ujisato
e altri
Corea

Re Seonjo
Prince Gwanghae
Gwon Yul
Ryu Seong-ryong
Yi Sun-sin
Yi Eok-gi
Won Gyun
Sin Rip
Kim Si-min
Song Sang-hyeon
Go Gyeong-myeong
Kim Cheon-il
Jo Heon
Kim Myeong-won
Yi Il
Gwak Jae-u
Jeong Ki-ryong
Kim Deok-nyeong
Yu Jeong
Hyujeong
Jeong Mun-bu
Kim Chung-seon


Ming

Wanli
Song Yingchang
Yang Hao
Li Rusong
Xing Jie
Yang Shaoxun
Ma Gui (pr.)
Liu Ting
Deng Zilong
Wu Weizhong
Chen Lin
Qian Shizheng
e altri
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Le invasioni giapponesi della Corea (1592-1598), definite in breve come la Guerra Imjin, furono una serie di attacchi portati dal daimyō giapponese Toyotomi Hideyoshi contro la penisola coreana della dinastia Joseon. In una situazione di stallo militare e problemi nei rifornimenti alle truppe giapponesi, esse vennero alla fine ritirate nel 1598, dopo la morte di Hideyoshi, su ordine del consiglio dei cinque reggenti.

AntefattiModifica

Nel 1388, il generale coreano Yi Seong-gye guidò un colpo di Stato per rovesciare il re U della dinastia Goryeo, stabilendo così la dinastia Joseon.[1] Questa dinastia ricevette il riconoscimento dalla Cina e la integrò nel suo sistema fiscale sotto il precetto noto come "Mandato del cielo", una filosofia con la quale giustificava la legittimità o l'illegittimità di un governo.[2]

Sia il Joseon coreano che la dinastia Ming della Cina condividevano molti aspetti: entrambi emersi durante il XIV secolo con la caduta del governo mongolo, entrambi stabilirono i principi del confucianesimo come ideale di società e governo, oltre a combattere contro simili minacce straniere (come i pirati Jurchen o i pirati wakō giapponesi)[3]. Internamente, sia la Cina che la Corea soffrivano di controversie tra le varie fazioni politiche. Questo fattore avrebbe una notevole influenza sulle decisioni prese dal governo coreano prima della guerra e su quelle prese dal governo cinese durante questa.[4][5] La reciproca dipendenza economica di entrambi i paesi, oltre ad avere nemici in comune, ha portato a un rapporto amichevole e prospero tra di loro.

Intanto, verso la fine del XVI secolo, Toyotomi Hideyoshi, seguendo le orme del suo ex signore, Oda Nobunaga, era riuscito momentaneamente a unificare il Giappone, il che significava un breve periodo di pace. Poiché Hideyoshi non aveva un'ascendenza reale né proveniva da nessuno dei clan giapponesi storici, non gli fu mai concesso il titolo di shōgun; in cambio, ricevette un titolo minore: kanpaku. Per questo cercò di legittimare il suo governo attraverso il potere militare e allo stesso tempo ridurre la dipendenza dall'imperatore del Giappone[6]. Alcune fonti affermano che Hideyoshi avesse pianificato l'invasione della Cina per adempiere alla missione di Nobunaga[7], nonché per ridurre il rischio di una possibile ribellione interna a causa dell'eccesso di guerrieri e soldati samurai nel Paese.[8] Un'altra delle possibili motivazioni di Hideyoshi era soggiogare gli stati minori vicini (ad esempio Ryūkyū, Luzon, Taiwan e Corea).[6]

Nel 1587, durante il regno di re Seonjo, Hideyoshi inviò Tachibana Yasuhiro in Corea con l'obiettivo di ristabilire le relazioni diplomatiche interrotte dal 1555 a causa di un grande attacco pirata giapponese,[9] sperando di indurre la corte Yi a unirsi al Giappone in una guerra contro la Cina.[10] Yasuhiro non ebbe tuttavia successo.[11] Intorno al 1589, una seconda ambasciata di Hideyoshi guidata da Sō Yoshitoshi (o Yoshitomo) arrivò in Corea ottenendo garanzie di ricevere in cambio dei ribelli coreani che si erano rifugiati in Giappone.[11][12] Nell'aprile 1590, gli ambasciatori coreani Hwang Yun-gil e Kim Saung-il, tra gli altri,[13] partirono per Kyoto, presentando a Hideyoshi una lettera del re Seonjo.[14] Nella lettera di risposta, Hideyoshi comunicò formalmente la sua intenzione che la Corea si sottomettesse al Giappone e lo sostenesse nella sua guerra contro la Cina.[15]

Al ritorno degli ambasciatori, la corte Yi tenne una serie di discussioni sull'invito giapponese.[16] Mentre Hwang Yun-gil fornì alla Corte i suoi calcoli sull'effettiva forza militare posseduta dal Giappone, Kim Saung-il assicurò che la minaccia di Hideyoshi non era reale. Inoltre, molti ritenevano che il Giappone non fosse abbastanza forte per iniziare una guerra. Sebbene il re Seonjo inizialmente sostenesse che i Ming dovessero essere informati delle intenzioni giapponesi, per evitare sospetti che potessero compromettere il Paese come alleato del Giappone, alla fine decisero di attendere il corso degli eventi.[17] In una terza missione diplomatica, gli inviati di re Seonjo rimproverarono a Hideyoshi di aver violato il sistema fiscale cinese. Hideyoshi rispose con una lettera forte e irrispettosa, che però fu ignorata in Corea perché non era stata consegnata di persona, secondo le loro usanze.[18] Di fronte al secondo rifiuto, Hideyoshi nel 1592 decise di armare le sue truppe per combattere contro la Corea. Quest'ultimo paese, da parte sua, riteneva che il tentativo di invasione di Hideyoshi non sarebbe stato più grave degli attacchi dei pirati che aveva subito in precedenza.[19]

La controffensiva di Yi Sun-sinModifica

 
Truppe cinesi durante l'assedio di Pyongyang nel 1593.

La flotta da guerra coreana, creata sotto il Goryeo, era stata sempre modernizzata, e dotata di armi da fuoco pesanti e leggere, razzi, moschetti a più frecce, granate che utilizzavano polvere di alta qualità, permettendo di bombardare e affondare le navi nemiche, invece di speronarle o abbordarle. Era anche dotata di un nuovo tipo di nave da guerra pesante, la panokseon; tuttavia era in inferiorità numerica rispetto a quella giapponese, tra le cui navi da combattimento figurava il tipo atake, dotato di molti moschetti di origine portoghese (teppo), ma che erano pericolosi solo nel combattimento ravvicinato. I giapponesi avevano anche alcune unità molto grandi come il Nihonmaru.

Consapevole di questa inferiorità, l'ammiraglio Yi Sun-sin, nei mesi precedenti l'invasione giapponese, aveva fatto tutto il possibile per rafforzare la flotta, riabilitare le fortificazioni del lungomare, in particolare quelle degli arsenali, migliorare le prestazioni, e sviluppare la corazzata Kobukson (nave testuggine). L'ammiraglio iniziò attaccando piccole flottiglie giapponesi e affondò più di settanta navi nel solo mese di giugno. Schiacciò parte della flotta giapponese in un'imboscata da parte delle sue navi testuggine nelle isole Sach'on. Nella battaglia di Dangpo, affondò l'atake dell'ammiraglio Kurushima Michiyuki, che fu salvato e decapitato. Durante la battaglia di Hansan, Yi Sun-sin affondò 130 navi giapponesi nella baia di Pusan.

A luglio del 1592, l'imperatore cinese portò il suo aiuto al re coreano con una piccola truppa di cinquemila uomini. Sebbene insufficiente per respingere l'invasione, il suo generale approfittò del successo di Yi Sun-sin, che tagliò le forniture giapponesi, per negoziare la spartizione della Corea, tra un nord sotto la sovranità cinese e un sud in mano giapponese, ma l'offerta fu rifiutata.

Per paura che si ripetessero le invasioni wōkòu degli anni Cinquanta, la Cina chiuse i porti e mantenne tutti i possibili approdi. Nel gennaio 1593 inviò una forza maggiore, guidata da Li Rusong e Song Yingchang, che, con i loro centomila uomini, attaccarono Pyongyang a febbraio insieme alle truppe coreane e respinsero i giapponesi fino a Seul. I negoziati ripresero e il Giappone conservò solo poche fortificazioni nel sud della penisola, intorno a Pusan.

La treguaModifica

La tregua durò quasi tre anni, consentendo ai soldati giapponesi di stabilirsi in Corea e sposarvi donne coreane. La Cina mantenne quasi 16.000 uomini in Corea. Gli scambi di ambasciate tra Cina e Giappone consentirono a Hideyoshi di essere riconosciuto come re del Giappone e di integrare il sistema del sinocentrismo. Nell'autunno del 1596, a Pusan rimase solo una debole guarnigione giapponese.

Hideyoshi credeva di aver vinto la guerra e si ritrovò in condizioni di pace con lo status di vassallo tributario della Cina. Chiese quindi un risarcimento: matrimonio con una figlia dell'imperatore Wanli, quattro province della Corea e un principe coreano tenuto in ostaggio. Il delegato giapponese Konishi Yukinaga e il delegato cinese Shen Weijing sapevano che le richieste di Hideyoshi non sarebbero state accettate, quindi manipolarono il trattato di pace per porre fine alla guerra il prima possibile, introducendovi una fantomatica resa da parte del Giappone, dicendo che Hideyoshi voleva solo lo status di vassallo tributario della Cina come re del Giappone.

Quando l'ambasciatore cinese visitò Hideyoshi per conferirgli il titolo di re del Giappone, questi si rese conto che il trattato di pace era stato manipolato contro la sua volontà e tutte le negoziazioni furono annullate. Per Hideyoshi non era possibile fermare la guerra dopo aver perso molti soldati e risorse in Corea, e lanciò quindi una nuova offensiva con il pretesto che un principe coreano non fosse arrivato in Giappone come ostaggio[20].

Intanto, durante le trattative tra Cina e Giappone, Yi Sun-sin cadde in disgrazia e viene retrocesso al rango di soldato semplice.

Seconda invasione giapponeseModifica

 
Movimento delle truppe durante la guerra.

Nel giugno 1597 i giapponesi sbarcarono di nuovo in Corea, con una flotta di duecento navi e più di centoquarantamila uomini. La Cina nominò Yan Hao come generale in capo, che riunì 38.000 uomini di diverse province dell'impero, supportati da una flotta di 21.000 uomini.

Sebbene i giapponesi incontrarono immediatamente una forte resistenza, arrivarono a Seoul nell'agosto del 1597, conquistarono Han-san e distrussero quasi completamente la flotta coreana; tuttavia, una manovra di terra sino-coreana ribaltò l'esercito giapponese durante l'inverno, costringendo i giapponesi a ritirarsi. Yi Sun-sin, imprigionato e licenziato dal suo incarico dopo aver rifiutato di attaccare la flotta giapponese a Chilchonryang, venne richiamato e vinse la battaglia di Myeongnyang il 16 settembre 1597 contro una flotta giapponese composta da trecentotrentatré navi.

Nonostante i pesanti combattimenti, i giapponesi mantennero la loro posizione nel sud della penisola. L'invasione non fu abbandonata fino alla morte di Hideyoshi il 18 settembre 1598. Il 19 novembre, Yi Sun-sin vinse una battaglia decisiva a Noryang, venendo ucciso, contro la flotta giapponese che stava evacuando le truppe di terra. L'ammiraglio Shimazu Yoshihiro riportò indietro solo cinquanta navi delle duecentocinquanta che aveva condotto in battaglia.

ConseguenzeModifica

Questo evento fu il primo in Asia in cui furono coinvolti eserciti con numerose truppe dotate di armi moderne.[21] Il grande fardello economico che la guerra impose alla Cina colpì gravemente la sua capacità militare, contribuendo alla caduta della dinastia Ming e all'ascesa della dinastia Qing[22], che ripristinò il sistema fiscale. Successivamente, questa stessa dinastia riuscì a ristabilire le relazioni commerciali tra il Giappone e la Corea.[23] Dopo la morte di Hideyoshi, suo figlio Hideyori divenne il leader del clan Toyotomi. Il conflitto con la Corea indebolì notevolmente il potere e il prestigio del clan nel giro di pochi mesi, facendo sì che il Giappone si dividesse nuovamente in due campi. Tokugawa Ieyasu, dopo aver vinto la battaglia di Sekigahara, prese il potere e nel 1603 fu nominato shogun.[24]

La Corea subì i maggiori danni tra i tre paesi coinvolti.[22] La terra coltivabile diminuì del 66% rispetto a quanto aveva prima del conflitto,[25] deteriorando gravemente la sua economia.[26] Il Paese subì anche la perdita di importanti archivi storici, manufatti scientifici e culturali (come la clessidra ad acqua Ja-gyuk-roo). L'emigrazione di artigiani, inoltre, segnò il declino del progresso della scienza.[27][28] Durante questo periodo, i palazzi principali Gyeongbokgung, Changdeokgung e Changgyeonggung furono bruciati, quindi fu temporaneamente utilizzato il palazzo Deoksugung.[25]

Il totale delle perdite civili e militari è stato stimato nel 19º secolo dallo storico Geo H. Jones in un milione di vite umane.[29] Inoltre, si stima che durante la guerra furono portati in Giappone tra i 50 000 e i 60 000 cittadini coreani,[27] e solo circa 7.500 tornarono nel loro paese attraverso negoziati diplomatici.[30] Un gran numero di prigionieri furono venduti a commercianti europei, principalmente portoghesi, che li rivendevano nell'Asia meridionale.[31]

Crudeltà e crimini contro la popolazione civileModifica

 
Mimizuka.

Secondo i resoconti di storici contemporanei, durante la guerra, le truppe giapponesi commisero gravi crimini contro la popolazione civile e uccisero anche animali da fattoria.[32] I giapponesi avevano l'antica tradizione di tagliare le teste dei rivali caduti, ma per ragioni logistiche questa pratica fu modificata nel tagliare solo il naso. Questi venivano ricoperti di sale e spediti in botti di legno, che sono state sepolte in un tumulo vicino al Grande Buddha di Hideyoshi e sono note come Mimizuka (耳塚?) o "Tumulo delle orecchie".[33]

Anche l'esercito cinese commise una serie di atrocità paragonabili a quelle dei giapponesi, attaccando l'esercito coreano e la popolazione civile.[34][35][36] Alla fine della guerra, la competizione tra i due eserciti in difesa sfociò in un massacro di civili a Namhae, su ordine del generale Chen Lin, che accusava gli abitanti del villaggio di collaborare con l'esercito nemico. Lo scopo di ciò era aumentare la quota di nemici uccisi.[36] Inoltre, vari banditi e rapinatori coreani approfittarono della situazione durante la guerra per saccheggiare e derubare i loro concittadini.[37]

NoteModifica

  1. ^ Jang, 1998:123-132.
  2. ^ Rockstein, 1993:7.
  3. ^ Turnbull, 2002:11.
  4. ^ Swope, 2002:771.
  5. ^ Turnbull, 2002:13.
  6. ^ a b Arano, 2005:206.
  7. ^ Hooker, Richard (1996, última actualización 1999). «Toyotomi Hideyoshi (1536–1598)», su wsu.edu. URL consultato il 27 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2008).
  8. ^ Coyner, Tom (11 de julio de 2006), «Why Are Koreans So Against Japanese?: A Brief History Lesson Helps Foreign Investors Do Business», su times.hankooki.com.
  9. ^ Caraway, Bill. «Ch 12 - Japanese invasions: More Worlds to Conquer», su koreanhistoryproject.org.
  10. ^ Jones, Geo H., Vol. 23 No. 5, pp. 240.
  11. ^ a b Jones, 1889:240-241.
  12. ^ Turnbull, 2002:34.
  13. ^ Jang, 1998:112.
  14. ^ Turnbull, 2002:36.
  15. ^ Jones, 1889:242.
  16. ^ Jones, 1889:242-243.
  17. ^ Turnbull, 2002:38.
  18. ^ Jones, 1889:243.
  19. ^ Swope, 2002:760-761.
  20. ^ Kim Moon-ja, « 豊臣秀吉의 冊封問題와 壬亂期의 講和交涉 : 정유재란의 원인을 중심으로 », Institute for Historical Studies at Chung-Ang University, 중앙사론, décembre 2012, p. 253-288 (ISSN 1229-3652).
  21. ^ Swope, 2005:13.
  22. ^ a b Strauss, 2005:21.
  23. ^ Swope, 2002:758-759.
  24. ^ Turnbull, 2002:233.
  25. ^ a b Early Joseon Period, su opm.go.kr.
  26. ^ Caraway, Bill. "Ch 12 - Japanese invasions: Song of the Great Peace", su koreanhistoryproject.org.
  27. ^ a b Turnbull, 2002:230.
  28. ^ Kim, 1998:55.
  29. ^ Jones, 1889:254.
  30. ^ Arano 2005:197.
  31. ^ Arano 2005:199.
  32. ^ Turnbull, 2002:50-51.
  33. ^ Turnbull, 2006:114.
  34. ^ Turnbull, 2002:231.
  35. ^ Turnbull, 2002:235.
  36. ^ a b Turnbull, 2002:236-237.
  37. ^ Turnbull, 2002:170.

BibliografiaModifica

  • Alagappa, Muthiah. "Asian Security Order: Instrumental and Normative Features", Stanford University Press, 2003. ISBN 0-8047-4629-X
  • Arano, Yasunori. "The Formation of a Japanocentric World Order." International Journal of Asian Studies 2:2 (2005).
  • Brown, Delmer M. "The Impact of Firearms on Japanese Warfare, 1543-1598", The Far Eastern Quarterly May 1948 (Volume 7, Number 3: pp. 236–253), Association for Asian Studies.
  • Eikenberry, Karl W. "The Imjin War." Military Review 68:2 (February 1988), pp. 74–82.
  • Ha, Tae-hung, tr., and Sohn Pow-key, ed. Nanjung Ilgi: War Diary of Admiral Yi Sun-sin. Seoul: Yonsei University Press, 1977, ISBN 89-7141-018-3.
  • Hawley, Samuel, The Imjin War, The Royal Asiatic Society, Korea Branch/UC Berkeley Press, 2005, ISBN 89-954424-2-5.
  • Jang, Pyun-soon. Noon-eu-ro Bo-nen Han-gook-yauk-sa 5: Gor-yeo Si-dae (눈으로 보는 한국역사 5: 고려시대), Park Doo-ui, Bae Keum-ram, Yi Sang-mi, Kim Ho-hyun, Kim Pyung-sook, et al., Joog-ang Gyo-yook-yaun-goo-won. 1998-10-30. Seoul, Korea.
  • Jones, Geo H. "The Japanese Invasion of Korea - 1592", The China Review, or notes & queries on the Far East, 1899 (Volume 23, Number 4-5: pp. 215–219, pp. 239–254), China Mail Office.
  • Kim, Ki-chung. "Resistance, Abduction, and Survival: The Documentary Literature of the Imjin War (1592–8)." Korean Culture 20:3 (Fall 1999), pp. 20–29.
  • Kim, Yung-sik. "Problems and Possibilities in the Study of the History of Korean Science". Osiris, 2nd Series, Vol. 13, Beyond Joseph Needham: Science, Technology, and Medicine in East and Southeast Asia. (1998), pp. 48–79. JSTOR
  • 桑田忠親 [Kuwata, Tadachika], ed., 舊參謀本部編纂, [Kyu Sanbo Honbu], 朝鮮の役 [Chousen no Eki] (日本の戰史 [Nihon no Senshi] Vol. 5), 1965.
  • Neves, Jaime Ramalhete. "The Portuguese in the Im-Jim War?" Review of Culture 18 (1994), pp. 20–24.
  • Niderost, Eric. “Turtleboat Destiny: The Imjin War and Yi Sun Shin.” Military Heritage 2:6 (June 2001), pp. 50–59, 89.
  • Niderost, Eric. "The Miracle at Myongnyang, 1597." Osprey Military Journal 4:1 (January 2002), pp. 44–50.
  • Park, Yune-hee. Admiral Yi Sun-shin and His Turtleboat Armada: A Comprehensive Account of the Resistance of Korea to the 16th Century Japanese Invasion. Seoul: Shinsaeng Press, 1973.
  • Rockstein, Edward D., Ph.D. Strategic And Operational Aspects of Japan's Invasions of Korea 1592-1598, 1993-6-18. Naval War College, Newport, R.I.
  • Sadler, A.L. "The Naval Campaign in the Korean War of Hideyoshi (1592–1598)." Transactions of the Asiatic Society of Japan, Second Series, 14 (June 1937), pp. 179–208.
  • Sansom, George. A History of Japan 1334-1615, Stanford University Press. (1961) ISBN 0-8047-0525-9
  • Sohn, Pow-key. "Early Korean Painting", Journal of American Oriental Society, Vol. 79, No. 2. (April - June, 1959), pp. 96–103. JSTOR.
  • Stramigioli, Giuliana. "Hideyoshi's Expansionist Policy on the Asiatic Mainland." Transactions of the Asiatic Society of Japan, Third Series, 3 (December 1954), pp. 74–116.
  • Strauss, Barry. "Korea's Legendary General", MHQ: The Quarterly Journal of Military History Summer 2005 (Volume 17, Number 4: pp. 52–61).
  • Swope, Kenneth M. "Beyond Turtleboats: Siege Accounts from Hideyoshi's Second Invasion of Korea, 1597-1598", Sungkyun Journal of East Asian Studies (Vol. 6, No. 2. 2006 Academy of East Asian Studies. pp. 177–206)
  • Swope, Kenneth M. "Crouching Tigers, Secret Weapons: Military Technology Employed During the Sino-Japanese-Korean War, 1592-1598", The Journal of Military History pp. 69 (January 2005): pp. 11–42. (C) Society for Military History.
  • Swope, Kenneth M. "Deceit, Disguise, and Dependence: China, Japan, and the Future of the Tributary System, 1592-1596". The International History Review, XXIV. 4: December 2002, pp. 757–1,008.
  • Turnbull, Stephen. Samurai Invasion: Japan's Korean War 1592–98. London: Cassell & Co, 2002, ISBN 0-304-35948-3.
  • Turnbull, Stephen. 'The Samurai Sourcebook'. London: Cassell & Co. 1998. ISBN 1-85409-523-4.
  • Villiers, John. "SILK AND SILVER: MACAU, MANILA AND TRADE IN THE CHINA SEAS IN THE SIXTEENTH CENTURY" (A lecture delivered to the Hong Kong Branch of the Royal Asiatic Society at the Hong Kong Club. 10 June 1980). The HKUL Digital Initiatives
  • Yi, Min-Woong [이민웅], Imjin Wae-ran Haejeonsa: The Naval Battles of the Imjin War [임진왜란 해전사], Chongoram Media [청어람미디어], 2004, ISBN 89-89722-49-7.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85073031 · GND (DE4730994-5 · J9U (ENHE987007546084905171 · NDL (ENJA00561027