Apri il menu principale

Investigazione

Una indagine (più formalmente investigazione) indica - in senso generale - una ricerca effettuata in determinati ambiti. Il termine viene utilizzato soprattutto nel diritto, per indicare e riferirsi all'attività della magistratura e della polizia giudiziaria nell'esercizio delle loro funzioni investigative nella prevenzione e repressione del crimine.

Indice

TipologiaModifica

Esistono due tipi di investigazione:

  • preventiva, condotta fuori dal processo penale per esigenze diverse da quelle connesse alla ricostruzione di un fatto che potrebbe risultare criminoso (ne è d'esempio l'elaborazione e analisi di notizie su una persona o su un fenomeno per accertarne la pericolosità in modo da 'anticipare' la commissione di reati), segnalando alla autorità giudiziaria le eventuali risultanze di fatti criminosi da perseguire di cui eventualmente si venga a conoscenza;
  • inquirente, solitamente condotta dalla polizia giudiziaria, all'interno di un'investigazione relativa ad un'istruttoria penale già formalizzata dalla magistratura, al fine di ricostruire il fatto criminoso andando alla ricerca della verità e delle prove che determineranno la colpevolezza dell'autore del reato nell'ambito di un processo penale.

AttivitàModifica

Le attività col progresso tecnologico sono solite avvalersi di metodi scientifici e tecnologici oltre che materiali per la raccolta delle informazioni utili. Per poter compiere un'accurata indagine, un investigatore si serve di numerosi atti che si suddividono in:

  • atti tipici, ossia tutti quegli atti dei quali l'investigatore deve tenere conto delle disposizioni legislative. Per esempio, in un processo penale, l'escussione dell'indagato deve essere trascritto in un verbale, oppure un'intercettazione. Ancora, se l'investigatore decidesse di compiere una perquisizione sia essa personale che domiciliare, dovrà stendere un verbale poiché vi è una disposizione legislativa che regola l'esecuzione di taluni atti.
  • atti atipici o a schema libero, messi in atto dall'investigatore, e sono tutti quegli atti dei quali non vi è una disposizione legislativa che ne regola l'esecuzione, come ad esempio un pedinamento.

Attività di indagine del difensoreModifica

Attività investigativa svolta da avvocati specialisti della materia per ricercare ed individuare elementi di prova a favore dei propri assistiti (imputato, persona offesa dal reato, parte civile, ecc.), di solito mediante la collaborazione di altri soggetti considerati ausiliari del difensore: sostituti, investigatori privati autorizzati e consulenti tecnici. La legge 7 dicembre 2000, n. 397, che stabilisce le forme e le finalità delle indagini difensive, rappresenta la fonte principale e innovatrice della materia, risolvendo il problema della frammentarietà e dell’assenza di organicità della normativa al riguardo e creando un parallelismo tra la pubblica accusa e la difesa.

BibliografiaModifica

  • Claudio De Lutio, Le investigazioni dell'avvocato: contributi e garanzie nell'esercizio del diritto di difesa, DLT, Napoli, 2015
  • Nicola Triggiani, Le investigazioni difensive, Giuffrè

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica