Io, Daniel Blake

film del 2016
Io, Daniel Blake
I, Daniel Blake.jpg
Dave Johns (Daniel Blake)
Titolo originaleI, Daniel Blake
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneRegno Unito, Francia, Belgio
Anno2016
Durata100 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaKen Loach
SoggettoKen Loach
SceneggiaturaPaul Laverty
ProduttoreEimhear McMahon
Produttore esecutivoGrégoire Sorlat
Casa di produzioneWild Bunch, The Criterion Collection
Distribuzione in italianoCinema
FotografiaRobbie Ryan
MontaggioJonathan Morris
Effetti specialiDavid Loveridge
MusicheGeorge Fenton
ScenografiaLinda Wilson
CostumiJo Slater
TruccoKim Brown
StoryboardDavid Gilchrist
Art directorTom Pleydell-Pearce
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Io, Daniel Blake (I, Daniel Blake) è un film del 2016 diretto da Ken Loach vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016.

TramaModifica

Il vedovo 59enne Daniel Blake ha lavorato come carpentiere a Newcastle upon Tyne, nel nord-est dell'Inghilterra, per la maggior parte della sua vita. Ora però, in seguito a una malattia, per la prima volta in vita sua, ha bisogno di un aiuto da parte dello Stato. Il destino di Daniel si incrocia con quello di Katie, madre single di due bambini, Daisy e Dylan, appena trasferiti a Newcastle da Londra, dove vivevano in una monocamera in un ostello per senza tetto.

Katie cerca un lavoro come addetta alle pulizie e aspira anche a riprendere gli studi; nel frattempo è costretta a mangiare pochissimo, non avendo a disposizione molto denaro. Daniel la aiuta con dei piccoli lavori nell'abitazione che le è stata assegnata; nel mentre è alle prese con la richiesta di disoccupazione, via internet, e con una chiamata per il ricorso dell'indennità per malattia.

Daniel si trova bloccato, senza alcuna fonte di reddito, fra il medico che gli vieta di tornare a lavorare, l'attesa di indennità per malattia in seguito all'infarto e la ricerca di un lavoro per avere il sussidio di disoccupazione.

Daniel aiuta la famiglia di Katie portandoli alla banca del cibo, dove però Katie ha un crollo e apre una scatola di fagioli, iniziando a mangiare, per poi scoppiare a piangere.

Daniel riceve una telefonata dove lo si informa che è stato dichiarato abile al lavoro, e che quindi non ha diritto al sussidio di disoccupazione. Deve però rinunciare a un lavoro per cui aveva lasciato il curriculum, visto il divieto del medico a lavorare.

Katie nel frattempo viene scoperta a rubare in un negozio di generi alimentari, ma il direttore la lascia andare. Una guardia però, la trattiene e le consegna il suo numero, dicendole di chiamarlo in caso di necessità.

Daniel racconta a cena alla famiglia di Katie di Molly, la sua moglie ormai defunta. Katie confida a Daniel dei suoi due ragazzi precedenti, padri dei suoi due figli.

Daniel nel frattempo si vede negato il sussidio ancora una volta e viene sanzionato per 4 settimane vista l'insufficienza dei suoi sforzi nel cercare lavoro.

è così costretto a vendere molti dei suoi mobili per tirare avanti. Katie, alla richiesta della figlia di un nuovo paio di scarpe, contatta Ivan, la guardia del negozio, il quale la mette in contatto con la tenutaria di un bordello.

Dan, venutolo a sapere, la va a cercare direttamente al bordello e cerca di tirarla fuori da lì, ma lei ammette di non avere al momento altro modo di dare da mangiare ai suoi figli.

All'ennesimo incontro al Jobcentre, Daniel decide di dare un ultimatum alla riconsiderazione, seppure questo lo privi di ogni reddito e sussistenza. Decide di farsi fissare una data per il ricorso, e scrive con la vernice spray sul muro del Job Center "Io, Daniel Blake, esigo una data per il mio ricorso prima di morire di fame". Così facendo si guadagna la simpatia dei passanti, ma un ammonimento dalla polizia.

Daniel si rinchiude in casa in attesa della data del processo di ricorso per l'indennità per malattia, ma Daisy lo va a trovare, forzandolo ad uscire.

Il giorno del processo, Dan, che sarà giudicato da un medico e un giudice, va in compagnia di Katie a parlare con l'avvocato, che gli espone la grande possibilità di vittoria. Poco prima dell'inizio del processo, Daniel va in bagno ma lì ha un malore al cuore e muore.

Al funerale, Katie legge un discorso scritto a matita da Dan stesso (che avrebbe voluto leggere al processo), in cui chiede solamente l'assistenza dovuta dallo stato a lui, cittadino che ha sempre pagato le tasse e che ha sempre lavorato, e in cui denuncia la labirintica burocrazia delle politiche per il Welfare nella moderna Gran Bretagna.

ProduzioneModifica

Il film è stato prodotto dalla Sixteen Films, Why Not Productions, e Wild Bunch, con la collaborazione della BBC e della BFI. Le scene sono state girate completamente nel Regno Unito, e più precisamente a Londra (Inghilterra), e a Newcastle upon Tyne (Tyne and Wear).

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito in Francia il 13 maggio 2016 al Festival di Cannes con il nome Moi, Daniel Blake, e il 26 ottobre nelle sale cinematografiche del paese dalla Le Pacte; in Italia il 21 ottobre, e nei Paesi Bassi il 24 novembre dalla Cinéart, come Én, Daniel Blake.

RiconoscimentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema