Apri il menu principale

Io e te per altri giorni/Lettera da Marienbad

singolo dei Pooh del 1973
Io e te per altri giorni
ArtistaPooh
Tipo albumSingolo
Pubblicazione5 giugno 1973
Durata4:49
GenerePop
EtichettaCBS
ProduttoreGiancarlo Lucariello
RegistrazioneMilano Recording
Pooh - cronologia

Io e te per altri giorni è un 45 giri dei Pooh incluso nell'album Parsifal. Fu la prima pubblicazione realizzata dopo la defezione di Riccardo Fogli[1] e sfiorò i vertici delle classifiche di vendita.[2]

Narra la vicenda di un uomo e di una donna che decidono di nascosto di lasciare i propri partner per iniziare una nuova vita in due. Il testo, di carattere energico, mette in evidenza la determinazione dei due, pronti ad affrontare la sanzione sociale che incombe su di loro. Il pezzo nasceva durante il dibattito sul divorzio, introdotto poco prima nella legislazione italiana, ma oggetto di viva contestazione.[3] La natura dinamica del testo si rispecchia in quella della musica dei Pooh, intervallata da alcuni potenti incisi scanditi dai fiati e dagli archi dell'orchestra di Gianfranco Monaldi.

Il retro del disco, Lettera da Marienbad, racconta la vicenda - di sapore chiaramente fiabesco - di una donna che per una ragione o per l'altra fugge dalla relazione di coppia e va a nascondersi in una località termale mitteleuropea, per poi farsi riaccompagnare a casa dal partner dopo diversi anni. Il luogo del suo rifugio viene descritto come una sorta di paese incantato, ma oppresso da ombra e solitudine. A differenza di Io e te per altri giorni, questo brano non venne incluso nell'LP Parsifal per ragioni di spazio (infatti, comparve solo nella versione Stereo 8 dell'album); la canzone fu nuovamente scartata in occasione dell'uscita dell'antologia I Pooh 1971-1974 e scomparve quindi dal mercato per essere poi ristampata solo una decina d'anni più tardi.

FormazioneModifica

AntologieModifica

NoteModifica

  1. ^ 45mania[collegamento interrotto]
  2. ^ Dario Salvatori, Storia dell'hit parade, Roma, Gremese, 1989.
  3. ^ repubblica
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica