Iperuricemia

malattia
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Iperuricemia
Uric acid.png
La molecola dell'acido urico
Specialitàendocrinologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM790.6
ICD-10E79.0
MeSHD033461 e D033461
eMedicine241767

L'iperuricemia è la presenza nel sangue di un'elevata concentrazione plasmatica di acido urico, superiore al limite massimo di uricemia considerato nella norma, equivalente a 6,2 mg/dL nel sesso femminile e a 7 mg/dL in quello maschile[1][2]. Nelle condizioni di pH del fluido corporeo, l'acido urico esiste in gran parte come urato, la forma ionica.[3]

La quantità di urato nel corpo dipende dall'equilibrio tra la quantità di purine consumate negli alimenti, la quantità di urato sintetizzata nel corpo (ad es. attraverso il ricambio cellulare) e la quantità di urato escreto nelle urine o attraverso il tratto gastrointestinale tratto.[4]

EziologiaModifica

Molti fattori contribuiscono all'iperuricemia, tra cui genetica, insulino-resistenza, sovraccarico di ferro, ipertensione, ipotiroidismo, malattie renali croniche, obesità, dieta, uso di diuretici (ad es. Tiazidi, diuretici dell'ansa) e consumo di bevande alcoliche in eccesso.[5] Di questi, il consumo di alcol è il più importante.[6]

Le cause dell'iperuricemia possono essere classificate in tre tipi funzionali:[7]

  • aumento della produzione di acido urico
  • diminuzione dell'escrezione di acido urico
  • tipo misto

Aumento della produzione di acido uricoModifica

Le cause dell'aumento della produzione includono alti livelli di purina nella dieta e aumento del metabolismo delle purine. Una dieta ricca di purine è una rara causa di iperuricemia. La dieta da sola in genere non è sufficiente per causare iperuricemia. Gli alimenti ricchi di purine, adenina e ipoxantina possono essere più potenti nell'esacerbazione dell'iperuricemia[8] Vari studi hanno scoperto che livelli più elevati di acido urico sono associati positivamente al consumo di carne e frutti di mare e inversamente associati al consumo di latticini.[9] Uno studio del 2011 basato sullo studio sulla salute di alcuni uomini di Shanghai ha riportato una significativa associazione con l'assunzione di proteine da fonti animali e nessuna associazione con l'assunzione di proteine da fonti vegetali.[9]

L'iperuricemia è una complicanza comune del trapianto di organi solidi.[10] La sindrome da lisi tumorale produce livelli estremi di acido urico, portando principalmente all'insufficienza renale. A volte l'accumulo di acido urico può essere una conseguenza della terapia anti-tumorale. Inoltre alcuni farmaci come la pirazinamide possono indurre tale disfunzione metabolica.[11]

L'accumulo può avvenire per un difetto congenito causato da deficit o variazioni dell'enzima ipoxantina-guanina fosforibosiltransferasi (HGPRT).

La sindrome di Lesch-Nyhan è anche associata a livelli estremamente alti di acido urico. È una malattia a carattere recessivo legato al cromosoma X . La forma acquisita, molto più comune, può decorrere in maniera asintomatica o manifestarsi come gotta.

Diminuzione dell'escrezione di acido uricoModifica

Le cause della riduzione dell'escrezione comprendono malattie renali, alcuni farmaci che competono per l'escrezione con acido urico.

I principali farmaci che contribuiscono all'iperuricemia mediante riduzione dell'escrezione sono gli antiuricosurici primari. Altri farmaci e agenti includono diuretici, salicilati, pirazinamide, etambutolo, acido nicotinico, ciclosporina e agenti citotossici.[12]

Il gene SLC2A9 codifica una proteina che aiuta a trasportare l'acido urico nel rene. È noto che diversi polimorfismi a singolo nucleotide di questo gene hanno una correlazione significativa con l'acido urico nel sangue.[13] L'iperuricemia che si associa all'osteogenesi imperfetta ha dimostrato di essere associata a una mutazione in GPATCH8 usando il sequenziamento dell'esoma.[14]

Una dieta chetogenica può compromettere la capacità del rene di espellere l'acido urico, a causa della concorrenza per il trasporto tra acido urico e chetoni.[15]

I livelli elevati di piombo nel sangue sono significativamente correlati sia alla compromessione della funzionalità renale che all'iperuricemia (sebbene la relazione causale tra queste correlazioni non sia nota). In uno studio su oltre 2500 persone residenti a Taiwan, un livello di piombo nel sangue superiore a 7,5 microg / dL aveva un rapporto di probabilità di 1,92 (IC 95%: 1,18-3,10) di causare disfunzione renale e 2,72 (IC 95%: 1,64 -4,52) di causare iperuricemia.[16][17]

Tipo mistoModifica

Le cause dell'iperuricemia di tipo misto agiscono sia aumentando la produzione che diminuendo l'escrezione di acido urico.

L'elevata assunzione di alcol (etanolo) è una causa significativa di iperuricemia. L'etanolo aumenta la produzione di acido urico aumentando la produzione di acido lattico, (acidosi lattica). L'etanolo aumenta anche le concentrazioni plasmatiche di ipoxantina e xantina attraverso l'accelerazione della degradazione dei nucleotidi di adenina ed è un possibile debole inibitore della xantina deidrogenasi. Come sottoprodotto del suo processo di fermentazione, la birra contribuisce inoltre alla formazione di purine. L'etanolo riduce l'escrezione di acido urico promuovendo la disidratazione e (raramente) la chetoacidosi clinica.[6]

Un elevato apporto dietetico di fruttosio contribuisce significativamente all'iperuricemia.[18][19][20] In un ampio studio condotto negli Stati Uniti, il consumo di quattro o più bevande analcoliche zuccherate al giorno ha fornito un rapporto di probabilità di 1,82 per l'iperuricemia.[21] L'aumento della produzione di acido urico è il risultato dell'interferenza, da parte di un prodotto del metabolismo del fruttosio, nel metabolismo delle purine. Questa interferenza ha una duplice azione, sia aumentando la conversione dell'ATP in inosina e quindi l'acido urico, sia aumentando la sintesi di purina.[19] Il fruttosio inibisce anche l'escrezione di acido urico, apparentemente competendo con acido urico per l'accesso alla proteina di trasporto SLC2A9.[22] L'effetto del fruttosio nella riduzione dell'escrezione di acido urico è aumentato nelle persone con predisposizione genetica all'iperuricemia e / o alla gotta.[19]

La fame induce il corpo a metabolizzare i propri tessuti (ricchi di purine) per produrre energia. Pertanto, come una dieta ad alto contenuto di purine, la fame aumenta la quantità di purina convertita in acido urico. Una dieta ipocalorica senza carboidrati può indurre iperuricemia estrema; includendo alcuni carboidrati (e riducendo le proteine) riduce il livello di iperuricemia.[23]La fame compromette anche la capacità del rene di espellere l'acido urico, a causa della concorrenza per il trasporto tra acido urico e chetoni

DiagnosiModifica

L'iperuricemia può essere rilevata mediante esami del sangue e delle urine.

TrattamentoModifica

È noto che la precipitazione dei cristalli di acido urico e, al contrario, la loro dissoluzione, dipendono dalla concentrazione di acido urico in soluzione, dal pH, dalla concentrazione di sodio e dalla temperatura. I trattamenti stabiliti rispondono a questi parametri.[24]

ConcentrazioneModifica

Seguendo il principio di Le Chatelier, abbassare la concentrazione ematica di acido urico può consentire a qualsiasi cristallo esistente di acido urico di dissolversi gradualmente nel sangue, da cui l'acido urico disciolto può essere escreto. Mantenere una concentrazione sanguigna più bassa di acido urico in modo simile dovrebbe ridurre la formazione di nuovi cristalli. Se la persona ha gotta cronica o tophi noto, potrebbero essersi accumulate grandi quantità di cristalli di acido urico nelle articolazioni e in altri tessuti e potrebbe essere necessario un uso aggressivo e / o di lunga durata di farmaci.

I farmaci più spesso usati per trattare l'iperuricemia sono di due tipi: inibitori della xantina ossidasi (allopurinolo) e uricosurici. Gli inibitori della xantina ossidasi riducono la produzione di acido urico, interferendo con la xantina ossidasi. Gli uricosurici aumentano l'escrezione di acido urico, riducendo il riassorbimento di acido urico dopo che i reni lo hanno filtrato dal sangue. Alcuni di questi farmaci sono usati come indicato, altri sono usati off-label. Diversi altri tipi di farmaci possono essere utilizzati nel trattamento dell'iperuricemia. Nelle persone in emodialisi, sevelamer può ridurre significativamente l'acido urico sierico,[25] apparentemente assorbendo urato nell'intestino. [26] Nelle donne, l'uso di pillole contraccettive orali combinate è significativamente associato con acido urico sierico inferiore.[26]

I trattamenti non farmacologici per l'iperuricemia comprendono una dieta a basso contenuto di purine e una varietà di integratori alimentari. Il trattamento con sali di litio è stato utilizzato poiché il litio migliora la solubilità dell'acido urico.

pHModifica

Le terapie che alterano il pH delle urine, per scoraggiare una possibile complicazione della terapia uricosurici, impedendo la formazione di calcoli renali di acido urico a causa di un aumento dell'acido urico nelle urine ( nefrolitiasi). I farmaci che hanno un effetto simile includono acetazolamide.

TemperaturaModifica

La bassa temperatura è un fattore scatenante della gotta acuta: un esempio potrebbe essere una giornata trascorsa in piedi in acqua fredda, seguita da un attacco di gotta la mattina successiva. Si ritiene che ciò sia dovuto alla precipitazione dei cristalli di acido urico,dipendente dalla temperatura, nei tessuti. Pertanto, uno degli obiettivi della prevenzione è mantenere calde mani e piedi e immergersi in acqua calda può essere terapeutico.

PrognosiModifica

I livelli aumentati di acido urico predispongono alla gotta e, se molto elevata, all'insufficienza renale. La sindrome metabolica si presenta spesso con iperuricemia. La prognosi è buona con il consumo regolare di allopurinolo.

Le persone con gotta, e di conseguenza l'iperuricemia, hanno significativamente meno probabilità di sviluppare il morbo di Parkinson, a meno che l'iperuricemia non richieda anche i diuretici.[27]

NoteModifica

  1. ^ Longo, Fauci, Kasper, Hauser, pp. A-4, 2005.
  2. ^ Ronco, Rodighiero, pp. 2, 2005.
  3. ^ Gout and Calcium Pyrophosphate Deposition Disease, su www.clevelandclinicmeded.com. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  4. ^ (EN) Hyon K. Choi, David B. Mount e Anthony M. Reginato, Pathogenesis of Gout, in Annals of Internal Medicine, vol. 143, n. 7, 4 ottobre 2005, pp. 499, DOI:10.7326/0003-4819-143-7-200510040-00009. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  5. ^ Sam Z Sun, Brent D Flickinger e Patricia S Williamson-Hughes, Lack of association between dietary fructose and hyperuricemia risk in adults, in Nutrition & Metabolism, vol. 7, 1º marzo 2010, pp. 16, DOI:10.1186/1743-7075-7-16. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  6. ^ a b Tetsuya Yamamoto, Yuji Moriwaki e Sumio Takahashi, Effect of ethanol on metabolism of purine bases (hypoxanthine, xanthine, and uric acid), in Clinica Chimica Acta, vol. 356, n. 1, 1º giugno 2005, pp. 35–57, DOI:10.1016/j.cccn.2005.01.024. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  7. ^ (EN) Yamamoto T, [Definition and Classification of Hyperuricemia], su Nihon rinsho. Japanese journal of clinical medicine, 2008-04. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  8. ^ D. Brulé, G. Sarwar e L. Savoie, Changes in serum and urinary uric acid levels in normal human subjects fed purine-rich foods containing different amounts of adenine and hypoxanthine., in Journal of the American College of Nutrition, vol. 11, n. 3, 1º giugno 1992, pp. 353–358, DOI:10.1080/07315724.1992.10718238. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  9. ^ a b Raquel Villegas, Yong-Bang Xiang e Tom Elasy, Purine-rich foods, protein intake, and the prevalence of hyperuricemia: The Shanghai Men’s Health Study, in Nutrition, Metabolism, and Cardiovascular Diseases, vol. 22, n. 5, 2012-5, pp. 409–416, DOI:10.1016/j.numecd.2010.07.012. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Lisa Stamp, Martin Searle e John O’Donnell, Gout in Solid Organ Transplantation, in Drugs, vol. 65, n. 18, 1º dicembre 2005, pp. 2593–2611, DOI:10.2165/00003495-200565180-00004. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  11. ^ Gupta S, Gupta V, Kapoor B, Kapoor V., Hyperuricemia and arthralgia during pyrazinamide treatment, in Nihon Kokyuki Gakkai Zasshi., vol. 37, febbraio 1999, pp. 115-118.
  12. ^ J. T. Scott, Drug-induced gout, in Baillière's Clinical Rheumatology, vol. 5, n. 1, 1º aprile 1991, pp. 39–60, DOI:10.1016/S0950-3579(05)80295-X. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  13. ^ Anita Brandstätter, Stefan Kiechl e Barbara Kollerits, Sex-Specific Association of the Putative Fructose Transporter SLC2A9 Variants With Uric Acid Levels Is Modified by BMI, in Diabetes Care, vol. 31, n. 8, 2008-8, pp. 1662–1667, DOI:10.2337/dc08-0349. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  14. ^ (EN) Hiroshi Kaneko, Hiroshi Kitoh e Tohru Matsuura, Hyperuricemia cosegregating with osteogenesis imperfecta is associated with a mutation in GPATCH8, in Human Genetics, vol. 130, n. 5, 1º novembre 2011, pp. 671–683, DOI:10.1007/s00439-011-1006-9. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  15. ^ (EN) Förster H, [Possibilities for Weight Reduction by Means of Diet], su Fortschritte der Medizin, 23 agosto 1979. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  16. ^ Li-Hsing Lai, Sze-Yuan Chou e Fang-Yang Wu, Renal dysfunction and hyperuricemia with low blood lead levels and ethnicity in community-based study, in Science of The Total Environment, vol. 401, n. 1, 15 agosto 2008, pp. 39–43, DOI:10.1016/j.scitotenv.2008.04.004. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  17. ^ (EN) Shadick Na, Kim R, Weiss S, Liang Mh, Sparrow D, Hu H, Effect of Low Level Lead Exposure on Hyperuricemia and Gout Among Middle Aged and Elderly Men: The Normative Aging Study, su The Journal of rheumatology, 2000-07. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  18. ^ Takahiko Nakagawa, Hanbo Hu e Sergey Zharikov, A causal role for uric acid in fructose-induced metabolic syndrome, in American Journal of Physiology-Renal Physiology, vol. 290, n. 3, 1º marzo 2006, pp. F625–F631, DOI:10.1152/ajprenal.00140.2005. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  19. ^ a b c (EN) P. A. Mayes, Intermediary metabolism of fructose, in The American Journal of Clinical Nutrition, vol. 58, n. 5, 1º novembre 1993, pp. 754S–765S, DOI:10.1093/ajcn/58.5.754S. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  20. ^ (EN) Abigale Miller e Khosrow Adeli, Dietary fructose and the metabolic syndrome, in Current Opinion in Gastroenterology, vol. 24, n. 2, 2008-03, pp. 204–209, DOI:10.1097/MOG.0b013e3282f3f4c4. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  21. ^ (EN) Jee Woong J. Choi, Earl S. Ford e Xiang Gao, Sugar-sweetened soft drinks, diet soft drinks, and serum uric acid level: The third national health and nutrition examination survey, in Arthritis Care & Research, vol. 59, n. 1, 2008, pp. 109–116, DOI:10.1002/art.23245. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  22. ^ (EN) Veronique Vitart, Igor Rudan e Caroline Hayward, SLC2A9 is a newly identified urate transporter influencing serum urate concentration, urate excretion and gout, in Nature Genetics, vol. 40, n. 4, 2008-04, pp. 437–442, DOI:10.1038/ng.106. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  23. ^ (EN) Howard An, The Historical Development, Efficacy and Safety of Very-Low-Calorie Diets, su International journal of obesity, 1981. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  24. ^ George Nuki e Peter A Simkin, A concise history of gout and hyperuricemia and their treatment, in Arthritis Research & Therapy, vol. 8, Suppl 1, 2006, pp. S1, DOI:10.1186/ar1906. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  25. ^ (EN) Jay P. Garg, Scott Chasan‐Taber e Andrew Blair, Effects of sevelamer and calcium-based phosphate binders on uric acid concentrations in patients undergoing hemodialysis: A randomized clinical trial, in Arthritis & Rheumatism, vol. 52, n. 1, 2005, pp. 290–295, DOI:10.1002/art.20781. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  26. ^ (EN) U. Gresser, B. Gathof e N. Zöllner, Uric acid levels in southern Germany in 1989, in Klinische Wochenschrift, vol. 68, n. 24, 1º dicembre 1990, pp. 1222–1228, DOI:10.1007/BF01796514. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  27. ^ (EN) Mary De Vera, M. Mushfiqur Rahman e James Rankin, Gout and the risk of parkinson's disease: A cohort study, in Arthritis Care & Research, vol. 59, n. 11, 2008, pp. 1549–1554, DOI:10.1002/art.24193. URL consultato il 19 dicembre 2019.

BibliografiaModifica

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Longo D.L. , Fauci A.S. , Kasper D.L. , Hauser S.L., Harrison - Principi di medicina interna, 16ª ed., Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-2999-4.
  • Ronco C., Rodeghiero F., Hyperuricemic Syndromes: Pathophysiology and Therapy, Karger Medical and Scientific Publishers, 2005, ISBN 3-8055-7857-1.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 37880 · GND (DE4131702-6 · NDL (ENJA01201095
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina